Sanremo 2018: Ecco chi saranno i 20 Campioni e le 8 Nuove Proposte del prossimo Sanremo – Aggiornato

i 20 Big di #Sanremo2018.jpg

Dopo voci, indiscrezioni, smentite, finalmente sono stati ufficializzati i nomi dei 20 Big (Campioni) del Festival di Sanremo 2018 durante il programma “Sarà Sanremo” su Rai1. Ci sono anche i nomi degli 8 Giovani.

Federico RussoClaudia Gerini e Rocco Tanica hanno rivelato i nomi dei Campioni che parteciperanno alla prossima edizione condotta da Claudio Baglioni. Gli artisti sono stati annunciati a gruppi di 5. 

Ecco la lista dei 20 Campioni dai quali uscirà il rappresentante italiano per l’Eurovision Song Contest 2018 (ovvero il vincitore del Festival della canzone italiana di Sanremo 2018 nella categoria Campioni, qualora volesse o in caso contrario uno degli altri 19 deciso dalla Rai).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Claudio Baglioni l’ha appena annunciata nel corso di “Sarà Sanremo”, la serata speciale dedicata all’annuncio dei cantanti in gara. Di seguito l’elenco dei Campioni appena svelati con i titoli delle canzoni (GUARDA L’ANNUNCIO DEI CAMPIONI): 

Ecco i primi 5 Big che sono stati annunciati verso le 21:39: Roby Facchinetti (Camillo Ferdinando Facchinetti) e Riccardo Fogli con ‘Il segreto del tempo’ – nel 1983 ha rappresentato l’Italia all’Eurovision Song Contest con il brano “Per Lucia”, classificandosi all’undecimo posto -, Nina Zilli (Maria Chiara Fraschetta) con ‘Senza appartenere’ – nel 2012 ha rappresentato l’Italia all’Eurovision Song Contest con il brano “L’amore è femmina (Out of Love)”, classificandosi al nono posto -, The Kolors (Antonio Stash Fiordispino, Alex Fiordispino e Daniele Mona) con ‘Frida’, Diodato (Antonio Diodato) e Roy Paci (Rosario ‘Roy’ Paci) con ‘Adesso’, Mario Biondi (Mario Ranno) con ‘Rivederti’: sono i primi cinque nomi dei Big in gara al prossimo Festival di Sanremo (6-10 febbraio), annunciati in diretta durante il programma “Sarà Sanremo”, condotto da Claudia Gerini e Federico Russo su Rai1, nel corso della serata di selezione finale della categoria Giovani. 

  1. Roby Facchinetti e Riccardo Fogli – “Il segreto del tempo” (The secret of time) (): Dopo la reunion dei Pooh per i cinquant’anni di carriera e il successivo scioglimento del gruppo, Roby Facchinetti e Riccardo Fogli hanno unito le loro forze per un album congiunto, “Insieme”, contenente canzoni inedite scritte con Valerio Negrini (fondatore e autore di tantissime canzoni dei Pooh, scomparso nel 2013), due testi di Stefano D’Orazio (il percussionista del gruppo) e alcuni classici dei Pooh rivisitati. Con “Il segreto del tempo” porteranno il loro progetto congiunto sul palco dell’Ariston. Sia Facchinetti che Fogli, tra l’altro, il Festival di Sanremo lo hanno vinto, in passato: Fogli nel 1974 con “Complici – non finalista, nel 1982 con  “Storie di tutti i giorni” – Vincitore e che le permette al cantante di esibirsi l’anno successivo all’Eurovision Song Contest con “Per Lucia”, 11º posto, nel 1985 con “Sulla buona strada” – 4 º posto, nel 1989 con “Non finisce così” – 4º posto, nel 1990 con “Ma quale amore” – Finalista, nel 1991 con “Io ti prego di ascoltare” – 9º posto, nel 1992 con “In una notte così” – 10º posto) e l’ultima nel 1996, 19º posto con “Romanzo”; Facchinetti nel 1990, insieme ai Pooh in abbinamento con Dee Dee Bridgewater, con “Uomini soli” e nel 1993 con “Vivrò“. Facchinetti ci sarebbe tornato in coppia con suo figlio Francesco, nel 2007, con  “Vivere normale”. In primavera partirà il loro tour congiunto.
  2. Nina Zilli – “Senza appartenere” (Without belonging) (Giordana Angi e Antonio Iammarino): La cantautrice piacentina torna in gara al Festival di Sanremo a distanza di tre anni dalla sua ultima partecipazione, quella del 2015 con “Sola” – 9° posto. Il suo ultimo album, “Modern art”, è uscito lo scorso settembre: prodotto da Michele Canova, il disco ha visto Nina Zilli collaborare con autori come – tra gli altri – Tommaso Paradiso dei Thegiornalisti e Calcutta. Nel 2018, dopo essere già stata tra i giudici di “Italia’s got talent”, il talent show di SkyUno, sarà impegnata di nuovo nelle vesti di giudici, ma di un altro talent: “The Voice”, in onda su Rai2. Ha al suo attivo altre due partecipazioni al Festival di Sanremo, rispettivamente nel 2010 nella categoria Nuova Generazione con il brano “L’uomo che amava le donne”, che conquistò il podio classificandosi al terzo posto e vinse il Premio della Critica “Mia Martini”, il Premio Sala Stampa Radio TV ed il Premio Assomusica e nel 2012 con il brano “Per sempre”. Nel 2012 ha rappresentato l’Italia all’Eurovision Song Contest con il brano “L’amore è femmina (Out of love)”, classificandosi al nono posto. 
  3. THE KOLORS – “Frida” (): Prima partecipazione al Festival di Sanremo per il trio guidato da Stash Fiordispino, già vincitore della quattordicesima edizione del talent show Amici di Maria De Filippi nel 2015. Nello stesso anno vincono diversi premi: il Premio CD Oro per Out ai Wind Music Awards e nel 2016 e agli MTV Italia Awards il riconoscimento di Best Performance. Sul palco dell’Ariston i Kolors presenteranno “Frida”: stando ad alcune indiscrezioni pubblicate dalla band sui social, il brano sarebbe ispirato alla pittrice messicana Frida Kahlo. I Kolors, che scrivono e cantano prevalentemente in lingua inglese, si cimenteranno così con un pezzo in lingua italiana. Hanno 3 album all’attivo: I want (pubblicato nel 2014), Out (2015) e l’ultimo, “You”, è uscito lo scorso maggio.
  4. Diodato e Roy Paci – “Adesso” (Now) (): Diodato nel 2014 si è classificato al secondo posto, tra le Nuove Proposte, con “Babilonia”. Ora torna in gara al Festival, ma tra i “Big”. Per l’occasione, il cantautore di origine pugliese condividerà il palco dell’Ariston con Roy Paci, suo amico, oltre che collega: tra le loro collaborazioni c’è anche una rivisitazione di “Arrivederci” di Umberto Bindi, contenuta all’interno dell’album “A ritrovar bellezza” di Diodato (Roy Paci ha prodotto, arrangiato e suonato il pezzo insieme ai suoi Velvet Brass). L’ultimo disco del cantautore, “Cosa siamo diventati”, è uscito all’inizio dell’anno per Carosello. Pochi giorni fa Diodato ha pubblicato una nuova canzone, non contenuta nel disco, “Cretino che sei”.
  5. Mario Biondi – “Rivederti” (Seeing you again) (): Nei suoi primi dieci anni di attività discografica, Mario Biondi ha partecipato al Festival di Sanremo solamente come ospite: nel 2007 ha duettato con Amalia Gré (quell’anno in gara con “Amami per sempre”), mentre nel 2009 ha duettato con Karima Ammar (in gara tra le “Nuove Proposte” con “Come ogni ora”). Quella del 2018 sarà dunque la sua prima partecipazione come cantante in gara e per l’occasione anche lui – che, come i Kolors, scrive e canta prevalentemente in inglese – si cimenterà con un brano in italiano.

Seconda tranche di 5 ‘Big’ che andranno in scena al Festival di Sanremo 2018, annunciati verso le 22:12: Luca Barbarossa con ‘Passame er sale’ – nel 1988 ha rappresentato l’Italia all’Eurovision Song Contest con il brano “Vivo (Ti scrivo)”, classificandosi al dodicesimo posto -, Lo Stato Sociale (Alberto Cazzola, Lodovico Guenzi, Alberto Guidetti, Enrico Roberto e Francesco Draicchio) con ‘Una vita in vacanza’, Annalisa (Annalisa Scarrone, Nali) con ‘Il mondo prima di te’, Giovanni Caccamo con ‘Eterno’, Enzo Avitabile (Vincenzo Avitabile) con Peppe Servillo con ‘Il coraggio di ogni giorno’ sono la seconda tranche di nomi dei 20 Big che si contenderanno il titolo della 68ma edizione. I nomi dei primi 10 Campioni di #Sanremo2018

  1. Luca Barbarossa – “Passame er sale” (Pass me the salt) (): Nel 1980 partecipa al Festival di Castrocaro. In quell’occasione Barbarossa presenta il brano “Sarà l’età”. Come vincitore di Castrocaro partecipa di diritto al Festival di Sanremo 1981 con “Roma spogliata”, riscuotendo un buon successo classificandosi a sorpresa al quarto posto e primo tra i giovani. Ritorna al Festival nel 1986 con “Via Margutta” 18°, nel 1987 con “Come dentro un film” 9° e nel 1988 con “L’amore rubato” 3°. Sempre nello stesso anno rappresenta l’Italia all’Eurovision Song Contest con “Ti scrivo (Vivo)”. Già vincitore nel 1992 con “Portami a ballare” il cantautore romano torna in gara al Festival di Sanremo sette anni dopo l’ultima partecipazione, quella in coppia con Raquel Del Rosario (ex cantante di El Sueño de Morfeo – ESDM,  band ha rappresentato la Spagna all’Eurovision Song Contest 2013 di Malmö con il brano “Contigo hasta el final” (With you until the end), classificatosi al penultimo posto della kermesse canora e che si è infine sciolta nello stesso anno) con “Fino in fondo” 8°. Nel 1996 torna al Festival di Sanremo presenta “Il ragazzo con la chitarra” 12° e nel 2003 partecipa a Sanremo con “Fortuna” 10. L’ultimo album di inediti di Barbarossa, “Via delle storie infinite”, risale al 2008: nel corso degli ultimi anni il cantautore – da qualche stagione impegnato a Radio2 come conduttore di “Radio2 Social Club” – ha pubblicato le raccolte “Viaggio di ritorno”, “Barbarossa Social Club” e “Radio DUEts Musica Libera”.
  2. Lo Stato Sociale – “Una vita in vacanza” (A life on holiday) (): Il 2017 è stato un anno importante per Lo Stato Sociale (Alberto “Albi” Cazzola, Francesco “Checco” Draicchio, Lodovico “Lodo” Guenzi, Alberto “Bebo” Guidetti ed Enrico “Carota” Roberto), tra album (“Amore, lavoro e altri miti da sfatare”) e tour (in primavera si sono esibiti anche su un palco importante come quello del Forum di Assago). La partecipazione al Festival di Sanremo rappresenta un pò la ciliegina sulla torta di questo anno importante, per Lo Stato Sociale – che già in passato aveva provato a partecipare al Festival. Il gruppo ha alle sue spalle due EP (“Welfare pop” del 2010 e “Amore ai tempi dell’Ikea” del 2011) e tre album (“Turisti della democrazia” del 2012, “L’Italia peggiore” del 2014 e quello di quest’anno) e partecipazioni a manifestazioni come il Concerto del Primo Maggio di Piazza San Giovanni a Roma.
  3. Annalisa – “Il mondo prima di te” (The world before you) (Petrella, Simonetta, ): Terza partecipazione al Festival in cinque anni per la cantautrice. Annalisa torna all’Ariston dopo il nono posto di “Scintille” nel 2013 (presentato anche, “Non so ballare”), il quarto posto di  “Una finestra tra le stelle” nel 2015 e l’undicesimo posto di “Il diluvio universale” nel 2016. “Il mondo prima di te”, la canzone che Annalisa presenterà in gara al Festival di Sanremo 2018, sarà contenuta all’interno del suo nuovo album, che è stato prodotto da Michele Canova e anticipato dal singolo “Direzione la vita”. Recentemente ha firmato insieme a Gianna Nannini e a Claudio Guidetti la musica di “L’ultimo latin lover”, una canzone contenuta all’interno dell’ultimo album della cantautrice senese.
  4. Giovanni Caccamo – “Eterno” (Eternal) (): Prima la vittoria tra le “Nuove Proposte” nel 2015 con “Ritornerò da te”, poi il terzo posto tra i “Big” nel 2016 con “Via da qui” (in coppia con Deborah Iurato), dunque la prima partecipazione come solista, sempre tra i “Big”. Sul palco dell’Ariston Giovanni Caccamo – attualmente impegnato nei panni di coach ad “Amici”, proprio come Annalisa – canterà “Eterno”, ideale anticipazione del suo nuovo album, il seguito di “Non siamo soli” del 2016.
  5. Enzo Avitabile e Peppe Servillo – “Il coraggio di ogni giorno” (The courage of every day) (): Per Enzo Avitabile si tratta della prima partecipazione al Festival della Canzone Italiana. Per Servillo, invece, si tratta di un ritorno a distanza di diciotto anni dalla vittoria, insieme agli Avion Travel, con “Sentimento”. Avitabile, che quest’anno, per la colonna sonora del film “Indivisibili” di Edoardo de Angelis si è aggiudicato due statuette ai David di Donatello, tra i premi cinematografici più importanti del nostro paese, ha pubblicato il suo ultimo album “Lotto infinito” nel 2016. Negli ultimi tempi, Servillo è stato impegnato dal vivo con una serie di concerti che lo ha visto condividere il palco con il clarinettista Javier Girotto e il pianista Natalio Mangalavite, insieme ai quali ha inciso anche l’album “Parentesi”.

Terza tranche di 5 ‘Big’, annunciati verso le 22:59: La terza tranche vede Ornella Vanoni con Bungaro (Antonio Calò) e Pacifico (Luigi (Gino) De Crescenzo) con ‘Imparare ad amarsi’, Renzo Rubino (Oronzo Rubino) con ‘Custodire’ e  Noemi (Veronica Scopelliti) con ‘Non smettere mai di cercarmi’, mentre la quarta tranche: Ermal Meta e Fabrizio Moro (Fabrizio Mobrici) con ‘Non mi avete fatto niente’, Le Vibrazioni (Francesco Sarcina, Stefano Verderi, Emanuele Gardossi e Alessandro Deidda) con ‘Così sbagliato’ e Ron (Rosalino Cellamare) con ‘Almeno pensami’. Gli altri tre campioni di #Sanremo2018 Gli altri 6 campioni di #Sanremo2018

  1. Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico – “Imparare ad amarsi” (Learning to love oneself) (): La cantante milanese, tra le interpreti più importanti della canzone italiana, torna in gara al Festival di Sanremo a distanza di quasi vent’anni dall’ultima volta (diciannove, per l’esattezza). Ornella Vanoni esordì in gara al Festival di Sanremo nel 1965, anno in cui presentò in gara “Abbracciami forte” (l’altro interprete del brano era Udo Jürgens, vincitore austriaco dell’Eurovision Song Contest 1966  con “Merci, Chérie” e partecipante ad altre due edizioni: nel 1964 con “Warum nur, warum?” – 6° e nel 1965 con “Sag ihr, ich lass sie grüßen” – 4°),  con il quale riuscì ad arrivare fino alla serata finale, tornò poi a Sanremo nel 1966 insieme a Orietta Berti con “Io ti darò di più”, sesto posto, nel 1967 assieme a Mario Guarnera con “La musica è finita” quarto posto, nel 1968 assieme a Marisa Sannia con “Casa Bianca” secondo posto, nel 1970 assieme a I Camaleonti con “Eternità”, quarto posto. Nel 1989, diciannove anni dopo la sua ultima partecipazione, la cantante si ripresentò in gara al Festival con “Io come farò” decimo posto e dieci anni dopo tornò all’Ariston con “Alberi” in coppia con Enzo Gragnaniello, quarto posto. Nel 1996 si è ritirata prima dell’inizio del  Festival con il brano “Bello Amore”. La sua ultima partecipazione, come ospite e non come artista, risale al 2009: Ornella Vanoni ha accompagnato in una serata Simona Molinari, in gara tra le “Nuove Proposte” con Egocentrica. Ora torna in gara e lo fa in coppia con Bungaro (Antonio Calò) che al Festival ci ha partecipato più volte, anche come autore (nel 1988 con il brano “Sarà forte” con il quale vince il Premio della Critica, nel 1991 con “E noi qui” assieme a Marco Conidi e Rosario Di Bella, nel 1998 vince nuovamente il Premio della Critica Mia Martini a Sanremo con il brano “Senza confini”, proposto da Eramo & Passavanti, nel 2003 con “Lividi e fiori”, interpretata da Patrizia Laquidara, nel 2011 scrive con Giusy Ferreri il brano “Il mare immenso”, l’inedito con cui la cantante partecipa al Festival di Sanremo  e e l’ultima partecipazione come artista in gara risale al 2004, con “Guardastelle” e con Pacifico (Luigi (Gino) De Crescenzo) anche lui in gara al Festival nel 2004 con “Solo un sogno”. Negli ultimi mesi Ornella Vanoni è stata impegnata con le lavorazioni del suo nuovo album: in una recente intervista a La Repubblica ha fatto sapere che il disco “avrà come filo rosso le canzoni che hanno fatto breccia dentro di me: quelle di Billie Holiday, una bambina infelice, la Winehouse”.
  2. Renzo Rubino – “Custodire” (Cherish) (): A distanza di cinque anni dal terzo posto e si aggiudica il Premio della Critica del Festival della canzone italiana “Mia Martini” tra le Nuove Proposte con “Il postino (Amami uomo)” e a cinque dal terzo posto tra i “Big” con “Per sempre e poi basta” e “Ora” (l’orchestra gli assegna il premio al Miglior arrangiamento),  il cantautore pugliese torna in gara al Festival di Sanremo con “Custodire”. Il suo ultimo album di inediti, “Il gelato dopo il mare”, è uscito lo scorso marzo. Nel novembre del 2017, Renzo Rubino ha firmato un contratto triennale di Management con iCompany.
  3. Noemi – “Non smettere mai di cercarmi” (Never stop looking for me) (): Discograficamente ferma a “Cuore d’artista” del 2016, la cantante romana è pronta a tornare sulle scene con il suo nuovo album di inediti, dal quale sono stati già estratti due singoli, “Autunno” (brano scritto da Tommaso Paradiso dei Thegiornalisti e Dario Faini) e “I miei rimedi” (scritto da Dario Faini, Roberto Casalino e Daniele Incicco dei La Rua). Il disco uscirà proprio in concomitanza con la sua partecipazione al Festival di Sanremo con “Non smettere mai di cercarmi”: Noemi torna all’Ariston a due anni di distanza dall’ottavo posto di “La borsa di una donna” – si tratta della sua quinta partecipazione in otto anni: ha partecipato rispettivamente nel 2010 con “Per tutta la vita”, vincitore di un Sanremo Hit Award, nel 2012 con “Sono solo parole” (classificatosi al terzo posto) e nel 2014 con “Un uomo è un albero” e “Bagnati dal sole” che le hanno fruttato un Telegatto di Sanremo Social.
  4. Ermal Meta e Fabrizio Moro – “Non mi avete fatto niente” (You never did anything to me) (): Entrambi in gara già nel 2006 nella sezione Giovani con il brano “Rido… forse mi sbaglio”, venendo tuttavia eliminato alla prima serata per Ermal con gli Ameba 4, nel 2010 con La Fame di Camilla in gara nella sezione Giovani il brano “Buio e luce”, nel 2013 al Festival di Sanremo, la cantante Annalisa ha presentato il “Non so ballare” scritto da Meta, nel 2015 ha firmato insieme a Gianni Pollex il brano “Straordinario” di Chiara presentato al Festival, nel 2016  ha preso parte a Sanremo Giovani 2015, venendo selezionato tra le Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2016 con il brano “Odio le favole”, nel  2017 nella sezione “Big” con “Vietato morire”, terzo posto, vincendo inoltre il Premio della Critica “Mia Martini”; Moro ha partecipato a cinque Festival di Sanremo come cantautore, con i brani “Un giorno senza fine” nel 2000, “Pensa” nel 2007, vincendo la gara nella sezione Giovani ed il relativo Premio della Critica del Festival della Canzone Italiana Mia Martini, “Eppure mi hai cambiato la vita”, conquistando il podio classificandosi al terzo posto, nel 2008, “Non è una canzone” nel 2010 e “Portami via” nel 2017 – 7º posto. Ha partecipato, inoltre, a due Festival di Sanremo in veste di autore, nel 2012 con “Sono solo parole” di Noemi e nel 2016 con “Finalmente piove” di Valerio Scanu. Ha al suo attivo una partecipazione al Festivalbar, nel 2007 e tre al Summer Festival, nel 2015, 2016 e 2017, oltre a tre Premi Lunezia, tre Premi Roma Videoclip, un Venice Music Awards ed un Wind Music Award, i due cantautori uniscono ora le loro forze e si ripresentano in gara in coppia con “Non mi avete fatto niente”: si tratterebbe di una canzone sul terrorismo. Dopo il lunghissimo tour che per tutta l’estate l’ha tenuto impegnato sui palchi, a novembre Ermal Meta ha pubblicato un’edizione deluxe del suo ultimo disco, “Vietato morire”, contenente alcune registrazioni dal vivo. Moro, che dopo il Festival di Sanremo 2017 ha pubblicato il nuovo album “Pace”, è attualmente impegnato con le lavorazioni del suo nuovo progetto discografico, che uscirà in primavera. Tra gli appuntamenti più importanti del 2018, nel calendario di Fabrizio Moro c’è anche il concerto che a giugno lo vedrà esibirsi allo Stadio Olimpico di Roma, la sua città.
  5. Le Vibrazioni – “Così sbagliato” (So wrong) (Simonetta, ): Alla fine del 2012 il gruppo (Stefano Verderi, Marco Castellani ed Alessandro Deidda) guidato da Francesco Sárcina aveva annunciato una pausa indeterminata. In questi cinque anni il frontman ha avviato una sua carriera solista, che lo ha portato anche sul palco dell’Ariston (Nel 2011 partecipa insieme a Giusy Ferreri al Festival di Sanremo duettando nel brano “Il mare immenso”, nel 2014 con “In questa città” e “Nel tuo sorriso”, piazzato al decimo posto della classifica finale), mentre Stefano Verderi è stato impegnato come chitarrista di un altro gruppo, i Santa Margaret. Adesso, la reunion: nel 2018 il nuovo album, anticipato da “Così sbagliato”, la canzone che Le Vibrazioni presenteranno al Festival di Sanremo, a distanza di tredici anni dalla loro prima ed unica partecipazione, quella del 2005 con “Ovunque andrò”.

Ultimi cinque nomi dei 20 ‘Big’, annunciati verso le 23:37: La quinta vede Max Gazzè (Massimiliano “Max” Gazzè) con ‘La leggenda di Cristalda e Pizzomunno’, Decibel (Silvio Capeccia, Fulvio Muzio, Mino Riboni ed Enrico Ruggeri – nel 1993 ha rappresentato l’Italia all’Eurovision Song Contest con il brano “Sole d’Europa”, classificandosi al dodicesimo posto -) con ‘Fuori dal tempo’. Ultima tranche: Red Canzian con ‘Ognuno ha il suo racconto’ e Elio e le storie tese con ‘Arrivedorci’, mentre l’ultima tranche: Red Canzian (Bruno Canzian) con ‘Ognuno ha il suo racconto’ e Elio e le storie tese (EelST, Elii: Stefano Belisari, Nicola Fasan, Davide Civaschi, Christian Meyer, Antonello Aguzzi e Sergio Conforti ‘Rocco Tanica’)  con ‘Arrivedorci’. Altri due campioni di #Sanremo2018 Gli ultimi due Campioni di #Sanremo2018

  1. RON – Rosalino Cellamare – “Almeno pensami” (At least think of me) (): Già in gara al Festival di Sanremo 1970 con “Pa’ diglielo a ma’” – 7° posto, al 1988 con “Il mondo avrà una grande anima” – 21° posto, al 1996 in coppia con Tosca, la vittoria con “Vorrei incontrarti fra cent’anni”, al 1998 con “Un porto nel vento” – 9° posto, al 2006 con “L’uomo delle stelle” – non finalista, al 2014 con “Sing in the rain” e “Un abbraccio unico” – 13 posto e al  2017 con “L’ottava meraviglia”, Ron torna all’Ariston: lo fa con “Almeno pensami”, una canzone inedita che sarebbe stata scritta da Lucio Dalla, che segna la sua settima partecipazione al Festival in quasi cinquant’anni di carriera. L’ultimo disco di inediti di Ron è “Un abbraccio unico”, uscito nel 2014, mentre nel 2016 è uscito il disco di duetti “La forza di dire sì” (ristampato quest’anno con la canzone sanremese).
  2. Max Gazzè – “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno” (The legend of Cristalda and Pizzomunno) (): Sul palco dell’Ariston il cantautore presenterà la canzone che farà da traino al suo nuovo disco, “Alchemaya”, evoluzione discografica dell’opera sintonica presentata nei teatri la scorsa primavera. Il disco contiene pezzi nati dalla collaborazione con suo fratello Francesco Gazzé. Per Max si tratta della quinta partecipazione al Festival di Sanremo, dopo quella del 1999 con  “Una musica può fare” – 8º posto sezione Nuove Proposte, quella del 2000 con “Il timido ubriaco” – 4º posto, quella del 2008 con “Il solito sesso” – 12º posto e quella del 2013 con “I tuoi maledettissimi impegni” e  “Sotto casa” – 7º posto.
  3. Decibel – “La lettera del Duca” (Outside of time) (): Enrico Ruggeri e i suoi presenteranno in gara sul palco dell’Ariston, quasi quarant’anni dopo “Contessa“, una canzone dedicata a David Bowie, il Duca Bianco. Vale la pena ricordare che Enrico Ruggeri ha partecipato al Festival come interprete nel 1980 con “Contessa” (con i Decibel) – finalista, nel 1984 con “Nuovo swing” – 19º posto, nel 1986 con “Rien ne va plus” – 17º posto e Vincitore del Premio della Critica, nel 1987 con “Si può dare di più” (con Umberto Tozzi e Gianni Morandi) – 1º posto, nel 1993 con “Mistero” – 1º posto e nello stesso anno partecipa all’Eurovision Song Contest con il brano “Sole d’Europa”, classificandosi al 12º posto, nel 1996 con “L’amore è un attimo” – 15º posto, nel 2002 con “Primavera a Sarajevo” – 5º posto, nel 2003 con “Nessuno tocchi Caino” (in coppia con Andrea Mirò) – 4º posto, nel 2010 con “La notte delle fate” – non finalista (nella serata dei duetti scelse di condividere il palco con gli altri due Decibel, Fulvio Muzio e Silvio Capeccia), nel 2016 con “Il primo amore non si scorda mai” – 4º posto. Ruggeri partecipò come autore al Festival 1984 nel brano “Sonnambulismo” scritta per i Canton – 4º posto categoria Nuove Proposte, al Festival 1985 nel brano “Volti nella noia” scritta per gli Champagne Molotov – non finalista categoria Nuove proposte, al Festival 1987 nel brano “Quello che le donne non dicono” scritta per Fiorella Mannoia – 8º posto categoria Big e Vincitore del Premio della Critica, al Festival 1997 nel brano “Padre nostro” scritta per gli O.R.O. – 4º posto categoria Big e al Festival 2000 nel brano “La canzone del perdono” scritta per Andrea Mirò – 4º posto  categoria Nuove Proposte. Quest’anno la band ha pubblicato un nuovo album, “Noblesse Oblige”, il primo in nove anni: il disco dovrebbe tornare nei negozi in versione repackaging a febbraio con la canzone sanremese.
  4. Red Canzian – “Ognuno ha il suo racconto” (Everyone has their story) (): L’ex Pooh ha recentemente firmato un contratto discografico con BMG Italia: a detta del bassista, il nuovo contratto è un modo per voltare pagina dopo un viaggio importante come quello appena concluso, ossia lo scioglimento dei Pooh. Canzian partecipò al Festivalbar del 1971 con i Capsicum Red e una delle loro canzoni, “Ocean”, venne scelta come sigla del programma “…E ti dirò chi sei”. Durante quella kermesse avvenne il primo incontro tra il cantante trevigiano e i Pooh, che in seguito gli proposero l’ingresso nel gruppo al posto di Fogli. Con la partecipazione al Festival di Sanremo potrebbe arrivare il suo nuovo album solista, ideale seguito di “L’istinto e le stelle” del 2014.
  5. Elio e le Storie Tese – “Arrivederci” (Goodbye) (): Si intitola “Arrivedorci” e non “Arrivederci”, la canzone che gli Elii portano in gara al Festival di Sanremo 2018. Se il concerto al Forum di Assago del prossimo 19 dicembre sarà davvero l’ultimo concerto del gruppo, Sanremo 2018 potrebbe rappresentare una sorta di chiusura del cerchio per la band, la cui storia è caratterizzata anche dalle sue irriverenti partecipazioni al Festival, quella del 1996 con “La terra dei cachi” – 2° posto e vincitori del premio della critica “Mia Martini”, quella del 2013 con i brani “Dannati forever” e “La canzone mononota” (Vincono, a pari merito con Malika Ayane, il Premio Lunezia per il migliore testo del Festival. Durante la serata Sanremo Story, si sono esibiti nel brano “Un bacio piccolissimo” con la partecipazione di Rocco Siffredi che ha recitato una poesia di Jacques Prévert, classificandosi secondi e vincendo il Premio della critica “Mia Martini”, quello per il “Miglior Arrangiamento”, attribuito dalla Sanremo Festival Orchestra e anche il “Premio della Sala Stampa Radio, Web e Tv”) e quella del 2016 con “Vincere l’odio” – 12º posto. 

Debutto per alcuni nomi importanti come Enzo Avitabile,gigante della world music che da trent’anni si esibisce con successo in tutto il mondo e che qui si presenta in coppia con Peppe Servillo, frontman di quella Piccola Orchestra Avion Travel che vinse a sorpresa Sanremo 2000 con “Sentimento”; Mario Biondi, crooner avvezzo ai palchi internazionali e all’inglese e Roy Paci, trombettista ska e pop che è già stato protagonista negli show di Baglioni e che qui è insieme a Diodato, musicista pugliese già terzo nelle Nuove Proposte a Sanremo 2014. Prima volta anche per Lo Stato Sociale, la band elettropop bolognese che ha avuto una grandissima escalation negli ultimi due anni e che fa debuttare a Sanremo l’etichetta indipendente Garrincha e per The Kolors, la band campana che si cimenterà per la prima volta con l’italiano.

Lunga la schiera di vincitori che tornano: Roby Facchinetti e Red Canzian (coi Pooh 1990), Riccardo Fogli (1982), Luca Barbarossa (1993), Giovanni Caccamo (Giovani 2015), Fabrizio Moro (Giovani 2007), Peppe Servillo (con la Piccola Orchestra Avion Travel 2000), Ron (1996 con Tosca). Quest’ultimo  pare abbia presentato un testo scritto da Lucio Dalla. Il colpo di coda è stato senz’altro la presenza di Red Canzian, che dunque sfiderà per la prima volta Facchinetti e anche quel Fogli con cui ha appena concluso il tour d’addio della band e poi Elio e le storie tese, che stanno effettuando in queste settimane il tour annunciato come l’addio e invece forse, anche vista la canzone, saluteranno all’Ariston.

Le Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2018 sono state svelate nel corso della serata Sarà Sanremo, in diretta su Rai1 venerdì 15 dicembre da Villa Ormond a Sanremo. 16 i cantanti in gara che si sono esibiti in 4 manche, per ogni manche 4 cantanti, in sfida l’uno contro l’altro per un posto al Festival della Canzone Italiana.

Al termine della serata sono stati comunicati i nomi degli 8 cantanti in gara nella sezione Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2018, 6 vincitori della gara di oggi a Sarà Sanremo, 2 scelti dalla Commissione Musicale guidata da Claudio Baglioni tra i vincitori di Area Sanremo.

Claudia Gerini e Federico Russo hanno ricordato gli emergenti ancora in gara e il meccanismo per la votazione. Anche il pubblico da casa è stato interpellato e ha potuto televotare i propri cantanti preferiti.

La Giuria Televisiva formata da Ambra AngioliniGabriele Salvatores,  Piero PelùIrene Grandi e Francesco Facchinetti, la Commissione Musicale di Sanremo 2018 che li ha finora selezionati e che resta composta dal conduttore e direttore artistico Claudio Baglioni e da Claudio Fasulo (vice direttore di Rai 1), Massimo Giuliano (discografico), Massimo Martelli (autore tv e regista cinematografico), Duccio Forzano (regista tv) e al produttore internazionale Geoff Westley (la stessa che ha selezionato i Big) e dal Televoto riservato al pubblico a casa a decretare i giovani artisti che saliranno sul palco dell’Ariston per Sanremo 2018, hanno avuto un peso percentuale – rispettivamente – del 30% (la Giuria Televisiva e la Commissione Musicale) e del 40% per il televoto. Nella postazione di Radio2 presenti Melissa Greta e Gianluca Gazzoli, che hanno dato “voce” ai vostri commenti sui social.

#SG Sanremo Giovani:

Il primo gruppo di esibizioni ha previsto le performance live dei seguenti 4 cantanti in gara: Nella prima manche passano il turno Lorenzo Baglioni con ‘Il congiuntivo’ e Nyvinne con ‘Spreco personale’. Dovranno vedersela gli artisti che passeranno le altre manches per guadagnare un posto al Festival. Eliminati Santiago con ‘Nessuno’ e Dave Monaco con ‘L’eternità è di chi sa volare”. L’esito della prima sfida

  1. Santiago  (Marco Muraglia) con il brano “Nessuno” (M. Muraglia – A. Bonomo – L. Chiaravalli – D. Simonetta) (Giuria in studio 1 voto) eliminato GUARDA L’ESIBIZIONE
  2. Lorenzo Baglioni con il brano “Il congiuntivo” (L. Baglioni – M. Baglioni – L. Piscopo) (Giuria in studio 4 voti) GUARDA L’ESIBIZIONE 
  3. Nyvinne (Mirella Nyvinne Pinternagel) con il brano “Spreco personale” (Mirella Nyvinne Pinternagel) (Giuria in studio 5 voti) GUARDA L’ESIBIZIONE
  4. Dave Monaco con il brano L’eternità è di chi sa volare” (L. Angelosanti – F. Morettini) – (Giuria in studio 0 voti) eliminato GUARDA L’ESIBIZIONE

Il secondo gruppo di esibizioni ha previsto le performance live dei seguenti 4 cantanti in gara: Nella seconda: Mirkoeilcane con ‘Stiamo tutti bene’ e Eva con ‘Cosa ti salverà’. Dovranno vedersela con i sei artisti che passeranno le altre manches per guadagnare un posto al Festival. Eliminati Luchi con ‘Gli amori della mente’ e Iosonoaria con ‘Uncerchio’. Il secondo verdetto

  1. Mirkoeilcane  (Mirko Mancini) con il brano “Stiamo tutti bene” (Mirkoeilcane) (Giuria in studio 3 voti) GUARDA L’ESIBIZIONE
  2. Luchi (Lucia Carmignani) con il brano “Gli amori della mente” (L. Carmignani – M. Baracchino) – (Giuria in studio 2 voti) eliminata GUARDA L’ESIBIZIONE
  3. Eva (Eva Pevarello) con il brano “Cosa ti salverà” (A. Di Martino, A. Filippelli) (Giuria in studio 5 voti) GUARDA L’ESIBIZIONE
  4. Iosonoaria (Ilaria Ceccarelli) con il brano “Un Cerchio” (I. Ceccarelli – G. Anastasi – F. Arnò) – (Giuria in studio 0 voti) eliminata GUARDA L’ESIBIZIONE

Il terzo gruppo di esibizioni ha previsto le performance live dei seguenti 4 cantanti in gara: Nella terza manche passano Giulia Casieri con ‘Come stai’ e Antonia Laganà con ‘Parli’. Eliminati Jose Nunes con ‘Parlami ancora’ e Davide Petrella con ‘Non può fare male”. Il risultato della terza sfida

  1. Giulia Casieri con il brano “Come stai” (G. Casieri – A. Ravasio) (Giuria in studio 5 voti) GUARDA L’ESIBIZIONE
  2. Davide Petrella con il brano “Non può fare male” (Davide Petrella) – (Giuria in studio 3 voti) eliminato GUARDA L’ESIBIZIONE
  3. Jose Nunes (Jose Kahack Nunes) con il brano “Parlami ancora” (Jose Nunes) – (Giuria in studio 0 voti) eliminato GUARDA L’ESIBIZIONE
  4. Antonia Laganà con il brano “Parli” (Fabio Barnaba) (Giuria in studio 2 voti) GUARDA L’ESIBIZIONE

Il quarto gruppo di esibizioni ha previsto le performance live dei seguenti 4 cantanti in gara: Ultima manche: passano Mudimbi con ‘Il mago’ e Ultimo con ‘Il ballo delle incertezze’. Eliminate Carol Beria con ‘Nessuna lacrima’ e Aprile e Mangiaracina con ‘Quell’attimo di eternità’. L’esito della quarta votazione

  1. Mudimbi (Michel Mudimbi) con il brano “Il mago” (M. Mudimbi – A. Bonomo – M. Zangirolami – A. Bavo – F. Vaccari – P. Miano) (Giuria in studio 5 voti) GUARDA L’ESIBIZIONE
  2. Carol Beria (Carolina Beria) con il brano “Nessuna lacrima” (V. Serafini – C. Beria – F. Serafini – G. Andreetto) – (Giuria in studio 0 voti) eliminata GUARDA L’ESIBIZIONE
  3. Ultimo (Niccolò Moriconi) con il brano “Il ballo delle incertezze” (Ultimo) (Giuria in studio 5 voti) GUARDA L’ESIBIZIONE
  4. Aprile & Mangiaracina (Silvia Aprile  e  Sade Farina Mangiaracina) con il brano “Quell’attimo di eternità” (S. Aprile – S. Mineo – F. Amorcida) – (Giuria in studio 0 voti) eliminata GUARDA L’ESIBIZIONE

Ecco gli 8 Finalisti di Sanremo Giovani: Poi due esclusioni, quelle di Antonia Laganà e clamorosamente, Nyvinne (dissenso dei giurati e del pubblico in sala, vivissimi complimenti al televoto…).

  1. Lorenzo Baglioni con il brano “Il congiuntivo” (L. Baglioni – M. Baglioni – L. Piscopo) GUARDA L’ESIBIZIONE 
  2. Nyvinne (Mirella Nyvinne Pinternagel) con il brano “Spreco personale” (Mirella Nyvinne Pinternagel)  GUARDA L’ESIBIZIONEeliminata
  3. Mirkoeilcane  (Mirko Mancini) con il brano “Stiamo tutti bene” (Mirkoeilcane) GUARDA L’ESIBIZIONE
  4. Eva (Eva Pevarello) con il brano “Cosa ti salverà” (A. Di Martino, A. Filippelli) GUARDA L’ESIBIZIONE
  5. Giulia Casieri con il brano “Come stai” (G. Casieri – A. Ravasio) GUARDA L’ESIBIZIONE
  6. Antonia Laganà con il brano “Parli” (Fabio Barnaba) GUARDA L’ESIBIZIONE eliminata
  7. Mudimbi (Michel Mudimbi) con il brano “Il mago” (M. Mudimbi – A. Bonomo – M. Zangirolami – A. Bavo – F. Vaccari – P. Miano) GUARDA L’ESIBIZIONE
  8. Ultimo (Niccolò Moriconi) con il brano “Il ballo delle incertezze” (Ultimo) GUARDA L’ESIBIZIONE

Area Sanremo – Edizione 2017: La serata è stata anche l’appuntamento per decretare i due esponenti degli 8 Vincitori da ‘Area Sanremo – edizione 2017’ per andare al Festival. La Commissione della Rai ha scelto i due che si aggiungono ai 6 vincitori di ‘Sarà Sanremo’ per giocarsi la vittoria nella categoria ‘Giovani’ al Festival di febbraio. Sono: Antonia Laganà e Nyvinne.

  1. Martina Attili – “Un incubo ogni giorno
  2. Alice Caioli – “Specchi rotti” (A. Caioli – P. Muscolino) – Finalista Nuove Proposte, 21 anni, è siciliana e vive ad Acquedolci, un paesino sul mare di 6.000 abitanti. Inizia a coltivare la sua passione per la musica a 12 anni e partecipa ad alcuni programmi televisivi. La sua passione per la musica l’ha aiutata nelle scelte della sua vita e le permette di esprimersi e raccontare le sue storie. Le piace l’idea di essere una tela bianca sulla quale ognuno possa vedere il quadro che desidera. La canzone che porterà sul palco al festival s’intitola “Specchi rotti”. “Consiglierei il percorso di Area Sanremo a chiunque. – Ha dichiarato Alice – E’ un concorso pulito ed un percorso molto valido. Gli 8 vincitori sono tutti dei grandi talenti ed io sono molto felice del risultato ottenuto e di essere stata scelta, insieme a Leonardo, per partecipare al Festival. Ieri sera ero molto emozionata, non me l’aspettavo, ed adesso cercherò di fare del mio meglio per poter rendere orgogliose tutte le persone che hanno creduto in me, dalla giuria di Area Sanremo, alla giuria Rai fino a coloro che mi hanno permesso di arrivare fino a qui”. GUARDA L’ESIBIZIONE 
  3. Diego Esposito – “Voglio stare con te
  4. Manuel Foresta – “Vivo davvero
  5. Andrea Maestrelli – “Non è vero
  6. Leonardo Monteiro – “Bianca” (M. Ciappelli – V. Tosetto) – Finalista Nuove Proposte, nato a Roma nel 1990, è figlio di due ballerini brasiliani e sin da piccolo viene travolto da una passione viscerale per la musica in tutte le sue forme. Studia danza alla Scala di Milano e si esibisce in numerosi teatri in Italia, Svizzera e Francia e lavora con diverse compagnie di danza contemporanea a New York. Canta da sempre e studia pianoforte dall’età di 7 anni. E’ stato solista nel Coro Monday Gospel e la canzone che porterà sul palco del Teatro Ariston s’intitola “Bianca”. “Sono molto felice di tutto quello che mi sta accadendo e devo ancora metabolizzare la cosa. – Dice Leonardo – Ci tengo a ringraziare lo staff e la commissione di Area Sanremo per tutto quello che hanno fatto per me in questo percorso e spero di poter dare il meglio sul palco dell’Ariston e di riuscire ad esprimere me stesso, attraverso la musica, nel miglior modo possibile.” GUARDA L’ESIBIZIONE 
  7. Giorgia Pino – “Cose così
  8. Daniele Ronda – “Un’altra bugia

1513386482884_giovaninews

Le Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2018: Mudimbi, Eva, Mirkoeilcane, Lorenzo Baglioni, Giulia Casieri e Ultimo. A loro si aggiungono i due artisti provenienti da Area Sanremo: Leonardo Monteiro (ha cantato il brano ‘Bianca’) e Alice Caioli (ha cantato il brano ‘Specchi rotti’). 

  1. Mudimbi (Michel Mudimbi) con il brano “Il mago” (The wizard) (M. Mudimbi – A. Bonomo – M. Zangirolami – A. Bavo – F. Vaccari – P. Miano)
  2. Eva (Eva Pevarello) con il brano “Cosa ti salverà” (What will save you?) (A. Di Martino, A. Filippelli)
  3. Mirkoeilcane  (Mirko Mancini) con il brano “Stiamo tutti bene” (We are all fine) (Mirkoeilcane)
  4. Lorenzo Baglioni con il brano “Il congiuntivo” (The subjunctive) (L. Baglioni, M. Baglioni)
  5. Giulia Casieri con il brano “Come stai” (How are you?) (G. Casieri, A. Ravasio)
  6. Ultimo (Niccolò Moriconi) con il brano “Il ballo delle incertezze” (The dance of uncertainties(Ultimo)Leonardo Monteiro con il brano “Bianca” (White) (), Area Sanremo – edizione 2017
  7. Alice Caioli con il brano “Specchi rotti” (Broken mirrors) (), Area Sanremo – edizione 2017

GUARDA LE ESIBIZIONIRIVEDI IL VIDEOPuntata

Aggiornamento: Oltre 2 milioni per Sarà Sanremo. Alla Rai prime time e 24 ore. Buon seguito ieri in prima serata su Rai1 per Sarà Sanremo, la serata evento condotta da Claudia Gerini con Federico Russo che ha svelato i nomi dei 20 big e le 8 nuove proposte che gareggeranno al 68esimo Festival di Sanremo. La trasmissione proposta in diretta da Villa Ormond è stata vista da 2 milioni 38 mila spettatori risultando in termini di share (11.36 %) la più seguita della fascia oraria. 

“#SaràSanremo è stato il programma più commentato sui social dell’intera giornata di ieri. L’hashtag del programma, entrato in trend topic prima dell’inizio della trasmissione si è posizionato da subito al primo posto dov’è rimasto oltre la fine del programma facendo registrare oltre 206mila interazioni”.

Inoltre, ecco nel dettaglio, voto per voto, giuria per giuria, l’andamento delle eliminatorie trasmesse ieri sera su Rai Uno attraverso le quali sono stati scelte le sei Nuove Proposte ammesse a partecipare al Festival di Sanremo (Clicca qui per accedere alle tabelle delle votazioni complete).

La più votata della serata mediante il televoto da casa è stata Antonia Laganà con un 57,57% ottenuto nella terza sessione di voto (rafforzato da un 60% dei voti della Commissione Musicale del Festival). La Laganà, che poi è stata eliminata insieme a Nyvinne nella sessione unica finale, inesplicabilmente in questa sessione non ha ricevuto nessun voto dalla stessa medesima Commissione, che invece ha premiato con il 60% dei voti Giulia Casieri. Ma a questo proposito è interessante notare come, applicando il “lodo Avion Travel”, la Commissione Musicale abbia nella sessione finale assegnato un altro 40% a Eva, non consegnando nessun voto agli altri sei finalisti – quindi nemmeno a Nyvinne, che pure nella sua sessione eliminatoria dalla Commissione Musicale aveva ricevuto un ottimo 60% (la più votata della sua sessione).

Il “lodo Avion Travel”; così chiamato dalla metodologia utilizzata dalla Giuria di Qualità del Festival di Sanremo del 2000 (consistente nel dare il voto massimo al concorrente preferito e zero a tutti gli altri), è stato sistematicamente applicato dalla Commissione Musicale, in tutte le votazioni di ieri sera; il che ci dice che i concorrenti che la Commissione Musicale desiderava far accedere al Festival erano Lorenzo Baglioni, Nyvinne, Mirkoeilcane, Eva, Antonia Laganà, Giulia Casieri, Ultimo e Mudimbi. Guarda caso, precisamente gli otto arrivati all’ultimo scontro.

Le votazioni della Giuria Televisiva sono già state rese note man mano che la trasmissione “Sarà Sanremo” procedeva, quindi inutile ritornarci sopra per quanto riguarda le eliminatorie. Osserviamo solo che gli otto preferiti da questa giuria, nelle fasi eliminatorie, sono stati Nyvinne, Eva, Giulia Casieri, Ultimo e Mudimbi (50% ciascuno), Lorenzo Baglioni (40%), Mirkoeilcane e Davide Petrella (30%), Luchi (20%) e Santiago (10%). Non c’è da stupirsi che la Giuria Televisiva abbia protestato per l’esclusione di Nyvinne. Infatti, i voti della Giuria Televisiva per la sessione unica finale sono stati così distribuiti: 16,67% a Ultimo, 16,66% a Nyvinne e Mudimbi, 13,33% a Giulia Casieri, Eva, Mirkoeilcane, 6,67% a Lorenzo Baglioni e 3,35% a Antonia Laganà.

Torniamo invece al televoto. I telespettatori nella prima sessione hanno dato il 44,89% a Lorenzo Baglioni, il 21,49% a Dave Monaco, il 19,16% a Santiago e (ultima classificata) il 14,46% a Nyvinne, che quindi è stata portata in finale dalla Commissione Musicale (con il 60%, come appena ricordato) e dalla Giuria Televisiva (che le ha dato il 50%).

Nella seconda sessione, Mirkoeilcane è stato il più votato sia dalla Commissione Musicale sia dal televoto (rispettivamente 60% e 44,32%); Eva, più votata dalla Giuria Televisiva (50%), era seconda per la Commissione Musicale e terza per il televoto (19,46%), che invece ha messo al secondo posto Luchi (26,92%). Iosonoaria è risultata ultima in tutte e tre le graduatorie.

Nella terza sessione, Antonia Laganà ha dominato il televoto con un clamoroso 57,57%, seguita da Davide Petrella (22,71%), da Giulia Casieri (10,80%) e da José Nunes (8,92%). Giulia Casieri è dunque andata in finale grazie alla Giuria Televisiva e alla Commissione Musicale.

Nella quarta sessione, Ultimo ha ottenuto il 47,16%, seguito da Mudimbi (23,80%), Aprile & Mangiaracina (20,50%) e Carol Beria (8,54%).

Complessivamente, per quanto riguarda le quattro eliminatorie, i due vincitori hanno prevalso abbastanza nettamente sul terzo e sul quarto classificato.

La sessione unica finale ha polarizzato le votazioni: Giulia Casieri, che nella media delle percentuali è risultata prima classificata, ha avuto un 60% dalla Commissione Musicale, un buon 13,33% dalla Giuria Televisiva, e un pessimo 3,06% dal televoto – nonostante ciò è stata ammessa, e per giunta al primo posto. Quasi analogo il discorso per Eva, seconda classificata assoluta, che ha avuto il 40% dalla Commissione Musicale e il 13,33% dalla Giuria Televisiva, e ha ricevuto uno scarsissimo 6,59% dal televoto (superiore solo al 3,06% di Giulia Casieri e al 5,91% di Nyvinne). Il terzo classificato, Ultimo, è stato portato al Festival sostanzialmente dal televoto (in cui come già detto ha ricevuto il 24,77% delle preferenze, risultando il più televotato). Lo stesso si può dire di Lorenzo Baglioni, secondo più televotato (20,24%), che altrimenti con il suo complessivo 6,67% delle altre due giurie non sarebbe arrivato al Festival.

Per chiudere, ricordiamo la graduatoria finale secondo la media dei tre diversi corpi votanti:

1 – Giulia Casieri, 23,22%
2 – Eva, 18,63%
3 – Ultimo, 14,91%
4 – Lorenzo Baglioni, 10,10%
5 – Mudimbi, 9,72%
6 – Mirkoeilcane, 8,77%
7 – Nyvinne, 7,36% (eliminata)
8 – Antonia Laganà, 7,29% (eliminata)