Sanremo 2019: Oggi la Conferenza stampa di presentazione della 69ᵃ edizione del Festival di Sanremo

logo-sanremo-2019

Oggi, mercoledì 9 gennaio, alle ore 12.30 presso il Teatro del Casinò di Sanremo verrà presentata in una Conferenza stampa la 69edizione del Festival della Canzone Italiana (Festival di Sanremo) affidato – come lo scorso anno – alla direzione artistica di Claudio Baglioni e che andrà in onda su Rai1, il 5, 6, 7, 8 e 9 febbraio 2019 dal Teatro Ariston. Le cinque serate sono trasmesse da Rai 1 (in alta definizione su Rai HD) e da Rai Radio 1 e Rai Radio 2. 

Come da tradizione, è il giorno della Conferenza stampa per ufficializzare i conduttori che affiancheranno il “dirottatore artistico” Claudio Baglioni, in streamingsul sito ufficiale del Festival di Sanremo. 

Nonostante non ci sia ancora l’ufficialità, che arriverà nella giornata di oggi. Da giorni giravano voci insistenti. Poi sabato 5 gennaio, il Tg2 delle 13 dà la conferma: ad affiancare Claudio Baglioni, anche quest’anno direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo, alla conduzione del Festival di Sanremo 2019 ci saranno l’attore Claudio Bisio e la comica Virginia Raffaele.

L’accordo con la coppia di comici è stato dunque raggiunto e la squadra sarà presentata ufficialmente oggi, nella conferenza stampa di presentazione che si terrà a Sanremo. Sia Claudio Bisio che Virginia Raffaele sono stati ospiti l’anno scorso del Festival di Sanremo.

La principale innovazione della gara prevede quest’anno una sola categoria e ventiquattro sfidanti tra cui Einar e Mahmood, i 2 artisti vincitori di “Sanremo Giovani”, le due prime serate proposte da Rai 1 il 20 e 21 dicembre durante le quali sono stati resi noti i 22 big in gara e i titoli dei loro brani. Ecco i cantanti e le rispettive canzoni in gara a Sanremo 2019 (in ordine alfabetico):

  • Arisa – “Mi sento bene” (I feel good)
  • Loredana Bertè – “Cosa ti aspetti da me” (What do you expect from me)
  • Boomdabash – “Per un milione” (For a million)
  • Federica Carta e Shade – “Senza farlo apposta” (Without doing it on purpose)
  • Simone Cristicchi – “Abbi cura di me” (Take care of me)
  • Nino D’Angelo e Livio Cori – “Un’altra luce” (Another light)
  • Einar – “Parole nuove” (New Words)  
  • Ex-Otago – “Solo una canzone” (Just a song)
  • Ghemon – “Rose viola” (Purple roses)
  • Il Volo – “Musica che resta” (Music that remains)
  • Irama – “La ragazza con il cuore di latta” (The girl with a heart of tin)
  • Achille Lauro – “Rolls Royce” (Rolls Royce)
  • Mahmood – “Soldi” (Money)
  • Motta – “Dov’è l’Italia” (Where is Italy)
  • Nek – “Mi farò trovare pronto” (I will make myself ready)
  • Enrico Nigiotti – “Nonno Hollywood” (Grandpa Hollywood)
  • Negrita – “I ragazzi stanno bene” (The kids are alright)
  • Patty Pravo e Briga – “Un pò come la vita” (A bit like life)
  • Francesco Renga – “Aspetto che torni” (I wait for you to come back)
  • Daniele Silvestri – “Argento vivo” (Shiny silver)
  • Anna Tatangelo – “Le nostre anime di notte” (Our souls at night)
  • The Zen Circus – “L’amore è una dittatura” (Love is a dictatorship)
  • Paola Turci – “L’ultimo ostacolo” (The last obstacle)
  • Ultimo – “I tuoi particolari” (Your particularities)

I Campioni in gara parteciperanno con 24 canzoni inedite e si esibiranno tutti nella prima serata (5 febbraio) del Festival. Nelle due successive (6 e 7 febbraio) i Campioni (in gruppi di 12 a serata) interpreteranno, di nuovo, i propri brani. Nella quarta serata (8 febbraio) i 24 artisti reinterpreteranno le proprie canzoni in gara, eventualmente in versione rivisitata o con diverso arrangiamento musicale, ognuno insieme ad un artista ospite. 

Nella serata finale (9 febbraio) Dopo aver riascoltato tutte e 24 le canzoni in gara, scopriremo il brano vincitore della 69ᵃ edizione del Festival della Canzone Italiana. 

Inoltre, chi arriverà primo al Festival avrà diritto di rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest 2019 del prossimo maggio a Tel Aviv, Israele. Se il vincitore dovesse rinunciare, la Rai procederà per vie proprie (eventualità che, in più di un caso legato agli artisti di quest’anno, non sembra poi così remota).