ESC 2019: Dichiarazione dell’EBU-UER sul risultato Finale delle giurie

EBU-UER

Tramite un comunicato apparso sul sito ufficiale dell’Eurovision Song Contest, l’EBU-UER ha reso nota la correzione di un errore nel conteggio del voto delle giurie.

L’EBU-UER ha rilasciato una dichiarazione rispetto alla squalifica della giuria bielorussa dell’Eurovision Song Contest 2019. È stato chiarito che è stato commesso un errore e che i risultati sono stati aggiornati. Alla luce degli aggiornamenti la Macedonia del Nord risulta essere la vincitrice per le giurie.

La giuria bielorussa dell’Eurovision Song Contest 2019 è stata messa alla porta in blocco perché tutti i membri avevano rivelato, in un programma tv, come avevano votato per la prima semifinale. Al loro posto, come previsto dal regolamento, è stato utilizzato un gruppo di Paesi con pattern di voto simili tra loro.

Tuttavia, ciò che si è visto in TV in Europa è apparso strano fin da subito a tantissimi: è stata votata tutta la seconda metà della classifica, con 12 punti assegnati a Israele, 10 all’Estonia, 8 alla Germania, 7 alla Norvegia, 6 alla Spagna, 5 al Regno Unito, 4 a San Marino, 3 alla Serbia, 2 all’Islanda e 1 all’Australia.

I voti corretti, invece, sono i seguenti: 12 punti a Malta, 10 alla Macedonia del Nord, 8 a Cipro, 7 all’Italia, 6 ai Paesi Bassi, 5 all’Azerbaigian, 4 alla Svizzera, 3 alla Grecia, 2 alla Svezia e 1 alla Russia. A notare l’incongruenza per primo è stato un utente Twitter portoghese, che ha messo insieme le votazioni delle giurie di Armenia, Azerbaigian, Georgia e Russia e ha calcolato con invidiabile precisione il risultato effettivo.

Di seguito il comunicato ufficiale dell’EBU-UER: “La giuria bielorussa è stata squalificata in seguito alla rivelazione dei voti della Prima Semi-Finale, fatto contrario alle regole dell’Eurovision Song Contest. Al fine di rispettare il regolamento di voto del Concorso, l’EBU-UER ha collaborato con il proprio partner Digame per creare un risultato aggregato sostitutivo (calcolato in base ai risultati di altri paesi con risultati di voto simili), che è stato approvato dal Supervisore al voto Ernst & Young, per determinare i voti della giuria bielorussa per la per il Grand Final.”

“L’EBU-UER è in grado di confermare, dopo aver effettuato delle revisioni standard, che a causa di un errore umano è stato usato un risultato aggregato non corretto. Questo non ha avuto alcun impatto sul calcolo dei punti derivato dal televoto attraverso i 41 Paesi partecipanti, e la canzone vincitrice e le prime 4 del Concorso rimangono invariate.

Nel rispetto degli artisti e dei membri dell’EBU-UER che hanno partecipato, è nostra volontà correggere i risultati finali in osservanza delle regole. Il corretto punteggio delle giurie è ora stato aggiunto alla classifica e i totali revisionati per tutte le tv partecipanti, e i loro Paesi, sono stati pubblicati su eurovision.tv.

L’EBU-UER e i suoi partner digame e Ernst&Young sono profondamente dispiaciuti che questo errore non sia stato scoperto prima e rivedrà i procedimenti e controlli in essere al fine di prevenire il ripetersi dell’evenienza.”

FB_IMG_1558589002109.jpg

Ecco di seguito la Classifica finale corretta:

  1. Paesi Bassi (498 punti) (+6 punti)
  2. Italia (472 punti) (+7 punti)
  3. Russia (370 punti) (+1 punto)
  4. Svizzera (364 punti) (+4 punti)
  5. Svezia (334 punti) (+2 punti, +1 posizione)
  6. Norvegia (331 punti) (-7 punti, -1 posizione)
  7. Macedonia del Nord (305 punti) (+10 punti, +1 posizione)
  8. Azerbaigian (302 punti) (+5 punti, -1 posizione)
  9. Australia (284 punti) (-1 punto)
  10. Islanda (232 punti) (-2 punti)
  11. Repubblica Ceca (157 punti)
  12. Danimarca (120 punti)
  13. Cipro (109 punti) (+8 punti, +2 posizioni)
  14. Malta (107 punti) (+12 punti, +2 posizioni)
  15. Slovenia (105 punti) (-2 posizioni)
  16. Francia (105 punti) (-2 posizioni)
  17. Albania (90 punti) (+1 posizione)
  18. Serbia (89 punti) (-3 punti, -1 posizione)
  19. San Marino (77 punti) (-4 punti, +1 posizione)
  20. Estonia (76 punti) (-10 punti, -1 posizione)
  21. Grecia (74 punti) (-3 punti)
  22. Spagna (54 punti) (-6 punti)
  23. Israele (35 punti) (-12 punti)
  24. Bielorussia (31 punti) (+1 posizione)
  25. Germania (24 punti) (-8 punti, -1 posizione)
  26. Regno Unito (11 punti) (-5 punti)

In questo modo la Svezia supera la Norvegia, la Macedonia del Nord sorpassa l’Azerbaigian, Cipro e Malta guadagnano due posizioni a scapito di Slovenia e Francia, l’Albania scavalca la Serbia, San Marino si piazza davanti all’Estonia e, infine, la Bielorussia scavalca la Germania. Questo significa, inoltre, che la Macedonia del Nord ha in effetti vinto la votazione delle giurie, se andiamo a vederne il nuovo risultato:

  1. Macedonia del Nord 247
  2. Svezia 241
  3. Paesi Bassi 237
  4. Italia 219
  5. Azerbaigian 202
  6. Australia 153
  7. Svizzera 152
  8. Repubblica Ceca 150
  9. Russia 124
  10. Malta 87
  11. Cipro 77
  12. Danimarca 69
  13. Francia 67
  14. Grecia 50
  15. Islanda 46
  16. Slovenia 46
  17. Albania 43
  18. Norvegia 40
  19. Serbia 35
  20. Estonia 28
  21. Germania 24
  22. Bielorussia 18
  23. San Marino 12
  24. Regno Unito 8
  25. Spagna 1
  26. Israele 0

Oltre al sorpasso della Macedonia del Nord, è a questo punto possibile notare come Israele sarebbe rimasto a zero, la Spagna a un punto e il Regno Unito a 8, con la seconda metà della graduatoria praticamente sconvolta rispetto a quanto tutta Europa ha avuto modo di vedere sabato scorso. Nessun effetto c’è sulle semifinali… com’è possibile che l’EBU non si sia accorto prima dell’errore visto che le giurie hanno votato nella serata di Venerdì? Non solo, la Bielorussia è totalmente esente da colpe. L’errore è stato all’interno degli uffici eurovisivi!

Tra l’altro sono stati scoperti anche altri piccoli errori da parte di alcuni giurati che non hanno capito come votare. La cosa ci sembra abbastanza grave visto che alcuni paesi non sono riusciti a passare in finale solamente per 1 punto o 2. Ci saranno altri cambiamenti? Sicuramente se sono capitati in semifinale a questo punto non si può far nulla ma sarebbe un vero peccato per chi è rimasto fuori dal gioco.

Inoltre, l’esibizione di Madonna all’Eurovision Song Contest, continua a far discutere. Polemiche sulla voce “corretta” e sulla bandiera palestinese, su YouTube ha ripulito le stonature della diretta. E una sua ballerina è stato fermata all’aeroporto per aver mostrato la bandiera palestinese durante lo show.

Come vi abbiamo raccontato, lo show si è chiuso con due ballerini abbracciati che avevano sulla schiena le bandiere di Israele e Palestina: un chiaro riferimento al conflitto in medio oriente, assieme alla scritta “Wake up”, comparsa durante la performance con Quavo di “Future”, canzone che sarà compresa in “Madame X”, i nuovo album in uscita il 14 giugno. 
Mona Berntsen, la ballerina che indossava la bandiera palestinese, è stata trattenuta e interrogata all’aeroporto di Tel Aviv dalla polizia. Ha scritto su Instagram: “Grazie Madonna per avermi reso parte alla tua dichiarazione e per avermi fatto portare la bandiera palestinese di fronte a centinaia di milioni di spettatori. Sfortunatamente, la repressione in Cisgiordania è reale. Le ore che hanno seguito lo spettacolo di ieri sono state intense, ma non avrei mai immaginato di sentirmi controllata in quel modo. Al check-in dell’aeroporto sono stata interrogata per più di un’ora e mezza: ho dovuto raccontare tutta la mia vita, i miei viaggi in paesi arabi, la mia religione, la mia famiglia, i miei programmi giornalieri dettagliati durante il mio soggiorno. Ho dovuto spiegare esattamente cosa ho fatto e dove sono andata l’ultima volta che sono stata a Gerusalemme tre anni fa. QUALUNQUE COSA! ”.

L’altra polemica, ripresa da diverse testate e persone sui social media, riguarda la prima parte dello show di Madonna, in cui ha eseguito il classico “Like a prayer” con parecchie difficoltà tecniche e vocali.

Nel video della performance postato il giorno dopo sul canale YouTube della popstar, la voce di Madonna è stata corretta e ripulita. Nel video della diretta si può invece ancora sentire la voce originale.

K’auotune, il software di correzione della voce, viene usato nornalmente non solo in studio ma anche dal vivo: infatti durante la performance di “Future” la voci di Madonna e Quavo erano filtrate per scelta artistica. Curioso quindi che Madonna non abbia scelto di usare il sofwtare anche nella prima parte – o più probabilmente non si sentiva in monitor. Così il suo staff ha scelto di usare il sofwtare a posteriori, esponendosi alle critiche in rete.

Potete confermare le due versioni performance qua sotto.