Sanremo 2020: Al via questo sabato su Rai1 Sanremo Giovani a ItaliaSì! – Aggiornato


sanremo_giovani_logo_blu.jpg

Partirà questo sabato, 16 novembre fino al 7 dicembre, dallo Studio TV3 di Roma Rai 1 alle 16.40 su Rai1 e RaiPlay,  Sanremo Giovani a ItaliaSì!, che vedrà i 20 semifinalisti di Sanremo Giovani provare a conquistare i 10 posti in palio per la finalissima di Sanremo Giovani, che andrà in onda su Rai1 in prima serata il prossimo 19 dicembre. 

Sanremo Giovani a ItaliaSì!, la prima di 4 puntate speciali che vedranno i 20 selezionati – 18 solisti e 2 gruppi – dal concorso Sanremo Giovani raccontarsi sul podio di “ItaliaSì!” e poi esibirsi per la prima volta in televisione. Di questi 20, solo 10 riusciranno ad accedere alla serata finale del 19 dicembre, per aggiudicarsi i 5 posti in palio, con l’obiettivo di arrivare sul palco dell’Ariston il prossimo febbraio. Nella finalissima verranno scelti gli 8 partecipanti delle “Nuove proposte” per il prossimo Festival di Sanremo 2020 in scena dal 4 all’8 febbraio prossimo, tra cui i cinque dalle selezioni di Sanremo Giovani 2019, due da Area Sanremo 2019 e, ovviamente, la vincitrice di Sanremo young 2019 Tecla Insolia. Come riportato nel calendario diffuso dalla Rai, la prima e la terza giornata di concorso consentiranno agli artisti di esibirsi e di presentarsi ai telespettatori, senza sottoporsi al giudizio delle commissioni; nella seconda e nella quarta, invece, i giurati decreteranno cinque artisti (dieci in totale) da portare alla fase successiva della gara, dopo le sfide singole.

La principale novità dell’edizione 2019 della gara di Rai1 consiste proprio nella sfida diretta tra i 20 artisti che hanno superato le audizioni dal vivo. Sono stati in tutto 842 coloro che si sono candidati quest’anno a Sanremo Giovani. Di questi sono andati avanti solo in 65 che si sono esibiti lo scorso 3 novembre nello storico Teatro delle Vittorie di Roma al cospetto della commissione di esperti guidata da Amadeus e formata da Claudio Fasulo, Gianmarco Mazzi, Massimo Martelli e Leonardo De Amicis.

10 dei semifinalisti si sfideranno questo sabato e il prossimo, 23 novembre, nel salotto di “Italia Sì”, la trasmissione del sabato pomeriggio di Rai1 condotta da Marco Liorni. Al suo fianco Manuel Bortuzzo, Rita Dalla Chiesa, Elena Santarelli.

Nella prima parte del programma, “Aspettando Sanremo Giovani”, si scherzerà e si ricorderanno in maniera molto originale i 70 anni di Festival, storie inedite e curiosità del Festival che da 70 anni appassiona gli italiani alla presenza dei diretti protagonisti.  In questa puntata Christian, i Cugini di Campagna, Povia e l’ironia surreale di Gianni Ippoliti, alla prese con la storia d’talia e la musica italiana.

Questa presentazione richiede JavaScript.

La Prima Semi-Finale avrà come concorrenti Federica Abbate, Ainé, Fadi, Fasma, Leo Gassmann, Nova, Samuel Pietrasanta, Raim, Marco Sentieri e Thomas. La Seconda Semi-Finale, invece, avrà come concorrenti Avincola, Devil A, Eugenio in Via Di Gioia, Giulia Mutti, Jefeo, Libero, Mike Baker, Nico Arezzo, i Réclame e Shari.

Il primo appuntamento, quello di questo sabato, 16 novembre a “ItaliaSì!” – la trasmissione del sabato pomeriggio di Rai1 condotta da Marco Liorni per ben quattro settimane, con l’esibizione dei primi 10 semifinalisti, non prevede votazioni. Un appuntamento, il primo, utile a far conoscere i 10 concorrenti (interpreti e canzoni) al pubblico. Sabato prossimo, 23 novembre, sempre a “ItaliaSì!”, gli stessi 10 concorrenti si sfideranno in cinque testa a testa (uno contro uno) nella Prima Semi-Finale e saranno votati da una Giuria Demoscopica e dalla Commissione Musicale del Festival di Sanremo 2020 (capitanata dal direttore artistico Amadeus e composta insieme a Gianmarco Mazzi, Claudio Fasulo, Massimo Martelli e Leonardo De Amicis). Alla conclusione del secondo appuntamento (Prima Semi-Finale) si conosceranno i primi 5 artisti vincitori ammessi alla finalissima del 19 dicembre.

Meccanismo analogo per la Seconda Semi-Finale che vedrà il secondo gruppo di 10 artisti scendere in campo il 30 novembre e poi sfidarsi il 7 dicembre per la conquista degli altri 5 posti in palio.

I 10 giovani artisti così selezionati potranno concorrere il 19 dicembre 2019 per aggiudicarsi i 5 posti in palio per la sezione Nuove proposte del Festival 2020.

A giudicare le esibizioni dei dieci concorrenti saranno una giuria televisiva composta da cinque ex conduttori del Festival, che fanno parte della storia di Sanremo (Pippo Baudo – tredici edizioni, Paolo Bonolis – due (2005 e 2009), Piero Chiambretti – due, di cui una, nel 2008, condivisa con Pippo Baudo (1997 con Mike Bongiorno, 2001 a fianco di Raffaella Carrà e 2008 con Pippo Baudo), Antonella Clerici – due (2005 a fianco di Bonolis, 2010) e Carlo Conti – tre (2015, 2016 e 2017)), la Commissione Musicale capitanata dal direttore artistico Amadeus e composta insieme a Gianmarco Mazzi, Claudio Fasulo, Massimo Martelli e Leonardo De Amicis, una della giuria demoscopica e il televoto del pubblico. 

Questa presentazione richiede JavaScript.

A loro si aggiungeranno i 2 artisti provenienti dalla selezione di Area Sanremo (scelto fra gli otto vincitoriJaqueline Branciforte con il brano Game over”, Gabriella Martinelli e Lula con “Il gigante d’acciaio”, Leo Alex con “A cuore fermo, Arianna Manca con “Andarsi bene”, Andrea Riso in arte “Messya” con “T.S.O.”, Camilla Migli con “Eterno rosso, Alessia Gerardi con “Atipica” e Matteo Faustini con “Nel bene e nel male) e, di diritto, la vincitrice di Sanremo Young Tecla Insolia.

Diversi dei ragazzi in gara prima di approdare a questa vittoria hanno provato, e in alcuni casi sono riusciti, a partecipare ad un Talent Show: Jaqueline ha tentato con X Factor e due volte ad Amici (13esima e 17esima edizione). Infine Matteo ha provato con X Factor 12 e Amici 18. Arianna Manca ha invece partecipato ad Amici 18, Gabriella Martinelli a The Voice 2013, Camilla Magli a X Factor 8 e Alessia Gerardi prima a Io canto 3 quindi a X Factor 12.

Si ricorda che le schede di valutazione dei 63 finalisti di Area Sanremo 2019 verranno pubblicate sul sito ufficiale dopo la selezione dei due artisti prescelti per il Festival.

In totale saranno quindi otto le canzoni che a febbraio, sul prestigioso palcoscenico del Teatro Ariston, si contenderanno il titolo di vincitore della categoria Nuove Proposte nella penultima giornata del Festival di Sanremo, venerdì 7 febbraio.

Questa presentazione richiede JavaScript.

I primi 10 semifinalisti in ordine alfabetico (protagonisti di “ItaliaSì!” sabato 16 e sabato 23 novembre). I videoclip dei 20 cantanti sono disponibili su www.sanremo.rai.it:

Questa presentazione richiede JavaScript.

Aggiornamento: È andata in onda dallo Studio TV3 di Roma Rai 1 oggi pomeriggio, dalle 17.30, la prima puntata speciale di ItaliaSì! di “Sanremo Giovani a ItaliaSì!“, trasmissione condotta da Marco Liorni che ospiterà le selezioni dei venti finalisti di Sanremo Giovani 2019. 

Nella prima parte della competizione canora che porterà alcune giovani leve della musica italiana a concorrere sul palco dell’Ariston, alla conquista del titolo di campione delle Nuove Proposte, ”aspettando Sanremo Giovani”, si è raccontato storie inedite e curiosità del Festival che da 70 anni appassiona gli italiani alla presenza dei diretti protagonisti.

Nella seconda parte, ”Sanremo Giovani a ItaliaSì!”, dopo i tradizionali interventi sul podio della trasmissione, tutti in tema sanremese, in pieno stile ItaliaSì!, i primi dieci artisti semifinalisti di Sanremo Giovani sono saliti sul podio e si sono raccontati, sfruttando il gettone di sessanta secondi per descriversi e parlare di amici e famiglia col conduttore, per poi presentare al pubblico e cantare dal vivo il proprio brano.

È stato lo stesso Amadeus, direttore artistico della competizione, ad aver pensato di affidare alla trasmissione di Marco Liorni il compito di far conoscere i giovani talenti ai telespettatori di Rai 1. A un anno di distanza dall’esperimento di ‘Ecco Sanremo Giovani’, figlio dell’esperimento di Pippo Baudo ‘Destinazione Sanremo’, la Rai ha quindi cambiato strategia, scegliendo di introdurre al piccolo schermo i cantanti (semi)sconosciuti attraverso un canale familiare, il sabato pomeriggio. Una vetrina a doppia finestra, giacché ogni gruppo di dieci talenti ha a disposizione due emissioni per farsi vedere e sentire. Presentazione e votazione della giuria a una settimana di distanza, con il consiglio di Amadeus per il pubblico di continuare ad ascoltare le canzoni anche nei giorni successivi attraverso RaiPlay. Nonostante la gara finale delle Nuove Proposte vada in onda a febbraio, il progetto di far entrare in confidenza i telespettatori coi volti e le voci dei partecipanti sin da novembre e in un contesto di emotainment potrebbe essere il primo mattone utile per costruire nuove solide carriere. 

Solo 10 riusciranno ad accedere alla serata finale del 19 dicembre, con l’obiettivo di arrivare sul palco dell’Ariston il prossimo febbraio. Nel corso di questo primo appuntamento i concorrenti si sono limitati a eseguire il brano portato in gara, senza sottoporsi a votazioni. I primi dieci concorrenti, con i relativi brani, sono stati:

  1. Fadi – “Due noi“. Thomas O. Fadimiluyi, in arte Fadi, 31 anni, italo-nigeriano della riviera romagnola ascolta fin da bambino le canzoni di Marley, Ray Charles, Fela Kuti, ma anche i grandi cantautori italiani. Due mondi che in lui trovano una sintesi perfetta.
  2. Raim – “Labirinto“. Raim, 28 anni di Mantova, decide appena dopo il diploma che sarà la musica il centro della sua vita: nel 2017 partecipa al Festival di Castrocaro e nel 2018 a “The Voice Of Italy” dove si guadagna un posto nel team di Al Bano. Nel novembre 2018 realizza il primo album di inediti, un progetto di respiro internazionale interamente cantato in inglese: da qui la decisione di abbandonare il suo nome completo per presentarsi, semplicemente, come Raim.
  3. Fasma – “Per sentirmi vivo“. Tiberio Fazioli, in arte Fasma, nasce il 17 dicembre 1996 a Roma. Nel 2016 fonda la crew WFK insieme al suo attuale produttore GG, Barak da Baby e il suo manager Tommy l’Aggiustatutto, dando vita ad una musica non classificabile in alcun genere. La musica è il pennello senza regole di Fasma, il microfono è la fotocamera con la quale cerca di rievocare momenti passati e significativi della propria vita. Il suo album d’esordio “Moriresti per vivere con me” è del 2018; il 29 aprile 2019 è uscito il suo primo videoclip “Ti prometto che un giorno partiremo”.
  4. Leo Gassmann – “Va bene così“. Leo Gassmann nasce a Roma il 22 novembre del 1998. Una famiglia di artisti, e un cognome impegnativo. Conclusi gli studi classici, decide di studiare canto. A 14 anni vince un concorso di interpreti organizzato da Marco Rinalduzzi, noto chitarrista e produttore nella scena nazionale. A 19 anni viene selezionato tra i concorrenti di Xfactor12, arrivando alla semifinale. Uscito dal programma, Leo pubblica due brani intitolati “Cosa sarà di noi?” e “Dimmi dove sei” dimostrando un attaccamento al cantautorato italiano mischiato a sonorità tipicamente aglo-americane.
  5. Federica Abbate – “I sogni prima di dormire“. Milanese, classe 1991, dotata del cosiddetto “orecchio assoluto”, Federica Abbate, dopo anni passati a scrivere con successo per altri artisti, ha inaugurato il percorso da cantautrice con l’EP “In foto vengo male”, album in cui disegna melodie irresistibili e scatta un’istantanea sul pop italiano mescolandolo con l’elettronica e le sonorità urban.
  6. Ainé – “Van gogh“. Arnaldo Santoro – classe 1991 – questo il nome che si nasconde dietro Ainé, dopo gli studi a Roma si trasferisce a Los Angeles per frequentare la Venice Voice Accademy. Nel luglio 2015 vince la prestigiosa borsa di studio della Berklee College of Music di Boston messa in palio ad Umbria jazz. A fine aprile 2016 esce il singolo “Dopo la pioggia”, con l’importante featuring di Sergio Cammariere. Nel 2016 esce il suo album di debutto “Generation One” a cui segue nell’autunno del 2017 la pubblicazione dell’EP “Uni-Verso”, che anticipa a sua volta l’uscita, a inizio 2019, dell’album “Niente di me”, il suo primo lavoro interamente in italiano. La combinazione di soul, r’n’b, hip hop e tradizione pop italiana, dà vita a un sound assolutamente unico.
  7. Nova – “Resta“. Davide Ferlito, in arte Nova, nasce a Catania il 26 febbraio 1995. Si interessa alla musica già da ragazzino. Nel 2017 pubblica il suo primo inedito “Capirai”. Scrive e pubblica altri brani che lo portano ad esibirsi su palchi siciliani, alla corte di grandi artisti come Capo Plaza, Izi, Sfera Ebbasta. Nel 2019 partecipa alla 13′ edizione di XFactor, dove riesce ad arrivare ai Bootcamp. 
  8. Samuel Pietrasanta – “E dove sarai tu“. Samuel Pietrasanta nasce a Catania il 16 febbraio 1992. Il simbolo della sua adolescenza: una chitarra e la musica di De André, Nek, Luna Pop. A 15 anni vince una borsa di studio per entrare nella scuola di Mogol. Ma è il 2016 il suo anno: si presenta a “The Voice of Italy” nella cui giuria c’è Raffaella Carrà. Notato il suo talento, la Carrà decide di co-produrre del suo primo album. 
  9. Marco Sentieri – “Billy Blu“. Marco Sentieri nasce a Napoli l’11 giugno 1985. All’età di 16 anni si trasferisce a Roma dove fonda la sua prima band “Il Quarto senso” che lascia dopo due anni per avventurarsi nella carriera da solista. Vanta aperture concerti a Clementino, Gemelli Diversi, Rocco Hunt, Moreno, Neri per Caso, Gianni Nazzaro, Tony Tammaro, Mario Trevi. A settembre 2015, Marco, alla ricerca di nuovi stimoli, lascia la band con la quale ha collaborato per circa 10 anni, e si catapulta in una nuova avventura. Un progetto da solista con brani inediti che vede coinvolto l’amico/collega Paolo, anche lui entusiasta della nuova avventura. In questo modo nasce la collaborazione con i “Pilla”, Nicola ed Alessandro, che insieme a Paolo formeranno i “Due Quarti”, i musicisti di Marco Sentieri. 
  10. Thomas – “Ne 80“. Thomas nasce il 13 aprile 2000 a San Giuseppe di Cassola (in provincia di Vicenza). A 8 anni già canta ed inizia a suonare il pianoforte e la chitarra (imparata da autodidatta) mentre nel tempo libero segue lezioni di Hip Hop. La sua prima esibizione arriva a 10 anni, quando – davanti al pubblico – propone un brano di Michael Jackson, da sempre un suo grande riferimento musicale. Nel settembre 2016 entra nella scuola di “Amici di Maria De Filippi”, arrivando nella fase conclusiva del programma.Il 13 ottobre 2017 esce l’album “Thomas”, progetto discografico che contiene brani scritti anche da Thomas, la cui produzione curata da Alex Trecarichi (Max Pezzali, Kolors) e in tre brani vede la collaborazione con i Mamakass, team di produttori e parte del gruppo Coma Cose.

Il prossimo sabato, 23 novembre, gli stessi artisti si confronteranno in sfide singole sottoponendosi al giudizio della giuria demoscopica e a quello della commissione musicale del Festival di Sanremo 2020, al termine della seconda serata, si conosceranno i nomi dei primi cinque semifinalisti che si affronteranno nel corso della finale programmata per il prossimo 19 dicembre.  Il 30 novembre e il 7 dicembre l’iter verrà replicato per gli altri dieci semifinalisti: i dieci artisti selezionati nel corso delle due sessioni (quella del 16 e 23 novembre e quella del 30 novembre e 7 dicembre) si affronteranno nel corso della finale programmata per il prossimo 19 dicembre, durante la quale verranno scelti i cinque vincitori ai quali sarà accordato l’accesso nella categoria Giovani al prossimo Festival della Canzone Italiana – e ai quali si aggiungeranno i due selezionati da Area Sanremo e alla vincitrice di Sanremo Young.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Inoltre, ci sono presentati due degli 8 vincitori del contest “Area Sanremo”: Alessia Gerardi e Jaqueline Branciforte. Solo due di questi otto artisti acederanno alla finale di Sanremo Giovani 2019, in onda su Rai1 il 19 dicembre, in prima serata.

Questa presentazione richiede JavaScript.

I secondi 10 semifinalisti in ordine alfabetico (protagonisti di “ItaliaSì!” sabato 30 novembre e sabato 7 dicembre). I videoclip dei 20 cantanti sono disponibili su www.sanremo.rai.it:

  • Avincola, 32 anni di Roma, canta Un Rider
  • Devil A, 21 anni di Napoli, canta Disordine
  • Eugenio In Via Di Gioia, (Eugenio Cesaro, 28 anni, Emanuele Via, 27, Paolo Di Gioia, 28, Lorenzo Federici, 32) di Torino, canta Tsunami
  • Giulia Mutti, 26 anni di Lucca, canta “Romanzo cattivo
  • Jefeo, 19 anni di Milano, canta “Un due tre stella
  • Libero, 29 anni di Liguria, canta “La Casa del vento
  • Mike Baker, 21 anni di Pisa, canta “Stupido
  • Nico Arezzo, 31 anni di Ragusa, canta “Volo
  • Rèclame, (Marco Fiore, 23 anni, Riccardo Roia, 20, Edoardo Roia, 22, Gabriele Roia, 27) di Roma, canta “Il Viaggio di ritorno
  • Shari, 17 anni di Gorizia, canta “Stella

“ItaliaSì!”, programma di Marco Liorni, scritto con Cristina Serra, Fiore De Rienzo, Lucia Leotta, Danila Lostumbo, Alessandra Palomba, Caterina Varvello, Lucia Zorzi e con Susanna Checconi, Tania Carminati. La scenografia è di Flaminia Suri e la regia di Salvatore Perfetto.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...