ESC 2020: Da domani sulla piattaforma Netflix, l’Eurovision Song Contest: The Story of Fire Saga

IMG_0395-1080x540

Da domani, venerdì 26 giugno, sulla piattaforma Netflix il primo film a tema eurovisivo: Eurovision Song Contest – La storia dei Fire Saga (Eurovision Song Contest: The Story of Fire Saga). Finalmente sta per giungere un momento atteso da anni, un film sull’Eurovision Song Contest diretto da un regista americano: David Dobkin. Lo statunitense, ha pensato di proporre il primo film della storia (una commedia musicale) che peró non raccontasse l’Eurovision Song Contest ma la trama racconta di due cantanti della provincia islandese, i “Fire Saga”, un pò ingenui e decisamente poco considerati dai connazionali, che, dalla sperduta provincia, tenta di approdare al concorso musicale più grande al mondo e si ritrovano a rappresentare la propria nazione durante l’Eurovision Song Contest: una sfida tutt’altro che semplice, perché la sfortuna sembra perseguitarli, i problemi personali si fanno sentire e un subdolo rivale tenta di sabotarli. Riusciranno i nostri eroi a superare le loro paure e a partecipare degnamente alla competizione canora? Questa, in sostanza, la mera trama del film “Eurovision: la storia dei Fire Saga” (Eurovision Song Contest: The Story of Fire Saga), che invero propone una storia dai grandi valori.

Trattasi di una produzione esclusiva Netflix e vedrà la prima visione assoluta sulla nota piattaforma on-demand domani 26 giugno. Gli abbonati di Netflix possono vederlo a partire da domani 26 giugno, giorno dell’inserimento nel catalogo dei contenuti in streaming. L’uscita era prevista lo scorso maggio in concomitanza dell’edizione 2020 dell’Eurovision Song Contest ma poi le conseguenze della pandemia di COVID-19 del 2019-2020 (Coronavirus) e l’annullamento del concorso hanno modificato anche i propositi della produzione che, pertanto, ne ha posticipato la visione. Possiamo quindi includere questo film tra le tante preziose pillole di un 2020 decisamente storico, che ricorderemo per il motto “Europe: Shine A Light”.

Nel maggio 2018 Will Ferrell (Lars Erickssong) si è recato a Lisbona, in Portogallo, per osservare la finale dell’Eurovision Song Contest 2018 e trovare eventuali scenari e/o personaggi per il film, parlando inoltre dietro le quinte con i partecipanti alla manifestazione.  L’attore comico Will Ferrell, che si è documentato a lungo, presenziando anche alle edizioni 2018 e 2019 della kermesse, e che oltre a ritagliarsi il ruolo protagonista ha scritto la sceneggiatura del film insieme ad Andrew Steele, che ha in curriculum alcune serie TV comedy, ad esempio ‘The Spoils of Babylon’, e soprattutto è stato uno dei principali scrittori del ‘Saturday Night Live’, show comico nel quale recitava anche Will Ferrell.

Il 18 giugno 2018 è stato annunciato che Ferrell avrebbe prodotto un film ispirato all’Eurovision Song Contest. Nel marzo 2019 David Dobkin (autore fra le altre cose delle commedie ‘Due single a nozze’, ‘Fred Claus’ e ‘Cambio vita’) si è offerto come regista e nei mesi successivi si sono aggiunti al cast: Rachel McAdams (Sigrit Ericksdottir), Pierce Brosnan (Erick Erickssong), Dan Stevens (Alexander Lemtov), Demi Lovato (Katiana), Ólafur Darri Ólafsson (Neils Brongus), Björn Hlynur Haraldsson, Nína Dögg Filippusdóttir e Jóhannes Haukur Jóhannesson. Le riprese sono state effettuate in Regno Unito e Islanda, nei pressi di Húsavík.

Un cast di tutto rispetto impegnerà fan e curiosi che attendono questo film, della lunghezza di ben 2 ore e 22 minuti, con impazienza. Si narra la storia di Lars Erickssong e Sigrit Ericksdottir, interpretati rispettivamente da Will Ferrell e Rachel McAdams. I due, affascinati dall’Eurovision sin da bambini, divengono adulti e decidono di fondare un gruppo musicale dal nome “Fire Saga”, quindi tentare la strada proprio verso quell’Eurovision Song Contest così tanto amato e sognato. Riusciranno nell’impresa? Come verrà rappresentato il tutto e, in particolare, che immagine verrà proposta dell’Eurovision Song Contest?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il trailer, rilasciato alcuni giorni fa anche in italiano, mostra una commedia ed un approccio alla manifestazione molto distensivo, nella quale vengono rappresentate le tipiche performance musicali eurovisive che, peraltro, richiamano a spettacoli realmente vissuti, quali “Hard Rock Hallelujah” dei Lordi (Finlandia 2006) oppure “Tick Tock” di Mariya Yaremchuk (Ucraina 2014). Questi elementi denotano l’attenzione di David Dobkin che nel 2018 ha personalmente assistito alle serate dell’edizione di Lisbona, attingendo successivamente anche ad immagini, suoni ed emozioni di pubblico da reali esibizioni eurovisive. A titolo di esempio possiamo personalmente raccontarvi che, durante la Jury Final del 2019, prima che iniziasse lo show la produzione annunciò al pubblico presente in arena che quella sera alcune immagini sarebbero state registrate proprio per questo film, tra le quali quelle relative all’esibizione di Sergey Lazarev (“Scream”).

Il regista è personalmente un amante dell’Eurovision Song Contest. Se ne innamorò una ventina di anni fa quando, grazie alle moglie svedese, si trovava in Svezia e vide lo show casualmente, in una serata trascorsa in famiglia davanti alla TV. Possiamo dire che anch’egli ha realizzato, oggi, il sogno di girare un film su quello show che tanto lo colpì.

Il film, lungo 123 minuti, presenta anche star, come anticipato precedentemente, Pierce Brosnan, Dan Stevens, Demi Lovato Melissanthi Mahut, Mikael Persbrandt, Ólafur Darri Ólafsson e Graham Norton (se stesso).

Sinora, una delle canzoni dei Fire Saga estrapolate prende il nome di Volcano Man” (cantata per davvero da Will Ferrell, mentre Rachel McAdams è stata “doppiata” dalla cantante svedese Molly Sandén. È sua la voce che ascoltiamo nel brano), che compare nel trailer e che è il primo singolo dell’album che sarà pubblicato il 26 giugno, in contemporanea con l’uscita in streaming del film,  ed è stata presentata in un trailer della durata di 1 minuto. Il brano ha sùbito conquistato diversi fan e artisti eurovisivi, che si sono divertiti nel riprodurlo in cover anche molto interessanti; l’ultima in ordine cronologico è stata presentata da Elina Nechayeva (Estonia 2018) e si accoda a quella di Daði Freyr (Islanda 2020), nonché, tra gli altri, a quella di Alexander Rybak (Norvegia e vincitore dell’edizione 2009) e di Jamala (Ucraina e vincitrice dell’edizione 2016). Si tratta di simpatici rivisitazioni di questo singolo nello stile musicale inconfondibile di ciascuno degli artisti citati.

In qualsivoglia gara il pretendente al titolo ha il suo antagonista: così i Fire Saga dovranno temere il favorito Alexander Lemtov, un cantante russo molto sicuro di se e interpretato da Dan Stevens, che affronta la competizione con il brano “Lion of Love”.

Eurovision Song Contest: The Story of Fire Saga – official soundtrack

  1. Double Trouble (Tiësto’s Euro 90’s Tribute Remix) – Will Ferrell, My Marianne & Tiësto
  2. Lion Of Love – Erik Mjönes
  3. Coolin’ With Da Homies – Savan Kotecha
  4. Volcano Man – Will Ferrell & My Marianne
  5. Jaja Ding Dong – Will Ferrell & My Marianne
  6. In The Mirror – Demi Lovato
  7. Happy – Will Ferrell & My Marianne
  8. Song-A-Long: “Believe”, “Ray Of Light”, “Waterloo”, “Ne Partez pas Sans Moi” and “I Gotta Feeling” – Cast
  9. Running With The Wolves – Courtney Jeané & Adam Grahn
  10. Fool Moon – Anteros
  11. Hit My Itch – Antonio Sol, David Loucks, Taylor Lindersmith & Nicole Leonti
  12. Come And Play (Masquerade) – Petra Nielsen
  13. Amar pelos dois – Salvador Sobral
  14. Husavik – Will Ferrell & My Marianne
  15. Double Trouble (Film Version) – Will Ferrell & My Marianne
  16. Eurovision Suite – Atli Örvarsson