ESC 2021: La città di Rotterdam guarda al successo dell’ESC 2021

La città ospitante di Rotterdam, composta dalla City of Rotterdam, Rotterdam Ahoy, Rotterdam Partners e Rotterdam Festivals, guarda indietro con soddisfazione ad una 65° edizione dell’Eurovision Song Contest di successo nella città che ha superato le aspettative. La città sulle rive del fiume Maas è stata al centro dell’attenzione durante la Finale del più grande festival musicale del mondo, con bellissime immagini dell’Hotel New York, il Depot Boijmans Van Beuningen, il Maassilo e l’iconico Erasmus Bridge, tra gli altri punti di riferimento. Anche il primo Eurovision Village online è stato lanciato con successo, con una spettacolare apertura di DJ Afrojack sul ponte De Hef.

Città sotto i riflettori. La città ospitante è letteralmente sotto i riflettori da lunedì scorso. Per celebrare l’inizio della settimana dell’Eurovision Song Festival, vari edifici di Rotterdam sono stati illuminati, con l’Erasmus Bridge a rubare la scena. Per tutta la settimana, il grazioso “Cigno” ha letteralmente spiegato le sue ali sulla città con raggi di luce su entrambi i lati. Ha creato un simbolico e caloroso benvenuto al mondo e all’Eurovision Song Contest. In onore di Duncan Laurence, vincitore dell’Eurovision Song Contest 2019, c’è stata anche una proiezione speciale sulla Torre Zalmhaven lo scorso fine settimana: Duncan: We Love You. Sabato sera, il municipio è stato illuminato con i colori della bandiera italiana. Congratulazioni ai vincitori dell’Eurovision Song Contest. La canzone vincitrice “Zitti e buoni” è suonata anche dai semafori davanti a Rotterdam Ahoy dopo la finale. Il semaforo “danzante” rimarrà in funzione fino a circa metà giugno.

Ambizione per il futuro.  Il consigliere comunale Kasmi, la direttrice di Rotterdam Ahoy Jolanda Jansen e i direttori del progetto Host City Rotterdam si sono incontrati ancora una volta ieri all’orologio del conto alla rovescia dei 100 giorni davanti al Depot Boijmans Van Beuningen che ora è adornato con le lettere OPEN. Un riferimento al tema di quest’anno: OPEN UP. E, per quanto riguarda Rotterdam: OPEN UP TO THE FUTURE, che la città usa per promuovere la sua immutata ambizione di accogliere futuri eventi e conferenze nazionali e internazionali in città. L’orologio è stato celebrato con una passeggiata di moda da parte dello studio VollaersZwart, uno dei sei city dresser per l’Eurovision Song Contest in città. Noti designer e laboratori di abbigliamento di Rotterdam hanno lavorato insieme per creare una collezione colorata di SING ALONG Fashion basata sulle bandiere dei paesi, con la bandiera italiana come protagonista ieri.

Orgoglioso!. Questa parola riassume il sentimento travolgente del consigliere comunale di Rotterdam Said Kasmi (Istruzione, Cultura e Turismo). “Guardo indietro con grande soddisfazione a una 65esima edizione dell’Eurovision Song Contest fantastica e di successo. Rotterdam ha dato il meglio di sé; la nostra città era sotto i riflettori di tutto il mondo e ne raccoglierà i frutti a lungo termine. Grazie a tutti coloro che hanno reso possibile tutto questo, specialmente a tutti i cittadini di Rotterdam che hanno partecipato a questo evento con tanto entusiasmo e in tutti i modi creativi.”

La direttrice del progetto Host City Alice Vlaanderen: “Sono orgogliosa che, insieme all’EBU, alle emittenti organizzatrici e ai partner della Host City, siamo stati in grado di mostrare come un evento indimenticabile possa essere organizzato, anche in questi tomi dominati da COVID-19. Anche i nostri partner e gli imprenditori della città che hanno contribuito all’organizzazione di questo evento da sogno meritano una menzione”

L’Host City Project Manager Dave Geensen ammira molto l’Host City team che ha lavorato così duramente all’Eurovision Song Contest negli ultimi due anni: “I membri del team di progetto sono stati ai tavoli della loro cucina a preparare la più grande produzione televisiva musicale dal marzo 2020, e durante l’arrivo di una pandemia. È stato un compito particolarmente complesso che dipendeva completamente da un buon lavoro di squadra. Tuttavia, grazie alla stretta collaborazione, siamo stati in grado di realizzare la nostra ambizione.”

Una pietra miliare per Rotterdam Ahoy. Dopo 14 mesi di eventi senza pubblico, la settimana scorsa è stata una pietra miliare per Rotterdam Ahoy, sotto molti aspetti. Circa 3.500 visitatori sono entrati nella sala per ogni spettacolo, quindi Ahoy ha ricevuto più di 30.000 visitatori in una settimana. Tutto è andato secondo un piano rigoroso.

Jolanda Jansen, Managing Director di Rotterdam Ahoy dice: “Non c’è niente di meglio per una location come la nostra che sentire il suono entusiasta del pubblico, vedere quei volti felici e sperimentare lo stare insieme. È stato un momento emozionante per gli artisti, il pubblico e la troupe. In realtà, è stato molto di più. L’implementazione dei risultati di questo evento Fieldlab segna un importante progresso verso gli eventi a piena capacità. Offre una prospettiva per l’intera industria degli eventi e per la società. Inoltre, siamo stati davvero in grado di presentarci al mondo come paese, città e località. Questo è qualcosa di cui raccoglieremo i frutti a lungo termine.”

Campagna Internazionale #SWINGALONG. Anche Rotterdam Partners guarda con soddisfazione ai primi risultati. Per esempio, hanno lanciato ‘Rotterdam. #SWINGALONG ‘, tra le altre cose, una campagna di marketing internazionale volta a far conoscere Rotterdam tra i potenziali visitatori dei paesi vicini con collegamenti di trasporto sostenibili, ovvero Germania, Belgio, Francia e Regno Unito. La campagna sociale #SWINGALONG connette le persone in modo digitale attraverso una sfida di danza contagiosa e un videoclip di accompagnamento, ed è già stata vista più di 13 milioni di volte nei Paesi Bassi e nei paesi vicini sopra menzionati. Influencer olandesi e internazionali, gruppi di danza professionali, l’intero consiglio comunale e il sindaco e tutti i tipi di altre parti interessate si sono avventurati nella sfida di danza #SWINGALONG e hanno condiviso le loro versioni sui social media. Proiezioni a grandezza naturale di decine di queste sono state mostrate al World Port Center di Rotterdam la scorsa settimana, e alcuni ballerini di #SWINGALONG sono persino riusciti ad arrivare alla trasmissione in diretta della prima semifinale.

Esperienza unica in città. Oltre alla campagna #SWINGALONG, Rotterdam Partners ha lavorato anche in altri modi per massimizzare la visibilità internazionale. Per esempio, ai visitatori che sono venuti in città per l’Eurovision Song Contest è stato offerto un tour speciale a Rotterdam. Non meno di 32 paesi di tutte le delegazioni partecipanti all’Eurovision Song Contest hanno preso parte a tale tour, che includeva una visita all’Euromast, il porto, e un viaggio con il taxi acquatico. L’ospitalità della città è stata molto apprezzata da tutti i partecipanti. La campagna internazionale, la programmazione fisica e online, la decorazione della città e una vasta gamma di altre attività hanno contribuito a mettere Rotterdam sotto i riflettori dei media internazionali. Insieme, tutti questi media hanno raggiunto un pubblico di milioni di persone in tutto il mondo.

Wilbert Lek, Direttore di Rotterdam Partners: “Con l’Eurovision Song Contest, come città ci siamo presentati al mondo in tutti i modi la scorsa settimana. Rotterdam si è posizionata a livello internazionale come una città innovativa e resiliente che è in grado di ospitare un evento internazionale di portata senza precedenti online in un modo unico e sorprendente, nonostante tutte le sfide. Il compito ora è quello di mantenere tutta questa attenzione internazionale, e fare in modo che i visitatori continuino a visitare Rotterdam, e di utilizzare l’Eurovision Song Contest come una vetrina per portare nuovi eventi e conferenze in città.”

L’Eurovision Village Onlin, un’innovazione di successo per Rotterdam. L’Eurovision Village Online, l’alternativa al villaggio fisico di Binnenrotte, è stato lanciato con successo come evento collaterale ufficiale dell’Eurovision Song Contest. Dalla sua apertura, sabato 15 maggio, la piattaforma è stata visitata quasi mezzo milione di volte dai fan di 134 paesi. Dopo i Paesi Bassi, la maggior parte dei visitatori proviene da Belgio, Regno Unito e Germania. Durante la settimana dello show, ci sono state performance esclusive di Johnny Logan, Duncan e Afrojack, tra gli altri. I primi risultati mostrano che i visitatori valutano molto bene ‘Eurovision Village Online. “Questo Eurovision Village Online apre letteralmente un nuovo mondo di opportunità”, secondo un visitatore.

Renske Satijn, direttore del Rotterdam Festivals: “Siamo molto orgogliosi di essere stati in grado di offrire questa esperienza a tutti i fan. Questa unica alternativa online è stata creata in un periodo di tempo incredibilmente breve, e siamo felici del numero di visitatori e del loro apprezzamento per il villaggio online. Speriamo che l’EBU continui questa innovazione di Rotterdam l’anno prossimo come un evento collaterale ufficiale dell’Eurovision Song Contest. Saremo felici di condividere con loro tutto quello che abbiamo imparato. Per tutti gli appassionati: i contenuti su http://www.eurovisionvillage.com rimarranno disponibili per il momento”.

Una celebrazione per tutti. Con il programma online della città di Rotterdam (Rotterdam City Programme) e la campagna ‘Celebrate Together’,l’Eurovision Song Contest è stato motivo di festa per molti cittadini di Rotterdam nell’ultimo periodo. Più di 2.500 abitanti di Rotterdam con risorse finanziarie limitate hanno vissuto l’Eurovision Song Contest nella loro città grazie a questa campagna. Più di 50 organizzazioni e istituzioni culturali di Rotterdam hanno partecipato al programma online della città. Hanno partecipato anche esercizi di ristorazione, imprenditori, scuole e istituzioni educative. Sei mercati di Rotterdam e 25 strade commerciali sono state decorate in un’atmosfera da Festival della Canzone, e decine di studenti hanno aiutato dietro le quinte. L’Host City Open UPdate news su OPEN Rotterdam ha riportato quotidianamente i resoconti di tutte le iniziative della scorsa settimana. Nello speciale studio televisivo temporaneo pop-up nel Nuovo Teatro Luxor, la presentatrice Sherill Samson ha ricevuto anche ospiti speciali, tra cui Ruth Jacott, Shirma Rouse e Hans van Willigenburg.

Questo slideshow richiede JavaScript.