AUSTRALIA all’Eurovision Song Contest

Australia

EuroAustralia.svg.png

  • Emittente televisiva: SBS (Special Broadcasting Service)
  • Processo di Selezione: Selezione Nazionale (Eurovision – Australia Decides 2019) | Selezione Interna (2015 – ad oggi)
  • Organizzazione concorso – Paese ospite: 0
  • Numero di partecipazioni: 5 (5 Finali)
  • Lingue:  Inglese (6)
  • Prima partecipazione: ESC Vienna 2015: Guy Sebastian | Tonight Again
  • Miglior piazzamento: Top 5: FI: 2° (2016), 5° (2015) | SF: 1° (2016, 2019) 
  • Miglior piazzamento Top 10: FI: 9° (2019) SF: 1° (2019) 
  • Peggior piazzamento (Bottom): FI: 20° (2018) SF: 14° (2021)
  • Posto nella media:
  • Qualificazioni per la Finale: 5 su 6 (dal 2004)
  • Numero di vittorie: 0
  • Nul points (Nil points): FI: 0SF: 0

L’Australia ha partecipato per la prima volta all’Eurovision Song Contest nell’edizione del 2015 (debutta, partecipandovi da allora senza interruzioni) a Vienna, come finalista di diritto insieme alle BIG 5 e all’Austria che era il paese ospitante. Inizialmente era una partecipazione straordinaria, dovuta al fatto che in tale paese il concorso, trasmesso fin dal 1983, è un evento che gode di un ottimo seguito, nonché per celebrare il 60º anniversario della kermesse. Nel caso avesse vinto, il contest si sarebbe tenuto in una città europea scelta dalla SBS (membro associato dell’EBU-UER) e sarebbe stata invitata anche nell’edizione 2016. Nonostante per il momento non vi sia alcuna conferma ufficiale, Jon Ola Sand vorrebbe rendere permanente la partecipazione all’ESC del paese oceanico. 

Non ha mai vinto la competizione e il suo miglior risultato è il 2º posto ottenuto nel 2016 da Dami Im con “Sound of Silence”.

La nazione ha utilizzato tra il 2019 e il 2020 l’Eurovision – Australia Decides come metodo di selezione nazionale, optando per la selezione interna tra il 2015 e il 2018 e nel 2021 quando, per la prima volta dal debutto, manca la finale.

La partecipazione viene curata dall’emittente radiotelevisiva Special Broadcasting Service (SBS), che, contrariamente alle altre emittenti, è un membro associato dell’Unione europea di radiodiffusione (EBU-UER).

 

Wiki Eurovision Heart (Infobox).svg Storia: L’emittente radiotelevisiva australiana Special Broadcasting Service (SBS) diventò membro associato dell’Unione europea di radiodiffusione (EBU-UER) nel 1979 e iniziò a trasmettere l’Eurovision Song Contest a partire dall’edizione del 1983.

Tra il 2000 e il 2014 l’emittente permise al proprio pubblico di televotare, anche se i punteggi non sono mai stati aggregati a quelli ufficiali della manifestazione. Inoltre a partire dal 2012 gli è stato concesso uno spazio per la delegazione e il commento in diretta.

La prima apparizione della nazione oceanica sullo schermo europeo è avvenuta durante la prima semifinale del 2013 con la trasmissione di un cortometraggio intitolato ‘Greetings from Australia’, noto anche come ‘Why Australia Loves Eurovision’, presentato da Julia Zemiro, commentatrice dell’evento dal 2009. L’anno successivo l’emittente organizzatrice Danmarks Radio ha concesso all’Australia di presentare un interval act per la manifestazione. SBS scelse quindi Jessica Mauboy, che portò il brano “Sea of Flags”.

Il debutto nel 2015. In occasione del 60º anniversario dell’Eurovision Song Contest nel 2015, l’EBU-UER decise di concerto con gli organizzatori di permettere la partecipazione straordinaria dell’Australia, che si sarebbe dovuta esibire direttamente in finale al fianco dei Big Five e dell’Austria, nazione organizzatrice dell’evento. Per l’occasione l’emittente australiana, con la collaborazione di Blink TV, selezionò Guy Sebastian, che con la sua “Tonight Again” si classificò al 5º posto.

Le partecipazioni successive. Nonostante il 2015 fosse stato inizialmente considerato come una partecipazione una tantum, fu annunciato che l’Australia avrebbe partecipato anche nel 2016. Fu selezionata internamente la cantante di origini sudcoreane Dami Im, che consegnò al paese oceanico il suo miglior risultato di sempre, un 2º posto nella finale dell’evento. Il brano vinse inoltre il premio della composizione musicale dei premi Marcel Bezençon.

La nazione tornò quindi a partecipare anche nel 2017 e nel 2018, selezionando rispettivamente Isaiah e Jessica Mauboy, che riusciranno a mantenere la nazione in finale classificandosi al 9º e 20º posto.

La nuova selezione nazionale. Per l’Eurovision Song Contest 2019 il paese decise di organizzare una propria selezione nazionale, l’Eurovision – Australia Decides, che premiò Kate Miller-Heidke con la sua “Zero Gravity”. Il brano vinse la prima Semi-Finale dell’evento, classificandosi al 9º posto in finale e ricevendo inoltre il premio artistico. Nello stesso anno fu annunciato che la nazione potrà partecipare fino al 2023.

Visto il discreto successo ottenuto, la selezione fu mantenuta per trovare il rappresentante della nazione all’Eurovision Song Contest 2020. A vincere questa seconda edizione fu Montaigne con “Don’t Break Me”, tuttavia a causa della cancellazione dell’evento dovuta alla pandemia di COVID-19, il brano è stato squalificato dalla partecipazione all’edizione successiva, anche se SBS ha annunciato che lei avrà comunque la possibilità di rappresentare l’Australia all’Eurovision Song Contest 2021.

Per l’edizione 2021 è stato presentato il brano Technicolour, tuttavia Montaigne non fu in grado di esibirsi dal vivo a causa delle misure particolarmente restrittive adottate dal paese oceanico a seguito della pandemia mondiale: al suo posto è stata utilizzata un’esibizione pre-registrata (detta anche live-on-tape) preparate per prevenire possibili cancellazioni future del concorso; in quell’occasione l’Australia non riuscì a qualificarsi per la finale per la prima volta nella storia della sua partecipazione.

Australia.jpg

Wiki Eurovision Heart (Infobox).svg Partecipazioni nel corso degli anni

Note: Edizione | # | Artista (i) | Canzone [Musica (m) / Texto (t)] | Lingua (Traduzione) | Punteggio | Posizione | Processo di Selezione

ANNOARTISTACANZONE
MUSICA (M); TESTO (T)
LINGUAPOSIZIONE FINALEPUNTI FINALEPOSIZIONE SEMI-FINALEPUNTI SEMI-FINALEPROCESSO DI SELEZIONE
2015Guy Sebastian"Tonight Again"
M: Guy Sebastian, David Ryan Harris, Louis Schoorl; T: Guy Sebastian, David Ryan Harris, Louis Schoorl
Inglese5º / 27196Finalista di diritto [a]Selezione Interna
2016Dami Im"Sound of Silence"
M: DNA (David Musumeci & Anthony Egizii); T: DNA (David Musumeci & Anthony Egizii)
Inglese2º / 265111º / 18330Selezione Interna
2017Isaiah Firebrace"Don't Come EasyDon't Come Easy"
M: DNA (David Musumeci & Anthony Egizii), Michael Angelo; T: DNA (David Musumeci & Anthony Egizii), Michael Angelo
Inglese9º / 261736º / 18160Selezione Interna
2018Jessica Mauboy"We Got Love"
M: Anthony Egizii, David Musumeci; T: Anthony Egizii, David Musumeci, Jessica Mauboy
Inglese20º / 190994º / 19212Selezione Interna
2019Kate Miller-Heidke"Zero Gravity"
M: Kate Miller-Heidke, Keir Nuttall, Julian Hamilton; T: Kate Miller-Heidke, Keir Nuttall
Inglese9º / 182841º / 18261Eurovision – Australia Decides
2020Montaigne"Don't Break Me"
M: Montaigne, Anthony Egizii, David Musumeci; T: Montaigne, Anthony Egizii, David Musumeci
IngleseEdizione cancellata [X]Edizione cancellata [X]Edizione cancellata [X]Edizione cancellata [X]Eurovision – Australia Decides
2021[c]Montaigne"Technicolour"
M: Jess Cerro, Dave Hammer; T: Jess Cerro, Dave Hammer
IngleseNon qualificata14º / 1628Selezione Interna
Eurovision – Australia Decides

NOTE:

  • [a 1] The organisers allowed Australia to compete in the grand final without pre-qualification due to the special circumstances surrounding Australia’s entry and so as “to not reduce the chances” of the semi-final participants.
  • [b 1]  [X] L’Eurovision Song Contest 2020 è stato cancellato a causa della pandemia di COVID-19 del 2019-2021
  • [c 1]  Due to travel restrictions related to the COVID-19 pandemic in the country, Montaigne participated using a ‘live-on-tape’ performance, filmed at SBS Studios in Sydney instead of travelling to Rotterdam, The Netherlands, where the event is held
  • [1] Primo posto, [2] Secondo posto, [3] Terzo posto, [◁] Ultimo posto 

Wiki Eurovision Heart (Infobox).svg Altri premi ricevuti:

Marcel Bezençon Awards: I Marcel Bezençon Awards sono stati assegnati per la prima volta durante l’Eurovision Song Contest 2002 a Tallinn, in Estonia, in onore delle migliori canzoni in competizione nella finale. Fondato da Christer Björkman (rappresentante della Svezia nell’Eurovision Song Contest del 1992 e attuale capo della delegazione per la Svezia) e Richard Herrey (membro del gruppo Herreys e vincitore dalla Svezia nell’Eurovision Song Contest 1984), i premi prendono il nome del creatore del concorso, Marcel Bezençon.

I premi sono suddivisi in 3 categorie: Press Award: Per la miglior voce che viene votata dalla stampa durante l’evento, Artistic Award: Per il miglior artista, votato fino al 2009 dai vincitori delle scorse edizioni. A partire dal 2010 viene votato dai commentatori e Composer Award: Per la miglior composizione musicale che viene votata da una giuria di compositori.

  • 2016 – Composer Award – Dami Im – “Sound of Silence” (Anthony Egizii, David Musumeci)
  • 2019 – Artistic Award – Kate Miller-Heidke – “Zero Gravity” (Kate Miller-Heidke, Keir Nuttall)

Wiki Eurovision Heart (Infobox).svg Statistiche di voto: Fino al 2021, le statistiche di voto dell’Australia sono:

Numero di punti assegnati dell’Australia nelle Semi-finali (2015-2021)