ESC 2019 – Ucraina: UA:PBC ha interrotto le trasmissioni analogiche dovuta ai tagli governativi

Logo-UA-PBC

Nonostante abbia confermato, nel corso delle scorse settimane, la propria intenzione a prendere parte alla 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà per la terza volta in assoluto Israele (dopo l’Eurovision Song Contest 1979 e l’Eurovision Song Contest 1999), presso l’EXPO Tel Aviv (International Convention Center) il 14, 16 e 18 maggio del prossimo anno, grazie alla vittoria di Netta Barzilai con la canzone “TOY” (צעצוע), l’emittente pubblica ucraina UA:PBC ha attualmente ha deciso di interrompere tutte  le trasmissioni che utilizzano il segnale analogico nel paese a seguito della forte crisi finanziaria che sta colpendo l’azienda, dovuta ai tagli governativi applicati. 

Si tratta di una decisione di grande importanza, specie se si considera il fatto che questa emittente serve ancora una porzione importante di cittadini ucraini con questa tipologia di segnale (almeno il 40% della popolazione), e che la transizione al segnale digitale (il segnale analogico in Ucraina sta venendo sostituito da quello digitale) è ben lontana dal completamento.

La scelta di spegnere ogni ripetitore analogico sarebbe dovuta al debito crescente della UA:PBC (UA:ПЕРШИЙ), aggravato peraltro da un drastico calo dei fondi governativi che ne permettono l’attività. Già detentrice dal triste primato per il budget pubblico più basso d’Europa, la compagnia televisiva dell’Ucraina si è vista infatti ridurre del 50% i propri fondi, normalmente attorno ai 40 milioni di euro.

L’EBU-UER, tramite il proprio Direttore Generale Noel Curran, ha immediatamente espresso la propria preoccupazione, accresciuta peraltro dall’imminente tornata elettorale prevista nel 2019, che dovrà rieleggere il Presidente e il Parlamento ucraini.

“Siamo costernati dalla decisione delle autorità di privare il popolo ucraino di questo importante servizio pubblico” – ha commentato Curran.

“Urge che le autorità ristabiliscano le trasmissioni immediatamente, e destinino la quantità necessaria di fondi per consentire al servizio pubblico di svolgere il suo ruolo cruciale per la società e la democrazia in Ucraina”, ha concluso il Direttore dell’EBU-UER.

Viste le difficoltà, risulta scontato porre qualche dubbio sulla conferma di partecipazione all’Eurovision Song Contest 2019 che UA:PBC ha diffuso nelle settimane scorse. Dopotutto, per analoghe ristrettezze economiche, l’Ucraina aveva mancato la partecipazione eurovisiva nel 2015. Pare invece ratificata la presenza allo Junior Eurovision Song Contest 2018, in programma per il prossimo 25 Novembre a Minsk con Darina Krasnovetska e il suo brano “Say Love”.

Inoltre, dobbiamo ricordare che la Compagnia Televisiva Nazionale dell’Ucraina (UA:PBC; НСТУ; UA: Суспільне мовлення) nel 2017 ha organizzato l’Eurovision Song Contest 2017 dopo la vittoria della rappresentante ucraina Jamala nel 2016.