Regolamento. Sistema e modalità di votazione / Voting at the Junior Eurovision

La competizione si svolge in maniera analoga all’Eurovision Song Contest, ma con alcune differenze:

  • II cantanti in competizione, che provengono da ogni angolo d’Europa, sono ragazzi dai 9 ai 14 anni. Fino al 2006 il range d’età andava dagli 8 ai 15 anni e dal 2007 al 2016 era dai 10 ai 15.
  • Le canzoni devono durare tra i 2′ 45″ e i 3′ (a partire dal 2013. Fino ad allora il limite massimo era di 2″ 45′), essere inedite ed interpretate in una delle lingue ufficiali del proprio paese. Sono però ammesse piccole strofe o versi in lingua diversa.
  • Le voci secondarie possono anche essere registrate.
  • La nazione vincitrice non ha l’obbligo di ospitare l’edizione successiva.
  • È consentita la trasmissione in differita dell’evento (prima del 2007, un’emittente che non trasmetteva in diretta l’evento rischiava una multa. Ora non sono più tenute a farlo, e possono trasmettere in differita in un momento che è più appropriato per una trasmissione televisiva per bambini).
  • I giovani artisti devono essere della nazionalità del paese che rappresentano e devono contribuire alle loro canzoni sia nel testo che nella musica.
  • Dal 2005 al 2015, tutti i paesi ricevevano almeno 12 punti per evitare il fenomeno del “nul points”, comunque mai avvenuto finora allo JESC nelle classifiche generali.
  • Il programma è trasmesso sempre in un orario unico in tutta Europa, ma alle 19.00 CET, fascia oraria più vicina all’età dei concorrenti; dal 2016 è trasmesso di domenica dalle ore 16.00 CET.
  • Gli spokesperson presentano i voti direttamente dall’arena che ospita l’evento.
  • Come all’ESC, il voto è composto al 50% dal quello delle giurie nazionali e al 50% da quello del pubblico, che però avviene online: dal sito jesc.tv è possibile votare in due distinte finestre fino a 5 canzoni, anche quella del proprio paese.

Dei paesi che formano il gruppo delle Big 5 dell’ESC. il Regno Unito ha partecipato tre volte, la Francia due, la Spagna quattro con una vittoria, l’Italia cinque con una vittoria, mentre la Germania parteciperà per la prima volta nel 2020. Nel 2018 per la prima volta una Home Nation britannica ha partecipato allo JESC, il Galles con la sua TV S4C.

Sistema e modalità di votazione. Tra il 2003 e il 2005 gli spettatori hanno avuto circa 10 minuti per votare dopo l’esecuzione di tutte le canzoni Tra il 2006 e il 2010 le linee per il televoto sono state aperte durante tutto il programma A partire dal 2011 gli spettatori votano dopo l’esecuzione di tutti i brani. I profitti realizzati dal televoto durante le gare 2007 e 2008 sono stati tutti donati all’UNICEF.

Dal 2017 il televoto si svolge sul sito della manifestazione: le linee sono aperte dal venerdì prima dell’evento e si possono votare da tre a cinque canzoni (anche il proprio paese) e le linee si chiudono quando lo show inizia. si riaprono poi per 15 minuti dopo l’ultima esibizione. nel 2017 e nel 2018 venivano annunciati a partire del punteggio più basso, mentre dal 2019 si segue l’ordine della classifica delle giurie.

Voting at the Junior EurovisionNo entry in the Junior Eurovision Song Contest has ever received nul points; between 2005 and 2015, each contestant began with 12 points to prevent such a result. However, there has not been a situation that the 12 points received in the beginning would have remained as the sole points. The closest to that was Croatia in 2014 which ended up with 13 points after receiving a single point from San Marino. On 15 October 2012, it was announced by the EBU, that for the first time in the contest’s history a new “Kids Jury” was being introduced into the voting system. The jury consists of members aged between 10 and 15, and representing each of the participating countries. A spokesperson from the jury would then announce the points 1–8, 10 and the maximum 12 as decided upon by the jury members. In 2016 the Kids Jury was removed and instead, each country awarded 1–8, 10 and 12 points from both adult and kid’s juries, also eliminating televoting from the contest. An expert panel were also present at the 2016 contest, with each of the panelists being able to award 1–8, 10 and 12 points themselves.

In 2018, Portugal and Wales earnt 0 points in the jury voting. In 2019, Portugal earnt 0 points in the jury voting again.