Sanremo 2021: Al via stasera la quinta puntata di “AmaSanremo” (Semifinali di Sanremo Giovani)

La marcia verso il festival di Sanremo prosegue. Al via stasera la seconda delle tre tappe di Sanremo Giovani per arrivare sul Palco dell’Ariston per il 71° Festival della Canzone Italiana.

Stasera giovedì 26 novembre su Rai1 e Radio2, alle 22.45 (dopo gli episodi della fiction di successo Doc con Luca Argentero), prosegue il Quinto (Ultimo appuntamento) dei 5 appuntamenti settimanali, “AmaSanremo” (Semifinali di Sanremo Giovani). 

Il programma, sarà possibile seguirlo anche in live streaming tramite la piattaforma gratuita RaiPlay.it. Sempre su RaiPlay sarà possibile recuperare esibizioni e tanto altro grazie alla funzione ondemand.

Si tratta del nuovo format di 5 puntate lanciato da Amadeus dedicato alle Nuove Proposte che parteciperanno alla 71esima edizione del Festival di Sanremo 2021. 

Le cinque serate in seconda serata su Rai1 dal 29 ottobre al 26 novembre si svolgono nello studio principale della Radio di via Asiago. Al timone c’è Amadeus, che come l’anno scorso è anche il direttore artistico del Festival. Sono ammessi 20 ragazzi alla selezioni di AmaSanremo.

Il progetto AmaSanremo ha come fine di selezionare i dieci artisti che parteciperanno alla serata conclusiva prevista per giovedì 17 dicembre in onda dal Teatro del Casinò di Sanremo e in prime time su Rai1.

Prevista una giuria musicale ed una televisiva, oltre al Televoto per le selezione dei Giovani. La Commissione Musicale è formata dallo stesso Amadeus insieme a Claudio Fasulo, Massimo Martelli, Leonardo De Amicis e Gianmarco Mazzi. 

La giuria televisiva, invece, è composta da quattro protagonisti della musica che hanno differenti percorsi artistici,  formata da quattro esperti, tre dei quali sono stati resi noti.

Si tratta di Morgan, Piero Pelù, Luca Barbarossa e della direttrice d’orchestra Beatrice Venezi. Se i primi tree sono volti e nomi noti, la Venezi è meno conosciuta al grande pubblico ma nell’ambiente è famosa per essere la più giovane direttrice d’orchestra d’Europa. Trent’anni, alle spalle già una serie di successi e tournèe anche negli States con Andrea Bocelli, la Venezi nel 2018 è stata inserita da Forbes tra i 100 under trenta ‘leader del futuro’. 

A decretare i migliori è dunque il voto congiunto delle due Commissioni e quello espresso dal Televoto.

Sul festival di Sanremo 2021 pesano le incertezze legate alla pandemia e alle sue conseguenze. “A gennaio capiremo in che condizioni siamo e quindi potremo valutare e prendere una decisione definitiva su date e pubblico in presenza”, afferma Amadeus, che solo qualche settimana fa si era detto contrario a un festival senza pubblico. “Per ora pensiamo a fare Sanremo dal 2 al 6 marzo, in totale sicurezza. Deve essere un festival della rinascita e della positività, non un festival dimesso”.

Sulla stessa linea il direttore di Rai1 Stefano Coletta: “Sanremo ci sarà. Tutto sta procedendo per come deve procedere in questa parte di stagione: siamo nella fase editoriale di Sanremo, che non è frenata dal tema covid. Al momento confermiamo anche che il 17 dicembre Sanremo Giovani andrà in onda dal Casinò”.

La gara “AmaSanremo” (Semifinali di Sanremo Giovani) si svolge in maniera differente dallo scorso anno. Non più scontro a eliminazione diretta tra due Giovani.  

In ogni puntata, in onda dalla Sala B di via Asiago, si esibiranno quattro concorrenti per un totale di 20 nelle cinque puntate che saranno votati da giuria televisiva, Televoto e Commissione Musicale del festival. Soltanto i due con il punteggio più alto saranno ammessi alla fase finale del 17 dicembre che si terrà a Sanremo. Gli altri due verranno eliminati senza possibilità di ripescaggio.

La novità dell’edizione 2020 è la presenza di un cantante famoso che ha iniziato la propria carriera artistica proprio da Sanremo Giovani. Questo noto professionista sarà in studio per raccontare la propria esperienza e dispensare consigli ai giovani colleghi incoraggiandoli ad insistere per raggiungere il proprio sogno. Naturalmente sarà interprete di alcuni i brani del suo repertorio. Per ogni serata anche un ospite musicale, la cui storia è legata al palco dell’Ariston: per la quinta serata è atteso Leo Gassmann – il rapper vincitore nelle Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2014 -, poi ci saranno Marco Masini, Leo Gassmann (ultimo vincitore delle Nuove Proposte). Due le presenze fisse: Riccardo Rossi, con i suoi aneddoti su Sanremo, ed Ema Stokholma, voce di Radio2.

Sanremo è al centro di tutte e cinque le puntate non solo con la musica. Infatti, in ognuna delle serate è presente un personaggio noto proveniente dal mondo del cinema e della comicità. Racconta in una chiave leggera, la sua esperienza sul palcoscenico del teatro Ariston.

AmaSanremo è realizzato in collaborazione con Rai Radio 2 che trasmette l’evento in contemporanea. A condurre la versione radiofonica ci sarà un noto personaggio della Radio. 

I 20 artisti di “AmaSanremo”:

1. Alioth  – “Titani”
2. Avincola – “Goal!”, Finalista 4ª puntata
3. Thomas Cheval – “Acqua Minerale”, eliminato  2ª puntata
4. Chico – “Figli Di Milano”, eliminato 4ª puntata 
5. Davide Shorty – “Regina”
6. Folcast – “Scopriti”
7. Galea – “I Nostri 20”
8. Gaudiano – “Polvere Da Sparo”, Finalista 3ª puntata
9. Gavio – “La Mia Generazione”, eliminato 1ª puntata
10. Ginevra – “Vortice”, eliminata 1ª puntata
11. Hu – “Occhi Niagara”, Finalista 4ª puntata
12. I Desideri – “Lo Stesso Cielo”, Finalisti 3ª puntata
13. Le Larve – “Musicaeroplano”, Finalista 2ª puntata
14. M.E.R.L.O.T – “Sette Volte”, Finalista 1ª puntata
15. Murphy – “Equilibrio”, eliminato 3ª puntata 
16. Nova – “Giovani Noi”, eliminato 4ª puntata 
17. Scrima – “Se Ridi”, eliminato 2ª puntata
18. Sissi – “Per Farti Paura”, eliminata 3ª puntata
19. Wrongonyou – “Lezioni Di Volo”, Finalista 1ª puntata
20. Greta Zuccoli – “Ogni Cosa Sa Di Te”, Finalista 2ª puntata

https://www.timmusic.it/playlist/5f9acc9bae50c51dee539727?fbclid=IwAR1hvL0xYfT0HDKtUeTsjwVIzGJy5abOQU4zVHjZ8QhVUcIr-wS7IrCkEqo

Stasera Amadeus, insieme al suo compagno di viaggio Riccardo Rossi, accoglierà gli ultimi quattro semifinalisti di Sanremo Giovani – Alioth  con “Titani” , Davide Shorty con “Regina”, Davide Shorty – “Regina” e Folcast – “Scopriti” – che si esibiranno per guadagnarsi i due posti a loro disposizione nella finale del 17 dicembre a Sanremo. Durante la trasmissione sarà svelato anche il parterre dei 20 “Campioni”, i cantanti in gara nella categoria dei “Big”.

A giudicarli una giuria televisiva d’eccezione composta da Luca Barbarossa, Beatrice Venezi, Morgan e Piero Pelù. Il loro voto sarà sommato a quello popolare del televoto e a quello della commissione musicale.

A portare il mondo della radio in tv sarà Ema Stokholma, pronta a dare voce al popolo di Rai Radiodue in ascolto. Ospite della serata Leo Gassmann, ilvincitore lo scorso anno nella categoria Nuove Proposte del Festival di Sanremo. Sarà lui a passare idealmente lo scettro ai 10 finalisti di Sanremo Giovani che proveranno a emularlo. Ogni ospite infatti presenta alcuni pezzi del proprio percorso artistico. L’ospite della prime quattro puntate sono stati Arisa, Rocco Hunnt, Malika Ayane e Marco Masini.

Quest’anno i brani ammessi a Sanremo Giovani sono stati 961 (867 cantanti singoli (336 donne e 531 uomini) e 94 gruppi). Si tratta di una cifra record mai raggiunta nella storia di Sanremo Giovani, che batte se stesso, rispetto allo scorso anno, facendo segnare un notevole incremento di iscrizioni valide, con un incremento rispetto alla passata edizione di 119 unità, pari al 14 per cento.

Successivament in sessantuno si sono esibiti nelle audizioni del 19 e 20 ottobre nella Sala A di Via Asiago a Roma, sede di Rai Radio di fronte alla Commissione Musicale presieduta da Amadeus, in veste di direttore artistico, e composta da Claudio Fasulo, Gianmarco Mazzi, Massimo Martelli e Leonardo De Amicis. 

La divisione delle 61 potenziali Nuove Proposte (60 che hanno superato la prima fase degli ascolti più il vincitore del Festival di Castrocaro) ha visto 53 singoli (16 donne e 37 uomini) e 8 gruppi.

Al termine della 2 giorni di audizioni dal vivo sono stati scelti i 20, tra gruppi e artisti singoli, che parteciperanno alle “semifinali” in diretta, nella trasmissione condotta da Amadeus “AmaSanremo”, cinque puntate in onda il giovedì, alle 22.45 su Rai1, dal 29 ottobre al 26 novembre. “AmaSanremo” nasce con l’obiettivo di raccontare il percorso che i Giovani compiono per arrivare al Festival conciliando intrattenimento e gara musicale: nello studio Rai di via Asiago, insieme ad Amadeus, che come l’anno scorso è anche il direttore artistico del Festival, ci sarà una giuria televisiva composta da quattro celebrità della musica, dalla diversa personalità ed esperienza, che avranno il compito di votare le esibizioni. Sarà il loro giudizio sommato al Televoto e al voto della Commissione Musicale a decretare l’esito delle serate. In studio ci saranno i 20 ragazzi ammessi alla selezioni di “AmaSanremo”: in ogni puntata, in cui si esibiranno quattro concorrenti – ma solo due saranno ammessi alla fase finale – un cantante famoso, che ha iniziato la propria carriera da Sanremo Giovani, sarà in studio a raccontare la propria esperienza al Festival, a dare consigli, a suggerire segreti del mestiere oltre a fare ascoltare i brani che gli hanno dato la celebrità. Il cast sarà arricchito dalla presenza di un ospite “amico” diverso in ciascuna puntata, un personaggio proveniente dal mondo del cinema e delle comicità, che sarà in studio a raccontare “il suo Sanremo” in una chiave leggera. “AmaSanremo” è un progetto realizzato in collaborazione con Rai RadioDue che trasmetterà l’evento e sarà presente in studio con uno dei suoi conduttori.

Solo alla fine di questo percorso si conosceranno i 10 finalisti dell’edizione di Sanremo Giovani, il contest, in onda in prima serata su Rai1 il 17 dicembre, che vedrà 10 “under 34” sfidarsi per conquistare la vittoria e aggiudicarsi 6 degli 8 posti disponibili (2 arriveranno da Area Sanremo) nella categoria Nuove proposte del Festival 2021.

Come si vota per i cantanti di AmaSanremo (Sanremo Giovani): Gli spettatori da casa potranno esprimere la propria preferenza attraverso il meccanismo del Televoto mediante chiamata telefonica può essere effettuato unicamente dalle utenze fisse site in Italia di Tim e Wind Tre, mentre non ne è possibile l’effettuazione da telefoni pubblici, da telefoni cellulari, oppure da utenze fisse site all’estero. Si effettua mediante digitazione del numero telefonico 894.001, attesa che il messaggio telefonico di risposta pre-registrato richieda di digitare il codice di identificazione della canzone-artista scelto, e digitazione infine del codice a due cifre di identificazione scelto. Per ciascuna chiamata da utenza fissa (indipendentemente dalla distanza, dall’orario e dalla durata della chiamata) con la quale effettivamente si esprima un voto valido, all’utente verrà addebitato l’importo di Euro 0,51 IVA inclusa. Nessun costo potrà essere addebitato nel caso in cui l’utente effettui un numero eccessivo di chiamate oppure digiti un codice di identificazione della canzone-artista non corretto o fuori tempo massimo, in questi casi l’utente ascolterà un messaggio gratuito di errore.

Il Televoto mediante SMS può essere effettuato unicamente da utenze mobili degli operatori telefonici TIM, Vodafone, Wind Tre (con sim/utenze a marchio “3”, “Wind” e “WINDTRE”), Poste Mobile, Coop Italia (con sim/utenze a marchio “CoopVoce”), iliad e ho.mobile inviando un SMS al numero 475.475.1 con il codice a due cifre di identificazione della canzone-artista scelto (o alternativamente utilizzando i seguenti “alias”: a titolo esemplificativo per la canzone-artista indicata con “01” anche: 1, uno, codice 1, codice1,codice 01, codice01). Per ciascun SMS ricevuto a conferma di voto valido, all’utente verrà addebitato dal proprio operatore (sul conto telefonico in caso di abbonamento o scalato dal credito in caso di ricaricabile) l’importo di Euro 0,50 IVA inclusa per SMS inviati da utenze Tim, Poste Mobile, CoopVoce e iliad e di Euro 0,51 IVA inclusa per SMS inviati da utenze Vodafone, ho.mobile e Wind Tre. Gli SMS di invio saranno gratuiti per tutti i clienti degli operatori che hanno aderito al servizio. Nessun costo potrà essere addebitato nel caso in cui l’utente invii un numero eccessivo di SMS di voto oppure una sintassi di voto non corretta o fuori tempo massimo, in questi casi l’utente riceverà un messaggio gratuito. L’utente paga soltanto i voti validi. Il Servizio di Televoto è riservato ai maggiorenni. Le numerazioni 894.001 e 475.475.1 di titolarità di TIM S.p.A., sono disabilitabili chiamando il proprio operatore telefonico.

La voce del slittaento del Festival di Sanremo 2021 ad aprile circolava una settimana fa sul web ma mancavano riferimenti alla fonte ufficiale. L’ipotesi che tutto questo parlare dello slittamento fosse un caso assolutamente inventato dal sito che per primo lo ha scritto, ora è una realtà.

Il vicedirettore di Rai 1, Claudio Fasulo, ha smentito lo slittamento del Festival di Sanremo 2021 ad aprile. Ha confermato che al momento si sta lavorando sulle date di marzo, già comunicate ufficialmente in precedenza. Stando a quanto è confermata alla data odierna, il Festival di Sanremo 2021 si terrà dal 2 al 6 marzo 2021. Assolutamente false ed infondate le voci che vedono la produzione e la dirigenza Rai lavorare per spostare il Festival numero 71 alle prime settimane di aprile.

Come se non bastasse la smentita da parte di Fasulo, anche il Comune di Sanremo ha smentito categoricamente ogni possibilità di slittamento. Il sindaco del Comune di Sanremo, Alberto Biancheri, ha smentito di aver richiesto il posticipo della kermesse canora. Da parte del Comune, alla Rai, non è stata avanzata nessuna richiesta a proposito delle date del Festival 2021, a differenza di quanto circolato in rete nelle scorse ore.

Si parlava infatti dell’idea del sindaco di chiedere un altro posticipo dello spettacolo, preoccupato per la situazione COVID-19. Le smentite non si sono fatte attendere: ad oggi si lavorare al Festival di Sanremo 2021 in programma dal 2 al 6 marzo del prossimo anno. Si valuterà con l’avvento del 2021 e l’evolversi della pandemia ogni altra ipotesi riguardo alla kermesse dedicata alla musica italiana.

Fondamentale sarà, ovviamente, attendere quantomeno la conclusione del secondo lockdown. Le decisioni conclusive sul Festival di Sanremo 2021 sono rimandate ai primi giorni del nuovo anno, sicuramente dopo le festività natalizie.

Confermato come direttore artistico Amadeus; di nuovo Fiorello al suo fianco nel Festival numero 71. Sono in corso le selezioni delle Nuove Proposte, mentre per i Big c’è da attendere.

Inoltre, il TAR del Lazio ha confermato la sanzione da 50mila euro comminata dall’AGCM alla RAI in seguito all’accertamento di una pratica commerciale scorretta del meccanismo di televoto per l’edizione 2010 del Festival di Sanremo: lo riferisce l’agenzia ANSA. La vicenda riguarda l’intervento di call center e di agenzie specializzate nel corso delle votazioni relative al concorso canoro di dieci anni fa.

I giudici hanno respinto il ricorso del servizio pubblico dopo aver acquisito “documenti che dimostrano che il pericolo di partecipazione al televoto da parte di call centers, di centri specializzati e di sistemi ripetitivi di voto, era ben nota in Rai quantomeno dal 2009”, pericolo – si legge nella pronuncia – per il quale la RAI, nonostante fosse “ben consapevole”, mancò di “renderne consapevoli gli utenti”.

“Alla luce delle considerazioni svolte dall’AGCM è evidente che la negligenza rimproverata a RAI è stata ravvisata, non nella mancata implementazione dei meccanismi di filtraggio e controllo del televoto, quanto piuttosto nella circostanza che, essendo consapevole delle lacune del sistema di televoto, RAI non ne ha informato i telespettatori”, ha concluso il TAR del Lazio.

“Siamo soddisfatti che pur dopo tanto tempo la posizione di FIMI che all’epoca aveva chiesto un intervento dell’antitrust e della Guardia di Finanza, sia stata accolta”, ha dichiarato a Rockol il CEO di FIMI Enzo Mazza: “Il sistema del televoto richiedeva e richiede misure di controllo che, devo dire, ancora oggi non ho capito se sono stati implementati da RAI e dai propri fornitori”.

Il procedimento riguardante l’utilizzo di call center o di sistemi organizzati per pilotare i risultati delle preferenze del pubblico venne avviato nel settembre del 2010, quando l’Antitrust intimò a Rai e Mediaset di provvedere all’esclusione delle utenze professionali dai meccanismi del televoto nei programmi tv: l’azione dell’AGCM fu innescata dalle polemiche seguite alle segnalazioni – inoltrate dagli stessi consumatori – inerenti presunte irregolarità commesse nel corso di programmi televisivi come il Festival di Sanremo (a cominciare dal concorso per giovani del 2009, Sanremo59) e Grande Fratello.