ESC 2020: Oggi verrà resa nota la città ospitante dell’ESC 2020

Publication7

La città ospitante della 65ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2020, che si terrà nei Paesi Bassi, per la quinta volta dopo le edizioni del 1958, 1970, 1976 e 1980), in seguito alla vittoria di Duncan Laurence nell’edizione precedente tenutasi a Tel Aviv con il brano “Arcade”, è quasi finita, sarà ufficialmente rivelata oggi alle 11.58 CET.

Maastricht o Rotterdam sarà svelata a mezzogiorno, come città ospitante perl’Eurovision Song Contest 2020. Le due città che sono state selezionate a luglio, stanno vivendo delle ore davvero emozionanti. Tra poco, alle 11:58 giungerà il momento tanto atteso nelle ultime settimane: la NPO annuncerà la città ospitante dell’Eurovision Song Contest 2020 in uno spot televisivo sui canali NPO1 e NPO2. Alle 12 invece, verrà resa disponibile la pagina dedicata alla nuova host city sul sito Eurovision.tv.

Dopo mesi di preparazioni e sfide, oggi entrambe le città saranno finalmente informate della suprema decisione presa da NPO e EBU-UER: “Non sappiamo nulla. È davvero eccitante, ma abbiamo fiducia nel lavoro che abbiamo fatto”, afferma il direttore del MECC di Maastricht Rob van de Wiel. 

Anche a Rotterdam non sono assolutamente sicuri di un risultato finale positivo. Susanne Blaas della Ahoy di Rotterdam:“Può davvero andare in due modi”.

Negli ultimi due giorni si è ipotizzato che Rotterdam fosse stata scelta per ospitare l’edizione. La speculazione è stata alimentata dall’elenco della città ospitante per il concorso, dai fan che hanno scoperto che la biografia dei Paesi Bassi sul sito ufficiale elencava la città ospitante dell’Eurovision Song Contest 2020 come Rotterdam. La pagina è stata poi rapidamente messa offline e poco dopo ne è apparsa un’altra, dedicata a “Maastricht 2020”.

La risposta da parte dell’EBU-UER non si è fatta attendere molto. Dopo qualche ora sul sito ufficale dell’EBU-UER è apparso questo messaggio: “Una pagina web è stata creata per entrambe le città di Rotterdam e Maastricht, in modo tale da dover cliccare solo un tasto venerdì alle 12 e rendere il flusso della notizia più veloce”.

L’annuncio ufficiale della città ospitante dell’Eurovision Song Contest 2020 è previsto  per oggi venerdì 30 agosto nel corso di due trasmissioni speciali di 2 minuti, uno alle 11:58 CET e l’altro alle 19:58 CET su NPO 1 e su NPO 2, entrambi poco prima del notiziario delle notizie pomeridiane del NOS Journaal, in cui la città ospitante dell’Eurovision Song Contest 2020 (Maastricht – MECC Maastricht o Rotterdam – Ahoy Rotterdam) verrebbe resa nota in diretta al pubblico olandese. Inoltre, NPO dovrebbe annunciare anche le date ufficiali per l’Eurovision Song Contest 2020. Probabilmente però l’evento si svolgerà la seconda o, ancor meglio, la terza settimana di maggio, in quanto le “più libere da eventi sportivi”. 

EDILgv5XYAAQPiY

Sia Maastricht che Rotterdam saranno informati 30 minuti prima del risultato in merito alla loro vittoria o sconfitta. Nel pomeriggio seguirà una conferenza stampa nella città vincente ed ospitante dell’Eurovision Song Contest 2020, organizzata da NPO e la città ospitante.

Come sappiamo all’indomani della vittoria olandese in Israele, la sessantacinquesima edizione verrà ospitata dai Paesi Bassi e l’organizzazione e la produzione spetterà alle tre emittenti televisive olandesi: AVROTROS, NPO e NOS, tredici città erano state prese in considerazione per ospitare l’evento (L’Aia – Cars Jeans Stadion, Malieveld -, Amsterdam – Amsterdam RAI, Ziggo Dome, Johan Cruijff Arena -, Arnhem -GelreDome -, Breda – Breepark -, Enschede – Enschede Airport Twente  -, Groninga, Leeuwarden – WTC Expo -, Maastricht – MECC Maastricht -, Rotterdam – Rotterdam Ahoy -, ‘s-Hertogenbosch – Brabanthallen -, Tilburg, Utrecht – Jaarbeurs – e Zwolle – IJsselhallen -), ma solo due città restano ancora in gara rispettando tutte le necessità del concorso: Maastricht e Rotterdam.

L’Eurovision Song Contest 2020 sarà ospitato dalle tre emittenti pubbliche olandesi NPO, NOS e AVROTROS in coordinamento con l’EBU-UER.

Al momento, 29 Paesi hanno manifestato l’intenzione di partecipare alla manifestazione: Albania (Festivali i Këngës 58), Australia, Austria (selezione interna), Belgio (selezione interna), Bielorussia, Cipro (selezione interna), Danimarca (Dansk Melodi Grand Prix 2020), Estonia (Eesti Laul 2020), Finlandia (UMK 2020), Francia, Georgia (Georgian Idol 2020), Germania, Irlanda, Israele (Rising Star 2020 per l’artista, finale nazionale per il brano), Lettonia, Lituania (Eurovizijos 2020), Norvegia (Melodi Grand Prix 2020), Paesi Bassi – organizzatore – (selezione interna), Portogallo (Festival da Canção 2020), Regno Unito, Repubblica Ceca (Eurovision Song CZ 2020), Russia, San Marino, Serbia, Slovenia (EMA 2020), Spagna, Svezia (Melodifestivalen 2020), Svizzera (selezione interna) e Ucraina; mentre non hanno ancora manifestato se intendono partecipare alla manifestazione: Armenia, Azerbaigian, Ungheria, Moldavia, Macedonia del Nord, Polonia, Romania, Italia, Malta, Montenegro, Islanda, Croazia e Bulgaria.

L’Andorra, Bosnia ed Erzegovina, Kazakistan, Liechtenstein, Lussemburgo, Monaco, Slovacchia e Turchia, hanno confermato che non parteciperanno alla manifestazione.

Anche se l’elenco definitivo dei paesi partecipanti all’edizione 2020 dell’ESC sarà possibilmente soggetta a cambiamenti fino al rilascio della lista ufficiale dei partecipanti da parte dell’EBU-UER in programma nel mese di Gennaio 2020. Il termine per i paesi partecipanti per presentare le loro domande di partecipazione preliminare si concluderà entro il 15 settembre 2019. In seguito tutti i paesi partecipanti avranno un periodo di grazia entro il 10 ottobre 2019 per confermare ufficialmente la propria iscrizione o ritirarsi senza pagare la penale, novità introdotta dall’EBU-UER l’edizione 2015. Dopo quella data, non sarà più possibile il ritiro, o meglio, sarà possibile ma pagando una sanzione monetaria. Il sorteggio che determinerà la composizione delle Semifinali (in quale metà delle due Semifinali si esibiranno i Paesi sorteggiati) e la Semi-Finale in cui avrà diritto di voto i Paesi già qualificati alla Finale (Big Five + Paesi Bassi), si svolgerà a fine gennaio.