Sanremo 2021: Ecco le 10 co-conduttrici del Festival di Sanremo 2021 chi saranno sul palco con Amadeus

Il quotidiano italiano Corriere della sera ha svelato in anteprima quali saranno le dieci donne, le 10 co-conduttrici del Festival di Sanremo 2021, che accompagneranno Amadeus sul palco lungo le cinque serate della kermesse canora. Dopo qualche ora l’articolo disponibile è misteriosamente scomparso dal sito.

Sanremo 2021 dà spazio alle donne che sul palco non si limiteranno ad un ruolo di vallette del presentatore ma si alterneranno con lui per la conduzione vera e propria della kermesse canora dedicata alla musica italiana. Sul palco del Teatro Ariston di Sanremo, due donne per ogni serata del Festival che si svolgerà dal 2 al 6 marzo 2021. Conduttrici, attrici e cantanti e qualche volto già visto lo scorso anno. Oltre alla cantante Elodie Di Patrizi (che lo scorso anno prese parte al Festival di Sanremo con il brano “Andromeda”. Il suo album è stato tra i più venduti tra quelli usciti da Sanremo 2020 oltre ad essere il disco di una donna più acquistato e streammato lo scorso anno) e all’attrice 25enne Matilda De Angelis, il direttore artistico ha puntato su personaggi particolarmente apprezzati dal pubblico italiano.

Tra le altre 8 donne co-conduttrici del Festival di Sanremo 2021 ci saranno Miriam Leone (ex Miss Italia è molto apprezzata in Italia e all’estero, oggi presentatrice e attrice di successo); Vanessa Incontrada (nome che è stato fatto più volte in questi ultimi anni del Festival, numerosi successi da attrice e da conduttrice televisiva di importanti programmi, tra cui i Music Awards, al fianco di Carlo Conti); Georgina Rodríguez (compagna del campione della Juventus, Cristiano Ronaldo); Diletta Leotta (la conduttrice sportiva, particolarmente al centro del gossip in questi giorni per via di un presunto flirt con l’attore turco Can Yaman. Lo scorso anno fece particolarmente discutere il suo monologo sulla bellezza, ma il successo di pubblico da parte della Leotta pare essere cresciuto notevolmente); Alice Campello (moglie del bomber juventino Alvaro Morata); Mariacarla Boscono (la top model, presunto flirt di Stefano De Martino qualche mese fa); Matilde Gioli (un’altra attrice diventata nota per il pubblico di Rai1 grazie alla partecipazione alla Fiction da ascolti record, DOC – Nelle tue mani) e Giovanna Civitillo (moglie di Amadeus, nota al pubblico anche per la sua partecipazione a L’Eredità).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le 10 co-conduttrici del Festival di Sanremo 2021 affiancheranno il direttore artistico da martedì 2 marzo a sabato 6 marzo 2021, in ognuna delle cinque serate dello spettacolo che tuttavia potrebbe ancora slittare. Nonostante le smentite di Amadeus e della Rai a proposito di posticipi a fine marzo o ad aprile, c’è chi auspica lo slittamento al 2022 per evitare che il memento goliardico del Festival di Sanremo 2021 diventi un focolaio pericoloso, in epoca Covid.

A Sanremo si lavora per il corretto svolgimento della manifestazione, nel pieno rispetto delle regole anti contagio, incluse quelle del distanziamento che vieteranno di fatto ogni evento collaterale. Il palco esterno sarà inutilizzabile e il pubblico che si accalcava intorno al Red Carpet e tra le strade della cittadina ligure sarà assolutamente da evitare.

Per quello presente in Teatro, invece, la Rai punterà sui figurati ovvero su persone retribuite in una prestazione lavorativa. Ancora in bilico la nave anti-covid che dovrebbe accoglierlo.

Inoltre, la Rai cerca urgentemente coppie di figuranti (claqueur) per per le cinque serate del Festival di Sanremo 2021. Per la 71/ma edizione del Festival di Sanremo, la Rai sta reclutando, con carattere di urgenza, coppie di figuranti (claqueur) per le cinque serate in diretta dal Teatro Ariston. Nell’avviso si legge che l’impegno è previsto: dal 2 al 6 marzo 2021 e sono richieste persone conviventi da predisporre in coppia.

Ecco quanto è riportato l’avviso: “Esattamente è fondamentale avere il requisito di convivente – è scritto nell’avviso – che permetterà di occupare due poltrone ravvicinate distanziate dalle altre almeno di un metro. Sarà richiesta un’autodichiarazione di convivenza e inoltre sarà richiesto un tampone (rimborsato da Rai) nei giorni precedenti la prima convocazione”. Gli interessati possono inviare una mail al seguente indirizzo: ufficiofigurantisanremo@rai.it con, indicando: nome, cognome e numero di telefono e allegando una foto recente in primo piano, frontale e senza occhiali da sole.

Inoltre, è stata confermata la presenza dell’orchestra: a dispetto di quanto ipotizzato negli scorsi giorni, i cantanti non si esibiranno su basi ma saranno accompagnati dagli oltre 60 elementi dell’organico dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo. Così Andrea Rodini, produttore, arrangiatore e direttore d’orchestra che a Sanremo 2021 accompagnerà Noemi, delinea le possibili modalità di presenza degli oltre sessanta orchestrali del Festival all’Ariston: “Immagino che al Festival di Sanremo sarà riproposto il modello della prima della Scala: gli orchestrali che non devono usare la bocca per suonare indosseranno la mascherina, mentre quelli che hanno strumenti a fiato saranno circondati dal plexiglas. Anche noi direttori dovremo indossare la mascherina”.

Le prime prove, fa sapere Rodini, si svolgeranno a Roma tra questa settimana e la prossima “con strettissime limitazioni per evitare i contagi ed impedire l’ulteriore diffusione del virus”: “Oltre al direttore d’orchestra sarà ammesso un solo accompagnatore per cantante. Bisogna presentarsi un paio di ore prima rispetto all’orario delle prove con un attestato che certifichi di essersi sottoposti a un tampone privatamente, dunque a proprie spese, nelle 48 ore precedenti e che il tampone abbia dato esito negativo. Lì sul posto ci si sottoporrà poi a un tampone rapido”. Attesi agli studi “De Paolis” di via Tiburtina i 34 cantanti in gara (i 26 big e le 8 “nuove proposte”), i rispettivi direttori d’orchestra e accompagnatori.

E a Sanremo, nella settimana dal 2 al 6 marzo 2021, quella dal 2 al 6 marzo, cosa succederà? È prevista, tra gli orchestrali, la presenza di riserve che possano prendere il posto dei titolari in caso – facciamo gli scongiuri – di contagio? “Non ne ho la minima idea – risponde Rodini – a noi direttori d’orchestra, per ora, è stato solamente detto che ognuno dovrà portarsi la propria cuffia. La Rai si sta adoperando per garantire la sicurezza di tutto il cast, orchestrali e direttori compresi. Poi ci vorrà una buona dose di fortuna. Come in tutti gli altri contesti della vita quotidiana, d’altronde, dal bar in poi. Comunque è tutto in continua evoluzione, si naviga a vista”.

Il Festival, come d’altronde impone il DPCM attualmente in vigore (sarà valido fino al 5 marzo), si svolgerà a porte chiuse: il pubblico dell’Ariston sarà composto da qualche centinaio di figuranti (380 in tutto, secondo i conti di Amadeus), pagati e tamponati Il Teatro sarà di fatto riconvertito a studio televisivo: “È evidente che sia una situazione complicata.

Ed è ovvio che se te ne esci fuori con idee creativamente parlando interessanti ma nei fatti bislacche, come la nave, presti poi il fianco alle critiche. Però fatto così Sanremo non è in contrasto con il decreto in vigore: anche la prima della Scala è stata fatta senza pubblico”, commenta Rodini. Proprio in queste ore la Rai ha dato il via alle ricerce dei figuranti, facendo recapitare a chi ha già avuto precedenti esperienze di firuante, un messaggio con i requisiti richiesti: “Per il Festival di Sanremo 2021, stiamo reclutando con carattere di urgenza dei claqueur per le cinque serate in diretta dal teatro Ariston. L’impegno è previsto dal 2 marzo 2021 al 6 marzo 2021 e sono richieste persone conviventi da predisporre in coppia. Esattamente è fondamentale avere il requisito di convivente che permetterà di occupare due poltrone ravvicinate distanziate dalle altre almeno di un metro. Sarà richiesta un’autodichiarazione di convivenza e inoltre sarà richiesto un tampone (rimborsato da Rai) nei giorni precedenti la prima convocazione”.

Andrea Rodini, classe 1970, è impegnato sulle scene in più vesti, da produttore artistico (Renzo Rubino) a discografico (Spaghetti Records), passando per quelle di insegnante (dal 2008 è docente al CPM di Milano e tra i suoi ex allievi c’è anche Mahmood): “Da musicista – dice – l’unica critica che mi sento di muovere nei confronti del governo è quella di non aver prestato molta attenzione al significato più ampio della parola salute, nella quale rientra tutto, dallo spettacolo alla cultura. A rimetterci di più sono stati i ragazzi, costretti a rinunciare a una parte importante della propria vita: da insegnante, di fronte alle lezioni in streaming anche io comincio ad accusare un po’ di stanchezza”.

Spuntano i primi nomi dei super ospiti italiani del Festival. Giuliano Sangiorgi (Negramaro), Fiorella Mannoia, Ornella Vanoni ed Elisa, verso Sanremo 2021, tra gli ospiti italiani contattati dal direttore artistico, Amadeus. Sono solo indiscrezioni ma se escono dal sito DavideMaggio.it, forse alla conferma non manca poi così tanto.

Fiorella Mannoia aveva già lasciato intuire qualcosa nel corso della conferenza stampa per la presentazione del suo show, La Musica Che Gira Intorno, in onda su Rai1 in due serate. Al suo nome si aggiunge quello di Elisa ma non solo.

Secondo quanto riferisce DavideMaggio.it, la Rai sta lavorando ai contratti di Giuliano Sangiorgi dei Negramaro (con o senza band) e di Ornella Vanoni, attesa a breve proprio con un nuovo disco di inediti. DavideMaggio.it riferisce che i suddetti ospiti sarebbero coinvolti “a vario titolo” nel corso delle cinque serate. Non tutti dunque potranno essere considerati dei semplici ospiti italiani, al Teatro Ariston di Sanremo con i relativi nuovi singoli in radio per una sola performance dal vivo. Non sono emersi, però, al momento, ulteriori dettagli e del resto non è da considerare confermato al 100% neanche la stessa kermesse canora sebbene in Rai si stia lavorando intensamente per evitare lo slittamento al 2022.

Smentito lo slittamento a metà marzo e ad aprile, al Festival 2021 restano due possibilità: svolgersi secondo le normative anti Covid nelle date indicate, ovvero dal 2 al 6 marzo di quest’anno, oppure slittare direttamente al 2022 con lo stesso cast (presumibilmente). Se così fosse, significherebbe un anno di pausa per la kermesse canora che il prossimo anno riproporrebbe la numero 71.

In attesa di conoscere le sorti sanremesi, la produzione e la direzione artistica continuano a lavorare sulla programmazione degli ospiti, in attesa di conferme definitive sull’effettiva possibilità di svolgimento della kermesse.