SAN MARINO all’Eurovision Song Contest


San Marino

EuroSan_Marino.svg.png

  • Emittente televisiva: SMRTV
  • Processo di Selezione: Selezione Nazionale () | Selezione Interna ()
  • Organizzazione concorso – Paese ospite: 
  • Numero di partecipazioni: 10 (2 finali)
  • Lingue:  Inglese ()
  • Prima partecipazione: ESC Belgrade 2008: Miodio | Complice
  • Miglior piazzamento: Top 5: FI:  | SF: 
  • Miglior piazzamento Top 10: FI: 19th: 2019
  • Peggior piazzamento (Bottom): FI: | SF: Ultimo 2008 SF, 2017 SF
  • Qualificazioni per la Finale: 2 su 10 (dal 2004)
  • Numero di vittorie: 
  • Nul points (Nil points): FI: | SF: 

La Repubblica di San Marino ha partecipato all’Eurovision Song Contest nel 2008 e stabilmente dal 2011, con due finali conquistate nel 2014 e 2019.

Lo stato già si era interessato all’evento a giugno 2007 (poco dopo la fine della 52ª edizione), poi 5 mesi dopo, il 22 novembre, è arrivato l’annuncio del debutto della piccola repubblica, la cui televisione di Stato è San Marino RTV. Il piccolo stato è anche il 50° in assoluto a prendere parte all’Eurovision.

Il 12 febbraio, San Marino RTV ha annunciato il bando per la prima partecipazione all’ESC, e a esso aderiscono un centinaio di canzoni ed un’apposita giuria, presieduta da Little Tony (e in seguito guidata dal musicista Vince Tempera), dopo aver ridotto il lotto di aspiranti a 15. la scelta è stata il brano dal titolo Complice del gruppo Miodio (composto da 2 sammarinesi e 3 italiani). questi ultimi si sono esibiti nella semifinale del 20 maggio a Belgrado ma rimanendo fuori dalla finale. SMRTV ha assegnato i voti tramite una giuria interna, senza ricorrere al televoto per problemi tecnici.

Il 3 giugno 2008, il vincitore di tale edizione, Dima Bilan, ha fatto visita alla Repubblica nell’ambito del Winner’s Tour, promozione riservata ai vincitori dell’Eurofestival.

Nel 2009 e nel 2010 non ha partecipato a causa di problemi economici.

Ha preso parte all’Eurovision Song Contest 2011, ed è stata rappresentata dalla bolognese di origine eritrea Senit, che è stata scelta da una commissione interna guidata dal direttore Carmen Lasorella, col motivo Stand By, il quale sconta la freddezza del televoto che controbilancia la buona valutazione delle giurie, chiudendo 16º su 19 nella prima semifinale. In quest’occasione Senit gira l’Europa per promuovere il suo brano toccando nove diversi paesi (Azerbaigian, Turchia, Malta, Georgia, Armenia, Serbia, Croazia, e gli eventi speciali nei Paesi Bassi e nel Regno Unito).

Il paese ha espresso interesse a partecipare all’Eurovision Song Contest 2012 che si tiene a Baku, poi confermati nella partecipazione. La canzone originariamente scelta il 16 marzo per Valentina Monetta (artista sammarinese scelta per la rappresentazione della repubblica del Titano), ovvero Facebook Uh Oh Oh, che aveva come autori l’esperto Ralph Siegel per la musica e lo spezzino Mauro Balestri per il testo, è stata rifiutata dall’Unione europea di radiodiffusione per via dei contenuti che richiamavano chiaramente il noto social network. Il piccolo stato ha quindi rielaborato il testo del brano, eliminando i riferimenti al nome e al fondatore, ripresentandolo il 22 dello stesso mese con un nuovo titolo: The Social Network Song (Oh Oh Uh Oh Oh). Il brano non riesce a qualificarsi per la finale, ma, con il suo 14º posto in semifinale, raggiunge la posizione più alta dall’entrata in gara del Titano.

Per il 2013 a Malmö San Marino fa il bis con la Monetta che canta il brano Crisalide (Vola), sempre degli stessi autori del brano dell’anno precedente e cantata in italiano. Esiste anche una versione inglese dal titolo Chrysalis. La canzone, premiata dai fan club OGAE come seconda, si ferma a un passo dalla finale: 11°.

L’anno dopo, a Copenaghen, la triade Monetta-Siegel-Balestri si ripropone con il brano Maybe (Forse), con il tedesco che dopo oltre 30 anni torna direttamente sul palco nelle vesti di pianista, e la cantante che uguaglia Udo Jürgens nel partecipare tre volte di fila all’ESC; questa volta arriva il 10º posto, con un solo punto davanti al Portogallo, che vale una storica finale per il Titano, chiusa al 24º posto.

Per l’edizione del 2015 a Vienna, la tv del Titano ha scelto due giovani artisti reduci dallo Junior Eurovision Song Contest: l’italiano Michele Perniola, di Mottola (2013), e la sammarinese Anita Simoncini (parte di The Peppermints nel 2014). Il brano scelto, di nuovo firmato da Siegel, è in lingua inglese; il video dello stesso è diretto dal ferrarese Fabrizio Oggiano, in arte Zizzomagic, vincitore del contest indetto dalla tv insieme al MEI, Meeting per le etichette indipendenti di Faenza, ed è stato girato in alcuni luoghi del Molise. Il direttore artistico è Antonello Carozza, già produttore e direttore artistico di Michele Perniola nel Junior Eurovision Song Contest 2013 e delle The Peppermints nel Junior Eurovision Song Contest 2014. Arrivano penultimi in semifinale.

La scelta per il 2016 è il cantante turco Serhat, che chiude al 12º posto in semifinale con la versione disco di I Didn’t Know.

Per il 2017 torna Valentina Monetta, questa volta con l’artista statunitense Jimmie Wilson, col brano Spirit of the Night, nuovamente in lingua inglese e ancora opera di Ralph Siegel. Durante la seconda semifinale, il duo si piazza all’ultimo posto con un solo punto, causando il peggior risultato in termini di punteggio dello stato del Titano.

Nonostante forti dubbi agli inizi, lo tv del Titano conferma la partecipazione alla 63ª edizione a Lisbona, ma per la prima volta appronta una selezione internazionale con la collaborazione del sito internet 1in360. La scelta alla fine ricade sulla cantante maltese Jessika in collaborazione della cantante tedesca Jenifer Brening, con il brano Who We Are senza però riuscire ad accedere alla finale.

In occasione della decima partecipazione alla manifestazione, nel 2019 a sventolare la bandiera del Titano sarà nuovamente il cantante turco Serhat, con il brano dance Say Na Na Na che vale la qualificazione alla serata finale, chiusa al 19º posto (sostenuto grazie al televoto), migliore risultato dello stato, che ha portato a confermare la sua presenza nel 2020.

San Marino RTV ha sempre trasmesso l’ESC nella sua integralità (compresa la semifinale in cui non aveva diritto di voto), anche via radio e internet, e sul satellite dal 2013, sempre commentato da Lia Fiorio e Gigi Restivo, che con 30 serate all’attivo (a causa dell’allargamento dell’evento a tre serate) sono i commentatori di lingua italiana col maggior numero di serate raccontate. Nel 2014, in streaming ha fornito il commento in inglese da parte di John Kennedy O’Connor e Jamarie Milkovic collegati da Copenaghen, l’anno dopo ha invece fornito la seconda semifinale in tale modalità. Lo storico britannico collabora con la tv del Titano dal 2012 fornendo le sue recensioni sui partecipanti, ed è stato spokesperson dello Stato nel 2013 e nel 2018.

Partecipazioni nel corso degli anni

Note: Edizione | # | Artista (i) | Canzone [Musica (m) / Texto (t)] | Lingua (Traduzione) | Punteggio | Posizione | Processo di Selezione

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...