ESC 2016 – Bulgaria: BNT conferma l’eventuale presenza all’ESC 2016

BNT

L’emittente pubblica bulgara BNT (БНТ) ha confermato oggi che è stata presentata la domanda di partecipazione preliminare della Bulgaria alla 61ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2016, che si terrà per la sesta volta in Svezia, presso la Globen Arena di Stoccolma in Svezia il 10, 12 e 14 maggio 2016, dopo 2 edizioni di assenza.

Nonostante l’atteso ritorno della Bulgaria alla kermesse non è stato ancora confermato completamente, la BNT ha confermato l’interesse a partecipare alla prossima edizione dell’Eurovision di Stoccolma, presentando la domanda di partecipazione preliminare, come confermato poche ore fa tramite il proprio account ufficiale Twitter Eurovision Bulgaria: “’16: Final confirmation to be given on a later date (until Oct, 10th). For now: Hallå Sverige! :)”. Anche se fino al 10 ottobre 2015 la BNT ha tempo per confermare la propria iscrizione definitiva o ritirarsi senza pagare la penale, novità introdotta dall’EBU-UER l’edizione scorsa.

Inoltre va ricordato che la richiesta preliminare di partecipazione non è una conferma e, di fronte a problemi economici che purtroppo sono ancora presenti nel Paese, dovremo aspettare il prossimo Gennaio per la conferma ufficiale, che arriverà direttamente dall’EBU-UER.

La Bulgaria è stata assente dell’ESC due volte di fila, dopo che dal 2014 si era ritirata dal concorso sempre per mancanza di fondi: Nel 2014 la BNT ha deciso di non partecipare a questa edizione a causa dei problemi finanziari che affliggono l’Ente pubblico e nel 2015 nonostante un’iniziale conferma e la concessione di una ulteriore proroga del termine di iscrizione ufficiale, la BNT ha annunciato che non avrebbe partecipato a questa edizione per motivi economici.

L’ultima volta che la Bulgaria ha partecipato all’ESC è stato nella edizione 2013 a Malmö, quando il Paese è stato rappresentato da Elitsa Todorova (Елица Тодорова) e Stoyan Yankoulov (Стоян Янкулов) con la canzone “Samo shampioni” (Само Шампиони), piazzandosi al 12° posto nella Finale.

Al momento 34 paesi hanno già confermato la loro presenza e diverse date delle finali nazionali sono state già impostate: dopo la Svezia – paese organizzatore – (selezione: Melodifestivalen 2016), la Spagna, l’Italia (resta il dubbio su come verrà scelto il rappresentante italiano), l’Israele (selezione: ‘The Next Start’ – הכוכב הבא, HaKokhav HaBal), il Regno Unito, l’Ungheria (selezione: A Dal 2016), Malta (selezione: Malta Eurovision Song Contest 2016), l’Irlanda, la Germania (selezione: Unser Song Für Schweden), l’Estonia (selezione: Eesti Laul 2016), la Francia, la Lettonia (selezione: Supernova 2016), la Finlandia (selezione: Uuden Musiikin Kilpailu – UMK 2016), il Belgio (selezione: Eurosong 2016), i Paesi Bassi (selezione interna), la Danimarca (selezione: Dansk Melodi Grand Prix 2016), la Norvegia (selezione: Norsk Melodi Grand Prix 2016), la Lituania, l’Islanda, la Bielorussia, la Svizzera (selezione: Die Grosse Entscheidungsshow 2016), la Repubblica Ceca (selezione interna), l’Austria (selezione nazionale), Il Cipro, la Polonia, la Grecia, l’ERI di Macedonia, l’Azerbaigian, la Slovenia, la Georgia e tra questi notiamo la Turchia, che ritorna nel concorso dopo ben 3 anni d’assenza (la sua ultima partecipazione risale al 2012); l’Ucraina che non ha partecipato per un anno, nell’edizione del 2015; la Bosnia ed Erzegovina, anche se è dubbio a causa della crisi interna che sta subendo e la (questa ultima anche se non hanno confermato nulla, ma vista la partecipazione alla tredicesima edizione dello Junior ESC a Sofia, il 21 Novembre, è evidente l’interesse nella manifestazione).

Inoltre hanno dimostrato interesse e voglia di partecipare alla prossima edizione senza nessuna conferma o smentita: l’Albania, la Slovacchia e la Croazia.

Resta l’incognita Australia, se l’EBU-UER deciderà di farla partecipare o meno dopo che per il 2015 era stata dichiarata come partecipazione unica e straordinaria e l’incognita, secondo la SBS ci potrebbe essere un grosso nome. Cina dopo la fuga di notizie secondo le quali ci sarebbe l’intenzione di portarla in gara per allargare il bacino di audience del contest anche ad Oriente.

Mentre hanno confermato l’assenza l’Andorra, per motivi economici a causa della mancanza di sponsor; Monaco e il Lussemburgo, che non hanno intenzione di rientrare nella competizione neanche quest’anno, portando così rispettivamente a 10 e 23 le edizioni consecutive di assenza.

Anche se l’elenco definitivo dei paesi partecipanti all’edizione 2016 dell’ESC sarà possibilmente soggetta a cambiamenti fino al rilascio della lista ufficiale dei partecipanti da parte dell’EBU-UER in programma nel mese di Gennaio 2016.

Il termine per i paesi partecipanti per presentare le loro domande di partecipazione preliminare si conclude oggi 15 settembre 2015 e avranno tempo fino al 10 ottobre 2015 per confermare la propria iscrizione o ritirarsi senza pagare la penale, novità introdotta dall’EBU-UER l’edizione scorsa. Dopo quella data, non sarà più possibile il ritiro, o meglio, sarà possibile ma pagando una sanzione monetaria.

Il paese ha debuttato all’Eurovision Song Contest 2005 (9 partecipazioni, 1 Finale) con la canzone “Lorraine”, interpretata dal gruppo jazz dei Kaffe (Каффе). Essendo la prima partecipazione, la Bulgaria dovette partecipare alla Semifinale, non riuscendo però ad entrare in finale. Nell’2006 la Bulgaria si è ripresentata alla Semifinale con Mariana Popova (Мариана Попова) e la sua canzone “Let Me Cry”, non raccogliendo però grandi risultati. Nel 2007 la canzone “Water ” (Voda, Вода) ha raggiunto il 5º posto, miglior risultato finora, nonché unica finale conquistata. Nel 2014 dopo aver inizialmente confermato la propria partecipazione, ha deciso di ritirarsi a causa dei problemi finanziari ed alla mancanza di sponsor.