ESC 2014: „Rise Like a Phoenix“ di Conchita Wurst per Copenaghen

wurst

É stata appena presentata una anteprima della canzone con cui Conchita Wurst si esibirà sul palco della B&W Hallerne di Copenaghen il prossimo Maggio.

Wurst

Stamattina alle 07.45 all’interno del programma radiofonico Hitradio Ö3 ‘Ö3-Wecker’ condotto da Robert Kratky, è stato rilasciato uno snippet del brano „Rise Like a Phoenix“, con il quale Conchita Wurst rappresenterà l’Austria all’ESC 2014. É possibile ascoltare il frammento della canzone qui

Hitradio Ö3

Il videoclip ufficiale sarà rilasciato alle 11:00 CET, anche se sul web è già trapelata la versione integrale del brano. „Rise Like a Phoenix“ è stato scritto da Charly Mason, Joey Patulka, Ali Zuckowski e Julian Maas.

Conchita Wurst si esibirà con „Rise Like a Phoenix“ per la prima volta all’interno del talent “Dancing Stars” (adattamento austriaco del talent britannico Strictly Come Dancing) nei prossimi giorni. Prima di questa esibizione si è svolta  una selezione interna tra 5 canzoni candidati, di cui alcune sono state scritte dalla stessa artista.

Wurst è stata scelta internamente come rappresentante dell’Austria per l’ESC 2014 dell’emittente pubblica ÖRF, lo scorso 10 Settembre 2013.

Conchita Wurst

Conchita Wurst (Thomas „Tom“ Neuwirth), venticinquenne di Gmunden, nel 2006 Conchita Wurst ha preso parte alla terza edizione dello show austriaco ‘Starmania‘, ottenendo il secondo posto (dietro a Nadine Beiler, rappresentante austriaca all’ESC 2011). Un anno dopo, nel 2007, ha fondato le Boyband jetzt anders! che si divise nello stesso anno.

Nel 2011, ha partecipato allo show ‘Die große Chance‘. Inoltre ha creato questo personaggio femminile ma dalla evidente barba. Da allora, di certo non è passata inosservata in Austria. 

Nel 2012 Conchita Wurst ha partecipato alla selezione nazionale austriaca per l’ESC 2012, Österreich rockt den Song Contest, con il brano ”That’s what I am”, posizionandosi al secondo posto dietro ai Trakshittaz, con la loro “Woki mit deim Popo”, classificatisi poi all’ultimo posto in semifinale all’ESC 2012.

Più di recente, Conchita Wurst partecipato alla produzione dell’ÖRF, ‘Die härtesten Jobs Österreichs’, dove ha lavorato in una fabbrica di pesce e alla produzione della RTL,Wild Girls‘, dove un gruppo di candidati dovevano sopravvivere nei deserti della Namibia / Africa insieme ad una tribù indigena .

Conchita Wurst, non è il primo cantante travestito nel Festival. Nel 2002 il trio Sestre rappresentò la Slovenia con il brano “Samo ljubezen” (Only love), nel 2007 al terzo posto si classificò Verka Serduchka con il brano “Dancing Lasha Tumbai“ (Dancing Лаша Тумбай) per l’Ucraina e inoltre la Danimarca entrò in concorso con la drag queen DQ e il suo brano Drama Queen“, il bulgaro Azis accompagnò la connazionale Marina Popova nel 2006, il pupazzo irlandese Dustin the Turkey nel 2008 e gli olandesi De Toppers nel 2009 si fecero accompagnare da cantanti/ballerini en travesti.

L’Austria ha partecipato per la prima volta all’Eurovision Song Contest, nel 1957 e tuttavia senza grandissimo successo. Il paese ha vinto una sola volta, nel1966 con “Merci, Chérie” (Thank you, darling) di Udo Jürgens, ed è arrivato sette volte ultimo.

Le partecipazioni nel nuovo millennio dell’Austria sono state caratterizzate da canzoni un pò particolari che si discostano dallo stile pop tipico dell’evento. Nell’edizione 2003 il cantante comico Alf Poier ha cantato “Weil der Mensch zählt” (Man is the measure of all things) , una canzone che parla di una fattoria di animali, che conquista il sesto posto.

Nell’edizione 2004 è stata rappresentata dalla boyband Tie Break (ultima finale per il Paese alpino fino al 2011), mentre nel 2005 è rappresentata dalla folk band Global Kryner che ha presentato una canzone in un improbabile mix latino tirolese, “Y así”, che finisce 21º in semifinale. Proprio per questo pessimo risultato, l’ÖRF (la televisione di stato austriaca), ha deciso di non partecipare all’edizione del 2006 adducendo come motivazione la scarsa valorizzazione della musica austriaca nella manifestazione ma soprattutto un sistema di voto che non rispecchierebbe i valori musicali; nonostante ciò trasmise lo stesso la kermesse. 

Dopo la deludente partecipazione nel 2007, annunciò il ritiro per il 2008 con le stesse motivazioni di 2 anni prima, ma l’ÖRF garantitì comunque la messa in onda. Non così per il 2009, quando essa trasmise solo i voti per verificare l’equità del nuovo sistema, mentre nel 2010 l’evento non è stato trasmesso.

Nel 2011 l’ÖRF ha deciso di tornare al Festival, mandando Nadine Beiler che ha vinto la selezione nazionale; arrivata in finale (per la prima volta dal 2004), raggiunge il 18º posto. Nel 2012, il Paese decide di tentare con una canzone rap del duo bavarese Trackshittaz: il brano non supera la semifinale.