ESC 2018: L’EBU-UER assicura dei finanziamenti dell’UE per aiutare alle emittenti dei Balcani

EBU-sede.png

L’Unione Europea di radiodiffusione (EBU-UER) ha assicurato dei finanziamenti dell’UE per sostenere il servizio pubblico dei media (PSM – Public Service Media) nei paesi dei Balcani.
L’Unione Europea (UE) lancia un nuovo progetto pilota che servirà a raccogliere fondi come anticipato prima per raffozare i PSM (Public Service Media) nei paesi dei Balcani.

Si tratta in sostanza di un progetto che prenderà le forme da quello realizzato dall’EBU-UER nel triennio 2013-2015 e dal programma di partnershipo dell’EBU-UER, per rafforzare i servizi pubblici dei paesi balcanici, per evitare che entrino in crisi a causa della cattiva gestione dovuta alle interferenze politiche, come già successo nell’ERI di Macedonia e in Bosnia Erzegovina. A beneficiare dei fondi saranno in particolare le tv di Albania (RTVSH), Bosnia ed Erzegovina (BHRT), Kosovo (RTK), ERI di Macedonia (MKRTV), Montenegro (RTCG) e Serbia (RTS).

Radka Betcheva (capo delle relazioni esterne e della zona est europea dell’EBU-UER) è stata responsabile di un progetto pilota creato per aiutare il servizio pubblico dei media nei paesi dei Balcani occidentali tra il 2013 e il 2015. Ed è molto contenta che questo nuovo progetto finanziato dell’EBU-UER rafforzi il primo progetto pilota e l’EBU Partnership Programme.

Il programma di partenariato EBU-UER (l’EBU Partnership Programme) è stato istituito nel 2009 per aiutare i membri dell’EBU-UER in difficoltà. 

A spiegare il progetto è Radka Betcheva, capo delle relazioni esterne e della zona est europea dell’EBU-UER,  che fu a capo del citato esperimento: “Il servizio pubblico nei balcani occidentali è ancora fortemente vulnerabile ad interferenze politiche. Questo progetto fornirà l’urgente assistenza necessaria per intraprendere un agevole programma di riforme e adattarsi ad un ambiente in rapida evoluzione dei media. Trarremo spunto dai precedenti progetti di sostegno finanziati dall’UE e dal  programma di partenariato EBU-UER”.

Questa sarà una collaborazione tra l’EBU-UER e 5 diverse organizzazioni per lo sviluppo del progetto, che sarà guidato dalla Federazione Internazionale dei giornalisti (International Federation of Journalists – IFJ) e riceverà fondi UE dedicati. Saranno coinvolti nel progetto la Federazione Europea dei Giornalisti (The European Federation of Journalists – EFJ), l’ÖRF (l’emittente pubblica austriaca), la Rete di segnalazione investigativa balcanica (Balkan Investigative Reporting Network – BIRN) e l’Ufficio dello scambio di notizie dell’Eurovisione per i paesi dell’Europa sudorientale (Office of the Eurovision News Exchange for South-East Europe – ERNO).

L’emittenti nazionali dei paesi che si beneficieranno del progetto saranno in particolare RTVSH (Albania), BHRT (Bosnia ed Erzegovina), RTK (Kosovo), MKRTV (ERI di Macedonia), RTCG (Montenegro) e RTS (Serbia).

Noel Curran, Direttore Generale dell’EBU-UER commenta: “Sono lieto che siamo riusciti a far parte di questo progetto dell’unione europea: servirà a dare un aiuto cruciale per la riforma del servizio pubblico dei media (PSM – Public Service Media) in questa regione e allo stesso tempo per incrementare la nostra collaborazione con la UE”.

Le priorità del progetto saranno tre:

  • Sostenere la loro autonomia finanziaria e istituzionale e creare una maggiore responsabilità verso il pubblico;
  • Migliorare le politiche editoriali, i meccanismi di reclamo e sostenere gli sforzi per la creazione di newsroom integrate;
  • Raggruppare le risorse e condividere i materiali audiovisivi in ​​modo più efficace per promuovere la cooperazione nella realizzazione dei programmi,  con un focus sulla capacità di produrre inchieste approfondite,  format interattivi e programmi di alta qualità per bambini e giovani e anche creare una piattaforma regionale per la condivisione di materiali di archivio.

 

L’EBU/UER sosterrà il progetto concentrandosi su: identificazione delle migliori pratiche, ricerca di soluzioni per il finanziamento, governance e regole, implementazione della riforma del management, supporto degli organismi di regolamentazione, trasmettere l’esperienza degli altri membri EBU-UER nelle regioni balcaniche occidentali.