Sanremo 2023: Madame indagata per false vaccinazioni anti-Covid

Dopo il polverone mediatico sollevato per il cambio in corsa del titolo del brano in gara (“Puttana” diventata “Il bene nel male”), ora la cantautrice vicentina Madame è coinvolta in un’indagine avviata dalla Procura della Repubblica di Vicenza su false vaccinazioni anti-Covid, che a febbraio aveva portato all’arresto di tre persone, tra cui due medici.

Il reato ipotizzato a carico della cantante Francesca Calearo, questo il vero nome di Madame, riferisce il Giornale di Vicenza, è di falso ideologico, per presunta irregolarità nella procedura di ottenimento del Green Pass, secondo quanto riporta il Corriere della Sera.

Madame,  assieme anche ad alcuni componenti della sua famiglia, è nella lista dei clienti di uno dei medici arrestati, la dottoressa Grillone Tecioiu e il dottore Goepel, ma non sono sue pazienti.

Secondo l’ipotesi d’indagine, potrebbe essersi recata appositamente nello studio di Vicenza per ottenere il Green Pass pur non essendosi sottoposte alla profilassi, ovvero senza vaccinarsi.

È da accertare se Madame abbia effettuato o meno la vaccinazione.

Giusto chiarire che per le esibizioni della cantante, comunque, all’epoca dei fatti bastava esibire un tampone con esito negativo per poter lavorare.

I due medici arrestati sono stati rimessi in libertà in quanto nel frattempo é caduto il rischio di reiterazione del reato.

Nell’ultime ore tra la Rai e l’Asl di Imperia, in occasione di una riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza in Prefettura, è nato un accordo che fa decadere tutte le restrizioni che vi sono in vigore. Quindi per gli artisti, i giornalisti, il cast e lo staff tecnico non ci sarà più bisogno di mascherine e tamponi.

Magistratura e RAI si dovranno confrontare? Madame verrà esclusa da Sanremo? Presto ancora per dirlo.