Sanremo 2013, Campioni: Maria Nazionale, l’inaspettata sorpresa di Sanremo

Maria NazionaleQuando Fabio Fazio ha reso noti i nomi degli artisti Campioni in gara al Festival di Sanremo 2013, tra tutti certo quello diMaria Nazionale è stato quello del quale si è più chiacchierato. 

Cantante neomelodica, nata a Torre Annunziata nel 1969, la Nazionale ha già calcato il palco del Teatro Ariston nel 2010 accompagnando Nino D’Angelo nel pezzo ”Jamme jà”: in quell’occasione non ebbe grossa fortuna dato che il brano fu eliminato la prima sera con qualche polemica. A due anni di distanza  la cantante che ha pubblicato nel 1994 il suo primo lavoro, torna da sola a  Sanremo. Il suo ultimo album di inediti è datato aprile 2008: “Puortame a Cammenà“, si intitola il disco che contiene brani scritti da autori di indiscusso livello come Enzo Gragnaniello, Pasquale Ziccardi, Federico Salvatore; un’opera con una forte matrice “etno”, che Maria Nazionale affinerà negli anni fino a farla diventare una sua precisa connotazione artistica.

La corva verso Sanremo 2013: Al Festival di Sanremo 2013, Maria Nazionale presenterà i brani “È colpa mia“ di Servillo-Mesolella e ”Quando non parlo“ di Enzo Gragnaniello ( che a Sanremo ha partecipato nel 1999 accanto a Ornella Vanoni con il brano ”Alberi”) e arrangiati  dal Maestro Peppe Vessicchio. Chi ha già ascoltato i brani ci fa sapere che le  canzoni portate in gara dalla cantante di Torre Annunziata sono piena espressione dello stile partenopeo a lei caro e che “E’ colpa mia” sarà cantata completamente in dialetto

I Testi: 

  • Quando non parlo (E. Gragnaniello): Ecco come l’artista ha descritto il pezzo (Tv Sorrisi & Canzoni): “Canto l’amore e la poesia ma anche la malinconia e la solitudine di cui l’amore si alimenta. Se me fossi scelto io (in riferimento al cognome, ndb), mi sarei chiamata Maria Universale, altro che Nazionale.”

Quando non parlo e mi sto zitta
sono felice perchè avverto la presenza delle note
e della loro, inesauribile bellezza
Quando non sento tocco il vento
e la sua musica non mente
e poi mi fa sentire il senso
e la sua forza, è una tempesta d’armonia
e poi, e poi, non ci separeremo mai
mentre il mondo galleggia nella bugia
c’è un bisogno infinito di poesia,
e poi…
quando la notte lascio il letto
guardo le stelle e mi rifletto
come fa la luna in mare
e il mio cuore lo sta facendo col tuo amore
e poi non ci separeremo mai
mentre il mondo galleggia nella bugia
c’è un bisogno infinito di poesia,
e poi…
Dimenticando ogni rumore
sento più forte il mio respiro
e all’unisono col tuo
niente va perso nell’incredibile universo.

  • È colpa mia (G. Servillo, F. Mesolella): È un brano in napoletano, lento e malinconico.

Si te viene nu dubbio, se po’ tu t’arraggie, non ti senti sicura
E accumencia ‘a paura, si certa ‘e sape’ che p stata accussì
E’ colpa mia, è colpa mia, è colpa mia … è colpa mia
E mi metti alla prova pe’ vede’ si te penzo e te voglio cchiù bene
E da ieri sera stai facenno domande pe sapè si te stanche
Ancora insieme, ancora insieme, ancora insieme … ammore mio
E mo chell’ che è stat’ è stat’
E mo nun me fa cchiù stu terzo grado
O tiempo corre annanz a mme
Nun resta tiempo pe’ sapè
Si è colpa mia
Se ti vengo a bussare, dal cortile a chiamare e quaccuno s’affaccia
Nun rispunne e me caccie, sei sicura che è stato un amore sbagliato
E’ colpa mia, è colpa mia, è colpa mia … è colpa mia
‘E cognato ‘o vestito ed il gesto ha tradito quella tua frenesia
Di cambiare la vita e te stongo aspetanno pe sapè si te stanche
Ancora insieme, ancora insieme, ancora insieme … ammore mio
E mo chell’ che è stat’ è stat’
E mo nun fa vedè ca pienz a nato
‘O tiempo corre annanz a mme
Nun resta tiempo pe sapè
Si è colpa mia
‘O tiempo corre annanz a mme
Nun resta tiempo pe sapè
Si è colpa mia