Sanremo 2019: Ecco la suddivisione per serata degli artisti in gara a Sanremo Giovani 2018

sanremogiovani-logo

Ecco come sono stati divisi gli artisti tra la prima e la seconda puntata di «Sanremo Giovani 2018».

La lista, ufficializzata su Twitter dalla Rai, stabilisce i 12 concorrenti che si esibiranno il 20 dicembre e gli altri 12 che invece faranno capolino su Raiuno il 21.

Solo un nome per serata arriverà al Festival, ma chi sarà? Toccherà a Pippo Baudo e Fabio Rovazzi a rivelarcelo.

Nel frattempo eccoli, in rigoroso ordine alfabetico (non di scaletta). Vi ricordiamo inoltre che nella prima puntata è previsto come ospite Rocco Papaleo e nella seconda Marco Giallini e Edoardo Leo.

sanremogiovani2018

Si esibirianno Giovedì, 20 dicembre 2018:

  • Federica Abbate – “Finalmente” (Testo: Federica Abbate, Cheope, Davide Petrella – Musica: Federica Abbate, Takagi, Ketra)
  • Andrea Biagioni – “Alba piena” (Testo: David Ragghianti e Andrea Biagioni Musica: David Ragghianti, Giuliano Dottori)
  • Diego Conti – “3 gradi” (Testo: Diego Conti – Musica: Diego Conti, Marco Schietroma)
  • Deschema (Gianluca Polvere, Nicola Facco, Giulio Cappelli, Emilio Goracci e Massimiliano Manetti) – “Cristallo” (Testo: Massimiliano Manetti, Matteo Caretto – Musica: Massimiliano Manetti, Matteo Caretto, Marco Abete)
  • Einar (Einar Ortiz) – “Centomila volte” (Testo: Antonio Maiello, Ivan Bentivoglio – Musica: Antonio Maiello, Ivan Bentivoglio, Enrico Palmosi)
  • Fedrix & Flaw (Federico Marra e Flavia Marra) – “L’impresa” (Testo e musica: Federico Marra)
  • Fosco17 (Luca Jacoboni) – “Dicembre” (Testo: Luca Jacoboni – Musica: Luca Jacoboni, Michele Zocca)
  • Marte Marasco (Marta Marasco) – “Nella mia testa” (Testo: Andrea Bonomo e Musica: Andrea Bonomo, Luca Chiaravalli)
  • Giulia Miutti – “Almeno tre” (Testo e musica: Giulia Mutti)
  • Ros (Camilla Giannelli, Lorenzo Peruzzi e Kevin Rossetti) – “Incendio” (Testo: Camilla Giannelli – Musica: Camilla Giannelli, Kevin Rossetti, Lorenzo Peruzzi)
  • Symo (Simona Barbui) – “Paura di amare” (Testo: Simona Barbui – Musica: Simona Barbui, Andrea Pesce, Cristiano De Fabritiis)
  • WePro (Marco Castelluzzo) – “Stop/Replay” (Testo: Marco Castelluzzo (Wepro) – Musica: Marco Castelluzzo (Wepro), Marco Mantovani, Alessandro Manzo)

Si esibirianno Venerdì, 21 dicembre 2018:

  • Angelucci (Federico Angelucci) – “L’uomo che verrà” (Testo: Michele Centonze – Musica: Daniela Pes)
  • Cannella (Enrico Fiore) – “Nei miei ricordi” (Testo: Enrico Fiore – Musica: Enrico Fiore, Matteo Nesi, Andrea Manusso)
  • Cordio (Pierfrancesco Cordio) – “La nostra vita” (Testo e musica: Pierfrancesco Cordio, Ermal Meta, Simone Pavia)
  • La Rua (Daniele Incicco, William D’Angelo, Davide Fioravanti, Nacor Fischetti, Alessandro “Charlie” Mariani e Matteo Grandoni) – “Alla mia età si vola” (Testo: Daniele Incicco, Dario Faini, Alessandro Raina – Musica: Daniele Incicco, Dario Faini)
  • La Zero (Manuela Zero) – “Nina è brava” (Testo: Manuela Zero, Luca Angelosanti, Giorgia Facchini – Musica: Francesco Morettini, Emiliano Palmieri)
  • Le Ore (Francesco Facchinetti e Matteo Ieva) – “La mia felpa è come me” (Testo: Francesco Facchinetti – Musica: Francesco Facchinetti, Matteo Ieva)
  • Mahmood (Alessandro Mahmood) – “Gioventù bruciata” (Testo: Alessandro Mahmood e Musica: Stefano Ceri, Alessandro Mahmood)
  • Mescalina (Sika, Giancarlo Sannino, Cesare Marzo e Claudio Sannino) – “Chiamami amore adesso” (Testo: Luigi Sica – Musica: Giancarlo Sannino)
  • Francesca Miola – “Amarsi non serve” (Testo: Marco Rettani, Zibba, Stefano Paviani – Musica: Zibba, Stefano Paviani)
  • Nyvinne (Nyvinne Pinternagel) – “Io ti penso” (Testo: Nyvinne – Musica: Nyvinne, Alessandra Flora, Fausto Cogliati)
  • Saita (Roberto Saita) – “Niwrad” (Testo: Marco Leali, Roberto Saita – Musica: Roberto Saita, Besim Baftiu, Durim Kraniqi, Bruno Sonetto)
  • Sisma (Arturo Caccavale e Daniele De Santo) – “Slow motion” (Testo: Daniele De Santo, Arturo Caccavale – Musica: Daniele De Santo, Arturo Caccavale)

Una giuria composta da Fiorella Mannoia, Annalisa e Luca & Paolo e capitana da Luca Barbarossa, un Premio della Critica assegnato dai giornalisti e un tour all’estero per i primi tre classificati di ognuna delle due serate. Tante le novità messe in campo dal direttore artistico Claudio Baglioni e dalla sua squadra per il Sanremo Giovani, che da quest’anno diventa un festival a sé stante, in onda domani e dopodomani in prima serata su Rai1, e promuove due artisti (uno per sera) direttamente nella gara del festival di febbraio, dove non ci saranno più distinzioni tra Big e Nuove Proposte.

Quanto alle novità di Sanremo Giovani, sono tutte all’insegna di un ampliamento delle chance per i 24 giovani finalisti, scelti tra oltre 1.500 candidati ascoltati. Il Premio della Criticaavrà un vincitore in ciascuna delle due serate. Per i primi tre classificata di ognuna delle due serate si apriranno inoltre le porte di Sanremo Giovani Mondo, un’iniziativa che Baglioni e la Rai hanno ideato in collaborazione con il Ministero degli Esteri. “I sei artisti coinvolti faranno un tour da fine marzo che toccherà Tunisi, Tokyo, Sidney, Buenos Aires, Toronto, Barcellona e avrà un gran finale Bruxelles. I concerti si svolgeranno negli Istituti Italiani di Cultura e nelle rappresentanze diplomatiche”, spiega il vicedirettore di Rai1, Caludio Fasulo.

48382139_2049002958511654_8954697973946646528_n

La Rai e il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), nel quadro delle attività di promozione culturale dell’Italia nel mondo, hanno lanciato un nuovo progetto di valorizzazione dei giovani talenti emergenti della musica italiana contemporanea. A tal fine, sarà organizzato un tour mondiale di sei giovani artisti partecipanti a Sanremo Giovani 2018 (i primi, i secondi e i terzi classificati delle due serate finali che si terranno il 20-21 dicembre), che toccherà sette città nei cinque continenti. Le tappe – in via di definizione in questi giorni – sono Tunisi, Tokyo, Sydney, Buenos Aires, Toronto, Barcellona, Bruxelles. Il tour partirà nel mese di marzo. I concerti saranno organizzati in loco dalle Rappresentanze diplomatico-consolari e dagli Istituti Italiani di Cultura. L’iniziativa si inserisce anche nel piano di promozione integrata promosso dal MAECI per la valorizzazione delle eccellenze dell’Italia nel mondo.

“Il Festival di Sanremo è il Colosseo della musica, ma non solo nel senso dell’arena degli spettacoli e delle sfide. Non c’è manifestazione più conosciuta e seguita in Italia. E lo stesso vale in tante altre parti del mondo dove vanta una fama che lo fa essere uno degli eventi e dei nomi davvero internazionali del nostro Paese. Quasi 50 anni fa, all’inizio della mia carriera”, continua a scrivere Baglioni nel suo messaggio ai ragazzi –  mi trovai a fare un giro di concerti in Polonia e Cecoslovacchia. Suonavo e cantavo con cinque musicisti miei coetanei. Qui, a parte amici e parenti, non ci conosceva nessuno. Là ottenemmo un grande successo. Ci chiamavano i Sanremo Six. I Sei di Sanremo. E sei saranno i partecipanti a Sanremo Giovani Mondo. Un tour in sette capitali dei cinque continenti. Dall’estero partì la mia avventura. Fate buon viaggio, ragazzi. Che la musica sia con voi”, dice il direttore artistico Claudio Baglioni, in un messaggio inviato oggi ai 24 finalisti di Sanremo Giovani.

“Oggi ci sono troppi talent, un tempo c’era spazio solo qui per i ragazzi emergenti. Oggi, ogni giorno c’è un talent quindi bisogna applaudire nuovamente questi ragazzi che hanno avuto il coraggio di provare e riprovare. Un tempo trovare personaggi nuovi era più facile, ora, ripeto, ci sono troppi talent. I cantanti venivano da me con prodotti definiti”, ha commentato Baudo alla domanda sul perché dei 24 artisti che si esibiranno domani e dopodomani ce ne siano molti provenienti da talent come X Factor e Amici.

Fabio Rovazzi poi ha aggiunto: “Ho visto moltissimi ragazzi straordinari, sarà una vetrina utile per tutti perché sono sicuro che arriveranno al top. Poi, devo dirlo, il livello è altissimo, anche perché non ci sono io che canto”.

Ma le nuova chance non riguarderanno solo i primi classificati: “Tutti i 22 che non andranno a Sanremo 2019 non saranno abbandonati. Stiamo lavorando con l’azienda – assicura Fasulo – per coinvolgerli in alcune iniziative dal 23 dicembre al 4 febbraio. Inoltre, la sera della finale del festival, saliranno tutti con Baglioni sul palco”.

TIM sarà lo sponsor unico di Sanremo Giovani 2018, la trasmissione di Rai1 che il 20 e il 21 dicembre prossimi, in diretta dal Teatro del Casinò di Sanremo, selezionerà due cantanti che saranno ammessi a partecipare alla prossima edizione Festival di Sanremo. Alle serate, condotte da Pippo Baudo e Fabio Rovazzi, parteciperanno 24 giovani artisti, sei dei quali provenienti dal concorso canoro Area Sanremo TIM. Ogni sera saranno proposte 12 esibizioni: i vincitori delle due puntate si aggiudicheranno i posti ancora disponibili per partecipare al 69° Festival della Canzone Italiana di Sanremo, in programma a partire dal prossimo 5 febbraio.