ESC 2019 – Paesi Bassi: Duncan Laurence per i Paesi Bassi a Tel Aviv

nieuwsbericht-duncan2.jpg

L’emittente pubblica olandese AVROTROS ha annunciato quest’oggi che il cantautore Duncan Laurence rappresenterà i Paesi Bassi alla 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà per la terza volta in assoluto in Israele (dopo l’Eurovision Song Contest 1979 e l’Eurovision Song Contest 1999), presso l’EXPO Tel Aviv (International Convention Center) di Tel Aviv, il 14, 16 e 18 maggio 2019.

A sorpresa AVROTROS ha annunciato oggi che il cantautore ventiquattrenne Duncan Laurence rappresenterà i Paesi Bassi all’Eurovision Song Contest 2019 di Tel Aviv.

Duncan è il settimo concorrente in gara all’edizione 2019 dell’Eurovision Song Contest (secondo selezionato tramite una selezione nazionale), dopo Srbuk (Սրբուկ) per l’Armenia, Tamta (თამთა, Τάμτα) per il Cipro con “Replay”, Jonida Maliqi con la canzone “Ktheju tokës” (Return to the land, Ritorno alla Terra), Eliot Vassamillet con “Wake Up” per il Belgio, Miki con “La Venda” per la Spagna e Serhat per il San Marino.

Duncan Laurence, vero nome Duncan De Moor, è nato nel 1994 a Spijkenisse, nei Paesi Bassi. A 13 anni ha fondato la sua prima band The Slick And Suited. Nel 2014 ha partecipato a The Voice of Holland  (season 5) nel team della cantante Ilse DeLange (che a sua volta ha rappresentato il paese all’Eurovision Song Contest 2014  di Copenaghen in dueto con Waylon (che ha rappresentato i Paesi Bassi, come parte dei The Common Linnets, all’Eurovision Song Contest 2014 e come solista, all’Eurovision Song Contest 2018 con il brano “Outlaw in ‘Em”, classificandosi diciottesimo con 121 punti) nel duo The Common Linnets, classificandosi al secondo posto con il brano “Calm After the Storm”), arrivando in semifinale in un’edizione poi vinta dalle O’G3NE (che hanno partecipando allo Junior Eurovision Song Contest 2007, piazzandosi undicesime con la canzone “Adem in, adem uit” (Breathe In, Breathe Out) e all’Eurovision Song Contest 2017 con la canzone  “Lights and Shadows”). Si è diplomato quest’anno alla Rock Academy di Tilburg. Qui ha sviluppato le sue abilità di cantante, autore e produttore musicale, scrivendo diversi brani  tra Londra e Stoccolma.

Queste le prime parole di Duncan: “Negli ultimi anni molti artisti famosi hanno rappresentato i Pesi Bassi all’Eurovision Song Contest. Io non sono famoso, ma è una cosa positiva; i Paesi Bassi hanno molti musicisti giovani e talentuosi. La mia partecipazione dimostra che nulla è impossibile. Puoi improvvisamente avere l’opportunità di rappresentare il tuo paese su un palcoscenico internazionale. Sono molto orgoglioso di rappresentare il mio paese … Darò tutto me stesso!

Ilse DeLange, invece, racconta Laurence così: “Duncan è speciale. Le sue canzoni sono molto internazionali e autentiche. Duncan ha la personalità necessaria per una grande occasione come questa. Per lui, la musica è sempre al primo posto”.

Il brano  con si esibirà sul palco dell’EXPO Tel Aviv (International Convention Center) di Tel Aviv verrà resa nota il prossimo 7 marzo.

I Paesi Bassi sono stati rappresentati nella scorsa edizione tenutasi a Lisbona da Waylon – Willem Bijkerk e la canzone “Outlaw in ‘Em” (scelti internamente tra cinque possibili proposte). L’artista si è esibito nella seconda semifinale della manifestazione, ottenendo la qualificazione alla finale, classificandosi settimo con 174 punti. Durante la serata finale, tenutasi il 12 maggio 2018, Waylon si è classificato al diciottesimo posto con 121 punti.

Waylon, ha anche rappresentato i Paesi Bassi, come parte dei The Common Linnets all’Eurovision Song Contest 2014 a Copenaghen, con il brano Calm After the Storm, classificandosi al secondo posto nella serata finale.

I Paesi Bassi ha debuttato all’Eurovision Song Contest nel 1956 ed è uno dei membri fondatori della manifestazione. Dall’ora hanno partecipato a 59 edizioni dell’Eurovision Song Contest (50 finali) vincendo quattro volte: nel 1957 con Corry Brokken e il suo brano “Net als toen“, nel 1959 con Corry Brokken e il suo brano “Een beetje“, nel 1969 conLenny Kuhr e il suo brano “De troubadour” e nel 1975 con Teach-In e il suo brano “Ding-a-dong“.

Il Paese ha ospitato la manifestazione 4 volte (nel 1958, 1970, 1976 e nel 1980) e si è classificata per quattro volte all’ultimo posto (nel 1958, 1962, 1963 e nel 1968). Inoltre nel 2011 si è classificata all’ultimo posto della sua Semi-finale.

I Paesi Bassi sono stati assenti della manifestazione solo quattro volte, nel 1985 e nel 1991, mentre  nel 1995 e nel 2002 furono relegati.

Con l’introduzione delle semifinali, i Paesi Bassi hanno raggiunto la finale solo in sei occasioni, non riuscendo a raggiungere la Finale per un record di nove anni consecutivi, 2005-2012. Nel 2004 con i Re-union e il suo brano “Without You”, piazzandosi al vigesimo posto, nel 2013 con Anouk e il suo brano “Birds”, piazzandosi al nono posto, nel 2014 con i The Common Linnets e il suo brano “Calm After the Storm“, ottenendo un meritatissimo 2° posto e diventando la canzone di maggior successo del Paese dal 1975 e nel 2016 con Douwe Bob e il suo brano “Slow Down”, piazzandosi al undecimo posto.