ESC 2019 – Svizzera: SRG SSR renderà noto il 7 marzo il suo candidato a Tel Aviv

srg-ssr

L’emittente pubblica svizera SRG SSR, composta dall’emittenti regionali  RSI, (di lingua italiana), RTR (di lingua romancia), RTS (di lingua francese) e SRF (di lingua tedesca) ha annunciato qualche minuto fa tramite il suo account facebook che il 7 marzo 2019 renderà noto il concorrente svizzero alla 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà per la terza volta in assoluto Israele (dopo l’Eurovision Song Contest 1979 e l’Eurovision Song Contest 1999), presso l’EXPO Tel Aviv (International Convention Center) il 14, 16 e 18 maggio del prossimo anno, grazie alla vittoria di Netta Barzilai con la canzone “TOY” (צעצוע). 

Quest’anno la «SSR» ha annunciato di voler cambiare metodo di selezione, eliminando ‘Die Entscheidungsshow’ che dal 2011 ad oggi aveva selezionato il cantante svizzero da mandare alla 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2019.

La finale nazionale non ha dato i risutati sperati: solo due finali centrate (2011 e 2014) concludendo al 25° e 13° posto. Probabilmente è proprio questo il motivo che ha spinto alla SRF  a cambiare metodo di selezione. Inoltre «SSR» ha deciso di risparmiare a causa di misure di austerità e i tagli finanziari che affliggono l’emittente pubblica.

La nuova selezione avverrà stavolta totalmente con selezione interna. La canzone vincitrice sarà selezionata entro la fine 2018 da un panel di 100 spettatori e di una giuria internazionale di 20 esperti  sul modello di quella tedesca del 2018.

Un totale di 420 canzoni sono state ricevute per partecipare alla selezione nazionale interna della svizzera per l’Eurovision Song Contest 2019. Tutte le canzoni sono state ascoltate da una combinazione tra una giuria pubblica composta da 100 membri e da una giuria dei 20 esperti internazionali. La giuria pubblica è composta da 100 cittadini svizzeri che sono stati valutati da Digame e Simon & Kucher, che lavorano entrambi sul voto dell’Eurovision Song Contest. Hanno creato un algoritmo che ha esaminato le risposte a una serie di domande e ai candidati che si avvicinavano di più al voto visto all’Eurovision Song Contest.

La decisione finale sulla partecipazione svizzera all’Eurovision Song Contest 2019 sarà quindi presa dalla giuria pubblica composta da 100 membri (50%) e dalla giuria dei 20 esperti internazionali (50%). L’annuncio ufficiale del cantante e della canzone della Svizzera si terrà il 7 marzo.

Il panel spettatore composto da 100 membri verrà assemblato secondo criteri selezionati in collaborazione con il partner SRG partner Digame e Simon & Kucher. I 100 candidati più adatti avranno voce in capitolo su chi dovrebbe rappresentare la Svizzera all’Eurovision Song Contest 2019. I 20 giurati della giuria di esperti internazionali hanno già dimostrato la loro esperienza e competenza come membri delle rispettive giurie all’Eurovision Song Contest.

La Svizzera è il paese in cui l’Eurovision Song Contest è nato. Da allora ha vinto due edizioni: nel 1956 con Lys Assia che ha cantato “Refrain” e nel 1988 con la canadese Céline Dion. È una delle nazioni con il maggior numero di partecipazioni in assoluto (59 – sono 4 le edizioni a cui non ha partecipato) a causa degli scarsi risultati nelle edizioni precedenti. Infatti a partire dal 2004, la Svizzera non riuscì a qualificarsi per la Finale, con 3 ultimi posti (uno con nul point nel 2004), e sono 4 le edizioni in cui si è qualificata (2005, 2006, 2011 e nel 2014).

Nel 2018 gli ZiBBZ hanno rappresentato la Svizzera all’Eurovision Song Contest 2018 con il brano “Stones”, nonostante una prestazione energica il duo composto dai fratelli Corinne e Stefan Gfeller riuscì a qualificarsi per la serata finale.