ESC 2019 – Grecia: Katerine Duska per la Grecia a Tel Aviv

51978473_554521438384064_1412764603653292032_n

È appena stata confermata che Katerine Duska (Κατερίνα Ντούσκα) rappresenterà la Grecia alla 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà per la terza volta in assoluto in Israele (dopo l’Eurovision Song Contest 1979 e l’Eurovision Song Contest 1999), presso l’EXPO Tel Aviv (International Convention Center) il 14, 16 e 18 maggio prossimo anno, grazie alla vittoria di Netta Barzilai con la canzone “TOY”.

Katerine è stata selezionata internamente dall’emittente pubblica greca ERT (EPT) tramite un’apposita commissione di esperti composta dal Compositore e membro del consiglio di amministrazione ERT SA (presidente dell’apposita commissione di esperti) Dimitri Papadimitriou (Παπαδημητρίου Δημήτρης), dal Produttore musicale Adam Petros (Αδάμ Πέτρος), dal giornalista Fotis Apergi (Απέργης Φώτης), dal produttore musicale Gianni Petridi (Πετρίδης Γιάννης), dal Direttore delle relazioni internazionali ERT Maria Koufpoulou (Κουφοπούλου Μαρία) – Director of International Relations ERT e dal capo degli affari europei e internazionali ERT Sofia Dranidou (Δρανίδου Σοφία).

La notizia era nell’aria da tempo ma questa sera ERT (EPT) l’ha confermata.

Katerine Duska nata in Canada e trasferitasi in Grecia durante l’adolescenza è il 21° concorrente in gara all’edizione 2019 dell’Eurovision Song Contest (ottavo selezionato tramite una selezione nazionale) nell’organizzare la partecipazione – e la scelta della canzone e dell’artista – e trasmettono entrambe l’evento), dopo Srbuk (Սրբուկ) per l’Armenia, Tamta (თამთა, Τάμτα) per il Cipro con “Replay”, Jonida Maliqi con la canzone “Ktheju tokës” (Return to the land, Ritorno alla Terra), Eliot Vassamillet con “Wake Up” per il Belgio, Miki con “La venda” per la Spagna, Serhat per il San Marino, Duncan Laurence per i Paesi Bassi, Tamara Todevska (Тамара Тодевска) con “Proud” per l’ERI di Macedonia, Bilal Hassani con “Roi” per la Francia, Michela Pace per Malta, Lake Malawi con “Friend of a friend” per la Repubblica Ceca, PÆNDA con „Limits”, Darude feat. Sebastian Rejman per la Finlandia, Sergey Lazarev (Сергей Лазарев) per la Russia, Michael Rice con “Bigger than us” per il Regno Unito, Kate Miller-Heidke con “Zero gravity” per l’Australia, i D-Moll con “Heaven” per il Montenegro, Mahmood con „Soldi” per l’Italia e קובי מרימי – Kobi Marimi per l’Israele.

La canzone che Katerine Duska canterà sul palco dell’EXPO Tel Aviv (International Convention Center) verrà pubblicata nelle prossime settimane e sarà scritta dalla cantante stessa. Katerine Duska canterà nella seconda metà della seconda semifinale, giovedì 16 maggio, quella nella quale l’Italia avrà diritto di voto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Katerine nata e cresciuta in Canada, Katerine Duska si è trasferita ad Atene per avviare la sua carriera musicale. I suoi genitori sono di origine greca.. È laureata in legge. Ha studiato chitarra e musica classica, virando poi sul pop. Il suo primo singolo “One in a million” risale al 2013. Katerine inizia la sua carriera musicale nel 2014, lavorando insieme al cantante svedese Albin Lee Meldau alla creazione del suo album di debutto “Embodiment”. Un altro suo singolo, ‘Fire away’ è diventato famoso in Canada dopo essere stato usato per lo spot pubblicitario di una celebre marca di caffè. Il suo genere è il pop internazionale con reminescenze alla Amy Winehouse e Lykke Li. Nel 2018, è apparsa ai concerti della Concert Hall ed il Palace Garden d’Atene, dove si è esibita con dei brani realizzati in collaborazione con Albin Lee Meldau ed è apparsa come artista di supporto per il cantante greco Petros Klampanis.

La Grecia è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Lisbona da Gianna Terzi (Yianna Terzi, Γιάννα Τερζή) e il suo brano “Oneiro mou” (Όνειρό μου, Óneiró mou, My dream, Il mio sogno) (scelti internamente) scritto da Terzi stessa, in collaborazione con Aris Kalimeris, Dimitris Stamatiou e Mihalis Papathanasiou (Άρης Καλημέρης, Δημήτρης Σταματίου e Μιχάλης Παπαθανασίου) e pubblicato il 15 febbraio 2018 su etichetta discografica Panik Records. La canzone è stata scelta per l’Ellinikós Telikós 2018 (Ελληνικό Τελικό 2018), processo di selezione nazionale per l’Eurovision Song Contest. L’evento, inizialmente previsto per il 16 febbraio e poi spostato al 22, è stato cancellato per via della squalifica degli altro quattro partecipanti, rendendo Gianna Terzi di fatto l’unica possibile rappresentante greca all’ESC. La notizia della partecipazione ufficiale è stata confermata dall’ente radiotelevisivo greco ERT il 16 febbraio 2018; ha così guadagnato il diritto di rappresentare la Grecia all’Eurovision Song Contest 2018 a Lisbona, in Portogallo. Terzi si esibisce nella Prima Semi-Finale dell’8 maggio 2018, competendo con altri 18 artisti, classificandosi quattordicesimo con 81 punti, non riuscendo così a raggiungere la serata Finale.

Greece_selection_logo.jpg

La Grecia ha partecipato per la prima volta nel 1974 (39 partecipazioni, 37 finali). Negli ultimi anni ha collezionato due terzi posti (2001, 2004 e 2008) e un primo posto, nel 2005 con “My Number One” di Helena Paparizou (Έλενα Παπαρίζου). L’edizione del 2006 che si è svolta ad Atene è stata presentata dal cantante Sakis Rouvas (Σάκης Ρουβάς), che 5 anni dopo ha difeso il paese ellenico a Mosca chiudendo settimo ed è stata rappresentata dalla cantante greco-cipriota Anna Vissi (Άννα Βίσση), che ha difeso il paese ellenico arrivando in nona posizione nella serata finale. Sono 6 le edizioni a cui non ha partecipato: 1975, 1982, 1984, 1986, 1999 e 2000.

Dall’introduzione delle Semi-finali nel 2004, la Grecia insieme alla Romania e Russia, sempre è arrivata alla Finale e dal 2004 al 2011 si è sempre classificata fra i primi 10 in classifica, così come nel 2013, eccepto nel 2012, nel 2014 e nel 2015. Ha mancato la finale due volte, nel 2016 e nel 2018. Grecia non hai mai finito l’ultima.

Essendo, oltre a Cipro, l’unico paese di lingua greca, in quasi tutte le edizioni la Grecia ha assegnato i 12 punti alla rappresentanza cipriota, che per altro ha quasi sempre fatto lo stesso nei confronti del paese ellenico, il quale ha spesso nominato cantanti ciprioti in propria rappresentanza, come Eleutheria Eleutheriou, Sarbel e la già citata Anna Vissi.