ESC 2020 – Svezia: Completato il cast del Melodifestivalen 2020


melfest-2017-esctips-660x330

Questa mattina è stata completata la composizione del cast degli artisti che prenderanno parte al Melodifestivalen 2020, la selezione nazionale svedese per la 65ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà presso l’Ahoy Rotterdam di Rotterdam, nei Paesi Bassi, per la quinta volta dopo le edizioni del 1958, 1970, 1976 e 1980), in seguito alla vittoria di Duncan Laurence nell’edizione precedente tenutasi a Tel Aviv con il brano “Arcade”, il 12, 14 e 16 maggio prossimi.

Il Melodifestivalen è ogni anno l’appuntamento tv più seguito in Svezia oltre che tra i più apprezzati dagli stessi fan europei dell’Eurovision.

Dal 2002, il Melodifestivalen è stato composto da sei serate che si sono svolte sempre di sabato. L’edizione 2020 si svolgerà tra l’1 Febbraio e il 7 Marzo del prossimo anno e sarà composto da quattro Semi-finali che si terranno a Lidköping presso il SAAB Arena, il 1º Febbraio; a Göteborg presso il Scandinavium l’8 Febbraio; a Luleå presso il COOP Norrbotten Arena il 15 Febbraio; ed a Malmö presso il Malmö Arena il 22 Febbraio; una serata Ripescaggio o “Second chance” (l’Andra chansen) che si terrà a Eskilstuna presso il STIGA Sports Arena Eskilstuna il 29 Febbraio e la Finale che si terrà il 7 Marzo alla Friends Arena di Solna, nei pressi di Stoccolma.

Un totale di 28 brani/interpreti parteciperanno al Melodifestivalen selezionate in quattro modi diversi. Dei 28 brani/interpreti partecipanti di quest’anno 14 sono state scelti da una giuria di esperti, 13 di questi sono arrivati dal concorso riservato ai professionisti del settore (“Ordinarie tävling” / “Regular Contest”) e uno dal concorso dedicato agli amateur (“Allmänhetens Tävling” / “Public Contest”) scelti da una giuria preliminare. I restanti 13 brani/interpreti sono, come in precedenza, invitati a partecipare dalla SVT o scelto dai produttori del Melodifestivalen. Un posto in Semifinale è stato concesso ai vincitori o ai partecipanti del “P4 Nästa 2019” (il concorso musicale radiofonico svedese per cantautori e nuovi artisti, organizzato dal 2008 dalla Sveriges Radio P4:s) Amanda Aasa, anche se con una canzone diversa al fine di soddisfare le regole dell’EBU-UER riguardo la canzone non può essere reso pubblica prima del 1° Settembre.

Da ogni Semi-Finale, i brani/interpreti classificati al primo e secondo posto andranno direttamente alla finale, mentre i brani/interpreti che hanno raggiunto il terzo e quarto procederanno alla “Second Chance” (Andra Chansen), portando così a dieci il numero delle finaliste. In queste serate si utilizza solo il televoto. I 3 brani/interpreti restanti in ciascuna semifinale saranno eliminati dalla competizione.

All’Andra Chansen un totale di 8 brani/interpreti si sfideranno in quattro differenti duelli e il brano/interprete vincitore di ogni duello accederà direttamente alla finale. Inoltre verrà messo un limite di voto pari a non più di 20 volte per lo stesso brano/interprete.

La finale invece, prevede un voto misto tra una giuria internazionale e il televoto del pubblico (SMS). Dal 2011 le prime provengono da dieci paesi europei che partecipano all’ESC e che assegnano ognuna voti a sette canzoni (1, 2, 4, 6, 8, 10 e 12) il secondo invece ripartisce 473 punti in maniera proporzionale a seconda della percentuale dei televoti ricevuti. Il totale dà il vincitore che rappresenterà la Svezia all’ESC 2020 a Rotterdam.

Le giurie daranno i voti in stile eurovisivo, le quattro canzoni ad aver ricevuto i voti più bassi appariranno solo sullo schermo, i portavoce leggeranno soltanto i tre piazzamenti più alti.

Lo scorso 26 Ottobre la SVT ha annunciato in una conferenza stampa che David SundinLinnea Henriksson och Lina Hedlund che condurranno ogni sera del Melodifestivalen 2020, la selezione nazionale svedese (il format di una delle selezioni nazionali più popolari per l’Eurovision Song Contest, che andrà in onda sei sabati questo inverno) dove verrà selezionato il concorrente svedese per la 65ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2020.

melfest2020.jpg

• David Sundin (David Kai Lennart Abel Baker Sundin), è un inserzionista, conduttore televisivo, comico e scrittore svedese. Ha avuto diversi ruoli nel corso degli anni nel Melodifestivalen ed è stato uno sceneggiatore nel 2015 e nel 2016.

David Sundin afferma che il suo primo pensiero quando gli fu chiesto era “FINALMENTE”.

• Linnea Henriksson (Ellen ‘Linnea’ Petrea Henriksson), è una cantautrice svedese che ha partecipato alla settima edizione del Talent Show Idol 2010 in cui si è classificata quarta. Ad aprile 2018, è anche la cantante principale della band jazz Prylf. Nel 2012 Henriksson pubblicò il suo primo album musicale, che ha scritto e coprodotto con la cantante Orup. A metà del 2013 Henriksson fece un tour in Svezia con la band Gyllene Tider. Nel 2018 ha partecipato nel interval act del Melodifestivalen.

Linnea Henriksson descrive la missione come “il più grande onore del mondo”

• Lina Hedlund (Lina Maria Hedlund), è ben nota ai fan di Melodifestivalen come membro del trio discoteca Alcazar, con una lunga serie di apparizioni nello spettacolo. L’anno scorso è tornata da sola con la canzone “Victorious” ed è arrivata in finale.

Lina Hedlund afferma che per molti anni è stato un sogno per lei presentare la competizione: “Ho gareggiato sei volte (2002 insieme a Hanna Hendlund con il brano “Big Time Party”, 2003 con il brano “Nothing Can Stop Me”, 2009 come membro degli Alcazar con il brano “Stay the Night”, 2010 come membro degli Alcazar con il brano “Headlines”, 2014 come membro degli Alcazar con il brano “Blame It on the Disco”, 2019 con il brano “Victorious”) e ho partecipato due volte nel interval act (2013 e 2017), quindi entrare in questo nuovo ruolo in questo contesto è tremendamente divertente!”, ha dichiarato Hedlund dopo l’annuncio.

Tutte le serate si potranno seguire in streaming sul sito www.svtplay.se/

Questa presentazione richiede JavaScript.

Ecco di seguito tutto il cast al completo:

WEB_INRIKES

1.Semi-finale 1 / Deltävling 1 – SAAB Arena, Lidköping (01 Febbraio 2020): 

  • Malou Prytz (Malou Trasthe Prytz) – “Ballerina” (Thomas G:son, Peter Boström, Jimmy Jansson). Malou ha avuto una svolta al Melodifestivalen 2019 con una qualifica a sorpresa per la Finale, cantando “I Do Me”. Da allora ha seguito il successo rilasciando nuova musica e esibendosi a livello nazionale. Ora torna, cercando di superare il 12° posto dell’ultima volta.
  • Felix Sandman (Karl Felix Wilhelm Sandman) – “Boys With Emotions” (Tony Ferrari, Parker James, Peter Thomas, Philip Bentley, Nicki Adamsson, Felix Sandman). Felix ha iniziato con la boyband (precedentemente The Fooo), che è arrivata alla finale del Melodifestivalen 2017 con “Gotta thing about you”. L’anno successivo è andato da solo, arrivando fino al secondo posto nella finale con la ballata “Every Single Day”. Nel Melodifestivalen del 2019, ha aperto la finale con Benjamin Ingrosso e il loro duetto “Tror du att han bryr sig” .
  • OVÖ (Om Vi Överlever – Jaouli “Finess” Akofely e Nickie “Ivory” Osenius) – “Inga problem” () (Nicholas Frandsen, Lukas Nathanson, Jean-Willy Akofely, Nickie Osenius Kouakou). Il duo OVÖ (“Om Vi Överlever”, ovvero “If We Survive”) è formato nel 2017 dagli artisti Jaouli “Finess” Akofely e Nickie “Ivory” Osenius, che hanno entrambi una carriera solista di successo. La loro musica è influenzata da musica pop, afrobeat e dance africana.
  • The Mamas (Loulou Lamotte, Ashley Haynes and Dinah Yonas Manna) – “Move” () (Melanie Wehbe, Patrik Jean, Herman Gardarfve). The Mamas sono state formate come cantanti di supporto per la canzone vincente di John Lundvik “Too Late for Love” nel 2019 all’Eurovision Song Contest 2019. Da allora sono diventati un gruppo indipendente, con i membri Loulou Lamotte, Ashley Haynes e Dinah Yonas Manna. Il membro originale Paris Renita è comunque fuori per altri progetti e non fa più parte del gruppo.
  • Suzi P (Suzi Estera Pancekov) – “Moves” () (Joy Deb, Suzi Pancekov, Aniela Eklund, Malou Ruotsalainen, Chanel Tukia, Kenny Silverdique). Suzi Pancekov, 16 anni, ha creato una base di fan interpretando canzoni hiphop svedesi su Instagram e Youtube. Ha pubblicato il suo singolo di debutto “Shunon”, in cui canta l’amore per un ragazzo dipendente da cocaina, all’inizio di quest’anno, creando una controversia quando si esibisce con la versione censurata nello programma dedicato ai bambini “Sommarlovsmorgon”. Ha anche recitato con diversi artisti svedesi.
  • Sonja Aldén – “Sluta aldrig gå” () (Bobby Ljunggren, David Lindgren Zacharias, Sonja Aldén). Sonja ha preso parte al Melodifestivalen sia come artista che come cantautrice. Dopo il suo debutto sul palco nel concorso nel 2006, come Sonya, è tornata in vigore nel 2007 con “För att du finns”. La canzone divenne un grande successo e la portò ai titoli Newcomer of the Year e Song of the Year nella classifica radiofonica di Svensktoppen. All’inizio del 2008 ha vinto la ”Swedish Female Artist of the Year” ai Rockbjörnen Awards. Nel 2012, è tornata al Melodifestivalen, finendo sesta in semifinale con “I din himmel”. La scorsa primavera ha pubblicato il singolo “Vi har varit här förut”.
  • Robin Bengtsson (Hans Robin Gustav Bengtsson) – “Take A Chance” () (Jimmy Jansson, Karl-Frederik Reichhardt, Marcus Winther-John). Robin si è dopo essersi fatto notare partecipanto nell’Idol 2008, finendo terzo. Nel 2013 ha pubblicato il suo primo singolo, con il nome d’arte B Robin. Nel 2016 ha debuttato al Melodifestivalen con il brano “Constellation Prize”, finendo quinto in finale. L’anno successivo è tornato e ha vinto tutto con “I Can’t Go On”, con il quale vince e finendo quinto all’Eurovision Song Contest 2017, tenutosi a Kiev. Nel 2019, ha preso parte al Let’s Dance 2019 (Strictly Come Dancing svedese), con la ballerina professionista e la cantante partecipanete al Melodifestivalen 2018 Sigrid Bernson.

2.Semi-finale 2 / Deltävling 2 – Scandinavium, Göteborg (08 Febbraio 2020): 

  • Linda Bengtzing (Linda Birgitta Bengtzing) – “Alla mina sorger” (Yvonne Dahlbom, Jesper Welander, Adam Jönsson, Linda Bengtzing). Linda Bengtzing partecipa nel Melodifestivalen per la settima volta, .  Ha fatto il suo debutto nel concorso con “Alla flickor” nel 2005 (Finale: 10ª), nel 2006: Jag ljuger så bra” (Finale: 7ª), nel 2008: “Hur svårt kan det va?” (Finale: 5ª), nel 2011: “E det fel på mej” (Finale: 7ª), nel 2014: “Ta mig” (4ª Semifinale: 5ª), nel 2016: “Killer Girl” (4ª Semifinale: 7ª), nel 2020: “Alla mina sorger”) e diventa l’artista solista con più partecipazione al Melfest.
  • Dotter (Johanna Maria Jansson) – “Bulletproof” () (Dino Medanhodzic, Johanna Jansson (Dotter), Erik Dahlqvist). Johanna Jansson è una cantautrice che ha debuttato nel 2014 con il nome d’arte Dotter (“Daughter”). Ha partecipato per la prima volta a Melodifestivalen nel 2017, come cantautrice di “A Million Years” di Mariette, finendo 4° in finale. L’anno successivo ha preso parte come cantante, esibendosi in “Cry”. La canzone è stata per breve tempo la favorita nelle probabilità di vincere il Melodifestivalen, ma alla fine è arrivata sesta in Semi-Finale. L’anno successivo Johanna ha preso parte come cantautrice del film “Victorious” di Lina Hedlund, finendo undicesima in finale. Ha anche pubblicato il duetto di Måns Zelmerlöw “Walk With Me”, che è stato, insieme a Johnny Logan, uno dei due atti a intervalli nello show di Second Chance.
  • Anna Bergendahl (Anna Henrietta Bergendahl) – “Kingdom Com” () (Bobby Ljunggren, Thomas G:son, Erik Bernholm, Anna Bergendahl). Anna ha avuto la sua svolta nazionale nel Swedish Idol nel 2008. Nel 2010 ha debuttato al Melodifestivalen e ha vinto. Ma all’Eurovision Song Contest 2010 a Oslo, è stata eliminata per poco nella semifinale, arriva 11º con un margine di 5 punti dal 10º classificato, non permettendogli l’ingresso alla finale, ed è dall’introduzione delle semifinali nel 2004, la prima e finora unica rappresentante svedese a non essere riuscita a qualificarsi per la serata finale. Dopo aver studiato per diventare medico, Anna è tornata alla ribalta nel 2018 con nuova musica. È tornata a Melodifestivalen nel 2019 con “Ashes to Ashes”, conquistando il decimo posto in finale e segnando un notevole successo a livello nazionale.
  • Thorsten Flinck (Thorsten (Torsten) Flinck) – “Miraklernas tid” () (Thomas G:son). Il regista e attore Thorsten Flinck è un musicista dagli anni ’70. Nel 2012 ha debuttato nel Melodifestivalen, con i Revolutionsorkestern, finendo ottavo in finale con “Jag reser mig igen”.
  • Klara Hammarström (Klara Lovisa Hammarström) – “Nobody” () (Erik Smaaland, Palle Hammarlund, Klara Hammarström). Klara è stata a lungo una giovane cavaliere di successo. Ha fatto parte della squadra svedese che ha vinto la medaglia di bronzo in Eventing agli Europei 2015 di Pony Riding. Nel 2018 ha recitato insieme ai suoi genitori e nove fratelli nel reality della SVT “Familjen Hammarström”, che segue le vicende di tre fratelli alle prese con una grande passione per i cavalli, l’equitazione e l’agonismo. Klara punta a una carriera musicale e ha pubblicato i suoi primi due singoli “Break Up Song” e “You Should Know Me Better” all’inizio di quest’anno.
  • Paul Rey (Pauli Jokela) – “Talking in My Sleep” () (Paul Rey, Lukas Hällgren, Alexander Standal Pavelich). Paul ha iniziato a fare musica hip-hop da adolescente e ha avuto successo con il nome d’arte P.J. Nel 2015, ha ottenuto un contratto discografico americano e nel 2017 ha pubblicato il singolo “California Dreaming” con Arman Cekin e Snoop Dog. Il suo mentore è Quincy Jones.
  • Méndez feat. Alvaro Estrella (DJ Méndez, Leopoldo Jorge Méndez Alcayaga feat. Alvaro Raul Estrella Zapata) – “Vamos Amigos” () (Palle Hammarlund, Jimmy Jansson, Jakke Erixson, Leo Mendez). Leo Méndez ha segnato canzoni di successo internazionali nel 2000 ed è stato un apriporta quando ha preso parte al Melodifestivalen del 2002. La sua canzone “Adrenaline” è arrivata seconda in finale. È tornato al concorso l’anno successivo, ma successivamente ha fatto una lunga pausa, in cui tra l’altro ha corso per il sindaco nel suo altro paese d’origine, il Cile. Nel 2018, Méndez è tornato al concorso con “Everyday”, che è diventato un grande successo in Svezia. Alvaro Estrella ha un track record eccezionale come cantante e ballerino di supporto, con un 2° posto a Melodifestivalen e all’Eurovision Song Contest, un 2° posto (Svezia 2011), due 3 ° posti (Azerbajdzjan 2013 e Russia 2016) e un 5 ° posto (Svezia 2017 ). Nel 2014, ha preso parte al Melodifestivalen come artista, finendo sesto nella sua semifinale con la canzone “Bedroom”.

melodifestivalen_2020_lulea-988x734

3.Semi-finale 3 – COOP Norrbotten Arena, Luleå (15 Febbraio 2020): 

  • Faith Kakembo – “Crying Rivers” () (Jörgen Elofsson, Liz Rodrigues). Faith ha iniziato a cantare nei cori della chiesa. All’inizio di quest’anno, ha preso parte al concorso di talenti P4 Nästa, finendo terza. Descrive la sua musica come un mix di Soul, Gospel e Jazz e annovera Whitney Houston e Lauren Hill tra i suoi modelli. La canzone è scritta dai migliori compositori internazionali Jörgen Elofsson e Lis Rodrigues, che hanno scritto, tra gli altri, Britney Spears ed Eminem.
  • Amanda Aasa (Sigrid Amanda Evangelina Aasa Dernbrant) – “Late” () (Amanda Aasa, Siri Jansson, Erik Grahn, Alex Shield). Amanda ha partecipato alla Finale del talent contest P4 Nästa 2019 e ha vinto il biglietto per il Melodifestivalen, che viene assegnato a uno dei finalisti ogni anno. Dopo un breve periodo nel Swedish Idol del 2014, ha siglato un contratto discografico e pubblicato il singolo di debutto “Wrong Chemistry”. Amanda è stata un atto di supporto per diversi artisti svedesi di successo, tra cui Miss Li e altri.
  • Albin Johnsén (Albin) – “Livet börjar nu” () (Robin Stjernberg, Albin Johnsén, Gino Yonan). Albin è diventato famoso in Svezia per il grande successo “Din soldat” nel 2014. Nel 2015, ha co-scritto “Det rår vi inte för” con Måns Zelmerlöw e ha raggiunto il Second Chance. Nel 2016, ha preso parte come cantante insieme a Mattias Andréasson, facendo di nuovo il Second Chance.
  • Drängarna (Mange Olsson, Robert Åhlin, Olav Fossheim, Anders Wigelius) – “Piga & dräng” () (Anders Wigelius, Robert Norberg, Jimmy Jansson). Drängarna (“The Hodges”) ha avuto la sua prima canzone di successo nazionale nel 1995. Un quarto di secolo dopo, stanno ancora registrando canzoni di successo, con oltre 70 milioni di stream su Spotify. Il loro unico precedente tocco sulla storia dei Melodifestivalen arrivò quando il membro della band Robert Åhlin scrisse la canzone per Cecilia Wennersten nel 2005.
  • Mariette (Mariette Petra Carola Hansson, MaryJet) – “Shout It Out” () (Thomas G:son, Cassandra Ströberg, Alex Shield, Mariette Hansson). Dopo molti anni come musicista in attivo, Mariette ha preso parte allo Swedish Idol nel 2009 e si è classificata quarta. Nel 2015 si è qualificata per il  Melodifestivalen ed è diventa molto nota tra il pubblico svedese, finendo 3° in finale. Da allora ha seguito il successo con altri due tentativi nel Melodifestivalen, finendo 4° e 5° in finale.
  • Anis Don Demina – “Vem e som oss ” () (Anderz Wrethov, Johanna Elkesdotter Wrethov, Anis Don Demina, Robin Svensk). Anis è un DJ, cantante e star di YouTube. Ha fatto il suo debutto con un sassofono al Melodifestivalen, supportando Samir & Viktor quando il duo ha fatto la finale con “Shuffla” nel 2018. L’anno successivo, Anis ha preso parte a se stesso, recitando Zeana in “Mina bränder”, finendo quinto nella prima semifinale. Ora è il momento per Anis di prendere il posto davanti. Al di fuori del concorso, ha pubblicato canzoni come “On my mind” e “Wasted”.
  • Mohombi (Mohombi Nzasi Moupondo) – “Winners” () (Jimmy Jansson, Mohombi, Palle Hammarlund). Mohombi è conosciuto in molti paesi. Non per la sua partecipazione al Melodifestivalen del 2005, ma piuttosto per il suo lavoro nei primi 10 anni, quando ha segnato successi come “Bumpy Ride”, lavorando con il produttore di classe mondiale RedOne (che lui stesso ha partecipato al Melodifestivalen 2011 e 2012 e all’Eurovision Song Contest 2011). Nel 2016, ha vinto un American Grammy Award per aver partecipato all’album “Dale” di Pitbull, che ha vinto il Grammy per “Best Latin Rock Urban o Alternative Album”. Nel 2019, Mohombi è tornato a Melodifestivalen con “Hello”, finendo quinto in finale e segnando un grande successo in Svezia.

WEB_INRIKES

4.Semi-finale 4 – Malmö Arena, Malmö (22 Febbraio 2020): 

  • Hanna Ferm (Hanna Alma Beata Ferm) – “Brave” () (David Kjellstrand, Jimmy Jansson, Laurell Barker). Hanna ha già gareggiato nel 2014, prendendo parte al Sweden’s Got Talent, arrivando al secondo turno. Tre anni dopo, ha terminato la seconda posizione nel Swedish Idol. Hanna ha fatto il suo debutto nel Melodifestivalen nel 2019, cantando il duetto LIAMOO “Hold You”, conquistando il terzo posto in finale.
  • Nanne Grönvall (Marianne Elisabeth Nordqvist) – “Carpool Karaoke” () (Nanne Grönvall, Peter Grönvall). Nanne Grönvall è una leggenda del Melodifestivalen. Dal suo debutto nel 1986, ha ottenuto una vittoria, due secondi posti e un terzo posto e un terzo posto all’Eurovision Song Contest nel 1996. L’ultima volta che l’abbiamo vista come artista al concorso è stato nel 2007, ma l’anno scorso è tornata come cantautrice, per Arvingarna. Nel 2020, ha anche scritto una delle altre canzoni.
  • William Stridh (Björn Emilio William Strid) – “Molnljus” () (Markus Lidén, Christian Holmström, David Kreuger, William Stridh).
  • Jakob Karlberg (Nils Jakob Karlberg) – “Om du tror att jag saknar dig” () (Nanne Grönvall, Isak Hallén, Henrik Moreborg, Jakob Karlberg). William Stridh è stato visto per la prima volta quando ha preso parte al Swedish Idol nel 2018, finendo quinto. Prima suonava la chitarra e cantava nella band The Audrey. Questo è il suo debutto con Melodifestivalen.
  • Ellen Benediktson & Simon Peyron (Ellen Laura Catharina Benediktson & Simon Peyron) – “Surface” () (Paul Rey, Laurell Barker, Anderz Wrethov, Sebastian von Koenigsegg, Ellen Benediktson). Ellen è stata avvistata mentre prendeva parte alle prove stand-in per l’Eurovision Song Contest 2013, eseguendo il brano della Francia. L’anno successivo, ha avuto la possibilità di partecipare al Melodifestivalen, dove ha eliminato Helena Paparizou ed è arrivata in finale con “Songbird”, finendo 7°. L’anno successivo, è tornata al Melodifestivalen con “Insomnia”, finendo quinta in semifinale. Simon Peyron è co-fondatore della band metal Outtrigger, che è arrivato alla Second Chance del Melodifestivalennel 2014.
  • Victor Crone (Victor Fritz-Crone, Vic Heart) – “Troubled Waters” () (Dino Medanhodzic, Benjamin Jennebo, Victor Crone). Victor ha iniziato con il nome d’arte Vic Heart, pubblicando il suo primo singolo “Hot Summer Night” nel 2011. Ha preso parte al 2015 come cantante di Behrang Miri con “Det rår vi inte för”, arrivando al Second Chance. Nel 2019 ha vinto la selezione nazionale estone con la canzone “Storm”, finendo infine 20° all’Eurovision Song Contest. La canzone divenne un notevole successo radiofonico in Svezia.
  • Frida Öhrn (Frida Maria Elisabet Öhrn) – “We Are One” () (Frida Öhrn, Hampus Eurenius, Nicklas Eklund). Frida è una musicista versatile che è stato visto per la prima volta a Melodifestivalen nel 2004 come parte del trio LaRoxx, finendo quinto nella semifinale. È stata membro del gruppo Oh Laura, segnando un successo internazionale nel 2007 con “Release Me”. Inoltre, è stata anche membro del trio Cookies ’N’ Beans, prendendo parte al Melodifestivalen nel 2009, finendo quinta nella semifinale. Nel 2013, il gruppo è tornato al Melodifestivalen, arrivando al Second Chance.

5.Andra Chasen (Second Chance) – STIGA Sports Arena Eskilstuna, Eskilstuna (29 Febbraio 2020) 

6.Finale – Stockholm, Friends Arena (07 Marzo 2020) 

Nella lunga lista tanti ritorni, spiccano i nomi di ben quattro ex rappresentanti all’Eurovision Song Contest: Sonja Aldén (Melfest 2006, 2007, Melfest 2012), Malou Prytz (Melfest 2019), Felix Sandman (Melfest 2018, Melfest 2017), Robin Bengtsson (Melfest 2016, Melfest 2017 vincitore), Linda Bengtzing (la sua settima partecipazione al Melfest), Dotter (Melfest 2018), Anna Bergendahl (Melfest 2019, Melfest 2010 vincitrice, Thorsten Flinck (Melfest 2012), Mendes (Melfest 2018, Melfest 2002), Mariette (Melfest 2015, Melfest 2018, Melfest 2017), Anis Don Demina (Melfest 2019), Mohombi (Melfest 2019), Hanna Ferm (Melfest 2014, Melfest 2019), Nanne Grönvall (Melfest 1986,1987, 1996 vincitrice, 1998, 2003, 2005, 2007), Ellen Benediktson (Melfest 2014), Victor Crone (Melfest 2015, Estonia 2019), Frida Öhrn (Melfest 2009 as part of Cookies N Beans, Melfest 2013). Inoltre partecipano 14 artisti femminili, 14 maschili e 1 misto, in totale 36 artisti (17 donne e 19 uomini) di cui 13 hanno fatto il loro debuto al Melodifestialen e 23  artisti hanno già partecipato al Melfest. Un totale di 78 autori, di cui 21 sono donne e 57 uomini. Infine, 2545 canzoni sono state pervenute dalla SVT, e delle selezionate 12 hanno il testo in svedese

SVT Melodifestivalen#melfest@SVTmelfest@melodifestivalen

Tutte le serate potrete seguirle in streaming sul sito http://www.svtplay.se/

Gustavs expertblogg

InstagramTwitterFacebookYouTube

Twitter (in English): #melfest@SVTmelfest

La Svezia è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Tel Aviv dal cantante, compositore ed ex velocista svedese con origini britanniche John Lundvik e il suo brano “Too Late For Love” (scelti tramite il Melodifestivalen 2019, il processo di selezione per la ricerca del rappresentante eurovisivo svedese), pubblicato il 23 febbraio 2019 su etichetta discografica Warner Music Sweden. Il brano è stato scritto dallo stesso interprete insieme a Anderz Wrethov e Andreas “Stone” Johansson.

Dopo aver vinto la semifinale, ha ottenuto il massimo del punteggio da tutte le otto giurie internazionali, nonché il maggior numero di voti dal pubblico, ed è stato incoronato vincitore. Rappresenterà la Svezia all’Eurovision Song Contest 2019. Dopo essersi qualificato dalla seconda semifinale del 16 maggio, si è esibito per nono nella finale del 18 maggio successivo. Qui si è classificato 5º su 26 partecipanti con 334 punti totalizzati, di cui 93 dal televoto e 241 dalle giurie. È risultato il più televotato in Norvegia, e la più popolare fra i giurati di Armenia, Australia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Irlanda, Islandia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca e Spagna. 

Il singolo ha conquistato la vetta della classifica dei singoli svedese l’8 marzo 2019 dopo aver debuttato al 3º posto la settimana precedente.

Il Paese ha debuttato all’Eurovision Song Contest nel 1958, da allora ha partecipato 59 volte (58 Finali) vincendo 6 edizioni, tra cui quella del 1974 con la canzone più famosa di tutta la manifestazione, “Waterloo” degli ABBA.

La prima canzone portata all’ESC fu scelta internamente da Sveriges Radio, già dall’anno dopo si svolge la selezione nazionale per l’Eurofestival, ora nota come Melodifestivalen, organizzato da SVT e SR, considerata una delle migliori in Europa.

Nel 2010, proprio alla sua 50° partecipazione, il paese scandinavo è fuori dalla finale.

Da allora, eccecion fatta per l’edione 2013 e 2018, il paese scandinavo non è più sceso dalla Top 5. Infatti nel 2011, dopo 12 anni, Eric Saade riporta la Svezia sul podio con la canzone “Popular”. Nel 2012 la Svezia conquista la sua quinta vittoria con Loreen, e nel 2015 vince nuovamente con Måns Zelmerlöw, ottenendo il diritto di ospitare la competizione. Completano il quadro il terzo posto di Sanna Nielsen nel 2014 i quinti posti di Frans, Robin Bengtsson e John Lundvik, e il settimo posto di Benjamin Ingrosso.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...