ESC 2020 – Cipro: Ecco “Running” di Sandro per Rotterdam 2020

Sandro

L’emittente pubblica cipriota CYBC / ΡΙΚ-RIK ha pubblicato qualche minuto fa “Running” il brano con il quale Sandro Nicolas rappresenterà il Cipro alla 65ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà il 12, 14 e 16 maggio prossimi, presso l’Ahoy Rotterdam di Rotterdam, nei Paesi Bassi, in seguito alla vittoria di Duncan Laurence nell’edizione precedente tenutasi a Tel Aviv con il brano “Arcade”.

Il 29 novembre 2019 l’emittente televisiva cipriota CyBC ha confermato di aver selezionato internamente a Sandro come rappresentante nazionale all’Eurovision Song Contest 2020. Sandro si esibirà nella Prima Semi-Finale dell’Eurovision Song Contest 2020.

La canzone prodotta da un team di compositori guidato dall’australiano Alfie Arcuri, noto per aver vinto la quinta edizione della versione australiana di The Voice nel 2016, con Sebastian Metzner Rickards, OctavianSandro e Teo DK. Marvin Dietmann, direttore artistico dell’esibizione di Conchita Wurst nel 2014, sarà responsabile della performance di Sandro a Rotterdam.

La canzone racconta della lotta contro le avversità e le tempeste che dobbiamo affrontare nella vita. Come artista, la filosofia di Sandro è che la musica deve essere autentica, veritiera e con l’obiettivo di raggiungere il cuore delle persone. Questo, ovviamente, si riflette nel brano “Running”. Dopo aver attraversato la depressione lui stesso, la performance di Sandro sottolinea il tunnel dell’oscurità che dobbiamo continuare a percorrere e la forza necessaria per resistere.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sandro Nicolas, al secolo Alessandro Rütten, ha 23 anni ed è nato in Germania da padre americano e madre greca, che fa di esso il terzo rappresentante consecutivo per Cipro con componente greca – non nato a Cipro o in Grecia -, dopo Eleni Foureira (che è di Fier, in Albania) e Tamta (che è di Tbilisi, capitale della Georgia). Ha iniziato a suonare la batteria all’età di quattro anni, e a 15 ha iniziato a scrivere le sue prime canzoni.

Nel 2015 si è fatto notare del talent tedesco “Das Supertalent”, che in Germania corrisponde ai vari “Got Talent” che si vedono in giro per il mondo, ma non ebbe il successo sperato. Tre anni dopo ci ha riprovato con “The Voice of Germany”, nel team di Mark Forster, dopo aver colpito i giudici con “In my blood” di Shawn Mendes, ma fu eliminato prima di arrivare ai live show .

Quest’anno ha rappresentato gli Stati Uniti al “New Wave”, il concorso celebre nei Paesi di area ex sovietica e che ha visto tra i vincitori Sergey Lazarev, Jamala, Dino Jelusić, i DoReDoS e l’italiano Walter Ricci. Ha concluso al sesto posto con 243 punti, in un’edizione vinta dall’albanese Inis Neziri (che aveva tentato la carta del Festivali i Kenges nel 2017) e in cui l’ex rappresentante dell’Azerbaigian Aisel ha chiuso ottava.

Al momento sono 38 i concorrenti in gara all’edizione 2020 dell’Eurovision Song Contest, che sono stati presentati ufficialmente, dopo gli Hooverphonic con “Release me” per il Belgio, Blas Cantó con “Universo” per la Spagna, VICTORIA (Виктория) con “Tears Getting Sober” per la Bulgaria, Sandro con “Running” per il Cipro, Vincent Bueno con “Alive” per l’Austria, Tornike Kipiani (თორნიკე ყიფიანი) con “Take Me As I Am” per la Georgia, Jeangu Macrooy con “Grow” per i Paes Bassi, Tom Leeb con “The best in me” per la Francia, Arilena Ara con “Shaj” (Swear) per l’Albania, Vasil (Васил) con “YOU” per la Macedonia del Nord, Benny Cristo con “Kemama” per la Repubblica Ceca, Stefania (Στεφανία) con “SUPERG!RL” per la Grecia, Eden Alene (עדן אלנה) con “Feker libi” (אהוב לבי, حبيب قلبي, የልቤ ተወዳጅ, My Love) per l’Israele, Montaigne con “Don’t break me” per l’Australia, Samanta Tīna con “Still Breathing” per la Lettonia, Destiny Chukunyere per Malta, Diodato con “Fai rumore” per l’Italia, ROXEN con “Alcohol you” per la Romania, Athena Manoukian (Αθηνά ΜανουκιανԱթենա Մանուկեան) con “Chains on you” per l’Armenia, Ulrikke con “Atention” per la Norvegia, THE ROOP con “On Fire” per la Lituania, Go-A con “Solovey” (Соловей) per l’Ucraina, Ana Soklič con il brano “Voda”, Alicja Szemplińskac con “Empires” per la Polonia, James Newman con “My last breath” per il Regno Unito, Ben Dolic con il brano “Violent thing” per la Germania, Samira Efendi per per l’Azerbaigian, VAL con “Da vidna” (Да вiдна) per la Bielorussia, Uku Suviste con “What love is” per l’Estonia, Damir Kedžo con “Divlji vjetre” (Wild Wind) per la Croazia, Natalia Gordienko con “Prison”, Daði og Gagnamagnið con “Think about things” (Gagnamagnið) per l’Islanda, Hurricane con “Hasta la vista” per la Serbia, Little BIG per la Russia, Gjon’s tears con il brano “Répondez-moi” (Answer me, Antwortet mir) per la Svizzera, Lesley Roy con “Story of my life” per l’Irlanda e Senhit per il San Marino.

Il Paese è stato rappresentato nella scorsa edizione che si è svolta a Tel Aviv dalla cantante georgiana naturalizzata greca Tamta Goduadze (თამთა გოდუაძე, Τάμτα Γκοντουάτζε)  con il suo brano “Replay” (scelti internamente), scritto da Geraldo Sandell, Viktor Svensson, Albin Nedler e Kristoffer Fogelmark e Alex Papaconstantinou, e prodotto da quest’ultimo. Il team è lo stesso di “Fuego”, brano di Eleni Foureira dell’anno precedente.

Il brano è stato pubblicato il 5 marzo 2019 su etichetta discografica Minos EMI ed è stato selezionato internamente dall’ente radiotelevisivo cipriota CyBC per rappresentare Cipro all’Eurovision Song Contest 2019 a Tel Aviv, in Israele. Dopo essersi qualificata dalla prima semifinale del 14 maggio, si è esibita per undicesima nella finale del 18 maggio successivo. Qui si è classificata 13ª su 26 partecipanti con 101 punti totalizzati, di cui 32 dal televoto e 77 dalle giurie, regalando a Cipro il secondo migliore risultato del decennio dopo il secondo posto conquistato da Eleni Foureira l’anno precedente. È stata la più votata dal pubblico di Georgia e Grecia, e la più popolare fra i giurati della Grecia.

Cipro ha debuttato all’Eurovision Song Contest nel 1981 con Island e il suo brano “Monika” (Μόνικα) e da allora è stato presente a 36 edizioni (30 finali, senza mai vincere), tranne che nel 1988 (quando la sua canzone fu squalificata), nel 2001 (relegata) e nel 2014 (non ha partecipato a questa edizione). 

Fino ad ora la posizione migliore raggiunta nella manifestazione, dopo tre storici quinti posti nel 1982 con Anna Vissi (Άννα Βίσση) e la canzone “Mono i agapi” (Μόνο η αγάπη), nel 1997 con Hara & Andreas Constantinou (Χαρά & Ανδρέας Κωνσταντίνου) e la canzone “Mana mou” (Μάνα μου) e nel 2004 con Lisa Andreas (Λίζα Ανδρέας) con il brano “Stronger Every Minute”, è stato ottenuto dalla cantante greca Eleni Foureira (Ελένη Φουρέιρα) con la canzone “Fuego”, che dopo aver superato con successo la Prima Semi-Finale, si è piazzata al secondo posto con 436 punti, il primo podio in finale sin dalla prima partecipazione dell’isola.

Essendo gli unici due paesi di lingua greca, in quasi tutte le edizioni Cipro ha assegnato i 12 punti alla Grecia, che per altro ha quasi sempre fatto lo stesso nei confronti dell’isola.