JESC 2020: TVE rende noto i compositori del brano di Soleá Fernández per Varsavia

L’emittente pubblica spagnola TVE ha reso noto qualche minuto fa che Bruno Valverde, ASHA (Hajar Sbihi) e César G. Ross saranno i compositori del brano con cui Soleá Fernández rappresenterà la Spagna  nella 18ª edizione dello Junior Eurovision Song Contest, che si terrà per la seconda volta in Polonia nella città di Varsavia, presso uno studio televisivo il prossimo 29 novembre 2020, a seguito delle modifiche annunciate al format dello Junior Eurovision Song Contest 2020 dovute alla pandemia di COVID-19.

César G. Ross, ASHA (Hajar Sbihi) e Bruno Valverde hanno composto la canzone con cui Soleá rappresenterà la Spagna allo Junior Eurovision Song Contest 2020. Valverde, vincitore di un Grammy, ha anche prodotto la canzone che sarà “gioioso e in spagnolo”. L’artista di 9 anni di Siviglia sta registrando la canzone con la quale parteciperà al concorso giovanile nello studio che il produttore musicale ha a La Granja de San Ildefolso (Segovia).

“Lavorare con i creatori della canzone è stata un’esperienza meravigliosa. Hanno fatto una canzone molto bella e mi sono sentita molto a mio agio nel registrarla. Sono un team di compositori di succeso.”, ha affermato la giovane cantante.

I tre autori hanno una vasta esperienza nella musica e hanno composto (e prodotto) alcuni dei successi di artisti come Ricky Martin, Lola Índigo, Pastora Soler, Juan Magan, Joey Montana, Álvaro Soler, Danna Paola, CTangana, Gemeliers e Álex Ubago. Tuttavia, è la prima volta che lavorano con un cantante così giovane: “È la prima volta che registro con un artista giovane ed è stata un’esperienza diversa perché è tutto più vero, è più vero. Lo canta e basta. È stato molto speciale, mi è piaciuto molto e sono molto grato che ci questa opportunità si è presentat”, ha affermato Valverde.

  • César G. Ross è uno scrittore e compositore con più di 23 anni nell’industria musicale. Ha composto canzoni come “Míranos” di Álex Ubago, “Demasiado amor” di Pastora Soler, “Gracias”, “Prefiero decírtelo así”, “No hay nadie como tú” e “Si te vas” di Gemeliers e “Qué has hecho con mi vida” di Eva Ruiz, tra gli altri.
  • Bruno Valverde Juárez è un produttore musicale che ha ricevuto un Grammy per “La Mordidita” di Ricky Martin nel 2015 e nominato per lo stesso premio nel 2016 per il progetto Los Rakas (Raka Party). Laureato al Berklee College Of Music e alla Full Sail University (Boston), specializzato in produzione musicale e ingegneria del suono. Ha prodotto il triplo disco di platino “Ya no quiero ná”, con il quale Lola Índigo ha fatto irruzione sulla scena musicale nel 2018, e la hit della cantante messicana Danna Paola “Oye Pablo”. Nel suo ruolo di compositore, spicca la canzone “Booty” di Becky G e C Tangana. Ha lavorato a progetti per Ricky Martin, Becky G, Joey Montana, Juan Magan, Álvaro Soler, Danna Paola, Lola Índigo e CTangana e ha collaborato con Karol G, Reik, Sebastián Yatra, tra gli altri.
  • Hajar Sbihi, meglio conosciuta con il nome d’arte ASHA, è un’artista e cantautrice multiplatino nata e cresciuta in Marocco. All’età di 12 anni, ASHA è stata selezionata per partecipare alla canzone “BOKRA”, un progetto che promuove la pace nel mondo arabo prodotto da Quincy Jones e Redone. Nel 2015, ASHA si è trasferita in Spagna per studiare Economia Aziendale / Business Administration alla IE Business School, tenendo sempre presente la sua idea originale: dedicarsi alla musica. A soli 20 anni, ASHA ha avuto il suo primo successo come compositora: “Ya no quiero ná”. Nel 2018 ha composto la canzone “Booty” insieme a Becky G y C.Tangana, diventando triplo platino negli Stati Uniti e doppio platino in Spagna. Nello stesso anno, ha lavorato sulle melodie di “Oye Pablo” di Danna Paola (Triplo disco di platino in Messico). ASHA ha anche ottenuto il successo come cantante con la canzone da lei composta “Bésame”, che ha accumulato più di un milione e mezzo di riproduzioni su piattaforme digitali in soli due mesi.

Soleá Fernández Moreno è stata selezionata internamente dall’emittente pubblica spagnola seguendo lo stesso metodo di selezione che ha visto Melani García rappresentare la Spagna allo Junior Eurovision Song Contest 2019 in Gliwice-Silesia. 

La giovani artista di 9 anni è nata a Siviglia il 19 giugno 2011, nel seno di una straordinaria famiglia di ballerini e artisti di flamenco più importanti del paese: los Farruco (i Farruco). Figlia di Farru, nipote di Farruquito, nipote di Farruca e pronipote di Farruco, si può dire che l’arte e il flamenco le scorrono nelle vene e fin da giovanissima ha mostrato facoltà di canto, danza e interpretazione. Soleá è un’artista autodidatta e, nonostante la sua giovane età, ha mostrato il suo talento su alcuni dei palcoscenici più importanti della Spagna.

Nel 2014, a soli tre anni, ha debuttato come cantante a La Maestranza de Sevilla, durante uno spettacolo della sua famiglia ‘Farruquito y familia’. Nel 2015 è stata la protagonista dello spettacolo natalizio ‘Navidad en familia’ dove ha debuttato come attrice e ballerina al Teatro Quintero di Sevilla.

Nel 2016 ha recitato in un altro spettacolo natalizio creato da suo padre, che lo ha portato in tournée in alcuni dei migliori teatri del paese, come il Teatro Apolo (Barcelona) e il Teatro Rialto (Madrid). Nello stesso anno fa la sua prima apparizione in tv grazie al programma di Canal Sur ‘Menuda noche’.

Nel 2019, è stata una degli ospiti speciali del concerto di Ketama al Cartuja Center di Sevilla. Durante il Natale di quell’anno, la ragazza ha preso parte a La zambombá flamenca, con la quale ha girato la Spagna e condiviso il palco con artisti come Pitingo, Tomatito e Rosario Flores. All’inizio del 2020, ha partecipato all’ultimo album della cantante Lya Manuela.

Inoltre, la giovane cantante ha mosso i suoi primi passi come modella sfilando sulla passerella SIMOF per i designer Vicky Martín Berrocal e Rocío Peralta.

La 18ª edizione dello Junior Eurovision Song Contest 2020 si terrà domenica 29 novembre 2020 alle 17:00 CET a Varsavia in Polonia – che diventa così il primo Paese ad ospitare l’evento per due occasioni consecutive -, con 13 delegazioni partecipanti (Armenia (ARMTV), Bielorussia (BTRC), Francia (FTV), Georgia (GPB), Kazakistan (Agenzia Khabar), Malta (PBS), Paesi Bassi (AVROTROS), Russia (RTR), Serbia (RTS), Spagna (RTVE) con Soleá Fernández, Ucraina (UA: PBC) con Oleksandr Balabanov / Олександр Балабанов e il brano «Відкривай» (Vidkryvay, Open), Polonia (TVP) e Germania (ARD/ZDF/Kika)) a distanza dai rispettivi paesi a causa della pandemia COVID-19.

I 13 giovani artisti in gara si esibiranno infatti live ciascuno in uno studio televisivo dalle sedi tv del proprio paese, con l’EBU-UER che fornirà assistenza in modo che ciascuna tv possa avere a disposizione staging e situazioni tecniche similari. La decisione è ovviamente dovuta alla contingente situazione, con una epidemia ancora fortemente in circolo e parecchie limitazioni agli spostamenti da e per la Polonia.

La Spagna ha partecipato 5 volte sin dal suo debutto nel 2003. Arriva al secondo posto nel 2003 mentre nel 2004 vince il suo primo concorso grazie a María Isabel e alla sua canzone “Antes muerta que sencilla”, brano che poi diventerà un singolo del suo album di debutto ¡No me toques las palmas que me conozco!.

Giungono al secondo posto di nuovo l’anno successivo. Nel 2006 arrivano al quarto posto e si ritirano nel 2007 in quanto, secondo l’allora direttore dell’emittente iberica, “promuove stereotipi che non condividiamo”.

Nel 2019, dopo 12 anni di assenza, l’emittente spagnola annuncia il ritorno alla competizione, conquistando un terzo posto.

Spagna allo Junior Eurovision Song Contest:

  • 2003: Sergio (Sergio Jesús García Gil) – “Desde el cielo”, 2° – 125 punti
  • 2004: María Isabel (María Isabel López Rodríguez) – “Antes muerta que sencilla” (I’d rather be dead than understated), 1° – 171 punti
  • 2005: Antonio José (Antonio José Sánchez) – “Te traigo flores”, 2° – 146 punti
  • 2006: Dani Fernández (Daniel Fernández Delgado) – “Te doy mi voz, 4° – 90 punti
  • 2019: Mélani García (Mélani García Gaspar) – “Marte”, 3° – 212 punti
  • 2020: Soleá Fernández