ESC 2021 – Islanda: Il 13 Marzo verrà rilasciato il brano di Daði og Gagnamagnið per Rotterdam 2021 – Aggiornato

L’emittente pubblica islandese RÚV ha confermato che il 13 marzo verrà reso noto il brano con cui Daði og Gagnamagnið si esibiranno alla 65ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2021 che si terrà presso l’Ahoy Rotterdam a Rotterdam, nei Paesi Bassi, il 18, 20 e 22 maggio 2021. 

La canzone che Daði og Gagnamagnið eseguirà a Rotterdam verrà rivelata in uno show speciale su RÚV sabato 13 marzo.

A tal proposito, Daði ha rivelato il suo desiderio di vincere l’Eurovision Song Contest: “L’Eurovision è una competizione e noi siamo mentalmente impostati a vincerla. La maggior parte dell’enfasi è posta sull’avanzamento in finale, in modo tale che qua ci sia una grande festa. Non vedo il vero senso di competere ad una competizione se non vedi la possibilità di poter vincere”.

Attualmente Daði e il suo team stanno lavorando ad ultimare le registrazioni del brano, che prevede un coro composto con voci provenienti dai fans del cantante, che sarà finalizzato nei prossimi giorni, alla scelta dei costumi e alla esibizione sul palco dell’Ahoy Rotterdam. Inoltre, verrà anche girato un video musicale, che sarà pubblicato alla fine di marzo e ci sarà anche un videogioco di accompagnamento in cui Daði og Gagnamagnið giocherà un ruolo chiave.

Parlando dei preparativi, Daði ha affermato che ora la sensazione è diversa rispetto allo scorso anno, sapendo di star lavorando per una canzone che effettivamente rappresenterà l’Islandia a Rotterdam: “Sappiamo di essere dentro la vera vera competizione e stiamo dando il massimo. Ho molte cose pronte che lo scorso anno non avevo. Sapere di andare al 100% all’Eurovision Song Contest ti permette di organizzarti meglio rispetto all’andare alla selezione nazionale e non sapere se il tuo viaggio continuerà”.

Prima della presentazione della canzone, RÚV trasmetterà un documentario diviso in due parti su Daði Freyr Pétursson og Gagnamagnið, rispettivamente il 27 febbraio e il 6 marzo. Il documentario, che sarà prodotto da Fannar Sveinsson iniseme a Benedikt Valssyni, racconterà dell’esperienza del gruppo allo Söngvakeppnin 2017, che funge da metodo di selezione nazionale per il rappresentante dell’Islanda all’Eurovision Song Contestcon “Is this love?” (Hvað með það?) dove hanno raggiunto il secondo posto e dalla canzone “Think about things“, che avrebbe rappresentato l’Islanda all’Eurovision Song Contest 2020, che ha avuto un enorme sucesso lo scorso anno ed è stata riprodotta circa 66 milioni volte su spotify. Inoltre, il brano ha vinto molti concorsi internazionali ideati per sostituire l’Eurovisiosion Song Contest, tra cui il Der kleine Song Contest (Austria), l’Eurovision: Sveriges 12:a (Svezia), l’ESC: Norge bestemmer (Norvegia) e l’Eurovision 2020: Big Night In! (Australia); l’emittente europea OutTV, con sede nei Paesi Bassi, l’ha inserito al terzo posto a seguito di un sondaggio rivolto al proprio pubblico. Inoltre, prima della cancellazione dell’evento, il brano risultava tra i favoriti per la vittoria secondo i siti di scommesse.

Daði Freyr Pétursson og Gagnamagnið sono divenuti noti a seguito della sua vittoria allo Söngvakeppnin 2020 con il brano “Think About Things”, con il quale avrebbero dovuto rappresentare l’Islanda all’Eurovision Song Contest 2020, ma in seguito all’annullamento dell’evento a causa della pandemia di COVID-19. Di seguito Freyr ha confermato che non avrebbe preso parte alla prossima edizione del Söngvakeppnin, ma che avrebbe potuto accettare l’invito di rappresentare la sua nazione se l’emittente nazionale dovesse optare per una selezione interna.  Rúnar Freyr Gíslason, project manager RÚV, ha affermato che l’ente radiotelevisivo islandese RÚV voleva dare a Daði og Gagnamagnið un’altra opportunità e ha selezionato l’artista internamente, insieme ai Gagnamagnið, per rappresentare nuovamente la nazione all’Eurovision Song Contest 2021 a Rotterdam.

Il 13 marzo inizierà il nuovo spettacolo di musica e intrattenimento chiamato ‘Straumar’ (Currents), che sarà trasmesso sabato sera. Lo spettacolo tratterà delle correnti e le tendenze della musica in Islanda e all’estero negli ultimi decenni. Verranno discussi questi e altri periodi della storia del pop e della cultura popolare, come l’era delle meraviglie uniche, l’era dei Beatlers, l’era della discoteca e l’era dell’Eurovision Song Contest, che dalla prima edizione del 1956, il concorso è stato trasmesso ogni anno senza interruzioni in tutto il mondo, fatta eccezione per il 2020, rendendolo uno dei programmi televisivi più longevi di sempre ed è anche l’evento non sportivo più seguito al mondo. Sarà presentato da Björg Magnúsdóttir og Freyr Eyjólfsson e il direttore musicale saràGuðmundur Óskar Guðmundsson. Il primo episodio di ‘Straumar’ che si concentrerà sulla storia dell’Eurovision Song Contest, sarà dove verrà presentata in anteprima la canzone di Daði og Gagnamagnið per l’Eurovision Song Contest 2021.

Islanda è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Tel Aviv dal gruppo musicale islandese Hatari, formato da Einar Hrafn Stefánsson, Klemens Nikulásson Hannigan e Matthías Tryggvi Haraldsson e la canzone “Hatrið mun sigra” (Hatred will prevail), realizzato nel 2019. Il brano ha raggiunto il secondo posto della classifica islandese dei singoli, nonché la vetta della classifica radiofonica nazionale. “Hatrið mun sigra” è stato presentato per la prima volta al Söngvakeppnin 2019, dove è risultato vincitore. Grazie alla vittoria nella manifestazione, gli Hatari hanno guadagnato il diritto a rappresentare l’Islanda all’Eurovision Song Contest 2019 a Tel Aviv, dove si sono classificati decimi ottenendo 232 punti, di cui 186 dal televoto e 46 dalle giurie; sono stati i più votati dal pubblico di Ungheria, Polonia e Finlandia. All’annuncio del loro punteggio finale, il gruppo ha esposto sciarpe con scritte e colori della bandiera della Palestina.

L’Islanda ha debuttato all’Eurovision Song Contest 1986. In 32 partecipazioni (25 finali), ancora non è riuscita ha vincere la manifestazione. Come migliori risultati, ha ottenuto due secondi posti, uno nel 1999 con Selma e il suo brano “All out of luck” e l’altro nel 2009 con Jóhanna e il suo brano “Is it true?”, a 10 anni di distanza l’uno dall’altro. È l’unico paese nordico a non avere ancora vinto l’evento. Nel 2005, per la prima volta dall’introduzione di una semifinale, non riesce a qualificarsi per la serata finale.