Sanremo 2021: Conferenza stampa e il programma della seconda serata – Aggiornato

Parte stasera su Rai1 la 71esima edizione del Festival della Canzone Italiana: anticipazioni, ospiti e curiosità della seconda serata sono state svelate questa mattina nella sala stampa del Teatro del Casinò di Sanremo.

Si è parlato della serata inaugurale del Festival oggi nella sala stampa del Teatro del Casinò di Sanremo. A rispondere alle domande dei giornalisti accreditati Amadeus, direttore artistico e conduttore della manifestazione, Elodie, co-conduttrice della seconda serata, il direttore di Rai1 Stefano Coletta, il vicedirettore Claudio Fasulo, Elena Capparelli, direttore di RaiPlay e Rai Digital e il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri hanno commentato l’andamento della serata di apertura del 71° Festival della Canzone Italiana, rispondendo alle domande dei giornalisti accreditati, e anticipato ciò che vedremo sul palco stasera. 

I numeri della serata di apertura. La prima puntata di Sanremo 2021 è stata seguita complessivamente da 8 milioni 363 mila spettatori, pari al 46,6% di share. La prima parte ha raggiunto 11 milioni 176 mila teste (pari al 46,4%), la seconda parte 4 milioni 212 mila (47,8%). Il picco d’ascolto è stato registrato alle 21.46 con la presentazione di Diodato da parte di Amadeus e Fiorello che è stata seguita da 13 milioni 950 mila persone. Il picco di share è arrivato invece alle 23.23, quando in corrispondenza dell’esecuzione da parte di Fiorello di “Se stasera sono qui”, si è toccato il 51,9%. Se si registra una piccola flessione dei dati rispetto allo scorso anno, si deve anche parlare di una comparazione poco praticabile per via del differimento della data della kermesse, con una platea televisiva complessiva, oggi, minore.

La prima serata del Festival 2021 fa registrare su Rai1 un significativo ringiovanimento del target degli ascoltatori: 53 anni contro i 54 del 2020. A confermare il ringiovanimento del Sanremo “70 +1” è anche il più 63% nell’ascolto della fascia 15 – 24 anni, con un più 71% tra il pubblico delle ragazze.  Gli ultimi 20 anni del Festival si sono sempre attestati al 40% di share per la prima serata, quindi oggi si è anche oltre la media. Sui social invece si è registrato un vero e proprio boom: è stata la serata del Festival più commentata di sempre, con un’interazione live senza precedenti, ha quindi aggiunto Elena Capparelli.

«Un primo bilancio per me positivo, un risultato in linea con gli ultimi anni, È stato un grande spettacolo capace di attraversare tutte le generazioni,», ha commentato il direttore di Rai1 Stefanno Coletta in conferenza stampa complimentandosi con il duo Fiorello-Amadeus e con la rivelazione Matilda De Angelis. 

«#Sanremo2021 è stato l’evento Rai – esclusi gli eventi sportivi – più visto in diretta streaming. Ed è anche il Sanremo più social di sempre, con un sentimento estremamente positivo», ha aggiunto il direttore di RaiPlay e Rai digital, Elena Capparelli.

L’assenza di pubblico è pesata: esso costituisce il terzo elemento di uno show e la sua assenza ha costituito una difficoltà enorme, brillantemente superata da Amadeus e Fiorello. “Il pubblico, in un linguaggio di intrattenimento, è una parete che accompagna, è l’elemento che più ha scardinato questa nuova narrazione del Festival di Sanremo”, ha concluso Coletta. 

«È un anno diverso, ma ci fa un enorme piacere sapere che abbiamo regalato a più di 11 milioni di telespettatori ore di spensieratezza. Sanremo 2021 era l’occasione per portare una ventata di novità musicale», ha chiosato Amadeus, direttore artistico e conduttore della kermesse facendo il proprio bilancio sull’andamento della prima serata. Grande è la sua soddifazione per aver “svecchiato” il Festival, grazie al ricontro ottenuto presso il pubblico dei giovani.

Oltre al cast fisso, che vede per l’edizione 2021 la presenza di di Fiorello e Achille Lauro, tornerà, in collegamento, Zlatan Ibrahimović. Ospite d’onore della serata, Laura Pausini. Ad affiancare il direttore artistico alla conduzione, invece, sarà Elodie: «Sono felice e onorata di questo invito speciale, la Elodie dodicenne che guardava Sanremo non si sarebbe mai immaginata di condividere il palco con due grandi della tv come Amadeus e Fiorello», ha detto la cantante in sala stampa.

Ad impreziosire ancor più la serata ci saranno Il Volo con Andrea Morricone in un omaggio al grande Maestro, Gigliola Cinquetti, Fausto Leali e Marcella Bella con un “happening” di grandi successi sanremesi, Gigi D’Alessio, Alex Schwazer e la calciatrice Cristiana Girelli. Ospiti anche per Achille Lauro, il cui “quadro” vedrà stasera la partecipazione di Claudio Santamaria e Francesca Barra.  

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gli artisti in gara: il programma della seconda serata (3.3.2021). Ad aprire la serata sarà, ancora una volta, la gara tra le Nuove Proposte. I 4 Artisti che vedremo stasera sono, in ordine di esibizione, Wrongonyou, Greta Zuccoli, Davide Shorty e i Dellai. Due dei partecipanti accederanno alla finale prevista nella quarta serata di venerdì e raggiungeranno i già qualificati Gaudiano con il brano “Polvere da sparo” e Folcast con “Scopriti”. Le canzoni dei “giovani” saranno votate dalla Giuria Demoscopica (per il 33%), dalla Giuria della Sala Stampa (per il 33%) e dal pubblico tramite Televoto (per il 34%). I primi due in classifica saranno i brani che accederanno alla quarta serata, durante la quale andrà in scena la finale della sezione Nuove Proposte.

Ascolteremo poi le altre 13 canzoni delle 26 in gara nella sezione Campioni. Queste ultime saranno votate dalla Giuria Demoscopica. Al termine della serata verrà stilata una classifica congiunta di tutte le 26 canzoni in competizione nella gara dei Campioni.

Ecco i Campioni in ordine di esibizione:

  1. Orietta Berti
  2. La Rappresentante di Lista
  3. Lo Stato Sociale 
  4. Bugo
  5. Gaia
  6. Willie Peyote 
  7. Malika Ayane 
  8. Fulminacci 
  9. Extraliscio 
  10. Ermal Meta
  11. Gio Evan
  12. Irama*
  13. Random

Rivedi la conferenza stampa del 03/03/2021 >>

Caso Irama: a risultare positivi al covid, anche al tampone molecolare, due dei suoi collaboratori, pertanto lo stesso dovrà essere escluso dalla gara nonostante sia in prima persona negativo. La decisione è dettata dalla necessità di rispettare la quarantena (10 giorni per covid ordinario, 14 giorni per il caso di variante inglese). Amadeus ha quindi avanzato una proposta: ammetterlo ugualmente in gara attraverso la preregistrazione del suo brano avvenuta durante le prove. Per fare questo, oltre che chiedere il consenso allo stesso Irama, servirà il benestare anche di tutti gli altri partecipanti e delle rispettive case discografiche. Maggiori notizie verranno diffuse nelle prossime ore, partendo dall’ufficialità della dichiarazione di positività citata da parte della Asl di Imperia.

Aggiornamento: A proposito della partecipazione di Irama al Festival di Sanremo 2021, “la  Direzione di Rai Uno, in accordo con la Direzione Artistica del 71° Festival della Canzone Italiana, in considerazione del periodo particolare dovuto all’emergenza epidemiologica e alle difficoltà  che il mondo musicale e dello spettacolo sta attraversando –  acquisiti i nulla osta da parte di tutti gli artisti e relative case discografiche in competizione nella sezione di riferimento e al fine di permettere lo svolgimento quanto più possibile completo della manifestazione – ammette la partecipazione alla gara degli artisti impossibilitati a presenziare per restrizioni sanitarie legate alla suddetta emergenza attraverso la registrazione audio/video di una precedente esibizione avvenuta nel Festival (in prova o in una precedente serata). 

In caso di più esibizioni precedenti, sarà indicata dall’Artista e dalla relativa Casa discografica quella che dovrà essere messa in onda e considerata ai fini della competizione.

In caso di mancanza di precedente esibizione durante il Festival, verrà messa in onda la registrazione della prova generale dell’Artista.

La presente nota viene allegata al Regolamento del 71° Festival della Canzone Italiana e pubblicata sul sito http://www.sanremo.rai.it”.

Questo, pertanto, il nuovo ordine di uscita della seconda serata del Festival:

  1. Orietta Berti, 
  2. Bugo, 
  3. Gaia, 
  4. Lo Stato Sociale, 
  5. La rappresentante di lista,
  6. Malika Ayane, 
  7. Extraliscio, 
  8. Ermal Meta, 
  9. Random, 
  10. Fulminacci, 
  11. Willie Peyote, 
  12. Gio Evan,
  13. Irama.

Aggiornamento: La soluzione adottata dopo il “caso Irama” è stata approvata dalle case discografiche, esibizioni anche in video registrato durante le prove.

Come risolvere l’impasse nel quale si è ritrovata la Rai dopo la notizia della positività al Covid-19 di un membro dello staff di Irama, che ha costretto il cantante a rinunciare alla sua esibizione? La versione originale del regolamento del Festival di Sanremo 2021 prevedeva, in casi del genere, l’esclusione.

Il rischio era quello di ritrovarsi, nei prossimi giorni, di fronte ad altri casi simili, che avrebbero spinto altri artisti a dare forfait (già ieri Irama non ha potuto esibirsi: è stato sostituito sul palco da Noemi). Invece, a sorpresa, Amadeus ha annunciato di aver escogitato una soluzione che mette d’accordo cantanti in gara, rispettive case discografiche e anche la Rai: gli artisti costretti a stare in quarantena potranno esibirsi anche in video. O meglio: anziché assistere all’esibizione sul palco del cantante, verrà trasmesso un filmato della sua esibizione. Una novità, per il Festival di Sanremo. L’espediente ha ricevuto l’approvazione di tutte le case discografiche. 

“Siamo in una situazione di emergenza, l’idea mi è venuta stanotte perché non mi piaceva che un ragazzo fosse escluso per un problema legato al Covid e alla positività di un collaboratore, e perché purtroppo potrebbe accadere ad altri. Chiedo perciò a tutti i cantanti, se sono d’accordo, di tenere in gara Irama mandando in onda il video della prova generale, anche perché non cambia nulla visto che ugualmente non c’era il pubblico”, ha spiegato oggi Amadeus in conferenza stampa.

Aggiornamento: Irama, sarà regolarmente presente in gara al Festival di Sanremo 2021.  Il cantante però non sarà sul palco fisicamente, visto che dopo la conferma della positività al tampone molecolare da parte di un membro del suo staff, dovrà osservare la quarantena. Con un cambio in corsa del regolamento, sentito l’artista, i suoi 25 colleghi e le case discografiche, al suo posto verrà proiettato il video della prova generale.

Una situazione, quella del backup, che gli appassionati eurovisivi conoscono bene visto che la prova generale dello show, per intero, con tanto di costumi di scena viene registrata ed utilizzata come traccia di riserva sulla quale switchare in caso di necessità, dato che viene lanciata in bassa frequenza in contemporanea alla diretta.

La decisione di mantenere in gara Irama è una scelta precisa di Amadeus, visto che a norma di regolamento, Irama avrebbe dovuto ritirarsi: la normativa anti-contagio prevede infatti che tutti i contatti stretti delle ultime 48 ore del positivo – quindi anche Irama stesso – debbano osservare una quarantena di 10 giorni, 14 se c’è variante inglese. Irama dunque sarà fra l’altro costretto a restare in albergo anche dopo la conclusione del Festival.

I cantanti e le etichette si sono detti d’accordo a mantenere il collega in gara, anche in considerazione che l’assenza del pubblico di fatto non modifica l’impatto emozionale. L’ultima parola resta comunque ad Irama, che a breve terrà una conferenza stampa.

Così il direttore artistico: “Da regolamento Irama dovrebbe ritirarsi ,- è un’emergenza. Ho avuto un’idea: non mi piaceva venisse escluso per il Covid di un collaboratore ma può accadere ad altri. Ipotizziamo che qualcuno sia in testa venerdì e sabato un collaboratore risulti positivo, si trova in quarantena il sabato e a saltare una eventuale vittoria. Allora chiederò a tutti i cantanti se sono d’accordo nel tenere in gara Irama mandando in onda il video della prova generale: non c’è un vantaggio o svantaggio, non c’era il pubblico nella prova né nella diretta. Ho pensato questo, in modo che anche questi ragazzi non vivano nel terrore per qualcuno nell’entourage o loro stessi positivi. È una modifica al regolamento che desidero fare oggi e vale per anche per il giovedì dove Irama aveva il duetto con la voce inedita di Guccini. Perché ciò accada devo avere l’ok degli altri 25 cantanti in gara. O stasera metto Irama in gara con il video o per regolamento deve autoescludersi, è una tutela di tutti, non solo di Irama. Se Irama dovesse dire che preferisce ritirarsi perché vuole il live, lo accetterò. Tra la diretta e la registrazione in questa situazione la differenza non c’è.”

Per Sanremo, l’esibizione di un artista maggiorenne senza la presenza fisica sul palco è un inedito. L’unico precedente risale al 2010, quando per colpa di uno sforamento di orario, la quindicenne Jessica Brando non potè esibirsi in diretta per concorrere nel primo turno della sezione Giovani e così fu trasmessa la prova generale del suo brano “Dove non ci sono ore“.

Nel 2012, invece, Alina Deidda non potè ritirare il premio per il secondo posto sempre nei giovani per il suo brano “Un piccolo amore” e così alla allora dodicenne interprete viterbese il trofeo fu consegnato in albergo.

Inoltre, Orietta Berti all’Eurovision Song Contest 2021 per rappresentare l’Italia? La cantante non si tirerebbe certo indietro: “Il contratto l’ho firmato, come tutti gli altri cantanti in gara al Festival. Certo che ci andrei: sono una vabagonda, io”, sorride la voce di “Fin che la barca va”. A 77 anni Orietta Berti è in gara al Festival di Sanremo 2021 Sul palco dell’Ariston, dove mancava da 29 anni, canterà “Quando ti sei innamorato”, co-firmata da Ciro Esposito e Francesco Boccia, già autori di “Grande amore”, la canzone che nel 2015 permise a Il Volo di vincere il Festival: “L’avevo incisa io per un mio disco, quella canzone.

Poi Francesco Boccia me la richiese per assegnarla a Il Volo: gliela restituì e lui si è sdebitato con me affidandomi ora questa canzone che è quasi una romanza. Il testo parla dell’amore di una vita”.

Questa è la dodicesima partecipazione di Orietta Berti al Festival di Sanremo. Esordì nel 1966 con “Io ti darò di più” e nel ’67 – l’anno della morte di Tenco – portò in gara “Io, tu e le rose”. Nel 1974 arrivò terza con “Occhi rossi (Tramonto d’amore)”. 

Le somiglianze tra la canzone dei Måneskin e una (del 2015) degli Anthony Laszlo. Dade, co-fondatore, bassista e chitarrista dei Linea 77, sui propri canali social ha denunciato una somiglianza sospetta tra “Zitti e buoni”, il brano con cui la band romana dei Måneskin sta partecipando alla settantunesima edizione del Festival di Sanremo, e “F.D.T.”, canzone degli Anthony Laszlo pubblicata nell’eponimo album del duo torinese nel 2015:

“Qualcosa non quadra”, osserva Dade, mandando il playback i ritornelli di entrambe le canzoni, delle quali – qui sotto – trovate le versioni integrali:

Dade produsse il disco di debutto del duo composto da Anthony Sasso (già nei Milena Lovesick) e Andrea Laszlo De Simone (già nelle fila dei Nadar Solo) sette anni fa: il lavoro fu pubblicato il 20 gennaio del 2015 da INRI, etichetta che ha visto passare nel proprio roster – tra gli altri, oltre agli stessi Linea 77 – anche Dardust, Levante, Bianco e Monaci del Surf.

AggiornamentoL’ufficio stampa dei Maneskin ha diffuso una nota con una perizia tecnica di Sony, casa discografica dei Maneskin, sul caso del presunto plagio. Ve la riportiamo qui sotto:

In merito alle notizie emerse di una possibile somiglianza del brano dei Måneskin “Zitti e buoni” rispetto a un brano già edito, si evidenzia che non solo non vi è presenza di plagio melodico sulla linea vocale (quello principalmente viene tutelato dalle attuali leggi in vigore) ma non vi è neppure un plagio strumentale sulla stessa struttura armonica come si evince da perizia tecnica di Sony. Il focus principale dell’analisi è la melodia del ritornello e nei due brani si evince la totale discordanza nella fattispecie: 

1.La sola coincidenza delle parole “Fuori di Testa” è elemento insufficiente in quanto esso stesso è utilizzato in note e metriche differenti, può risaltare nell’immediato che su “Zitti e Buoni” vi è sulla melodia anche un utilizzo temporaneo della metrica terzinata, cosa che non avviene nell’altro brano.

2.Le parole “Fuori di Testa” hanno nei due brani hanno uno svolgimento differente anche determinato dalla assenza o presenza di pause. In “Ftd” notiamo una pausa di ottavo (ben udibile) tra le parole “Fuori di” e “Testa” mentre su “Zitti e Buoni” si nota la totale assenza di pause ed anzi un esecuzione legata, più stretta e fluida, nonché, come già sottolineato, a maggior complessità ritmica (troviamo la convivenza tra sedicesimi e terzine di ottavo).

3. Da notare pure il contesto semantico differente (“Vado fuori di testa” [Fdt] contro “Sono fuori di testa” [Zitti e Buoni]).

4. L’utilizzo di gradi della scala (in ordine di altezza Re – Mi – Sol) ricalcanti la scala pentatonica minore di Mi (come nella stragrande maggioranza dei brani Rock) non può in alcun modo rappresentare un elemento di rassomiglianza in quanto elemento generico si può anche sottolineare che in “Fdt” oltre all’appoggio armonico degli accordi (chitarra e basso) vi è una ASSENZA di RIFF, elemento che invece determina in pieno l’inciso di “Zitti e Buoni”.