JESC 2021: Sara Egwu-James con “Somebody” per la Polonia a Parigi

Sarà la giovane Sara Egwu James con il brano “Somebody” a rappresentare la Polonia alla 19ª edizione dello Junior Eurovision Song Contest 2021 che si terrà nella città di Parigi in Francia, all’interno de La Seine Musicale, una sala concerti situata nell’isola di Île Seguin, bagnata dal fiume Senna, il 19 de diciembre 2021.

Sara Egwu-James ha vinto la selezione nazionale della Polonia, ‘Szansa na sukces. Eurowizja Junior 2021’ (A Chance for Success), con cui il Paese ha selezionato il concorrente polacco alla edizione 2021 dello Junior Eurovision Song Contest.

Sara Ewgu-James ha vinto la terza e ultima Semi-Finale del programma ‘Szansa na sukces. Eurowizja Junior 2021’. Una talentuosa ragazza di 13 anni con radici polacche e nigeriane che viene da Słubice. La sua passione per la musica è nata nella casa di famiglia: il papà di Sarah, John James, è un musicista noto, tra gli altri, Clash of the Choirs e X-factor (Bitwy na głosy i X-factora). Sara Ewgu-James frequenta la scuola primaria e frequenta la Scuola di Musica di 1° livello (Szkoły Podstawowej i uczęszcza do Szkoły Muzycznej I stopnia), dove impara a suonare il pianoforte, e sotto la supervisione di Edyta Kręgiel presso il Centro Culturale SMOK di Słubice (Miejskim Ośrodku Kultury SMOK w Słubicach), allena anche la sua voce. Sara si è fatta conoscere a un pubblico più vasto grazie alla sua partecipazione alla 4ª edizione di The Voice Kids Poland: la giovane cantante si è rivelata impareggiabile e ha vinto le finali del programma, con una versione di “Húsavík (My home town)”, la canzone colonna sonora del film “Eurovision Song Contest: la storia dei Fire saga”, recentemente candidata all’Oscar come miglior canzone originale.

Lo show (Szansa na sukces. Eurowizja Junior 2021, odc. 4 – Finał) è stato condotto da Marek Sierocki che sostituisce ad Artur Orzech, mentre i 3 finalisti si sono esibiti nella Finale con 2 canzoni – Marysia Stachera ha cantato la canzone di Duncan James – “Arcade”, Miłosz Świetlik ha eseguito la sua versione di “Meluzyna” e Sara Egwu-James ha eseguito la versione polacca di „That’s the way it is” e successivamente la canzone per lo Junior Eurovision Song Contest 2021, che la Francia ospita quest’anno per la prima volta. Una combinazione di voto tra una giuria di esperti composta da Anna Cyzowska-Andura – direttrice della TVP Entertainment and Fixture Agency; Grzegorz Urban – direttore musicale di „Szansy na sukces”; Konrad Smuga – Direttore Creativo Junior Eurovision Song Contest 2019-2020 (50%) e il televoto del pubblico tramite SMS (50%) hanno deciso chi dei 3 giovani artisti rappresenterà il Paese a Parigi 2021. Inoltre i coach sono stati la cantante Alicja “Ala” Tracz, che ha rappresentato la Polonia allo Junior Eurovision Song Contest 2020 con il brano “I’ll Be Standing”, classificandosi al nono posto; la cantante e attrice polacca Roksana Węgiel, conosciuta anche come Roxie, che ha rappresentato la Polonia allo Junior Eurovision Song Contest 2018 svoltosi a Minsk in Bielorussia, dove ha vinto con la canzone “Anyone I Want to Be”; e la cantante polacca Edyta Górniak, che ha rappresentato il suo paese all’Eurovision Song Contest 1994 con “To nie ja!” (It wasn’t me!; Once in a Lifetime) classificandosi al secondo posto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Ecco di seguito i 3 finalisti che si sono esibiti stasera nella Finale dello ‘Szansa na sukces. Eurowizja Junior 2021’ (Risultati – SMS + Giuria):

  1. Sara Egwu-James – „My Heart Will Go On”
  2. Miłosz Świetlik – “Na Wyspach Bergamutach”
  3. Marysia Stachera – “Anyone I Want to Be”
  4. Sara Egwu-James – „Somebody” (Dominik Buczkowski-Wojtaszek, Jan Bielecki, Patryk Kumór e Tom Martin), 5 + 5 = 10
  5. Miłosz Świetlik – „Open wide” (Gromee), 1 + 3 = 4
  6. Marysia Stachera – „One world of colors” (Gromee), 3 + 1 = 4

La Polonia ha partecipato 6 volte sin dal suo debutto nel 2003. La rete che ha curato le varie partecipazioni è la TVP. Si ritira nel 2005 per problemi finanziari, ma tornerà 12 anni dopo nell’edizione 2016. Nel 2018 grazie a Roksana Węgiel ottiene la sua prima vittoria con il brano “Anyone I Want To Be”, e successivamente viene annunciato che il paese ospiterà l’evento nel 2019, nella Gliwice Arena. Il 24 novembre 2019 la Polonia vince per la seconda volta, con “Superhero” di Viki Gabor, diventando la prima nazione ad aggiudicarsi la manifestazione per due anni consecutivi, nonché la prima a vincere in casa.

• Polonia allo Junior Eurovision Song Contest:

  • 2003: Katarzyna ‘Kasia’ Żurawik – “Coś mnie nosi”, 16° – 3 punti
  • 2004: KWADro (Dominika Rydz, Weronika Bochat, Anna Klamczyńska e Kamila Piątkowska) – “Łap życie” (Don’t forget), 17° – 3 punti
  • 2016: Olivia Wieczorek – “Nie zapomnij”, 11° – 60 punti
  • 2017: Alicja Rega – “Mój dom”, 8° – 138 punti
  • 2018: Roksana Węgiel – “Anyone I Want To Be”, 1° – 215 punti
  • 2019: Viki Gabor – “Superhero”, 1° – 278 punti
  • 2020: Alicja “Ala” Tracz – “I will be standing”, 9° – 90 punti
  • 2021: Sara Egwu-James – „Somebody”

Lo Junior Eurovision Song Contest 2021 sarà la diciannovesima edizione del concorso canoro per bambini e ragazzi dai 9 ai 14 anni. L’evento si svolgerà a Parigi all’interno de La Seine Musicale, una sala concerti situata nell’isola di Île Seguin, bagnata dal fiume Senna, in seguito alla vittoria di Valentina con il brano “J’imagine” nell’edizione precedente.

La Francia non ospita un evento legato all’EBU-UER dal 1999, quando ospitò l’ottava edizione dell’Eurovision Young Dancers, tenutasi a Lione.

Lo slogan (claim) scelto per questa edizione è ‘#Imagine’, un vero e proprio invito a sognare e a guardare verso il cielo, che in questo caso simboleggia il futuro; mentre il logo di questa edizione rappresenta un’illustrazione astratta di una cometa luccicante contornata da stelle fiammeggianti che, a seconda del contesto, può assumere un diverso significato, tra cui un razzo nel cielo, un albero di Natale oppure la Torre Eiffel, il simbolo di Parigi e di tutta la Francia.

Questa edizione ha visto il ritorno dell’Albania, l’Armenia, l’Azerbaigian, la Bulgaria, l’Irlanda, l’Italia, la Macedonia del Nord e il Portogallo dopo il ritiro nell’edizione precedente dovuto alla pandemia di COVID-19. La Bielorussia, partecipante fissa sin dalla prima edizione, è stata esclusa in seguito all’espulsione dell’emittente BTRC dall’EBU-UER.

Grazie a questi molteplici ritorni il numero dei partecipanti si è fissato a 19, eguagliando i partecipanti dell’edizione 2019.

Di seguito l’elenco i 19 paesi partecipanti allo JESC 2021:

  1. 🇦🇱 Albania (RTSH)
  2. 🇦🇲 Armenia (AMPTV)
  3. 🇦🇿 Azerbaigian (Ictimai) con Sona Azizova/Sona Əzizova
  4. 🇧🇬 Bulgaria (BNT)
  5. 🇫🇷 Francia (France TV)
  6. 🇩🇪 Germania (NDR/KiKa) con Pauline – “Imagine us
  7. 🇬🇪 Georgia (GPB)
  8. 🇮🇪 Irlanda (TG4)
  9. 🇮🇹 Italia (Rai)
  10. 🇰🇿 Kazakistan (Khabar Agency)
  11. 🇲🇹 Malta (PBS)
  12. 🇳🇱 Paesi Bassi (AVROTROS) con Ayana – “Mata sugo aō ne” (Als ik je weer zie, またすぐ会おうね, When I See You Again)
  13. 🇲🇰 Macedonia del Nord (MKRTV)
  14. 🇵🇱 Polonia (TVP) con Sara Egwu-James – „Somebody
  15. 🇵🇹 Portogallo (RTP) con Simão Oliveira
  16. 🇷🇺 Russia (RTR)
  17. 🇷🇸 Serbia (RTS)
  18. 🇪🇸 Spagna (TVE) con Levi Díaz
  19. 🇺🇦 Ucraina (UA:PBC)

L’EBU-UER ha annunciato di aver collaudato quattro scenari da considerare in base agli sviluppi della pandemia di COVID-19 per evitare che l’edizione venga cancellata. Gli scenari possibili, chiamati scenari A, B, C e D, sono:

  • Scenario A: svolgimento della manifestazione nella sua tradizionale maniera.
  • Scenario B: in questo caso dovrà esserci un distanziamento sociale di un metro e mezzo tra una persona e l’altra, il che ridurrà il numero degli spettatori che potranno assistere al concorso dal vivo a circa 3 500. Resta invariato lo svolgimento di tutti i nove show normalmente previsti, così come le prove generali. Ogni delegazione dovrà viaggiare con un numero di persone ridotto rispetto al solito, e tutte le attività correlate saranno regolate di conseguenza. Questo scenario è stato utilizzato per l’Eurovision Song Contest 2021 a Rotterdam.
  • Scenario C: questo scenario prevede la possibilità, per quelle delegazioni non in grado di recarsi a Parigi, di partecipare con un’esibizione pre-registrata (il cosiddetto live-on-tape). Coloro che potranno recarsi in Francia invece, salvo imprevisti, dovranno esibirsi dal vivo.
  • Scenario D: l’ultimo scenario prevede l’assenza totale del pubblico e delle varie attività correlate alla manifestazione. Inoltre tutte le esibizioni saranno pre-registrate, e i partecipanti saranno in collegamento dai rispettivi paesi. Questo scenario è stato utilizzato durante lo Junior Eurovision Song Contest 2020 a Varsavia.

L’edizione 2021 dello Junior Eurovision Song Contest sarà la prima organizzata da un componente dei BIG 5.