ESC 2022: TGR Emilia Romagna svela la città e le date dell’ESC 2022, ma è una bufala

La scelta della città che ospiterà la prossima edizione dell’Eurovision Song Contest sta creando ansia e tensione. Un’impazienza così grande non era immaginabile e di sicuro la Rai e l’EBU non stanno facendo nulla per calmare la voglia di Eurovision che si respira ogni giorno di più nel nostro paese.

Nella serata del 6 ottobre durante il Telegiornale Regionale dell’Emilia Romagna trasmesso da Rai 3 alle 19:30 circa è stata data la notizia dell’assegnazione dell’ESC 2022 a Bologna.

Una notizia falsa suggerita da un profilo fake che ha fatto sussultare i tantissimi appassionati di Eurovision Song Contest.

Naturalmente non c’è stato nessun annuncio ufficiale e sarebbe passato tutto inosservato se non fosse che durante l’intervento la giornalista cita proprio questo tweet e annuncia anche le date in cui si svolgerebbe la kermesse, ovvero 18, 20 e 22 maggio 2022.

I più attenti anche in questo caso si sono accorti dell’errore, in quanto il 18 maggio è un mercoledì, il 10 venerdì e il 20 domenica (rispetto ai tradizionali martedi e giovedi per le semifinali e sabato per la finalissima).

Cresce, dunque, l’attesa per l’annuncio, in ritardo di oltre un mese rispetto alla data del 31 agosto, in cui si pensava che la Rai avrebbe svelato il dettaglio che al momento interessa agli eurofans e non solo.

Di sicuro negli ultimi giorni le città di Torino, Bologna e Milano (che partono ancora favorite nonostante il rilancio di Rimini) sono state impegnate nel gestire la tornata elettorale, ma ora è tempo di prendere una decisione.

Negli ultimi anni la scelta della città ospitante è arrivata in periodo compreso tra i 43 e i 142 giorni. Nel primo caso gli svedesi poco più di un mese dopo la vittoria di Loreen con Euphoria annunciarono Malmoe 2013. Il caso opposto è legato alla vittoria della tedesca Lena nel 2010. Dusseldorf 2011 fu nominata dopo ben 142 giorni.

Dalla vittoria dei Maneskin a Rotterdam oggi, 7 ottobre, sono passati 138 giorni. 

Ora non resta che sperare in un comunicato ufficiale nel giro di pochi giorni, dove venga messo nero su bianco se sarà Bologna, Milano, Pesaro, Rimini o Torino ad ospitare l’Eurovision Song Contest 2022, evitando ulteriori possibili figuracce.