ESC 2022 – Serbia: Ricevuti oltre 100 canzoni per “RTS takmičenje za pesmu Evrovizije” 2022

L’emittente pubblica serba RTS (PTC) RTS ha reso noto attraverso l’account Twitter che finora in una sola settimana sono state presentate oltre 100 canzoni per partecipare a “RTS takmičenje za pesmu Evrovizije” 2022, il loro format di selezione nazionale che determina il concorrente serbo per laa 66ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2022 che si svolgerà il 10, 12 e il 14 maggio 2022 presso il PalaAlpitour di Torino, in Italia, in seguito alla vittoria dei Måneskin con “Zitti e buoni” nell’edizione precedente. 

Olivera Kovačević/Оливера Ковачевић ha rivelato che oltre 100 canzoni sono già state presentate nel processo di selezione serba per l’Eurovision Song Contest 2022, che sarà la terza edizione della manifestazione musicale a svolgersi in Italia, dopo le edizioni del 1965 e del 1991.

Questo sarà il quarto anno consecutivo che la Serbia opterà per una selezione nazionale.

Parlando al sito serbo Dnevnik, Kovačević incoraggia gli artisti a continuare a inviare le loro canzoni alla selezione nazionale serba, “RTS takmičenje za pesmu Evrovizije” (РТС такмичења за Песму Евровизијe; RTS’ competition for Eurovision Song Contest) 2022, in modo che possano scegliere le canzoni di migliore qualità per il concorso del prossimo anno. Inoltre, ha aggiunto: “La cosa più importante è avere una buona canzone e che vada un rappresentante che può cantare bene quella canzone. Sai già quanto sia severa la giuria perché la giuria è sempre il nostro più grande problema e come valuteranno non solo la performance ma soprattutto il potenziale vocale degli interpreti”.

Il termine ultimo per l’invio delle canzoni a RTS e rimarrà aperta fino al 1 dicembre 2021, e sembra che la selezione nazionale avrà un aspetto completamente diverso: il format prevede l’organizzazione di diverse Semifinali (due oppure tre) ed una Gran Finale. Trasmessa in diretta su RTS (РТС) nel mese di febbraio presso lo Studio 8 di RTS (Студија 8). Il numero delle serate dipenderà dal numero delle canzoni di qualità pervenute. Il vincitore sarà deciso sulla base di una combinazione di voto tra una giuria di esperti (50%) e il televoto del pubblico (50%). Le date esatte non sono ancora state annunciate. Tuttavia, se il COVID-19 lo impedisce, una giuria di esperti determinerà il rappresentante serbo.

Per ora, i nomi dei membri della giuria di esperti sono tenuti in segreto. Dragane Kosjerine / Драгане Косјерине e Filip Bulatović saranno i presentatori dello show, mentre Kristine Radenković /  Кристине Раденковић e Stefan Popović / Стефан Поповић saranno i presentatori nel backstage.

Una volta chiusa la finestra d’invio delle canzoni, l’1 dicembre, una giuria di esperti selezionerà le canzoni che passeranno agli spettacoli dal vivo. La giuria sarà formata da rappresentanti degli editori musicali RTS, Radio Belgrado, dischi PGP RTS e canali RTS. RTS punta a 30 brani per competere nella selezione nazionale, tuttavia questo può essere maggiore o minore a seconda della qualità dei brani ricevuti. 

Stando alle indiscrezioni, tra i primissimi nomi fatti al momento ci sono la cantante Zorja Pajić ha annunciato che invierà una canzone per la selezione nazionale serba ‘Beovizija 2022’. L’artista ha inoltre confermato il forte interesse a prendere parte il prossimo anno all’Eurovision Song Contest 2022. La determinazione di Zorja si può percepire dalle sue dichiarazioni: “Io e mio marito abbiamo scritto la canzone, ora sono in corso solo i dettagli e presto la manderó per la selezione serba. Mi aspetto una grande esperienza da Beovizija, ma anche la vittoria, Il pubblico dell’Eurovision non bada alla poparalità degli artisti e quanto essi siano famosi nel loro paese. Non ho paura perchè questo richiede fiducia in se stessi e il canto è la mia più grande qualità.”

L’altro nome è Aleksandar Radojević / Александар Радојевић, che ha confermato che ci proverà con un brano scritto per lui dall’autrice del brano “Loco, loco” delle Hurricane. Il giovane cantante ha dichiarato: “Sto solo aspettando che Nemanja Antonić finisca l’arrangiamento e la produzione, mi candiderò perchè le iscrizioni sono ancora aperte! Mi aspetto la mia migliore apparizione mediatica da Beovizija, sia vocalemente che visivamente. Ho anche parlato con la mia mentore Marija Šerifović / Марија Шерифовић, nel programma musicale Zvezda Granda/Звезде Гранда, ha approvato il concetto e l’idea, ma sta aspettando la versione finale della canzone.”

Un altro che sicuramente ha inviato il brano per il Beovizija 2022 è Aca Lukas / Аца Лукас, che spera di partire per l’Eurovision Song Contest in Italia e vincerlo, il suo brano é composto da Vladimir Graić/Владимир Граић.

La Serbia è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Rotterdam dal gruppo musicale serbo Hurricane/Харикејн (formato da Sanja Vučić, Ivana Nikolić e Ksenija Knežević/Сања Вучић, Ксенија Кнежевић и Ивана Николић) e la canzone “Loco loco” (Лудо лудо), pubblicato il 6 marzo 2021. Nel maggio successivo, dopo essersi qualificate dalla Seconda Semi-Finale, le Hurricane si sono esibite nella Finale eurovisiva a Rotterdam, dove si sono piazzate al 15º posto su 26 partecipanti con 102 punti totalizzati.

Nel 2020 avrebbero dovuto rappresentare la Serbia all’Eurovision Song Contest 2020 con il brano “Hasta la vista” (Видимо се), nonostante l’annullamento dell’evento due mesi prima a causa della pandemia di COVID-19, sono state riconfermate come rappresentanti nazionali per l’edizione del 2021 con la canzone “Loco loco”.

Il paese ha partecipato per la prima volta, come nazione indipendente all’Eurovision Song Contest nel 2007 dopo la separazione con il Montenegro avvenuta nel Giugno del 2006 (13 partecipazioni e 10 Finali), e subito ha ottenuto la vittoria con Marija Šerifović / Марија Шерифовић e il brano “Molitva” (Молитва, Prayer). Nel 2014 ebbe la sua prima e, finora, unica assenza.

La Serbia come parte della Serbia e Montenegro partecipò all’Eurovision Song Contest solo due volte, nel 2004 e nel 2005. Nel 2006 a causa di problemi interni, sfociati poi nella separazione, si ritirò dalla manifestazione, ma le fu consentito di partecipare al televoto.

Un debutto nel 2004 (che segnò anche il ritorno della nazione dopo 12 anni) di grandissimo successo con un secondo posto in classifica con la performance di Željko Joksimović (Жељко Јоксимовић) and Ad Hoc Orchestra con la canzone “Lane Moje” (Лане моје, My sweetheart), mentre nel 2005, la seconda partecipazione con un settimo posto in classifica con la band montenegrina, No Name (Но нејм) con il brano “Zauvijek moja” (Заувијек моја, Forever mine). La stessa band montenegrina doveva partecipare anche all’edizione del 2006 con la canzone “Moja ljubavi” (Moja љyбaви, My love), ma a causa di una serie di accuse di brogli tra le due emittenti televisive (la serba SRT e la montenegrina RTCG), il 20 Marzo 2006 la Serbia e Montenegro si è ufficialmente ritirata dalla gara. Il paese (o più precisamente la Serbia, visto che in Montenegro la gara non è stata trasmessa) ha però partecipato all’Eurovision Song Contest 2006 prendendo parte alle votazioni.

A seguito del referendum sull’indipendenza del Montenegro, dal 2007 Serbia e Montenegro partecipano alla manifestazione come due stati separati.

Formalmente la Serbia e Montenegro partecipò anche all’edizione del 1992 quando era ancora chiamata Repubblica Federale di Jugoslavia; da allora, fu assente per 11 volte.

Nel 2014 la Serbia ha deciso di ritirarsi a causa dei problemi finanziari per motivi economici e anche a causa della mancanza di sponsor.  La sua prima assenza durerà un anno.

Fino all’edizione 2015, la Serbia era uno dei dodici paesi in cui i loro rappresentanti hanno eseguito tutte le canzoni (completamente o parzialmente) in lingua regionale o nazionale; ed era l’unico paese che attualmente prende parte alla manifestazione che non ha eseguito un brano almeno parzialmente in inglese. Gli altri paesi sono il Portogallo, Israele, Francia, Italia, Spagna, Regno Unito, Irlanda, Andorra, Lussemburgo, Marocco e Monaco.