ESC 2022: Anche Estonia e Islanda chiedono la squalifica della Russia all’ESC 2022

Le emittenti di Estonia e Islanda hanno fatto richiesta all’EBU perché non permetta che la Russia partecipi all’Eurovision Song Contest 2022. La causa è, naturalmente l’invasione dell’Ucraina da parte dello stato di Putin.

Come la Finlandia, l’emittente estone ha dichiarato che non parteciperà al concorso, se la Russia sarà presente a Torino. 

Erik Roose, presidente del consiglio di amministrazione della ERR ha dichiarato: “Ovviamente, è inconcepibile che l’Estonia partecipi all’Eurovision in una situazione in cui la Russia vi partecipa, ma in questo caso l’Ucraina no. I nostri colleghi degli altri paesi baltici apparentemente condividono questa opinione. Continueremo a comunicare con l’EBU come organizzatore del concorso di canzoni.”

Rispetto alla presenza dell’Islanda a Torino, Stefán Eiríksson, direttore radiofonico dell’emittente RÚV, sembra essere più possibilista: “Ho piena fiducia che l’EBU prenderà la cosa seriamente e responsabilmente.”

L’emittente islandese ha, comunque, fatto richiesta che l’European Broadcasting Union squalifichi la Russia dall‘Eurovision Song Contest 2022.

Queste le dichiarazioni di Eiríksson: “Siamo stati in contatto con i nostri colleghi nordici che condividono le nostre preoccupazioni sulla situazione in Ucraina. È opinione di tutti noi che non funzionerà per la Russia partecipare all’Eurovisione in queste circostanze.”