ESC 2023: L’EuroClub al Camp and Furnace di Liverpool

La sede dell’EuroClub legato all’Eurovision Song Contest 2023, sarà il Camp and Furnace e sarà attivo da venerdì 5 a sabato 13 maggio 2023.

L’EuroClub sarà la location ufficiale dei vari party organizzati dal fanclub del concorso, l’Organisation Générale des Amateurs de l’Eurovision (OGAE). 

Dopo l’EuroClub diffuso fra i locali della città dello scorso anno a Torino, decisione che aveva fatto storcere il naso a molti fan, si torna quindi ad avere una sede unica.

Per nove giorni la grande discoteca eurovisiva, curata da OGAE, l’organizzazione internazionale dei fan dell’Eurovision Song Contest sarà allestita al Camp and Furnace, uno dei locali di Liverpool che è solito ospitare eventi musicali di rilievo.

L’Euroclub è tutto quello che gira intorno all’Eurovision. Non solo discoteca eurovisiva, l’EuroClub è il luogo dove vengono organizzati molti eventi collaterali legati alla manifestazione, al quale hanno accesso le delegazioni ed alcuni fan che potranno acquistare tagliandi giornalieri o l’abbonamento settimanale.

Si balla sulle note dei brani in concorso, presenti e passati, ma le varie delegazioni possono organizzare a loro volta degli show o degli afterparty ad invito. Ma potrebbe anche capitare di ritrovarsi a fare karaoke sulle note dei brani dell’Eurovision Song Contest al fianco dei cantanti in gara o di qualche eurostar del recente passato, che non manca mai.

I biglietti saranno messi in vendita nel nuovo anno e comprenderanno abbonamenti giornalieri e settimanali. Per i membri di OGAE sarà disponibile una prevendita dei biglietti a partire dall’anno nuovo.

L’assistente del sindaco di Liverpool e membro del gabinetto per la cultura e l’economia dei visitatori, il consigliere Harry Doyle, ha dichiarato: ‘L’EuroClub è rinomato come luogo di festa ufficiale per tutto ciò che riguarda l’Eurovision ed è fantastico che vedere che sarà ospitato in un luogo così fantastico nel centro della città. Costituirà una parte fondamentale dell’offerta della città ospitante di Liverpool, a complemento dell’EuroVillage e di tutte le altre emozionanti attività dell’Eurovision che speriamo di vedere allestite da imprese e organizzazioni in tutta la regione. I piani stanno davvero prendendo slancio e sappiamo che i fan desiderano ardentemente partecipare all’esperienza dell’Eurovision in città, quindi l’EuroClub è un’altra eccitante tappa del nostro percorso e siamo certi che i biglietti saranno molto richiesti quando saranno messi in vendita nel nuovo anno.’

Simon Bennett, presidente di OGAE International, ha dichiarato: ‘Dopo tre anni di assenza di una sede ufficiale per le feste di OGAE, sono entusiasta del fatto che ci sarà un EuroClub organizzato da OGAE a Liverpool. Sono particolarmente grato all’amministrazione comunale per il suo entusiastico sostegno e la sua collaborazione. La città sta davvero abbracciando lo spirito dell’Eurovision e sta facendo piani entusiasmanti per accogliere i fan il prossimo maggio. L’EuroClub sarà un vero e proprio punto di forza della settimana dell’Eurovision e sarà meraviglioso per la famiglia OGAE potersi finalmente riunire di nuovo per una grande festa.’

Il presidente diOGAE UK, Vaughan Staples, ha dichiarato: ‘OGAE UK, la casa dei fan dell’Eurovision in tutto il Regno Unito, è orgogliosa di essere il club OGAE ospitante per l’Eurovision 2023, lavorando con i nostri amici di OGAE Ucraina sul concorso speciale del prossimo anno. Stiamo lavorando a un fantastico programma di intrattenimento e siamo entusiasti di collaborare con le autorità cittadine di Liverpool, Camp & Furnace e OGAE International per offrire ai fan che verranno a Liverpool la più grande celebrazione dell’Eurovision della loro vita. Non vediamo l’ora di dare il benvenuto e di festeggiare con i fan in questa fantastica città a maggio.’

Non resta dunque che attendere la riapertura della grande discoteca eurovisiva.

L’Eurovision Song Contest 2023 sarà la 67ª edizione del concorso canoro. La kermesse si svolgerà presso la Liverpool Arena di Liverpool, nel Regno Unito, dopo che l’Ucraina, vincitrice dell’edizione precedente in seguito alla vittoria della Kalush Orchestra con “Stefania”, è stata dichiarata non in grado di ospitare il concorso a causa dell’invasione russa del territorio ucraino.