ESC 2023 – Malta: The Busker con “Dance (Our Own Party)” per Malta all’ESC 2023

Saranno The Busker con “Dance (Our Own Party)” a rappresentare Malta alla 67ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2023 che si  svolgerà il 9, l’11 e il 13 maggio 2023 presso la Liverpool Arena di Liverpool, nel Regno Unito, dopo che l’Ucraina, vincitrice dell’edizione precedente in seguito alla vittoria della Kalush Orchestra con “Stefania”, è stata dichiarata non in grado di ospitare il concorso a causa dell’invasione russa del territorio ucraino.

Si è svolta stasera la Finale della nona edizione del Malta Eurovision Song Contest  presso il Malta Fairs and Conventions Centre di Ta’ Qali. A vincere il voto della giuria e quello del pubblico sono stati rispettivamente Matt Blxck e The Busker; una volta sommati i punteggi, The Busker con “Dance (Our Own Party)” sono risultati i vincitori della manifestazione e quindi rappresenteranno l’isola di Malta all’Eurovision Song Contest 2023.

I The Busker sono una band maltese formata nel 2012 come duo composto dal cantante e chitarrista Dario Genovese e dal percussionista Jean Paul Borg. Due anni dopo si sono aggiunti il bassista e tastierista David “Dav.Jr” Grech e il sassofonista Sean Meachen. Il gruppo si ispira a band pop degli anni ’60 come i Beatles e i Beach Boys. Hanno iniziato a pubblicare cover e musica originale su YouTube. Nel 2017 è uscito il loro album di debutto, ‘Telegram’, seguito l’anno successivo da ‘Ladies and Gentlemen’. Dario Genovese ha lasciato il gruppo nel 2021. Finora hanno pubblicato 4 EP e  un album ‘Telegram’, il loro primo LP. Dopo tre quarti di finale e una semifinale, Malta ha scelto il proprio rappresentante tra 16 canzoni tra le quali il vincitore è stato scelto sia dal pubblico maltese che da una giuria di esperti, entrambi con peso al 50%.

La decima edizione di Malta Eurovision Song Contest si è svolta dal 13 gennaio all’11 febbraio 2023 ed è consistita in cinque serate: tre quarti di finale da 13 concorrenti ciascuna, dalle quali 24 hanno acceduto alla semifinale (8 per serata). La finale ha visto i 16 artisti qualificati dalla semifinale sfidarsi per il titolo di rappresentante nazionale sul palco eurovisivo a Liverpool.

Fra i 40  partecipanti, Aidan con il brano “Reġina” è stato squalificato dalla competizione per aver infranto la regola del concorso che vieta la promozione del proprio brano in gara via canali non approvati da TVM. 

I quarti di finale sono stati presentati da Ryan Borg e Josmar Borg, hanno visto competere 13 o 14 partecipanti ciascuno per gli otto posti per puntata destinati alla Semi-Finale selezionati esclusivamente dal televoto. La Semi-Finale e la Finale sono stati presentati da Amber Bondin (rappresentante di Malta all’Eurovision Song Contest 2015 con il brano “Warrior” e partecipante come corista di Malta all’Eurovision Song Contest nel 2012) e Glen Vella (rappresentante di Malta all’Eurovision Song Contest 2011 con il brano “One Life”).

Durante la serata si sono esibiti come ospiti Emma Muscat, rappresentante di Malta all’Eurovision Song Contest 2022 con il brano “I Am What I Am”, ed  Aidan con il brano “Reġina”, entrambi si sono classificati rispettivamente 1° e 2° al Malta Eurovision Song Contest 2022. 

Ecco di seguito i 16 artisti che si sono sfidati stasera per rappresentare Malta a Liverpool (Giuria (S.Gor + C. Mizzi + M. Bugeja + A. Farrugia + D. Bezzina) + Televoto):

  1. Nathan – “Creeping Walls” (Dominic Cini, Jonas Gladnikoff, Emil Calleja Bayliss), 3 (0+2+1+0+0+) + 9 = 12 – 11º
  2. Chris Grech – “Indescribable” (Joakim Dubbelman, Gerard James Borg, Jesper Rune, Arve Furset), 27 (6+8+4+4+5) + 7 = 34 – 6º
  3. Maxine Pace – “Alone” (Steve Manovski, Shaun Farrugia), 28 (2+6+6+10+4) + 55 = 73 – 4º
  4. Fabrizio Faniello – “Try to Be Better” (Johan Bejerholm), 12 (4+1+2+0+0) + 9 = 21 – 8º
  5. Geo Debono – “The Mirror” (Daniele Moretti, Natasha Turner, Niall Mooney), 0 (0+0+0+0+0) + 3 = 3 – 15º
  6. Brooke – “Checkmate” (Brooke Borg, Gerard James Borg, Christian Rabb, Dino Medanhodzic, Lukas Meijer), 39 (12+5+10+6+6) + 31 = 70- 5º
  7. Ian – “On My Own” (Melanie Georgiou), 19 (8+3+0+5+8) + 3 = 22 – 7º
  8. Eliana Gomez Blanco – “Guess What” (Ray Agius, Alfred C. Sant), 10 (7+0+0+0+3) + 10 = 20 – 9º
  9. The Busker – “Dance (Our Own Party)” (David Meilak, Jean Paul Borg, Sean Meachen, Matthew James Borg, Michael Joe Cini), 41 (5+7+5+12+12) + 80 = 121 – 1º
  10. Giada – “I Depend On You” (Melanie Georgiou), 1 (1+0+0+0+0) + 2 = 3 – 16º
  11. Matt Blxck – “UP.” (Matthew Caruana, Cyprian Cassar), 45 (10+10+7+8+10) + 31 = 76 – 3º
  12. Cheryl Balzan – “La La Land” (David Cassar Torreggiani, Cheryl Balzan, Toby Farrugia), 5 (0+0+3+2+0) + 4 = 9- 13º
  13. Christian Arding – “Eku ċar” (Jan van Dijck, Emil Calleja Bayliss), 11 (0+0+8+1+2) + 6 = 17 – 10º
  14. Ryan Hili – “In the Silence” (Aaron Sibley, Natan Dagur, Cyprian Cassar), 41 (3+12+12+7+7) + 44 = 85 – 2º
  15. Dan – “It’ll Be OK” (Daniel Muscat Caruana), 8 (0+4+0+3+1) + 2 = 10 – 12º
  16. Stefan Galea – “Heartbreaker” (Stefan Galea, Rikki Lee Scicluna, Muxu), 0 (0+0+0+0+0) + 3 = 3 – 14º

Tra gli artisti troviamo Fabrizio Faniello, che ha rappresentato Malta nel 2001 e nel 2006, rispettivamente con “Another Summer Night” e con “I Do”. Anche Eliana Gomez Blanco è un nome noto ai fan eurovisivi perché ha partecipato allo Junior Eurovision 2019.

Malta si esibirà nella Prima Semi-Finale delll’Eurovision Song Contest 2023.

Al momento sono ventuno i paesi ad annunciare il proprio rappresentante per il concorso 2023: Israele con Noa Kirel (נועה קירל) e il brano «UNICORN» (יוניקורן), Cipro con Andrew Lambrou (Άντριου Λάμπρου), Paesi Bassi con Mia Nicolai & Dion Cooper, Slovenia con i Joker Out con il brano «Carpe diem»; l’Ucraina con TVORCHI e il brano «Heart of steel» (Серце зі сталі), l’Albania con Albina dhe Familja Kelmendi e il brano «Duje» (Love It), Francia con La Zarra, Belgio con Gustaph con il brano «Because of you», Grecia con Victor Vernicos con il brano «What they say», l’Austria con Teya & Salena, l’Armenia con Brunette, la Georgia con Iru Khechanovi, l’Irlanda con Wild Youth e il brano «We are one», la Norvegia con Alessandra Mele e il brano «Queen of kings», la Spagna con Blanca Paloma e il brano «Eaea» e VESNA e il “My sister’s crown”,  l’Estonia con ALIKA e il brano «Bridges», Romania con Theodor Andrei e il brano «D.G.T. (Off and on)», Danimarca con Reiley e il brano «Breaking my heart», Lettonia con Sudden Lights e il brano “Aijā”, Croazia con Let 3 e il brano “Mama ŠČ!” e Malta con The Busker e il brano «Dance (Our own party)». Inoltre, è la 16ª canzone ufficiale che viene svelata nel novero di quelle che parteciperanno all’Eurovision Song Contest 2023, (qui il link con il calendario della stagione).

Malta è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Torino dalla cantautrice e pianista maltese Emma Muscat, con il suo brano “I am what I am”, pubblicato il 14 marzo 2022 su etichetta discografica Warner Music Italy. La cantante ha preso parte a Malta Eurovision Song Contest 2022, il programma di selezione del rappresentante di Malta all’Eurovision Song Contest 2022, con l’inedito “Out of Sight”, e nella finale è stata incoronata vincitrice da giuria e televoto, diventando di diritto la rappresentante nazionale a Torino. Anche se inizialmente avrebbe dovuto cantare “Out of Sight” al festival europeo, è stato reso noto che il suo brano eurovisivo sarebbe stato il nuovo singolo “I am what I am”. Nel maggio successivo Emma Muscat si è esibita durante la Seconda Semi-Finale della manifestazione europea, dove si è piazzata al 16º posto con 47 punti totalizzati, non qualificandosi per la Finale

Malta ha partecipato 34 (26 Finali) volte all’Eurovision Song Contest, senza mai ottenere una vittoria ma piazzandosi al secondo posto per due volte (2002 e 2005) e al terzo posto nel 1998. Da ricordare il voting drammatico del 1998 in cui Chiara Siracusa (rappresentante quell’anno), perde insieme la vittoria ed il secondo posto con l’ultima votazione. 

Il Paese ha partecipato per la prima volta nel 1971 con “Marija l-Maltija” (Maria the Maltese Lass, Mary the Maltese Girl, The Maltese Maria) di Joe Grech. Negli anni settanta però partecipa solo altre due volte, nel 1972 e nel 1975. A causa del numero chiuso di canzoni per edizione (22) a Malta è preclusa la partecipazione per tutti gli anni ottanta. Il suo ritorno sarà nel 1991 grazie alla rinuncia dei Paesi Bassi. Da allora ha partecipato a tutte le edizioni raccogliendo ottimi risultati, per due volte è seconda (nel 2002 con “7th Wonder” di Ira Losco e nel 2005 con “Angel” di Chiara) e per due volte è terza (nel 1992 con “Little Child” di Mary Spiteri e nel 1998 con “The One That I Love” di Chiara), senza però mai riuscire a vincere. 

Da quando ci sono le Semifinali la nazione è arrivata in finale 8 volte su 18, dato che nel 2005 e nel 2006 era prequalificata per essere arrivata in top 10 gli anni precedenti. L’ultima finale finora risale al 2021, quando Destiny arrivò 7ª con “Je me casse”. Le canzoni di Malta sono state tutte cantate in inglese tranne che per le prime tre, che furono cantate in lingua maltese. Nel 1992 la cantante Mary Spiteri, con il suo brano “Little Child”, si classificò terza portando l’arcipelago maltese per la prima volta sul podio.