Svezia: Il nuovo singolo di Loreen in uscita l’8 Ottobre

A tre settimane dall’uscita del suo album di debutto, la vincitrice dell’ESC 2012, Loreen, ha rivelato il titolo del suo quarto singolo: “Crying Out Your Name”.

La canzone è scritta da Niklas Jarl, Ana Diaz e Moh Denebi. Niklas Jarl ha anche co-scritto il brano “Waterline” dei Jedward, con cui hanno rappresentato l’Irlanda nell’ESC 2012.

“Crying Out Your Name” sarà rilasciato alle radio Lunedì 8 Ottobre e sarà probabilmente disponibile sullo Store di iTunes svedese nello stesso giorno.

Il 22 ottobre esce “Heal“, il primo album di Loreen, la vincitrice dell’Eurovision 2012. Un album che si presenterà sul mercato internazionale trascinato dal singolo vittorioso “Loreen“, che ormai in Europa si avvia al milione di copie, delle quali oltre 200mila in Svezia, dove ha vinto 10 dischi di platino (complessivamente  ne ha vinti 14 di platino e 3 d’oro nel continente).

Ma in questi giorni è uscito “My heart is refusing me”, che sarà incluso nell’album. In realtà non è un singolo nuovo, ma la riedizione, in chiave molto più trance del brano d’esordio di Loreen, uscito nel 2011 e che nella sua versione originale aveva vinto due dischi di platino (la trovate qui).

L’album conterrà anche “Sober”, anche questo uscito l’anno scorso ma anche un singolo nuovo, “Crying out your name”, che sarà rilasciato ufficialmente il prossimo 19 Ottobre e che trovate in anteprima in questo link.

Intanto, il nome e l’immagine di Loreen circolano anche per scopi umanitari. La cantante berbera infatti si era nei giorni scorsi espressa a sostegno dell’associazione “Canta per la democrazia”, associazione capeggiata da un gruppo di attivisti che proprio durante i giorni dell’Eurovision avevano sfruttato l’occasione per portare sotto i riflettori la violazione dei diritti umani in terra azera.

Loreen si era appunto pronunciata in materia ed è notizia di questi giorni che il direttore della campagna, Zaur Gurbanli è stato arrestato, condannato a 15 giorni di carcere per “resistenza all’arresto”  e messo sotto inchiesta per possesso di “materiale illegale”, probanbilmente inerente ad un altra associzione per la libertà.  Gurbanli, 25 anni, con ogni probabilità, paga l’aver capeggiato i ribelli e i suoi post contro la corruzione ed il nepotismo.

Uno di questi ridicolizzava la decisione di includere una poesia della figlia del presidente Ilham Aliyev tra le letture obbligatorie dei programmi scolastici. Di “Canta per la democrazia” era coordinatore per i rapporti con i media Mehman Huseynov, attualmente sotto processo per “vandalismo”. Intanto in questi giorni il paese ospita il mondiale di calcio femminile Under 17, con Rihanna e Shakira ospiti canore. Che l’associazione sta cercando di convincere a non esibirsi.

(Tratto da: esctoday)