Svezia: Dopo 8 anni Agnetha Fältskog (ABBA) torna in studio

Proprio nel giorno in cui si è saputo che nel corso della prossima primnavera sarà finalmente inaugurato un museo dedicata agli ABBA, ecco che arriva un’altra notizia collegata alla saga dell’ex gruppo scandinavo.

Agnetha Fältskog, riporta Press Association, ha deciso infatti di tornare in studio ad otto anni di distanza dal suo ultimo lavoro.

Il portavoce della cantante, Staffan Linde, ha annunciato che Agnetha, 62 anni, sta lavorando con il compositore svedese Jörgen Elofsson; l’uomo in precedenza ha collaborato con Britney Spears, Celine Dion e con gli irlandesi Westlife.

Agnetha Fältskog, che negli ultimi ventotto anni ha condotto una vita decisamente appartata ad Ekero, nei dintorni di Stoccolma, è nata il 5 Aprile ’50. Tra il ’74 ed il 1981 gli ABBA ebbero una serie impressionante di grandi successi. Tra i loro singoli più fortunati sono da annoverare “Fernando”,  “Mamma mia”, “The winner takes it all”, “Knowing me, knowing you” e “Waterloo”. Il PR di Agnetha ha riferito di non sapere ancora quando l’album dell’artista, il cui ultimo lavoro è “My colouring book” del 2004, sarà pubblicato.

Come riportato proprio oggi dal quotidiano serale svedese Aftonbladet, il museo dedicato ai quattro scandinavi sarà  inaugurato a Stoccolma nella primavera del nuovo anno.

Björn Ulvaeus ha riferito a Sky UK che non mancherà all’apertura e che spera altrettanto  facciano gli altri tre.

Ma per l’occasione non ci sarà alcuna reunion. “Ormai siamo l’unico grande gruppo che non si è mai riunito”, ha detto il ricchissimo musicista. “Penso che ciò sia cool. Credo che sia meglio ricordarsi degli Abba come un gruppo di persone che negli anni Settanta era giovane, ambizioso ed energico, non come dei vecchi che si sentono obbligati a cantare continuamente”.

Secondo Sky  il museo offrirà ai visitatori costumi di scena, strumenti e “memorabilia” vari. Secondo il “Daily Telegraph”, il pubblico potrà anche cantare con gli “ABBA” grazie ad un ologramma del gruppo.

(Tratto da: Aftonbladet.se, esctoday)