Sanremo 2013: La quarta serata minuto per minuto

logo sanremo 2013

Ecco un resoconto di come si è svolta la quarta serata dell’edizione numero 63 del Festival di Sanremo.

È appena iniziata la quarta serata del Festival di Sanremo 2013 – nella quale verrà decretato il nome del vincitore nella sezione giovani (“intorno a 00.20″ promette Giancarlo Leone) – ed ecco che, in perfetto stile Sanremo Story, Fabio Fazio e Luciana Littizzetto si apprestano ad ospitare alcuni dei protagonisti già passati nel secolo scorso sul palco dell’Ariston.

Oltre a Pippo Baudo, che il Festival l’ha condotto per ben tredici volte, saranno ospiti della serata anche i figli di, il quartetto che ha condotto il Sanremo 1989 e composto da Gianmarco Tognazzi (figlio di Ugo Tognazzi), Danny Quinn (figlio di Anthony Quinn), Paola Dominguin (figlia di Luis Miguel Dominquin e Lucia Bosè) e Rosita Celentano (figlia di Adriano Celentano e Claudia Mori). “Perché nella storia è bello ricordare anche i momenti difficili” (dall’anteprima del Festival).

Inoltre, stanno per arrivare anche il pianista Stefano Bollani, Caetano Veloso e Josè Luis Moreno con Rockfeller, insieme agli artisti che duetteranno con i campioni. 

Le canzoni che hanno reso grande il Festival di Sanremo e la musica italiana, quelle che tutti conosciamo come intramontabili evergreen. Le ascolteremo stasera nella quarta puntata della kermesse condotta da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, per l’occasione dedicata a Sanremo Story. I quattordici artisti in gara interpreteranno alcuni brani del passato, esibendosi singolarmente o duettando con un ospite. 

Al termine della serata verrà inoltre decretato il vincitore della sezione Giovani tra i finalisti Antonio Maggio, i Blastema, Ilaria Porceddu e Renzo Rubino.

ore 20.37: La quarta puntata della 63esima edizione del Festival di Sanremo comincia con l’Anteprima ironica di Antonello Dose e Marco Presta, seguita dalla sigla dell’Eurovisione.

adriano-celentanoore 20.46: Un filmato d’epoca introduce la serata che celebrerà alcuni successi musicali del passato. Con un gioco di immagini, le scene in bianco e nero lasciano spazio a quelle a colori, in diretta dall’Ariston. Grandi interpreti come Adriano Celentano, Claudio Villa e Mina durante le loro partecipazioni alla Kermesse. Luciana Littizzetto entra in scena con un abito beige ricamato di fiori brillanti. “È il vestito che Nilla Pizzi indossò nel ‘52, quando cantava Papaveri e Papere” annuncia Fabio Fazio. Fabio e Luciana raccontano attraverso alcune strofe delle canzoni di quel tempo com’è stato il Festival del passato, e l’ironia sferzante della Littizzetto demolisce alcuni brani vecchio stile.

luciana-nilla-pizziore 20.51: Alla quarta serata, il conduttore non indossa più la cravatta. Luciana ironizza sui titoli delle canzoni del passato, “erano tutte tristi” dice la comica, elencando le tematiche affrontate. Anche stasera, i due cerimonieri del Festival aprono la serata sedendosi sui gradini del palco.

malika-ayane-cosa-hai-messoore 20.56: Inizia Sanremo Story, con Malika Ayane che interpreta Cosa hai messo nel caffè, canzone del 1969 di Riccardo Del Turco. L’artista è accompagnata da due ballerini (Paolo Vecchione e Thomas Signorelli) che realizzano una coreografia sulle eleganti note del brano. Sul finale, anche Malika si unisce alla danza con qualche passo di danza, una coreografia studiata ad arte con i due ballerini e che interpreta con ironia e verve.

daniele-silvestri-piazza-grandeore 21.03: Daniele Silvestri esegue Piazza Grande, successo sanremese del compianto Lucio Dalla, al quale il teatro tributa un lungo applauso. Il poeta bolognese scomparso l’anno scorso ha cantato Piazza Grande a Sanremo nel 1972, classificandosi “solo” all’ottavo posto. La voce di Silvestri accarezza le note del brano di Dalla, ringraziando sul finale proprio il grande artista scomparso. Bella esibizione, nel ricordo dell’artista bolognese.

la Giuria di Qualità ore 21.08: Fazio presenta la giuria di qualità, a cominciare dal suo presidente, il premio Oscar Nicola Piovani (molto serioso, molto radical chic). Gli altri giurati sono Eleonora Abbagnato, l’enigmista e scrittore Stefano Bartezzaghi, Cecilia Chailly, Serena Dandini, Claudio Coccoluto, Rita Marcotulli ed infine lo scrittore Paolo Giordano. Fazio ricorda che, a causa di un ascesso, Carlo Verdone non sarà presente in giuria per un problema di salute: al suo posto, solo per stasera, ci sarà Neri Marcoré. Alla commissione si aggiunge Nicoletta Mantovani, vedova di Pavarotti di cui Fazio ricorda l’esperienza del Festival insieme.

emma-e-annalisa-per-elisaore 21.21: Cambio d’abito per Luciana, che indossa un lungo abito nero con sopra un gilet di perline colorate. Era il 1981 quando Alice cantava “Per Elisa”, canzone vincitrice del Festival di Sanremo. Le due giovani interpreti ed ex concorrenti di Amici, Annalisa ed Emma Marrone interpretano Per Elisa, interpretandolo senza sbavature. La voce forte e graffiata della Marrone regala l’appoggio e la grinta giusta alla collega, e le due voci si fondono in perfetta simbiosi. Il pubblico rimane estasiato ed applaude coinvolto. Luciana Littizzetto congeda Emma: “Salutami Maria…”

ruggiero-marta-sui-tubiore 21.29: Marta sui Tubi con Antonella Ruggero cantano Nessuno del Festival di Sanremo 1959. Il brano fu cantato da Wilma De Angelis e Betty Curtis. Il brano assume una piega rock’n’roll e si ripiomba di colpo nelle atmosfere dei primi anni ’60. L’esecuzione parte con un ritmo soft, poi si apre a metà e la Ruggero esprime al meglio la sua vocalità. Al termine dell’esecuzione, Fazio si complimenta, come fa con chiunque, del resto….

figli-d-arteore 21.34: Fazio presenta i “Figli di”, che condussero il festival di Sanremo del 1989: Gianmarco Tognazzi, Danny Quinn, Rosita Celentano, e Paola Dominguin. Tognazzi entra in scena con una folta capigliatura, poi svela il trucco e si leva il parrucchino. I così detti figli d’arte ritornano sul palco dell’Ariston per ricordare quella vecchia avventura, e soprattutto rivedere le papere della loro conduzione. A quanto pare le stesse papere del passato ritornano 24 anni dopo, con i quattro ex conduttori che si impappinano per presentare il prossimo artista, Raphael Gualazzi.

gualazzi-luce-elisaore 21: 44: Il jazzista si cala nell’interpretazione di Luce (tramonti a nord est) di Elisa, che nel 2001 conquistò la prima posizione al Festival. Il brano è rivisitato al pianoforte, ed offre una versione totalmente diversa dall’originale. Il pubblico sembra tuttavia apprezzare questa rivisitazione sul tema

moda-io-che-non-vivoore 21.52: Sanremo Story prosegue con i Modà che interpretano accompagnati al pianoforte da Adriano Pennino Io che non vivo, canzone del 1965, interpretata al Festival da Pino Donaggio. La rivisitazione è rock, ma le atmosfere romantiche e soft dell’originale rimangono invariate. I Modà sembrano essere tra i favoriti, soprattutto giudicando dalla classifica provvisoria stilata ieri, dove risultano secondi dopo Marco Mengoni.

simone-cristicchi-endrigoore 21.58: Simone Cristicchi esegue il brano dalle atmosfere struggenti di Sergio Endrido Canzone per teUn Sanremo lontano del 1968, interpretato con un approccio soft ed elegante dall’autore romano.

luciana-littizzetto-caselliore 22.03: La punta di diamante del Festival continua a calarsi nelle vesti delle interpreti del passato della kermesse. Luciana Littizzetto entra in scena indossando un abito azzurro cielo e un caschetto rosa che scatena la sua ilarità, portato da Caterina Caselli per l’occasione. In un abito azzurro cielo ed un caschetto rosa che scatena la sua ilarità, Luciana interpreta Caterina Caselli che nel 1966 cantava “Nessuno mi può giudicare”.

molinari-cincotti-cerri-tuaore 22.10: Entra in scena il chitarrista Franco Cerri, che inciampa in un gradito del palco ma riesce ad evitare il capitombolo. Il musicista accompagna Peter Cincotti e Simona Molinari con Tua, brano del 1959, quando Tonina Torrielli e Julia De Palmadiedero scandalo con “Tua”, non tanto per il brano in se ma per il modo in cui venne cantata. Esibizione elegante e piacevole, che non smentisce la sua mise sexy neanche nella quarta serata, indossando un vestito argento che lascia le gambe scoperte, accarezzate solo da uno strascico di velo nero. Notevoli gli interventi chitarristici del maestro Cerri. 

nazionale-perdere-l-amoreore 22.18: Maria Nazionale canta Perdere l’amore, di Massimo Ranieri, brano simbolo del Festival di Sanremo nel 1988. Ad accompagnare l’artista napoletana il chitarrista Mauro Di Domenico.

mengoni-canta-luigi-tencoore 22.24: La serata di Sanremo Story prosegue spedita, ed ora è il momento di Marco Mengoni con Ciao amore ciao, il brano di Luigi Tenco del 1967 che  interpretò a Sanremo poco prima della tragica morte. Per l’esibizione, il cantante si presenta in abito scuro. Interpretazione sentita. Finita l’esecuzione, Marco si commuove.

mike-bongiornoore 22.31: Un filmato introduce il momento in memoria di Mike Bongiorno, il ricordo del conduttore scomparso nel 2009, attraverso le immagini di tutti i Festival di Sanremo che ha condotto nella sua lunga carriera, al quale verrà dedicata una statua nella Città dei Fiori. Fabio esce dal teatro per inaugurare la statua in diretta TV.

ore 22.39: Fazio ha raggiunto Corso Matteotti, nel centro di Sanremo, assieme alla moglie e ai figli di Mike Bongiorno: la vedova Daniela Zuccoli con i figli Leonardo, Nicolò e Michele. La statua viene disvelata dal figlio minore di Mike, mentre il pubblico applaude e la banda intona Blue Moon, brano tanto caro al presentatore. Inoltre Fabio Fazio pronuncia il celebre “Allegria!”, ricordando il celebre slogan del presentatore.

elio-e-rocco-siffredi-con-un-bacio-piccolissimoore 22.43: Luciana Littizzetto introduce Rocco Siffredi, il quale duetta con Elio e Le Storie Tese con la canzone Con un bacio piccolissimo. Qualche battuta a sfondo sessuale del pornoattore, il cui contributo per la verità si riduce ad trascurabile intervento parlato infarcito di ‘piccolissime’ allusioni.

max-gaze-ma-che-freddo-faore 22.51: Max Gazzè interpreta Ma che freddo fa di Nada. Era ancora minorenne Nada quando nel 1969 esordì con “Ma che freddo fa”. Vestito con una giacca di piume – la Littizzetto non può fare a meno di notare il suo look eccentrico.

bacio-pippo-baudo-littizzettoore 22.26: Fazio presenta Pippo Baudo, e scatta la standing ovation dell’Ariston. Pippo si gode l’entusiamo del Teatro Ariston e, con la consueta sintonia di Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, inzia il suo lungo intervento. Pippo ripercorre la sua carriera al Festival, quello che ha condotto innumerevoli volte, il palco che è stato suo non solo nella conduzione ma anche nella scoperta di nuovi talenti negli anni. Baudo nazionale si dichiara geloso di Luciana Littizzetto e la bacia (più o meno). Poi parte l’intervista.

ore 23.08: La comica torinese scodella una serie di differenze ironiche tra Fazio e Baudo, premiando ovviamente le qualità di Pippo e deridendo Fabio.

ore 23.11: Baudo riceve il premio onorario di Sanremo e commenta: “Io devo tutto a questo mestiere, la televisone, e per questo voglio continuare a farla in modo educato”.

chiara-almeno-tunell-universoore 23.17: Chiara Galiazzo (Vincitrice di X Factor) torna sul palco con Almeno tu nell’universo di Mia Martini, interpretata magistralmente. Chiara Galiazzo alla quarta serata appare meno intimidita dal Palco di Sanremo, e indovina anche il look che la valorizza di più. Abbandonate le casacche informi sui pantaloni, Chiara indossa un elegante abito blu notte monospalla, porta i capelli raccolti in una coda laterale e la sua voce è come sempre la protagonista.

almamegretta-ragazzo-della-via-gluckore 23.24: Ultima esibizione di Sanremo Story: gli Almamegretta (orfano di Raiz) cantano Il ragazzo della via Gluck di Adriano Celentano, presentata nel Sanremo del 1996. La sua assenza ha generato non poche polemiche, ma come aveva anticipato Raiz è assente per motivi religiosi. A compensare la sua mancanza gli Almamegretta sono supportati da James Senese al sax, Clementino e Fausto Mausolella. Un’ottima ed originale interpretazione degli Almamegretta e i loro ospiti che rendono al meglio il brano, confondendolo con influenze reggae, rap e pop.

bollani-al-pianoore 23.32: Ecco uno degli ospiti più attesi della quarta serata, Stefano Bollani al suo pianoforte a coda. Il pianista esegue il brano Choro, un brano brasiliano degli anni ’30 alla sua maniera, con abilità e virtuosismi. Il musicista  gioca con il pubblico in sala, chiede di suggerirgli spontaneamente una serie di canzoni: Volare, Terra Promessa, Vita Spericolata e ad altri brani simbolo della musica italiana che poi suonerà in un medley che sul finire riceve gli applausi del pubblico e dell’orchestra.

maggio-antonio-mi-piacerebbeore 23.46: Esaurite le esibizioni dei Cantanti, inizia la finale della sezione Giovani, di cui stasera verrà proclamato il vincitore con il contributo del televoto e della giuria di qualità. Apre la competizione Antonio Maggio e il suo sorriso, con la canzone Mi servirebbe sapere, frizzante ed orecchiabile motivo, che dopo sole due ascolti diventa subito familiare.

ilaria-porceddu-equilibrioore 23.58: Torna sul palco dopo aver superato la selezione di ieri anche Ilaria Porceddu con In Equilibrio, la canzone dalle atmosfere sarde che raccontano tutte le sue origini. La bella Ilaria strega il pubblico con la sua voce potente, ed il pubblico reagisce entusiasta della sua performance.

blastema-ragioneore 00.04: È la volta del rock dolce e intenso dei Blastema, con la loro Dietro l’intima ragione, supportata dall’intervento strong della batteria e delle chitarre. La loro performance è come al solito impeccabile, e raccolgono il consenso caloroso del pubblico.

renzo-rubino-ammaiore 00.10: Ritorna vincitore della prima fase della gara Renzo Rubino con il suo brano Il Postino (Amami Uomo). Accompagnato dalla voce del tenore negli intermezzi del brano, Rubino regala ancora una volta emozioni fortissime. Il pubblico applaude soddisfatto della sua esibizione, e Renzo stempera con un sospiro la tensione accumulata.

caetano-velosoore 00.20: Caetano Veloso è uno di quegli artisti che con il tempo ha ammorbidito le sue inflessioni, smussato gli angoli di quella bossa nova intensa di un tempo. Dopo 40 anni di carriera una scintilla risulta ancora vivida nella voce del maestro Veloso, che con in braccio una chitarra riesce a realizzare piccoli miracoli. E così intona la sua Você é linda, facendo sciogliere gli ascoltatori davanti a quella nenia dolce. Continua la sua esibizione omaggiando il nostro paese con “Piove (ciao ciao bambina)” ed infine si esibisce con Stefano Bollani al piano con “Come Prima”.

ore 00.28: La canzone de Il Cile viene riconosciuta come brano con il miglior testo, riconocimento tanto ambito. Il cantante viene premiato da Caetano Veloso, che poi riconquista il centro del palcoscenico assieme a Stefano Bollani. Inizia il duetto pianoforte-voce con l’evergreen Come prima… Esecuzione delicatisssima, talmente dolce da conciliare il sonno (s’è pure fatta una certa, del resto).

rockfellerore 00.40: A Sanremo arriva, anzi torna, il pupazzo Rockfeller ed il suo ventriloquo concludono il leit motiv della storia di Sanremo. Rockfeller corteggia animatamente Luciana, che prova a sfuggire dal suo attacco dal becco arancio. Josè Luis Moreno ringrazia l’Italia ed il Festival di Sanremo, simbolo di speranza dell’arte nel mondo.

ore 00.45: I conduttori chiamano i quattro finalisti dei giovani per la proclamazione dei vincitori.  La critica premia Il Postino di Renzo Rubino, la canzone che ha conquistato gli esperti del settore e che gli è valso l’ambito premio Mia Martini. L’artista pugliese accoglie con soddisfazione la sua conquista, pur non avendo raggiunto la vittoria assoluta. 

mi-piacerebbe-sapere-vinceore 00.46: Il presidente della giuria Nicola Piovani si appresta ad annunciare che… Antonio Maggio vince la rassegna Giovani 2013. 

ore 00.50: Maggio accoglie in lacrime il premio e ancora scosso e incredulo esegue a chiusura di serata il brano vincitore, Mi servirebbe sapere. La sua allegra e ritmata canzone ha stregato in sole due esibizioni sia il pubblico a casa che la giuria di qualità.  la sua Mi Piacerebbe sapere.

ore 00.53: si conclude la quarta serata del Festival di Sanremo 2013. Appuntamento a domani con la finalissima della kermesse.