ESC 2015: ÖRF opta per una selezione nazionale per l’Eurovision 2015

Postcard flags of Eurovision 2014 - Austria

Dopo aver scelto la Wiener Stadthalle, Halle D di Vienna come sede ospitante della prossima edizione dell’ESC, ora l’emittente pubblica austriaca ÖRF ha annunciato che la canzone/artista che rappresenterà il Paese alla 60ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2015 che si terrà prorio in Austria, il 19, 21 e 23 Maggio sarà selezionato attraverso una selezione nazionale, che si svolgerà nel mese di Gennaio e si concluderà con la Finale a Marzo.  

orf_eurovision_id1997

È stato lo stesso Direttore Generale dell’ÖRF, Alexander Wrabetz, a confermarlo in un’intervista al quotidiano Der Standard: “Consentiremo sia a talenti emergenti sia ad artisti già conosciuti di entrare in competizione. Ci sono varie proposte interessanti sul tavolo2.

Il format esatto per selezionare la canzone e il concorrente austriaco per l’edizione 2015 dell’ESC non è stato ancora deciso, ma il periodo di selezione si svolgerà tra Gennaio e Marzo.Ulteriori dettagli verranno rilasciati dall’ÖRF in una data successiva.

Nonostante la vittoria nella scorsa edizione tenutasi a Copenhagen, da Conchita Wurst e il suo brano “Rise like a phoenix”, scelti internamente, l’ÖRF opta quest’anno per una selezione nazionale come spesso ha fatto dal 2011 al 2013 con il format “Österreich rockt den Song Contest”, anche se nel 2012 e nel 2013, non ha funzionato così bene per i Trackshittaz e Natália Kelly che non sono riusciti a qualificarsi rispettivamente in Finale.

Un compito niente facile succedere a Conchita Wurst, la trionfatrice più iconica dei tempi recenti della kermesse, e per questo motivo l’emittente pubblica non punterà di nuovo su una selezione interna, ma darà modo al pubblico di esprimere la propria preferenza.

Sino ad oggi, sono già 25 i Paesi che hanno confermato la presenza all’‎Eurovision Song Contest 2015, oltre al paese ospitante (l’Austria): Paesi BassiUngheriaDanimarcaFinlandiaSvizzera,  ERI di Macedonia,CiproIrlanda, RussiaBielorussiaMaltaEstoniaSveziaBelgio, Montenegro, Regno Unito, Armenia, Norvegia, Grecia, Portogallo, Germania, Georgia, Lituania e l’Islanda. 

Inoltre hanno dimostrato interesse e voglia di partecipare alla prossima edizione senza nessuna conferma o smentita: la Spagna, Italia, San Marino, Lituania, Polonia, Serbia e Bulgaria (questi due ultimi dopo l’annuncio del ritorno alla dodicesima edizione dello Junior ESC a Malta, il 15 Novembre 2014). Andorra, Slovacchia, Monaco e Liechtenstein hanno invece annunciato che non parteciperanno a quest’edizione. 

L’elenco ufficiale dei paesi partecipanti all’edizione 2015 dell’ESC verrà rilasciato dalla EBU-UER nel mese di Gennaio, mentre l’apertura ufficiale per le iscrizioni sarà il 15 Settembre 2014.

Il 2015 segnerà il 60° anniversario, il Diamond Jubilee (Giubileo di diamante), dell’Eurovision Song Contest. É stato annunciato che Vienna e la Wiener Stadthalle ospiterà l’evento. 

L’Austria ha partecipato quarantasette volte all’Eurovision Song Contest (43 Finali). Il paese ha vinto due volte, nel 1966, Udo Jürgens vinse con “Merci Chérie” (Thank you, darling) e nel 2014 Conchita Wurst ha trionfato con “Rise like a Phoenix”. 

Si è classificata per sette volte all’ultimo posto: nel 1957, 1961, 1962, 1979, 1984, 1988 e nel 1991.

Le partecipazioni nel nuovo millennio dell’Austria sono state caratterizzate da canzoni un pò particolari che si discostano dallo stile pop tipico dell’evento. Nell’edizione 2003 il cantante comico Alf Poier ha cantato “Weil Der Mensch Zählt” (Man is the measure of all things, letteralmente “Because the human counts”), una canzone che parla di una fattoria di animali, che conquista il sesto posto. Nell’edizione 2004 è stata rappresentata dalla boyband Tie Break (ultima finale per il Paese alpino fino al 2011), mentre nell’2005 è rappresentata dalla folk band Global Kryner che ha presentato una canzone in un improbabile mix latino tirolese, “Y así” (Like that), che finisce 21º in Semi-Finale. Proprio per questo pessimo risultato, l’ÖRF ha deciso di non partecipare all’edizione del 2006 adducendo come motivazione la scarsa valorizzazione della musica austriaca nella manifestazione ma soprattutto un sistema di voto che non rispecchierebbe i valori musicali; nonostante ciò trasmise lo stesso la kermesse. Dopo la deludente partecipazione nel 2007, annunciò il ritiro per il 2008 con le stesse motivazioni di 2 anni prima, ma l’ÖRF garantitì comunque la messa in onda. Non così per il 2009, quando essa trasmise solo i voti per verificare l’equità del nuovo sistema, mentre nel 2010 l’evento non è stato trasmesso.

Nel 2011 l’ÖRF ha deciso di tornare al concorso, mandando Nadine Beiler che ha vinto la selezione nazionale; arrivata in finale, raggiunge il 18º posto. Nel 2012, la selezione premia il duo rap dell’Alta Austria Trackshittaz (già secondo l’anno prima): il brano “Woki mit deim Popo” non supera la Semi-Finale. All’2013, viene rappresentata da Natália Kelly che però non riesce a raggiungere la finale. Nell’edizione del 2014, raggiunge il secondo successo dopo 48 anni dalla prima vittoria, con Conchita Wurst, scelta internamente, che ottiene 290 punti dalle varie nazioni.