Sanremo 2015: Saverio Raimondo conduttore del DopoFestival

saverio-raimondo-dopofestival-620x386

Il DopoFestival di Sanremo 2015 sarà condotto da Saverio Raimondo. 

Manca ormai pochissimo alla sessantacinquesima edizione del Festival di Sanremo: edizione della kermesse musicale che andrà in scena dal 10 al 14 febbraio 2015 nell’omonima città ligure. Ma oltre al concorso musicale, sono molti gli eventi televisivi (e non) che inizieranno ad animarsi tutt’intorno: si passa dai talk del mattino e del pomeriggio televisivo (Uno Mattina, Mattino 5, La Vita in Diretta, Verissimo e Pomeriggio 5) agli show aperti esclusivamente per tale occasione. Fra questi c’è il DopoFestival che, per il secondo anno di seguito, sarà organizzato dalla Rai in esclusiva per il web. Dopo la gestione un pò caciarona di Filippo Solibello e Marco Ardemagni, quest’anno sarà lo stand up comedian Saverio Raimondo a condutte la diretta su rai.tv.

Il comico, fino a qualche settimana fa nel cast fisso de ‘La Gabbia’ su La7, sarà il mattatore del programma che andrà in onda solo sul web alla fine delle cinque serate della kermesse canora condotta da Carlo Conti su Raiuno. Partenza prevista il 10 Febbraio.

L’annuncio è arrivato pochi istanti fa a Web Notte di La Repubblica. Lo stand up comedian, protagonista di ‘Stand Up Comedy’ su ‘Comedy Central’ di Sky, ha già lavorato in Rai, prima come autore di Serena Dandini, poi come monologhista dello show Stiamo tutti bene (Raidue) e come editorialista satirico di Glob (Raitre), con Enrico Bertolino.

Raimondo, talento indiscusso della satira, ha collaborato anche con Sabina e Caterina Guzzanti, rispettivamente su La7 e Mtv. Dal 2013 è entrato a far parte de La Gabbia, il talk show di La7 condotto da Pierluigi Paragone. Quindi è diventato Direttore del colonnino di destra di Repubblica.it.

A Dicembre scorso, Raimondo aveva raccontato il modello di satira a cui si ispira: “Il mio riferimento sono i comici satirici americani. Guarda John Oliver sulla HBO: il pubblico non si vede mai, potrebbero essere risate finte, lui è sulla scrivania, fa il suo editoriale. Io mi ispiro a quella cosa lì. Televisivamente parlando trovo che quello che faccio sia più efficace. L’esibizione live funziona tantissimo quando sei in un locale, mentre televisivamente ha bisogno di un trattamento particolare. Un conto è una trasmissione interamente dedicata, un conto è stare in un talk show, ed entrare dopo una discussione sulla disoccupazione tra un politico e un sindacalista. Io mi rifiuto, non è questo che voglio fare. E poi trovo che la confezione dei servizi sia migliore dell’affidarsi alla regia live. C’è un caro vecchio adagio: se non lo fanno gli americani ci sarà un motivo. Quando agli stand up comedian propongono di fare un programma loro costruiscono un’idea televisiva.”

Nei prossimi giorni sapremo da chi sarà affiancato Raimondo alla conduzione dello spin-off del Festival. Intanto, sulla base del curriculum e del valore dimostrato sul palco, possiamo affermare che la scelta operata dalla Rai è sorprendentemente positiva e innovativa.

Ma non è tutto. Anche Agon Channel si avvicina a Sanremo 2015 con un doppio talk show organizzato direttamente da Casa Sanremo: padrona di casa sarà la neo-assunta Veronica Maya che prima al mattino e poi dalla mezzanotte condurrà il suo salottino tv per commentare le esibizioni musicali, gli ospiti e quanto accadrà sul palco del Teatro Ariston.