ESC 2018 – Francia: France 2 apre il termine di presentazione dei brani per l’Eurovision 2018

france 2

L’emittente pubblica francese France 2 ha annunciato oggi come verrà scelto il brano e concorrente della Francia per la 63ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2018, che si terrà per la prima volta in assoluto in Portogallo, grazie alla vittoria di Salvador Sobral con “Amar pelos dois” (Loving for both of us).

France 2 sceglierà nuovamente il suo rappresentante per l’Eurovision attraverso una selezione nazionale, «EUROVISION 2018, qui portera nos couleurs». La scelta però avverrà fra i brani pervenuti tramite il bando pubblico aperto quest’oggi fino al 30 Novembre e saranno valutati contestualmente da una Commissione Artistica di France Télévisions.

L’annuncio arriva da France 2 (durante il programma  «LA FETE DE LA MUSIQUE 2017: TOUS A TOULOUSE»), l’emittente pubblica che trasmette la finale (mentre invece le semifinali sono trasmesse da France 4). Non è una novità, la selezione, per la Francia, ma è la prima volta che se ne occupa per interno France 2, che dunque sull’onda del buon riscontro di Amir e Alma, spera di convincere nuovamente i nomi importanti della musica a mettersi in gioco.

Gli artisti, compositori, cantautori e parolieri che vogliono rappresentare la Francia alla 63ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2017 possono presentare la domanda di partecipazione all’emitente francese compilando questo modulo disponibile sul sito (Inscrivez-vous et tentez votre chance: france.tv/casting-eurovision; Le règlement du concours: france.tv/règlement). Di seguito una Commissione Artistica di France Télévisions valuterà tutte le candidature pervenute tra il 21 giugno 2017 al 30 novembre 2017.

Non ci sono ancora i dettagli precisi, ma si parla chiaramente di un concorso, quindi, non di una selezione interna. Sarà quindi con ogni probabilità un galà a decretare chi passerà il confine e canterà a Lisbona il prossimo maggio, ma le candidature devono soddisfare i seguenti criteri:

  • La canzone non può essere stata diffusa (interamente o parzialmente) prima del 1° settembre 2017 (radio, tv, Internet, esibizioni in pubblico, supporti sonori ecc.).
  • La canzone non deve essere stata commercializzata. Non può essere stata pubblicata sui social network. Dev’essere anche totalmente inedito (mai promosso, mai ascoltato, neanche sotto forma di breve anteprime. Tuttavia, potrebbe essere stata depositata presso lo SACEM (Société des auteurs, compositeurs et éditeurs de musique) o scritta prima del 1° settembre 2017.
  • Il numero di partecipanti ammessi sul palco è di sei persone al massimo (esecutori e coristi compresi)
  • Non ci possono essere più di 4 autori / compositori
  • La canzone deve contenere almeno il 70% del testo in francese
  • Gli autori / compositori devono registrarsi, o essere già registrati, nello SACEM

Oltre a criteri secondo il regolamento internazionale dell’EBU-UER (La canzone non deve oltrepassare i 3 minuti, Gli interpreti devono avere un’età minima di 16 anni (data di riferimento: 01.01.2018…).

Per maggiori dettagli e per presentare la rappresentanza di Francia in Portogallo il prossimo maggio, fare clic qui.

Inoltre, tutte le spesse di promozione del brano/interprete selezionato correrà a cargo dall’artista(s) e la propria etichetta discografica, anche se France 2 vuole essere coinvolta in tutti gli aspetti legati alla partecipazione francese all’ESC di Portogallo.

Una vera e propria selezione francese manca dal 2014, anno in cui furono selezionati i Twin Twin, ma in quella edizione fu France 3 a selezionare il concorso ‘Les chansons d’abord’ (e poi ad irradiare l’evento). Vi presero parte appena tre artisti e i Twin Twin chiusero poi immeritatamente ultimi, col peggior risultato francese di sempre (appena 2 punti).

L’ultima vera selezione fu quella del 2007, quando France Telévisions mise in piedi un concorso che coinvolgeva France 2, France, 3, France 4, France 5, RFO (l’emittente dei territori d’oltremare) ciascuna con propri rappresentanti: nonostante la presenza di Les Wampas, uno dei gruppi storici del punk rock francese si imposero Les Fatals Picard (France 3) con “L’amour à la francaise“, poi ventiduesima ad Atene.

In passato la selezione ha spesso poi portato ottimi risultati in concorso, al contrario delle selezioni interne, dove invece (con eccezione delle due ultime due ottime performance) i risultati sono stati parecchio alterni, con qualche ottimo riscontro ma anche diversi picchi in basso.

La Francia è stata rappresentata nella scorsa edizione tenutasi a Kyiv dalla cantante Alexandra Maquet, conosciuta professionalmente come Alma e il suo brano “Requiem” (scelti internamente da France 2), pubblicato il 13 gennaio 2017 su etichetta discografica Warner Music France e che anticipa l’album di debutto ‘Ma peau aim’ di Alma, uscito il 5 maggio 2017. Il brano, scritto e prodotto da Nazim Khaled interamente in lingua francese. Si è esibita nella Finale del 13 Maggio 2017 dove si classifica al 12° posto con 135 punti .

Il Paese ha partecipato a quasi tutte le edizioni dell’Eurovision Song Contest (59 partecipazioni), tranne due volte: nel 1974 (si ritirò a causa del lutto nazionale proclamato per la morte del Presidente Georges Pompidou nella settimana del concorso. Se la francia avesse partecipato, sarebbe stata rappresentata da Dani con la canzone “La vie à vingt-cinq ans”) e nel 1982 (TF1 ha rifiutato di partecipare). Ha ospitato il concorso tre volte: Cannes (nel 1959 e nel 1961) e Parigi (nel 1978).

La Francia è uno dei Paesi di maggior successo nel concorso, ha vinto il concorso cinque volte (nel 1958 con il brano “Dors, mon amour” (Sleep, My Love) di André Claveau; nel 1960 con la canzone “Tom Pillibi” di Jacqueline Boyer, nel 1962 col brano “Un Premier Amour” (A First Love) di Isabelle Aubret; nel 1962 con la canzone “Un jour, un enfant” (A Day, a Child) di  Frida Boccara e nel 1977 con il brano “L’oiseau et l’enfant” (The Bird and the Child) di Marie Myriam), arrivando alla secondo posto quattro volte e terzo sette volte.

Il Paese fa parte dei Big Five (assieme a Spagna, Germania, Regno Unito ed Italia) e, nonostante i pessimi risultati degli ultimi anni, accede di diritto alla serata Finale. Dal 1998, quando il televoto è stato introdotto la Francia si è classificata negli ultimi 10 posti in Finale: 18° nel 2003 e nel 2008, 19° nel 1999, 22° nel 2006, 2007 e nel 2012, 23° nel 2000, 2005 e nel 2013, 24° nel 1998 e 26° nel 2014. Inoltre non è riuscita a raggiungere la Top ten in undici delle ultime quattordici edizioni, raggiunta solo 3 volte: con “Je n’ai que mon âme” (All I Have is My Soul) di Natasha St-Pier al 4° posto nel 2001, con “Il faut du temps (je me battrai pour ça)” (It takes time (I will fight for that)) di Sandrine François al 5° posto nel 2002 e con “Et s’il fallait le faire” (And if it had to be done) di Patricia Kaas 8° posto nel 2009.

Nel 1999, France 3 dovette trasmettere il festival perché France 2 mandava in onda una partita di rugby; da allora il canale pubblico regionale francese ha sempre trasmesso l’evento con risultati alterni (es. un misero 10% nel 2007). Nel 2009, la Francia torna a piazzarsi tra i primi 10 grazie a una delle sue cantanti più famose e apprezzate, Patricia Kaas, e l’anno dopo finisce 12º. Dal 2005 al 2010, la semifinale di competenza è stata trasmessa da France 4, in seguito è stata portata su France Ô. Dal 2014, dopo 15 anni di trasmissione è cambiato il canale di trasmissione su  France 2.

Anche se l’elenco definitivo dei paesi partecipanti all’edizione 2018 dell’ESC sarà possibilmente soggetta a cambiamenti fino al rilascio della lista ufficiale dei partecipanti da parte dell’EBU-UER in programma per fine 2017 o all’inizio dell’anno, al momento 16 paesi hanno già confermato la loro presenza e diverse finali nazionali sono state già impostate: dopo il Portogallo (Festival RTP da Canção 2018) – automaticamente in Finale in quanto paese organizzatore, Finlandia (selezione: Uuden Musiikin Kilpailu – UMK 2018), Norvegia (selezione: Norsk Melodi Grand Prix 2018), Lituania (selezione: “Eurovizijos” dainų konkurso nacionalinė atranka 2018), Polonia, Cipro, Estonia (selezione: Eesti Laul 2018, il 3 marzo del prossimo anno), Repubblica Ceca, Belgio (selezione interna), Spagna, Germania, Francia, Paesi Bassi, Slovenia, Irlanda, Svezia (selezione: Melodifestivalen 2018) e tra questi notiamo la Russia (selezione interna), che ritorna nel concorso dopo un anno d’assenza, dovuto al divieto di accesso sul territorio ucraino alla cantante russa Julija Samojlova, selezionata per rappresentare la Russia nella competizione con il brano “Flame is burning”, di una durata di tre anni per aver attraversato illegalmente il confine ucraino in occasione di un’esibizione in Crimea e al ritiro della Russia della competizione.