ESC 2018: ecco la scenografia in azione alla Altice Arena di Lisbona

b38ddea85eb53bc4885bb9446b5a3c60

Finiti i lavori al Parque das Nações di Lisbona, l’area costruita in occasione dell’EXPO 1998 e che, grazie alla sua immensa Altice Arena, ospiterà l’Eurovision Song Contest 2018, in onda anche in Italia dall’8 al 12 Maggio su Rai4 e Rai1.

Sarà sotto gli occhi di oltre 200 milioni di persone, ma è stato realizzato solamente da un centinaio di mani e menti esperte. Il palco dell’Eurovision Song Contest 2018, creato dalla fantasia del tedesco Florian Wieder, e costruito da un team internazionale capitanato dal veterano della realizzazione tecnica dell’Eurovision Song Contest Ola Melzig.

I lavori sono ufficialmente terminati da alcuni giorni, nel corso dei quali sono già avvenute le prove “tecniche” di ogni esibizione (anche dette stand-in rehearsals, con figuranti al posto degli artisti veri e propri) per effettuare i collaudi di luci, effetti speciali e telecamere, e che rivedremo nelle prossime settimane sui nostri schermi. La grande scenografia ispirata all’acqua, al mare e alle antiche navi degli esploratori risplende ora in tutta la sua magnificenza. Ma è pronta anche la Green Room, l’area dedicata alle delegazioni all’interno dell’arena, che ospiterà le delegazioni durante gli show.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Cancellate tutte le perplessità legate alla totale assenza di schermi a LED nella scenografia dell’Eurovision 2018: il team di Ola Melzig, responsabile dell’apparato tecnico dietro la grande macchina dell’Eurovision Song Contest, insieme agli organizzatori portoghesi, hanno saputo sfruttare al massimo le nuove tecnologie e le potenzialità delle sole luci per generare un palco dinamico e in grado di adattarsi alle esigenze di ogni performance.

Negli scorsi giorni, in occasione della visita del Direttore Generale dell’emittente portoghese RTP Gonçalo Reis, gli organizzatori hanno voluto mostrare tutte le potenzialità del palco mettendo in scena il gioco di luci ed effetti speciali con un effetto finale è mozzafiato.

Ben 14 mastodontici generatori alimenteranno un complesso che non si limita alla sola scenografia, ma vede anche un’area dedicata alle nazioni in gara (la Delegation Bubble, con aree relax e ristoro, camerini, area trucco e parrucco…), e una sala stampa aperta agli oltre 1500 giornalisti accreditati in arrivo da tutto il mondo. Il tutto contornato da un cordone di sicurezza, che assicurerà lo svolgimento dell’evento con regolarità e serenità.

Mentre queste sono le date indicate al grande pubblico, per gli addetti ai lavori e i giornalisti è ormai tempo di recarsi a Lisbona, in quanto domani si inizia ufficialmente con le prime prove sul palco dell’Eurovision Song Contest 2018.