ESC 2018 – San Marino: Polemica sui commenti di Rai1 e dei presentatori contro San Marino

Tramite un comunicato stampa, Alessandro Capicchioni, capo delegazione di San Marino per l’Eurovision Song Contest 2018, in relazione al commento dei presentatori che si sono occupati della telecronaca dell’evento in Italia, Carolina Di Domenico e Saverio Raimondo, in diretta TV su Rai 4 durante la Seconda Semi-Finale di ieri sera.

Il motivo del contendere è la critica dai due conduttori, al timone per la prima volta della diretta delle due semifinali su Rai4, quando ha esortato il pubblico italiano nella serata di giovedì 10 maggio a non votare per San Marino come retribuzione dopo lo sgarbo operato dalla giuria del San Marino nell’edizione 2017 (con Francesco Gabbani, grande favorito alla vittoria finale e poi sesto classificato, che ricevette solamente 3 punti). 

Alessandro Capicchioni ha espresso la sua indignazione in un comunicato stampa, ipotizzando che i giudizi dei conduttori potrebbero aver influenzato il voto del pubblico italiano. Ecco di seguito il testo: 

“In questi dieci anni che mi rendono di fatto uno dei capidelegazione da più tempo all’Eurovision, non avevo mai visto quello che é successo ieri. I due commentatori dai microfoni di Rai 4 in diretta hanno espresso e riportato frasi offensive e diffuso notizie false, quali quella che l’artista italiano Gabbani avrebbe perso per colpa del voto di San Marino. Questa è una tipica fake news che dei professionisti o presunti tali dovrebbero non solo guardarsi bene dal diffondere ma soprattutto – se nel servizio pubblico – avrebbero il dovere di smentire. Come a tutti noto, anche se San Marino avesse dato tutti i suoi voti a Gabbani lo scorso anno, Gabbani sarebbe rimasto sesto, indipendentemente dal fatto che le giurie a San Marino sono sovrane e rispondono solo alla loro coscienza. Il danno fatto in diretta ormai è fatto. Probabilmente il voto degli italiani avrebbe aiutato oppure non sarebbe stato determinante. Pazienza. Resta in ogni caso scandaloso e intollerabile il comportamento tenuto dai conduttori – in senso lato – di Rai4 nel corso della diretta. Sarebbe interessante vedere se la stessa cosa – è stato persino usato il termine ‘infami’ nei confronti di un Paese straniero e amico – fosse stata fatta da un altro Paese nei confronti di un suo vicino. Possiamo chiedere alla Russia o alla Germania, per fare un esempio a caso, come avrebbero reagito. A mio avviso ci sono tutti gli estremi per un coinvolgimento dell’EBU in questa vicenda, come ho già segnalato al nostro Dg che è qui a Lisbona.”

Da notare che storicamente San Marino è stato sempre abbastanza prodigo di sostegno alle proposte italiane, anche se i 12 punti sono stati assegnati soltanto a Raphael Gualazzi nel 2011. Il Volo nel  2015 e Francesca Michielin nel 2016 hanno invece ricevuto 10 punti da San Marino, mentre Nina Zilli nel 2012 ne ha ottenuti 7 e Marco Mengoni nel 2013, 4. In compenso, l’Italia non ha mai ricambiato particolarmente, assegnando a San Marino un massimo di 6 punti nella Seconda Semi-Finale del 2015.

Capicchioni rivendica il diritto dei giurati di San Marino a votare secondo la propria coscienza, e chiede un coinvolgimento dell’EBU-UER nella vicenda ritenendo il comportamento tenuto dai conduttori “scandaloso e intollerabile.” 

Jessica-ft-Jenifer-Brening.jpg

La canzone di San Marino, “Who We Are” di Jessika feat. Jenifer Brening, ha mancato la qualificazione alla Finale per l’ottava volta in nove partecipazioni all’Eurovision Song Contest.