Sanremo 2019: Pippo Baudo e Fabio Rovazzi i presentatori di Sanremo Giovani – Aggiornato

Fabio Rovazzi e Pippo Baudo

Secondo quanto apprende Tv Sorrisi e Canzoni, Pippo Baudo e Fabio Rovazzi condurranno l’edizione 2018 di Sanremo Giovani, la gara di esordienti che vedremo su Raiuno da lunedì 17 a venerdì 21 dicembre.

Come conferma il settimanale TV Sorrisi e canzoni, le indiscrezioni sono ora diventata una realtà. 

Sarà davvero rivoluzionario il nuovo «Sanremo Giovani» che Claudio Baglioni, direttore artistico del Festival, sta preparando e che vedremo a dicembre. Una cosa è certa, stavolta si faranno le cose in grande. Baglioni ha già detto con forza che nella sua visione Sanremo inizierà proprio da questa gara di esordienti.

Il direttore artistico Claudio Baglioni ha scelto Pippo Baudo (il presentatore televisivo, che detiene il record di conduzioni del Festival di Sanremo, 13) e Fabio Rovazzi (autore di hit come “Faccio quello che voglio”) quali conduttori del prossimo Sanremo Giovani che si terrà da lunedì 17 a venerdì 21 dicembre e che verrà trasmessa su Rai 1 con quatto appuntamenti preserali in cui verranno presentati al pubblico i 24 cantanti esordienti.

Lo show vero e proprio inizierà il 20 con la prima sfida tra i giovani e proseguirà il 21. Al termine delle due serate si saprà il nome dei 2 vincitori che saliranno sul palco insieme ai Campioni durante il Festival vero e proprio che si terrà dal 5 al 9 febbraio al Teatro Ariston.

Per ribadire il concetto, ha scelto una coppia pronta a fare scintille. Tv Sorrisi e Canzoni può confermare che saranno Pippo Baudo e Fabio Rovazzi a condurre l’edizione 2018 di Sanremo Giovani. I loro contratti sono in via di definizione, ma la decisione è presa.

Innanzitutto si svolgerà quasi per un’intera settimana, da lunedì 17 a venerdì 21 dicembre, ovviamente su Raiuno.

Si partirà da quattro appuntamenti preserali, dal 17 al 20, in cui verranno presentati al pubblico i 24 cantanti esordienti (tra i 16 e i 36 anni) scelti tra i 677 che hanno presentato la loro candidatura in modo valido: tra questi, 84 sono gruppi e 593 singoli (a loro volta, suddivisi in 311 uomini e 282 donne). Sud primatista con 253 candidature, Centro a quota 214, 191 per il Nord. Nelle prime serate del 20 e del 21 dicembre, poi, si darà il via al vero e proprio show condotto da Baudo e Rovazzi (anche Baglioni ci sarà, ma ha spiegato che resterà dietro le quinte). I giovani concorrenti si sfideranno, una dozzina per sera, fino a ottenere due vincitori distinti.

Saranno proprio loro due a meritare l’ambita promozione tra i Campioni: nel 2019 saliranno sul palco dell’Ariston, alla pari con i Big. Claudio Baglioni ha annunciato infine che saranno complessivamente 24 le canzoni che si scontreranno al Festival, che si terrà dal 5 al 9 febbraio 2019. I due vincitori di «Sanremo Giovani» non porteranno al Festival il brano con cui hanno trionfato a dicembre, ma due canzoni inedite. Baglioni, intanto, è impegnato anche nel suo tour del 50° anniversario, che continuerà fino al 24 novembre, per poi riprendere a metà marzo, ben dopo le fatiche di Sanremo.

La Commissione Musicale, presieduta da Claudio Baglioni – in veste di direttore artistico – e formata da alcuni dei professionisti che realizzeranno la 69ᵃ edizione del Festival (Claudio Fasulo, vice direttore Rai1 ed autore di numerose edizioni del Festival; Massimo Giuliano, ex discografico e conoscitore del panorama musicale italiano ed internazionale; Massimo Martelli, autore tv – già più volte autore del Festival – e regista cinematografico; Duccio Forzano, regista tv con diversi Festival all’attivo, e Geoff Westley, tra i più celebri produttori musicali internazionali, autore di alcuni memorabili lavori discografici italiani) dovrà selezionare gli artisti che parteciperanno alle audizioni dal vivo, che si terranno a Roma il 12 novembre presso la Sala A di Via Asiago.

In particolare, per ogni singola Regione, in ordine alfabetico, questa la suddivisione delle domande di iscrizione: Abruzzo, 16; Basilicata, 3; Calabria, 30; Campania, 77; Emilia Romagna, 46; Friuli Venezia Giulia, 3; Lazio, 140; Liguria, 14; Lombardia, 67; Marche, 16; Molise, 4; Piemonte, 32; Puglia, 54; Sardegna, 6; Sicilia, 63; Toscana, 47; Trentino, 6; Umbria, 11; Veneto, 23. Dall’estero si sono iscritti in 19.

Dopo le audizioni dei 60 giovani e di quelli selezionati da Area Sanremo (quest’ultimi saranno ascoltati dalla Commissione musicale il 26 novembre) saranno individuati i 24 finalisti che parteciperanno, il 20 e il 21 dicembre, alle due prime serate su Rai1 di “Sanremo Giovani” in cui saranno selezionati i due artisti, uno per ciascuna delle serate, che si esibiranno a febbraio al 69mo Festival della Canzone italiana.

I ragazzi che parteciperanno alle Semifinali dell’edizione 2018 di Area Sanremo TIM 2018 sono quelli che hanno superato le selezioni di Area Sanremo Tour, una manifestazione di 123 tappe che si è svolta in tutta Italia, organizzato da Anteros Produzioni. La manifestazione, per il secondo anno consecutivo, ha registrato un notevole numero di iscritti: 2322 ragazzi, che in 123 tappe, svoltesi su tutto il territorio nazionale e all’estero, ed attraverso 7 finali regionali/interregionali (svolte in Piemonte-Liguria-Valle d’Aosta, Emilia Romagna, Marche-Abruzzo, Puglia, Calabria e Sicilia) hanno portato in gara a Sanremo 860 canzoni inedite, contando anche i gruppi e le band equivalgono a circa 1000 persone che si confronteranno nelle due sessioni delle semifinali di ottobre, un numero record che ha costretto gli organizzatori a raddoppiare l’appuntamento. 

Il sessantanovesimo Festival della Canzone Italiana si svolge al Teatro Ariston di Sanremo da martedì 5 a sabato 9 febbraio 2019 ed è condotto per la seconda volta da Claudio Baglioni, che ne è anche il direttore artistico. Le cinque serate sono trasmesse da Rai 1 (in alta definizione su Rai HD) e da Rai Radio 1 e Rai Radio 2.

Al Festival di Sanremo 2019 partecipano 24 cantanti senza distinzione tra Big e Nuove Proposte. Di questi, due cantanti sono i vincitori di Sanremo Giovani 2018.

Inoltre, dobbiamo ricordare che l’Italia ha confermato che prenderà parte alla 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà per la terza volta in assoluto in Israele (dopo l’Eurovision Song Contest 1979 e l’Eurovision Song Contest 1999), presso l’EXPO Tel Aviv (International Convention Center) di Tel Aviv, il 14, 16 e 18 maggio del prossimo anno.

Nessun altra informazione, per il momento, rispetto alla modalità di scelta che verrà utilizzato per selezionare la canzone e il concorrente dell’Italia per la 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2019, ma quasi sicuramente a scanso di modifiche nel regolamento del Festival, il vincitore di Sanremo 2019 avrà la possibilità di rappresentare l’Italia a Tel Aviv, come negli anni precedenti e sempre che non decida di rinunciare (come fecero gli Stadio nel 2016). Siamo in attesa che venga confermato dal Regolamento (se tutto resterà immutato rispetto agli ultimi anni) che dovrebbe uscire a giorni. 

Nei prossimi mesi saranno rilasciati ulteriori dettagli, ma probabilmente la RAI opterà per una scelta legata al Festival di Sanremo, come lo scorso anno, il vincitore del Festival di Sanremo avrà la facoltà di partecipare all’Eurovision Song Contest 2019, oppure opterà nuovamente per una decisione interna. 

Per quanto riguarda i super ospiti del Festival continuano invece le indiscrezioni che riguardano la partecipazione al Festival nelle diverse serate dell’atto finale, come rivela il numero di Chi in edicola il 24 ottobre. Sul numero del settimanale sono usciti i primi nomi tra cui quello di Marco Mengoni che si appresta a rilasciare il suo nuovo disco di inediti, in uscita il 30 Novembre, del quale ha già presentato i singoli “Voglio” e “Buona vita” e il nuovo tour in partenza ad aprile . Mengoni non è nuovo al Festival, nel 2013 ha vinto con “L’essenziale” e nel 2014 è stato ospite.

Tra i nomi fatti anche quello di Andrea Bocelli e del figlio Matteo, oltre a quello di Fedez che sta per rilasciare un singolo da rilasciare il 2 novembre e dedicato a suo figlio Leone. Oltre a lui potrebbe esserci anche la moglie Chiara Ferragni. Infine, potrebbe essere confermata anche la presenza di Eros Ramazzotti che il 23 novembre rilascerà il suo prossimo disco di inediti. Anche Eros non è nuovo al Festival sia come concorrente, sia come autore di un brano in gara, sia come ospite. Il cantautore ha vinto, nella categoria Voci Nuove, nel 1984 con “Terra Promessa”; nel 1985 si è ripresentato tra i Big con “Una storia importante” e si è classificato sesto; infine, nel 1986 ha trionfato con “Adesso tu”. Poi, ha scritto una parte della musica di “Come saprei” di Giorgia, che si è aggiudicato la kermesse nel 1995. Nel 2016 era fra i superospiti, mentre nel 2017 era in platea perché la moglie Marica Pellegrinelli è stata chiamata da Carlo Conti e Maria De Filippi.

Mancano meno di due mesi all’annuncio del cast dei 22 cantanti (a cui si aggiungeranno i due vincitori di Sanremo Giovani) in gara tra i Big (Campioni) del Festival di Sanremo 2019.  Come ogni anno, iniziano già a girare le prime liste e indiscrezioni tra discografici, giornalisti e addetti ai lavori: Deborah Iurato, Chiara Galiazzo, Giusy Ferreri, Anna Tatangelo con Gigi D’Alessio, Il Volo, Rocco Hunt, Babby K, Lorenzo Fragola, Enrio Nigiotti, Riki, Irama, Federica Carta con Shade, Michele Bravi, Elodie, Carmen Ferreri, Stadio, Negrita, Ex Otago, Dolcenera, Loredana Berté, Paola Turci, Thomas, Max Pezzali, Raphael Gualazzi, Raf e Umberto Tozzi, Arisa, Simona Molinari, Ultimo, Bianca Atzei con Gianluca Grignani, Lorenzo Suraci, Zen Circus, Modà, Spagna, Fiordaliso, Mietta, Pupo, Emma Marrone, Alessandra Amoroso, …

Secondo quanto riporta il magazine Oggi, in base alle indiscrezioni raccolte, ha reso noto che Claudio Baglioni pare vorrebbe al suo fianco per condurre la manifestazione all’attrice, conduttrice televisiva ed ex modella spagnola naturalizzata italiana Vanessa Incontrada, la quale avrebbe l’intenzione di accettare.

La proposta, sempre secondo il magazine, sembra sia arrivata all’attrice di origini spagnole, la quale si sarebbe detta assai onorata da questo attestato di stima da parte di Claudio Baglioni. Tuttavia si sarebbe riservata di pensarci prima di dare una risposta netta e definitiva al cantautore.