ESC 2019 – Italia: Kobi Marimi di Israele sostiene Mahmood all’Eurovision Song Contest 2019

53520560_2376380085914837_5385038877717168128_n

קובי מרימי – Kobi Marimi, che rappresenterà l’Israele all’Eurovision Song Contest 2019 sostiene Mahmood alla 64ª edizione dell’EurovisionSong Contest che si terrà per la terza volta in assoluto in Israele (dopo l’Eurovision Song Contest 1979 e l’Eurovision Song Contest 1999), presso l’EXPO Tel Aviv (International Convention Center) il 14, 16 e 18 maggio prossimo, grazie alla vittoria di Netta Barzilai con la canzone “TOY”.

Il rappresentante del Paese ospitante si è apertamente dichiarato a favore dell’artista italiano, che approderà sul palco di Tel Aviv per la Finale del 18 maggio nella quale porterà una versione rimaneggiata di “Soldi”.

Il nome di קובי מרימי – Kobi Marimi che andrà a rappresentare Israele è trapelato solo nelle ultime ore e risponde al nome di Kobi Marimi, già protagonista di un cambio di rotta professionale che gli ha fatto preferire la musica alla recitazione. D’altro canto, non ci si può aspettare nient’altro dalla vita, se non un continuo divenire di accadimenti che ci mettono di fronte a nuove e interessanti possibilità.

Se questa scelta sia stata azzeccata oppure no saprà dircelo il palco dell’Expo di Tel Aviv, nel quale Marimi si esibirà direttamente per la finale della manifestazione nella quale si scontrerà anche con Mahmood, del quale ha già avuto modo di parlare durante una delle interviste esclusive ad ANSA.

“Mi piace tantissimo: è carismatico ed ha una voce unica. La sua canzone mi ha creato un pò di dipendenza e penso che abbia molte buone possibilità. Sarebbe fantastico vincere specialmente qui a casa, in Israele”.

Il brano da portare in gara è “Home” ed è un brano che si pone in netta contrapposizione rispetto a quello di Netta Barzilai che ha trionfato nel corso dell’edizione portoghese dell’Eurovision Song Contest alla quale hanno partecipato Fabrizio Moro ed Ermal Meta.

La nuova edizione della manifestazione internazionale potrebbe anche ospitare Madonna, pronta a salire sul palco con ben due canzoni. La regina del pop sarebbe quindi vicina alla firma definitiva del contratto voluto da un ricco imprenditore israeliano che negli anni si è distinto per i suoi investimenti nell’ambito della cultura. L’ingaggio dovrebbe aggirarsi intorno a un milione e mezzo di euro.

Dopo la vittoria a sorpresa al Festival di Sanremo con “Soldi”, Mahmood è l’artista del momento. Primo in radio, primo nella classifica dei singoli e primo in quella degli album. 

Alessandro Mahmoud (questo è il suo vero nome) è nato all’ospedale Mangiagalli di Milano il 12 settembre 1992. Per chi è appassionato di astrologia, appartiene al segno della Vergine. Il papà Ahmed è egiziano e la mamma Anna sarda. «A volte c’è della malizia nel ricordare sempre le mie origini» ha detto il cantante ai giornalisti. «Io mi sento e sono italiano al 100%». A 5 anni viene abbandonato dal padre e cresce nel quartiere periferico milanese Gratosoglio, circondato dall’amore della mamma e da una famiglia numerosa (mamma Anna ha 12 tra fratelli e sorelle). Ma il dolore di quell’abbandono non si è mai spento. È diventato così tema di molti suoi brani, compresa “Soldi”, canzone che spiega la delusione per un rapporto fragile con il padre, intriso peraltro di interessi economici.

Da ragazzino, grazie al sostegno della madre, Mahmood è riuscito a studiare pianoforte e ha contribuito alle spese facendo il barista in uno storico locale di piazza San Babila a Milano. Aveva qualche problema nel fare i cappuccini, ma tutti conservano di lui un ottimo ricordo. «Facevo il turno del mattino, che iniziava alle 6, per avere il pomeriggio libero e poter studiare» racconta. Il successo fine a se stesso non l’ha mai cercato, ma ha sempre e solo voluto un palco per esprimersi.

Nel 2012 ha partecipato a “X Factor” nella squadra di Simona Ventura, entrando in corsa e rimanendo per una sola puntata. «Mi sono reso conto dopo quell’esperienza che le canzoni non piovono dal cielo, così mi sono messo di nuovo a studiare» ha spiegato. Per due anni si è iscritto al CPM Music Institute, rinomato istituto milanese che l’ha avvicinato alla scrittura e alla composizione dei suoi brani. Nel 2016 ha partecipato per la prima volta a “Sanremo Giovani” con “Dimentica”. Ha vinto Ermal Meta e lui, ancora una volta, non ce l’ha fatta. Intanto comincia a lavorare come autore per altri artisti. Collabora a “Nero Bali” di Elodie e Michele Bravi, a “Hola (I Say)” di Marco Mengoni feat. Tom Walker e duetta con Fabri Fibra nella canzone “Luna”.

Il 2018 è l’anno della svolta. A dicembre Raiuno trasmette “Sanremo Giovani”. I vincitori delle due serate accedono al Festival gareggiando tra i “big”. Mahmood trionfa con il brano “Gioventù bruciata”. «Era il mio biglietto da visita per raccontare al pubblico chi sono» spiegava poco prima del Festival. «Invece Soldi la considero una canzone per niente “sanremese” ma mi rappresenta in ogni suo aspetto». Per poi concludere: «Non mi sento in colpa perché voglio fare qualcosa di profondamente mio. Voglio fare musica senza rimpianti». Lo scorso 9 febbraio la vittoria al Festival, superando i favoriti Ultimo e Il volo. Ora lo attende l’Eurovision Song Contest, dal 14 al 18 maggio a Tel Aviv, Israele, dove rappresenterà il nostro Paese.

Inoltre, secondo quanto riportato su alcuni quotidiani online israeliani, la regina del pop dovrebbe prendere parte alla Finale della prossima edizione della manifestazione nella quale l’Italia gareggerà con Mahmood, già pronto alla partecipazione con una nuova versione di “Soldi”.

L’artista sarà quindi sul palco dell’EXPO Tel Aviv (International Convention Center di Tel Aviv) per la Finale con un ingaggio milionario in vista della pubblicazione del suo nuovo album. Sarebbero inoltre due i brani che Madonna sarebbe pronta a portare durante la manifestazione, con un esborso di moneta sonante attribuito al potente imprenditore Sylvan Adams che non sembra avere intenzione di badare a spese“Abbiamo contattato Madonna per provare ad aggiungere un pò di sfarzo all’evento. Sembra essere la volta buona che venga qui e prenda parte all’Eurovision Song Contest”.

Le indiscrezioni sono anche riportate dal sito israeliano Mako, che va dritto al sodo rivelando le cifre dell’incasso di Miss Ciccone che si attesterebbero intorno al milione e mezzo di euro. Non sarebbe comunque questa la prima volta che Adams deciderebbe di investire in eventi culturali ma anche sportivi, fino ad arrivare alla partenza del nostro Giro d’Italia proprio da Israele.

Sarebbe quindi un gran colpo per l’organizzazione dell’ESC, anche quest’anno trasmessa su Rai1 con il commento di Federico Russo.

Madonna è stata anche alla Notte degli Oscar nella quale si è testimoniata la pace con Lady Gaga, da sempre nemica giurata, che ha anche sancito la fine della pappa da gossip che troppo spesso è stata consumata dai media per orchestrare una presunta rivalità tra le due dive che ora sembra definitivamente smentita dalle immagini che le ritraggono felicemente abbracciate.

A due mesi dall’esibizione all’Eurovision, che quest’anno si terrà a Tel Aviv, in Israele, dal 14 al 18 maggio 2019, in una intervista Mahmood ha parlato di “Soldi”, il brano vincitore del Festival, che resta uno dei pezzi di Sanremo più amati e il singolo continua a essere il brano più trasmesso in radio ed è primo nella classifica FIMI dei singoli più venduti e ascoltati in streaming, e sarà presente anche a Tel Aviv, il cuale non cambierà: “Credo che Soldi sia già molto europea, senza dover cambiare più di tanto o aggiungere altre lingue anche perché ci sono già due lingue e con una terza sembrerebbe un minestrone. Soldi rimarrà così, sul palco ci sarà ovviamente un plus grafico magari”.

Nelfrattempo, è uscito il nuovo remix di “Soldi”, il secondo ufficiale, realizzato dal Dj e Producer russo Denis First, noto per il singolo “Shameless”.

Qualche settimane fa è uscito il remix di “Soldi” firmato dal Dj Benny Benassi, mentre ora arriva quello realizzato da Denis First che verrà anche lanciato in radio.

Denis First si è fatto conoscere con il brano “Shameless”, realizzato in collaborazione con Reznikov e Bright Sparks. Uscito il 22 novembre 2018, questa canzone ha avuto un ottimo riscontro in tutta Europa.

Denis First è un DJ e producer russo e spesso collabora con il collega e connazionale Reznikov. L’uscita di questo secondo remix ufficiale del brano di Mahmood può solo aprire ulteriormente le porte dell’Europa all’artista che ci rappresenterà all’Eurovision Song Contest.

Mancano ancora più di due mesi all’Eurovision Song Contest e nel frattempo cresce l’apprezzamento del brano sopratutto nei vari gruppi di Eurofans.

Secondo https://eurovisionworld.com/odds/eurovision il brano è ora al quinto posto della classifica, con quote che, rispetto alla scorsa settimana, sono salite e ora si sono attestate tra i 12 e i 18, con una possibilità di vincere pari al 5%.

I favoriti ora sono: il rappresentante olandese, quello russo, lo svedese e a sorpresa lo svizzero. A questo punto non ci resta che aspettare le prime prove che si svolgeranno a inizio maggio a Tel Aviv, ma nel frattempo il video caricato sul canale ufficiale dell’Eurovision Song Contest ha raggiunto 400.000 views in 4 giorni.