ESC 2019: Continua la sessione di prove – Giorno 4

Publication2pr

Proseguono le prime sessioni di prove della 64ª edizione dell’Eurovision Song Contest che si terrà per la terza volta in assoluto in Israele (dopo l’Eurovision Song Contest 1979 e l’Eurovision Song Contest 1999), presso l’EXPO Tel Aviv (International Convention Center) il 14, 16 e 18 maggio del prossimo anno, grazie alla vittoria di Netta Barzilai con la canzone “TOY”. Si chiude oggi la prima sessione di prove per i Paesi semifinalisti con gli ultimi nove partecipanti della Seconda Semifinale.

Oggi calcheranno il palco dell’EXPO Tel Aviv di Tel Aviv gli altri 9 Paesi che parteciperanno alla Prima Semi-finale dell’ESC 2019 in programma per Mercoledì 16 Maggio alle 21:00 e che verrà trasmessa in diretta da Rai 4 con il commento in italiano di Federico Russo e Ema Stokholma: CroaziaMaltaLituaniaRussiaAlbaniaNorvegiaPaesi BassiMacedonia del Nord ed Azerbaijan.

Anche le prove di oggi sono a porte chiuse e avranno la durata di mezz’ora per ogni Paese per provare la canzone, la coreografia, gli effetti speciali, i costumi, i microfoni e tutto quello che riguarda la performance e, al termine, dopo il soundcheck di ogni artista, effettueranno il classico Press Meet & Greet con la stampa della durata di 20 minuti. Ovviamente la maggioranza degli artisti non ha indossato l’abito stabilito per la performance finale. Molto probabilmente lo farà alle prossime prove fra qualche giorno.

Gli unici video disponibili (brevi spezzoni) saranno quelli del sito ufficiale www.eurovision.tv che, durante la giornata, verrà aggiornato man mano che i video verranno pubblicati.

07

Questo il programma della giornata:

10.Croazia 🇭🇷 10:00 – 10:30 – Roko – “The Dream” 1ª prova seconda metà della Seconda Semi-finale (First Rehearsal) – 12:25 – 12:45 – Conferenza Stampa e Bienvenuto (Press Meet & Greet and Press Conferences)

Foto backstage – Foto prove – Press Meet & Greet

11.Malta 🇲🇹 – 10:40 – 11:10 – Michela – “Chameleon” 1ª prova seconda metà della Seconda Semi-finale (First Rehearsal) – 13:05 – 13:25 – Conferenza Stampa e Bienvenuto (Press Meet & Greet and Press Conferences)

Foto backstage – Foto prove – Press Meet & Greet

12.Lituania 🇱🇹 – 11:20 – 11:50 – Jurij Veklenko – “Run With The Lions” 1ª prova seconda metà della Seconda Semi-finale (First Rehearsal) – 13:45 – 14:05 – Conferenza Stampa e Bienvenuto (Press Meet & Greet and Press Conferences)

Foto backstage – Foto prove – Press Meet & Greet

13.Russia 🇷🇺 – 12:00 – 12:30 – Sergey Lazarev – “Scream” 1ª prova seconda metà della Seconda Semi-finale (First Rehearsal) – 14:25 – 14:45 – Conferenza Stampa e Bienvenuto (Press Meet & Greet and Press Conferences)

Foto backstage  – Foto prove – Press Meet & Greet

14.Albania 🇦🇱 – 13:40 – 14:10 – Jonida Maliqi – “Ktheju tokës” 1ª prova seconda metà della Seconda Semi-finale (First Rehearsal) – 16:05 – 16:25 – Conferenza Stampa e Bienvenuto (Press Meet & Greet and Press Conferences)

Foto backstage – Foto prove – Press Meet & Greet

15.Norvegia 🇳🇴 – 14:20 – 14:50 – KEiiNO – “Spirit in the Sky” 1ª prova seconda metà della Seconda Semi-finale (First Rehearsal) – 16:45 – 17:05 – Conferenza Stampa e Bienvenuto (Press Meet & Greet and Press Conferences)

Foto backstage – Foto prove – Press Meet & Greet

16.Paesi Bassi 🇳🇱 – 15:00 – 15:30 – Duncan Laurence – “Arcade” 1ª prova seconda metà della Seconda Semi-finale (First Rehearsal) – 17:25 – 17:45 –  Conferenza Stampa e Bienvenuto (Press Meet & Greet and Press Conferences)

Foto backstage – Foto prove – Press Meet & Greet

17.Macedonia del Nord 🇲🇰 – 16:00 – 16:30 – Tamara Todevska – “Proud” 1ª prova seconda metà della Seconda Semi-finale (First Rehearsal) – 18:25 – 18:45 – Conferenza Stampa e Bienvenuto (Press Meet & Greet and Press Conferences)

Foto backstage – Foto prove – Press Meet & Greet

18.Azerbaigian 🇦🇿 – 16:40 – 17:10 – Chingiz – “Truth” 1ª prova seconda metà della Seconda Semi-finale (First Rehearsal) – 19:05 – 19:25 – Conferenza Stampa e Bienvenuto (Press Meet & Greet and Press Conferences)

Foto backstage – Foto prove – Press Meet & Greet

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ecco il voto del Press Centre dopo le prove: 

1º. Azerbaigian: 82 punti
2º. Russia: 65 punti
3º. Macedonia del Nord: 64 punti
4º. Paesi Bassi: 45 punti
5º. Malta: 28 punti
6º. Albania: 10 punti
7º. Norvegia: 10 punti
8º. Croazia: 6 punti
9º. Lituania: 5 punti

Dopo le prime prove dei Paesi in gara all’Eurovision Song Contest 2019, dopo domani inizia il secondo giro di prove. Ora che anche le scenografie e la resa dal vivo iniziano a essere svelate, possiamo capire chi ha maggiori possibilità di impossessarsi del prestigioso microfono di cristallo e portare la competizione nel proprio Paese il prossimo anno.

I grandi favoriti Duncan Laurence e Sergey Lazarev nella first rehearsal non sono state stravolgenti, sebbene restino i due più quotati secondo i bookmaker. Se l’esibizione dell’olandese è parsa troppo scarna, al contrario il russo ha forse abusato con la scenografia, che ha a tratti dell’inquietante.

Lo svizzero Luca Hänni, visto sul palco di Tel Aviv, non fa proprio lo stesso effetto di quello che abbiamo visto nel videoclip della sua “She got me”, sebbene in molti hanno apprezzato la scelta di mettere in scena delle ballerine curvy. Ha invece soddisfatto le aspettative John Lundvik per la Svezia, con una performance vocale impeccabile che, con molta probabilità, farà guadagnare la sesta top 10 consecutiva agli scandinavi.

Grazie alla mancanza di un vincitore deciso in queste quattro esibizioni, Mahmood ha guadagnato quota per i bookmaker, avanzando al terzo posto della classifica virtuale dei più probabili vincitori. Ma il cantante italiano non è l’unico a recuperare terreno. Fa un notevole balzo in avanti Michela Pace per Malta, che con la sua coloratissima “Chamaleon” porterà nello show un’esibizione che si discosterà molto dalle altre.

Ma il protagonista delle prime prove è senza dubbio l’azero Chingiz, sebbene nell’anteprima pubblicata sul canale Youtube ufficiale dell’Eurovision Song Contest la sua esibizione non appaia più di quello che ci si aspettava, Chingiz è stato il più apprezzato dalla stampa e per i bookmaker è ora un papabile vincitore. La resa vocale dal vivo di “Truth” è notevole, ma la scenografia resta un grosso punto interrogrativo. Nell’anteprima si vede soltanto un triangolo luminoso alle spalle del cantante azero, che a quanto pare purtroppo non sfoggerà il suo fisico palestrato sul palco.

Tra le altre ha riscosso inaspettatamente successo nella sala stampa la cantante della Macedonia del Nord Tamara Todevska, mentre le grandi ali dorate del croato Roko pare non basteranno a fargli spiccare il volo.

Rimangono ora da scoprire i primi dettagli sulle esibizioni delle Big, ovvero di Mahmood per l’Italia, di Bilal Hassani per la Francia, Miki per la Spagna, Michael Rice per il Regno Unito, le Sisters per la Germania e Kobi Marimi per i padroni di casa d’Israele. Per loro bisognerà aspettare fino a venerdì.

59826508_2414024538817058_2853658103474290688_n.jpg

Le prove di domani si fermeranno temporaneamente. L’EXPO Tel Aviv sarà chiusa per Yom HaZikaron (יוֹם הַזִּכָּרוֹן; Memorial Day), Yom HaZikaron LeHalalei Ma’arakhot Yisrael ul’Nifge’ei Pe’ulot HaEivah (יוֹם הזִּכָּרוֹן לַחֲלָלֵי מַעֲרָכוֹת יִשְׂרָאֵל וּלְנִפְגְעֵי פְּעוּלוֹת הָאֵיבָה; Memorial Day for the Fallen Soldiers of Israel and Victims of Terrorism), il Giorno del Ricordo ufficiale di Israele. Le prove riprenderanno giovedì 9 maggio quando i primi 16 paesi della Prima Semi-Finale torneranno sul palco per il loro secondo turno di prove. 

Da ricordare che stasera va in onda su RAI 4 alle 20.55, Eurovision Song Story pt.2, l’appuntamento di Rai4 che racconta l’Eurovision Song Contest ponendo l’accento sugli aspetti più singolari della kermesse. Ogni episodio, anticipa le semifinali di Tel Aviv della kermesse internazionale, è introdotto da Ema Stokholma, che commenterà le semifinali della manifestazione canora per Rai4 e Radio2. 

Matteo Bordone e Melissa Greta Marchetto di Radio2 ci raccontano i “dissidenti” nella storia di Eurovision Song Contest. L’Eurovision, parafrasando una celebre massima di Adriano Celentano, è da considerarsi un evento lento o rock? A questa domanda hanno risposto Matteo Bordone e Melissa Greta Marchetto di Radio2 nell’episodio di Eurovision Story dedicato alle band rock che si sono esibite, negli anni, sul palco dell’evento musicale.

È partito ieri sera su Rai 4 le pillole legate alla storia dell’Eurovision Song Contest che accompagneranno i telespettatori fino alla settimana clou dell’evento, quella che va dal 14 al 18 maggio. Ema Stokholma sarà chiamata a introdurre questi brevi momenti della durata di circa 7 minuti, che saranno poi illustrati da altri ospiti: al centro della striscia denominata “Eurovision Song Story” scopriremo tutti gli aspetti storici della manifestazione declinati in diverse categorie, dalla musica agli artisti, ma anche la moda e i momenti più pazzi visti sul palco eurovisivo.

L’appuntamento è in access prime time ad orari variabili, indicativamente tra le ore 20,30 e le ore 20,55. Queste le puntate previste:

  • Prima puntata (6 maggio) con Carolina Di Domenico e Pierluigi Ferrantini sul bel canto. Quali caratteristiche deve avere un performer per essere un bravo cantante all’Eurovision? A questa domanda hanno risposto Carolina Di Domenico e Pierluigi Ferrantini di Radio2 nell’episodio di Eurovision Story dedicato al bel canto.
  • Seconda puntata (7 maggio) con Matteo Bordone e Melissa Greta Marchetto sui dissidenti. L’Eurovision, parafrasando una celebre massima di Adriano Celentano, è da considerarsi un evento lento o rock? A questa domanda hanno risposto Matteo Bordone e Melissa Greta Marchetto di Radio2 nell’episodio di Eurovision Story dedicato alle band rock che si sono esibite, negli anni, sul palco dell’evento musicale.
  • Terza puntata (8 maggio) con Annie Mazzola sulla moda. Ogni grande occasione ha bisogno del suo outfit. Come ci si presenta all’Eurovision? A questa domanda ha risposto Annie Mazzola, giovane creator e agente di modelle, nell’episodio di Eurovision Story che racconta i look più wow visti sul palco degli eccessi. 
  • Quarta puntata (9 maggio) con Sebastiano Pucciarelli (di TvTalk) sull’aspetto talent della manifestazione.
  • Quinta puntata (10 maggio) con Paola Jacobbi (di Glamour) sulla storia.
  • Sesta puntata (13 maggio) con Filippo Ferrari (di Rolling Stone) sui freak.
  • Settima puntata (14 maggio) con Federico Russo sull’Italia all’Eurovision.
  • Ottava e ultima puntata (15 maggio) con Andrea Delogu e Mahmood sulla preparazione all’evento.

La seconda semifinale in cui vota l’Italia, quella del 16 maggio in onda su Rai 4, sarà accompagnata da un’anteprima di mezz’ora, in maniera del tutto simile a quanto è sempre avvenuto su Rai 1 con la finalissima (e anche quest’anno, sabato 18 maggio alle 20,3.0, l’appuntamento si conferma).

Torna l’appuntamento annuale con l’Eurovision Song Contest: anche quest’anno di nuovo insieme la coppia Flavio Insinna e Federico Russo. L’evento musicale si terrà a Tel Aviv per effetto della vittoria ottenuta nel 2018 a Lisbona dall’artista israeliana Netta Barzilai. È sempre il paese vincitore della precedente edizione a fare gli onori di casa e a lanciare lo slogan, che in questa edizione è “Dare to dream”, in italiano “Osa sognare”. Tra le sei nazioni certe dell’ammissione alla serata finale, ospitata dal Tel Aviv Convention Center, c’è l’Italia, quest’anno forte delle sonorità altamente competitive e internazionali di Mahmood, che dopo il duplice successo di Sanremo Giovani e del Festival di Sanremo è pronto a presentare “Soldi” anche alla platea europea.

Mahmood annulla il concerto del Memorial Alessandro Troiani, problemi di salute. È stata annullata la prima serata del Memorial ‘Alessandro Troiani’, prevista per domani sera al teatro Ventidio Basso, a causa delle non ottimali condizioni di salute di Mahmood, nome che con Noemi e Dario Dardust avrebbe dovuto essere la star dell’appuntamento benefico organizzato dall’Ail.

Dopo gli impegni improrogabili di Tommaso Paradiso, che con lo stesso Faini ha assicurato di essere l’anima della serata del prossimo 8 giugno del Memorial, è ora la febbre alta ad aver impedito al trionfatore dell’ultimo festival di Sanremo di raggiungere la serata ascolana. Il milanese artista 26enne è stato bloccato dall’influenza nella città meneghina, con una temperatura pari a 39 e mezzo e una serie infezione alla gola. La situazione è così delicata che la partenza di Mahmood per Tel Aviv, dove nei prossimi giorni rappresenterà l’Italia all’Eurovision Song Contest, è stata posticipata proprio per dare la possibilità all’artista di riprendersi.

L’organizzazione invita tutti a chiedere il rimborso al botteghino o la conversione del biglietto alla data dell’8 giugno, evento fissato sempre sul palcoscenico del teatro ascolano e sempre allo scopo di aiutare l’operato dell’Ail, l’associazione che combatte le leucemie ricordando la figura dello sfortunato commerciante scomparso anzitempo.