ESC 2019 – Italia: Mahmood sta male a pochi giorni dalla partenza per Tel Aviv in vista dell’Eurovision Song Contest

20190508120524_mahmood.jpg

A soli 10 giorni dalla finale dell’Eurovision Song Contest, Mahmood sta male. La notizia si sta diffondendo e possiamo confermareMahmood è stato colpito da febbre e un’infezione alla gola. Tuttavia non cambiano i piani: volerà a Tel Aviv e si esibirà per la prima prova venerdì 10 maggio.

Queste le ultime notizie che arrivano dal vincitore dell’ultima edizione del Festival di Sanremo, che sarebbe bloccato a Milano prima della partenza per Eurovision Song Contest a causa di una brutta influenza che l’ha colpito proprio a ridosso della manifestazione alla quale prenderà parte nella finale del 18 maggio.

Stando agli aggiornamenti, l’esibizione dell’artista non sarebbe a rischio, dal momento che Mahmood partirà per Israele già nella giornata del 9 maggio, per prendere parte alla sua prima esibizione sul palco dell’EXPO Tel Aviv (International Convention Center) di Tel Aviv con la nuova versione di “Soldi” che ha realizzato appositamente per l’occasione e che è appena stata certificata triplo Disco di Platino.

Salta invece l’ospitata al Memorial Alessandro Troiani presso il Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno, al quale Mahmood avrebbe dovuto prendere parte nella serata dell’8 maggio ma che ha dovuto annullare a causa della febbre e di un’infezione alla gola.

Come riporta Il Resto del Carlino, però, la sua presenza è stata annullata poiché Mahmood è fermo a Milano con la febbre a 39.5 e una “seria infezione alla gola”.

Il giornale scrive inoltre: “La situazione è così delicata che la partenza di Mahmood per Tel Aviv, dove nei prossimi giorni rappresenterà l’Italia all’Eurovision Song Contest, è stata posticipata proprio per dare la possibilità all’artista di riprendersi.”

Tuttavia, la prima esibizione di Mahmood a Eurovision Song Contest è prevista per il venerdì 10 maggio alle 17.20. In ogni caso, Mahmood ha ancora diversi giorni per riprendersi, visto che si esibirà direttamente nella Finale dell’Eurovision, in programma sabato 18 maggio, nella quale è prevista anche la presenza di Madonna nelle vesti di super ospite.

Mahmood viene dalla vittoria inaspettata al Festival di Sanremo 2019, al quale ha partecipato con il brano “Soldi”. Sarà proprio questa la canzone da portare sul palco di Eurovision Song Contest, con qualche adattamento studiato per la manifestazione che l’artista aveva già annunciato a qualche giorno dalla conferma della sua partecipazione all’Eurovision Song Contest.

Il suo disco di debutto, quello che contiene “Soldi”, è arrivato in anticipo rispetto alla tabella di marcia e prende il titolo del brano con il quale ha trionfato all’ultima edizione di Sanremo Giovani, Gioventù Bruciata. Dopo la conclusione del Festival di Sanremo, Mahmood ha annunciato un tour nei club che ha avviato il 30 aprile a Livorno e che terminerà nelle prossime settimane.

Da ricordare che stasera va in onda su RAI 4 alle 20.55, Eurovision Song Story pt.3, l’appuntamento di Rai4 che racconta l’Eurovision Song Contest ponendo l’accento sugli aspetti più singolari della kermesse. Ogni episodio, anticipa le semifinali di Tel Aviv della kermesse internazionale, è introdotto da Ema Stokholma, che commenterà le semifinali della manifestazione canora per Rai4 e Radio2. 

Ogni grande occasione ha bisogno del suo outfit. Come ci si presenta all’Eurovision? A questa domanda ha risposto Annie Mazzola, giovane creator e agente di modelle, nell’episodio di Eurovision Story che racconta i look più wow visti sul palco degli eccessi. 

È partito il 6 maggio sera su Rai 4 le pillole legate alla storia dell’Eurovision Song Contest che accompagneranno i telespettatori fino alla settimana clou dell’evento, quella che va dal 14 al 18 maggio. Ema Stokholma sarà chiamata a introdurre questi brevi momenti della durata di circa 7 minuti, che saranno poi illustrati da altri ospiti: al centro della striscia denominata “Eurovision Song Story” scopriremo tutti gli aspetti storici della manifestazione declinati in diverse categorie, dalla musica agli artisti, ma anche la moda e i momenti più pazzi visti sul palco eurovisivo.

L’appuntamento è in access prime time ad orari variabili, indicativamente tra le ore 20,30 e le ore 20,55. Queste le puntate previste:

  • Prima puntata (6 maggio) con Carolina Di Domenico e Pierluigi Ferrantini sul bel canto.
  • Seconda puntata (7 maggio) con Matteo Bordone e Melissa Greta Marchetto sui dissidenti.
  • Terza puntata (8 maggio) con Annie Mazzola sulla moda.
  • Quarta puntata (9 maggio) con Sebastiano Pucciarelli (di TvTalk) sull’aspetto talent della manifestazione.
  • Quinta puntata (10 maggio) con Paola Jacobbi (di Glamour) sulla storia.
  • Sesta puntata (13 maggio) con Filippo Ferrari (di Rolling Stone) sui freak.
  • Settima puntata (14 maggio) con Federico Russo sull’Italia all’Eurovision.
  • Ottava e ultima puntata (15 maggio) con Andrea Delogu e Mahmood sulla preparazione all’evento.

La seconda semifinale in cui vota l’Italia, quella del 16 maggio in onda su Rai 4, sarà accompagnata da un’anteprima di mezz’ora, in maniera del tutto simile a quanto è sempre avvenuto su Rai 1 con la finalissima (e anche quest’anno, sabato 18 maggio alle 20,3.0, l’appuntamento si conferma).

Torna l’appuntamento annuale con l’Eurovision Song Contest: anche quest’anno di nuovo insieme la coppia Flavio Insinna e Federico Russo. L’evento musicale si terrà a Tel Aviv per effetto della vittoria ottenuta nel 2018 a Lisbona dall’artista israeliana Netta Barzilai. È sempre il paese vincitore della precedente edizione a fare gli onori di casa e a lanciare lo slogan, che in questa edizione è “Dare to dream”, in italiano “Osa sognare”. Tra le sei nazioni certe dell’ammissione alla serata finale, ospitata dal Tel Aviv Convention Center, c’è l’Italia, quest’anno forte delle sonorità altamente competitive e internazionali di Mahmood, che dopo il duplice successo di Sanremo Giovani e del Festival di Sanremo è pronto a presentare “Soldi” anche alla platea europea.

Inoltre, il celebre cantautore Ron lo ha infatti paragonato in un’intervista a Leggo al mitico Lucio Dalla, suo carissimo amico.

Ron lo ha definito l’erede artistico del cantautore bolognese: «È un personaggio strano, una persona interessante, fascinosa, quello che ha cantato è scritto bene. Mahmood potrebbe essere simile a un personaggio come Lucio, mi piace molto».

L’artista pavese ha dichiato di aver visto dal primo momento del talento in Mahmood: «Appena l’ho visto uscire sul palco mi ha colpito subito, ho capito che non era tutto italiano e questo mi ha fatto ancora più simpatia. E poi mi piace il suo modo di essere, credo sia una persona molto intelligente. È un artista: non ce ne sono molti che hanno quel fascino, quell’originalità tipica di un artista».

Mentre Ron è pronto a rilasciare “Lucio!!”, il secondo album omaggio all’amico Dalla contente numerosi duetti (tra cui Ornella Vanoni, Fiorella Mannoia, Alice, Paola Turci e Gigi D’Alessio), Mahmood sta cercando di guarire dalla febbre e da una seria infezione alla gola in tempo per l’Eurovision. Non resta che fare un grosso in bocca al lupo ad entrambi