ESC 2021: L’EBU-UER introduce cambiamenti per garantire la sostenibilità dell’Eurovision Song Contest

Modificato il regolamento dell’Eurovision Song Contest per permettere lo svolgimento dell’edizione 2021 e di quelle future, indipendentemente dalle circostanze globali. La grande novità è che saranno concessi i cori preregistrati sulle basi musicali utilizzate dagli artisti.

L’EBU-UER ha annunciato oggi che il regolamento dell’Eurovision Song Contest è stato modificato per garantire che il concorso possa svolgersi nel 2021 e negli anni futuri, indipendentemente dalle circostanze globali.

Martin Österdahl, nuovo supervisore esecutivo dell’Eurovision Song Contest, ha dichiarato: “Le lezioni apprese dalla primavera del 2020 ci indicano che dobbiamo pianificare una crisi globale e abbiamo adattato le regole del Concorso in tal senso. Dobbiamo essere in grado di essere più flessibili e di apportare modifiche anche al format stesso e a come organizzare l’evento in questi tempi difficili. In qualità di organizzatori del più grande evento di musica dal vivo al mondo, siamo determinati e uniti nella nostra missione; riportare un Contest, un nuovo vincitore e un passaggio di consegne a una nuova emittente televisiva. Questi elementi sono nel nostro DNA e parte del nostro retaggio”.

Le regole per l’Eurovision 2021 sono state approvate dal Gruppo di Riferimento, il consiglio direttivo del concorso e distribuite ai membri dell’EBU-UER che desiderano partecipare all’evento del prossimo anno.

Nell’ambito delle misure volte a garantire la sostenibilità dell’Eurovision Song Contest, il Gruppo di Riferimento ha deciso di provare per un anno ad eliminare il divieto di usare voci preregistrate sulle basi musicali dei brani in concorso.

L’idea alla base del cambiamento è offrire alle emittenti partecipanti la possibilità di esplorare nuove idee creative, viaggiare con una delegazione più piccola per il 2021 e ridurre gli oneri tecnici sull’emittente ospitante.

Inoltre, consente ai cantautori e ai produttori di presentare il loro lavoro il più simile possibile alla loro composizione originale e, soprattutto, assicura che il Contest si muova con i tempi.

Continua Österdahl: “Nel 2013 e nel 2016, quando ero produttore esecutivo del Contest presso la SVT in Svezia, abbiamo implementato modifiche al modo in cui viene scelto l’ordine di esibizione delle canzoni e in seguito al modo in cui viene presentata la votazione. Entrambi questi adattamenti a uno dei formati di intrattenimento più antichi della TV hanno contribuito a creare uno spettacolo più emozionante per gli spettatori”.

L’uso di cori preregistrati sarà del tutto facoltativo. Ogni delegazione potrà scegliere di usare coristi, sia sul palco che fuori dal palco. È consentita anche una combinazione di voci dal vivo e registrate.

Tutte le voci principali che eseguono la melodia della canzone, compreso un eventuale uso di un cosiddetto Lead Dub (doppiatura della voce principale), dovranno essere ancora dal vivo sul palco o fuori ma sempre in arena.

Con le date per l’Eurovision 2021 annunciate questa settimana, il team organizzativo di NPO, NOS e AVROTROS nei Paesi Bassi sta lavorando duramente con l’Unione Europea di Radiodiffusione per pianificare tutte le eventualità per l’anno prossimo.

Ha sottolineato il nuovo Supervisore Esecutivo: “Quando si modifica la regola, mantenere l’autenticità e l’equità è sempre stata una priorità. Dobbiamo adattarci, anche se, come è preferibile, siamo in grado di tornare con un piano A; un Contest come lo conosciamo e lo adoriamo, in un’arena piena di fan e delegazioni. La mia missione è quella di entrare nei panni di Jon Ola Sand nel garantire che l’Eurovision Song Contest rimanga agile ma fedele alle sue tradizioni, ai suoi valori e alla sua storia. Riorganizzare il Contest nel 2021, significa riproporlo per sempre.”

Vengono forniti ulteriori chiarimenti.

Come garantire che si svolgerà un concorso l’anno prossimo? Abbiamo aggiornato le regole dell’Eurovision Song Contest in modo che, qualora fosse necessario, siamo in grado di apportare modifiche al format degli spettacoli e all’organizzazione dell’evento che consentirebbero al Contest di svolgersi ancora nonostante le restrizioni a noi imposte da uno scenario ora sconosciuto. Le vecchie regole non lo consentivano.

Che tipo di modifiche sono previste? Attualmente è troppo presto per speculare su diversi scenari che potremmo affrontare e su eventuali modifiche che potrebbero essere necessarie, l’anno prossimo o in futuro. È ovviamente nostra preferenza poter tornare con un Contest come lo conosciamo e lo adoriamo, in un’arena piena di fan e delegazioni.

Chi ha preso la decisione? La decisione è stata approvata dal Gruppo di Riferimento dell’ESC, il consiglio di amministrazione del concorso, ed è stata approvata dal comitato televisivo dell’EBU. Entrambi gli organi sono composti da rappresentanti delle emittenti aderenti all’EBU.

Perchè è stato deciso di apportare la modifica? Riteniamo che consentire la preregistrazione dei cori di accompagnamento aumenti il ​​potenziale creativo e la diversità delle esibizioni e faciliti la modernizzazione dell’Eurovision Song Contest. Permette anche a cantautori e produttori di presentare il loro lavoro il più simile possibile alla loro composizione originale. La modifica offre inoltre la flessibilità alle emittenti partecipanti di ridurre al minimo le dimensioni delle loro delegazioni, risparmiando in tal modo i costi. Consentire la registrazione di cori contribuisce anche a ridurre l’onere tecnico e i costi anche per l’emittente ospitante. Tutto ciò contribuisce alla sostenibilità del Contest nella nostra nuova realtà.

Una delegazione potrà ancora cantanti dal vivo? Sì. L’uso dei cori di supporto registrati è del tutto facoltativo. Ogni delegazione può scegliere se usare coristi di supporto, sia sul palco che fuori dal palco. È consentita anche una combinazione di voci dal vivo e registrate. In caso di misure di emergenza che limitano il numero di partecipanti che viaggiano e/o si esibiscono sul palco, potrebbe essere necessario modificare le basi musicali per includere tutte le voci di accompagnamento richieste.

Esistono requisiti per il contenuto della base musicale? La base musicale non può contenere le voci principali o che doppino la voce principale e/o qualsiasi altra voce che abbia l’effetto o che possa sostituire o sostenere indebitamente le voci principali durante la performance dal vivo sul palco.

È possibile eseguire una canzone con cori di accompagnamento dal vivo e registrati? Sì. Una canzone può essere eseguita con una combinazione di cori dal vivo e registrati, se si preferisce. L’eventuale combinazione di voci di accompagnamento sulla base e sul palco deve essere mixata dai tecnici del suono durante l’evento.

Ci sarà un limite al numero di cantanti che possono essere registrati su una base musicale? No. Nell’interesse della creatività, e in linea con le moderne tecniche di produzione, non vi è alcun limite al numero di cantanti che possono essere registrati, o al numero di voci che possono essere replicate, su una base musicale. Questa libertà è garantita a tutte le delegazioni.

La modifica della regola è permanente? No, il Gruppo di Riferimento dell’ESC ha accettato di testare la modifica della regola per un anno. Come per tutte le regole dell’Eurovision Song Contest, sarà rivista dopo l’evento del prossimo anno.