JESC 2020: Ecco “Palante” di Soleá per la Spagna a Varsavia

L’emittente pubblica spagnola TVE ha presentato ufficialmente qualche minuto fa il brano “Palante” con cui Soleá rappresenterà la Spagna con il brano “Palante” nella 18ª edizione dello Junior Eurovision Song Contest, che si terrà per la seconda volta in Polonia nella città di Varsavia, presso uno studio televisivo il prossimo 29 novembre 2020, a seguito delle modifiche annunciate al format dello Junior Eurovision Song Contest 2020 dovute alla pandemia di COVID-19.

La canzone è stata descritta come un tema urban pop, molto attuale nella scena musicale spagnola, che stato impregnato della personalità dell’artista. Il video musicale del brano è stato registrato il 2 ottobre nella Plaza de España, nella Torre del Oro e nel Parque de María Luisa di Sevilla, mentre il coro, coreografato e accompagnato da giovani ballerini, è stato registrato a Madrid. 

Il brano presenta varie influenze musicali e lancia un messaggio incoraggiante al mondo di fronte alla crisi globale causata dalla pandemia COVID-19. Con il suo ritmo accattivante e il suo messaggio positivo, Soleá fa appello alla responsabilità collettiva e incoraggia i giovani a guardare sempre avanti e sottolineare l’importanza dell’unione sociale. È un messaggio che integra lo slogan della XVIII edizione del concorso europeo, #MoveTheWorld / #RuszŚwiatem (#Mueve el mundo, in spagnolo) e fai uno sforzo in tempi difficili.

La canzone che la giovane interpreterà sarà interamente in spagnolo, ha un messaggio positivo ed è descritta da lei come una canzone allegra. È stata scritta e prodotta da César G. Ross, Hajar Sbihi (ASHA) y Bruno Valderde. Sono tutti cantautori e produttori affermati che hanno lavorato con alcuni dei più grandi nomi della musica latina. Tra gli artisti con cui hanno lavorato ci sono Ricky Martín, Pastora Soler (ESC 2012), Álvaro Soler ed Álex Ubago.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il Team di Soleá è composto da: Le professoresse del Talen Show OT 2020, Vicky Gómez è l’incaricata della coreografía della esibizione della cantante e del video clip, mentre Natalia Calderón, che l’anno scorso ha lavorato con Melani nello Junior Eurovision 2019, sará la vocal coach.

Vicky Gómez balla da quando aveva 4 anni e da allora non ha smesso di allenarsi in questa disciplina. Vincitrice del Talent Show ‘Fama, ¡a bailar!’, Nel 2008, ha studiato danza al Conservatorio Profesional de Danza Clásica de Madrid e l’ha combinata con la formazione in altre discipline come jazz funk, hip hop, contemporanea, danza lounge e flamenco. Ha inoltre studiato in scuole specializzate a New York, Los Ángeles e Londra. Come ballerina, ha lavorato a videoclip con artisti come Pastora Soler, Ruth Lorenzo e Juan Magán; e in teatro ha coreografato il musical “Flashdance”. È stata la coreografa del Play Tour di Aitana e dei videoclip e delle presentazioni di Natalia Lacunza e África Adalia.

Natalia Calderón si ripete come vocal coach della delegazione spagnola nello Junior Eurovision. L’insegnante di Voce e Movimento nell’ultima edizione di OT, è una cantante, attrice, compositrice, insegnante di canto e produttrice teatrale professionista. Ha una formazione approfondita con vari gradi presso l’Università di Alcalá de Henares: Esperta in Patologia vocale; Specializzazione in riabilitazione e miglioramento della voce parlata e cantata professionale, Master in Patologia della voce e Voce professionale; Ha una laurea in Pubblicità e pubbliche relazioni presso l’UCM. Ha anche conseguito una laurea in canto jazz presso il Conservatorio Superior de Música Musikene. È professoressa presso il Centro Universitario de Artes TAI di Madrid e come attrice, cantante e compositrice ha partecipato a vari musical.

Inoltre, per l’esibizione di Soleá ci saranno 4 ballerini tra gli 11 ei 13 anni, che accompagneranno alla giovane cantante sul palco e renderanno la sua esibizione più solida e visiva. I quattro ballerini sono stati scelti tramite un casting online a causa delle misure di sicurezza e delle limitazioni alla mobilità causate dalla pandemia di coronavirus e sono: : Lucía (Madrid, 12 anni) da quando aveva 3 anni li piace ballare. Attualmente frequenta la scuola di danza DNG. All’età di 7 anni è entrato nel gruppo Pin Dup – Campeones a Oporto nella finale Europea di Rock da House nella categoria bambini -; E, da quest’anno, gareggia anche con Little Tokio e in coppia in Little Angels; Tania (Madrid, 11 anni) anche la giovane Tania sogna di ballare da quando aveva tre anni, quando ha iniziato a praticare danza nei doposcuola a scuola. Ora balla alla scuola di hip hop Grow Up e appartiene al gruppo Osom Hype; Carlos (Madrid, 13 anni) ha iniziato a ballare all’età di sette anni presso l’Estudio de Danza Slave Funk Center di Mejorada del Campo, ddove vive, dove riceve lezioni dalla ballerina e coreografa Carol Rodríguez; e Iván (Valencia, 13 anni) balla da quando aveva 6 anni. Iniziò a seguire le orme della sorella maggiore e iniziò a prendere lezioni a ‘Ballem o que’. Da due anni riceve una formazione presso l’Escuela de Danza Esther López di Gandía e gareggia nella sua modalità.

Soleá Fernández Moreno è stata selezionata internamente dall’emittente pubblica spagnola seguendo lo stesso metodo di selezione che ha visto Melani García rappresentare la Spagna allo Junior Eurovision Song Contest 2019 in Gliwice-Silesia. 

La giovani artista di 9 anni è nata a Siviglia il 19 giugno 2011, nel seno di una straordinaria famiglia di ballerini e artisti di flamenco più importanti del paese: los Farruco (i Farruco). Figlia di Farru, nipote di Farruquito, nipote di Farruca e pronipote di Farruco, si può dire che l’arte e il flamenco le scorrono nelle vene e fin da giovanissima ha mostrato facoltà di canto, danza e interpretazione. Soleá è un’artista autodidatta e, nonostante la sua giovane età, ha mostrato il suo talento su alcuni dei palcoscenici più importanti della Spagna.

Nel 2014, a soli tre anni, ha debuttato come cantante a La Maestranza de Sevilla, durante uno spettacolo della sua famiglia ‘Farruquito y familia’. Nel 2015 è stata la protagonista dello spettacolo natalizio ‘Navidad en familia’ dove ha debuttato come attrice e ballerina al Teatro Quintero di Sevilla.

Nel 2016 ha recitato in un altro spettacolo natalizio creato da suo padre, che lo ha portato in tournée in alcuni dei migliori teatri del paese, come il Teatro Apolo (Barcelona) e il Teatro Rialto (Madrid). Nello stesso anno fa la sua prima apparizione in tv grazie al programma di Canal Sur ‘Menuda noche’.

Nel 2019, è stata una degli ospiti speciali del concerto di Ketama al Cartuja Center di Sevilla. Durante il Natale di quell’anno, la ragazza ha preso parte a La zambombá flamenca, con la quale ha girato la Spagna e condiviso il palco con artisti come Pitingo, Tomatito e Rosario Flores. All’inizio del 2020, ha partecipato all’ultimo album della cantante Lya Manuela.

Inoltre, la giovane cantante ha mosso i suoi primi passi come modella sfilando sulla passerella SIMOF per i designer Vicky Martín Berrocal e Rocío Peralta.

La registrazione dell’esibizione di Soleá avrà luogo il 19 e il 20 ottobre presso gli studios TV di Prado del Rey. Il 19, il palco sarà costruito e collaudato e l’interprete proverà la sera. Il giorno successivo, ci sarà una regolazione delle luci, le prove e la registrazione stessa, che durerà tre ore.

Dobbiamo ricordare che tutte le esibizioni dello Junior Eurovision Song Contest 2020 saranno preregistrate, mentre i presentatori dello show e le esibizioni dell’intervallo saranno trasmessi in diretta.

Lo spettacolo, ospitato per il secondo anno consecutivo dall’emittente polacca TVP, assumerà una forma diversa quest’anno a causa della pandemia COVID-19: il 18° Junior Eurovision Song Contest sarà condotto in diretta da Varsavia in uno studio televisivo, nel rispetto delle misure di distanziamento sociale. Per tutelare la salute di tutti gli artisti e garantire che la competizione possa ancora svolgersi in modo equo e sicuro, tutte le canzoni in concorso saranno eseguite, invece, in uno studio in ogni paese partecipante.

Per garantire la continuità e l’equità della competizione, i membri EBU nei 13 paesi partecipanti hanno accettato di utilizzare una disposizione di palco e una configurazione tecnica simili per le prestazioni dei loro artisti.

Quest’anno, i partecipanti (Armenia, Bielorussia, Francia, Georgia, Kazakistan (Karakat Bashanova – “Forever“), Malta (Chanel Monseigneur – “Chasing sunsets“), Paesi Bassi (UNITY – “Best friends“), Russia (Sofia Feskova – “My new day (Moy novy den)” (Мой новый день)), Serbia (Petar Aničić – “Heartbeat”), Spagna (Soleá – “Palante“), Ucraina (Oleksandr Balabanov – “Vidkrivay (Open)” (Відкривай)), Polonia (Alicja Tracz – “I’ll be standing“) e Germania (Susan – “Stronger with you“)) non saranno in grado di interagire di persona, ma l’EBU-UER e le emittenti partecipanti si assicureranno che rimangano connessi in qualche modo condividendo le loro esperienze ed esibendosi insieme. Inoltre, i fan potranno interagire con loro online.

Anche il concorso ha cambiato orario poiché verrà trasmesso un’ora dopo, alle 17.00 CET. 

La Spagna ha partecipato 5 volte sin dal suo debutto nel 2003. Arriva al secondo posto nel 2003 mentre nel 2004 vince il suo primo concorso grazie a María Isabel e alla sua canzone “Antes muerta que sencilla”, brano che poi diventerà un singolo del suo album di debutto ¡No me toques las palmas que me conozco!.

Giungono al secondo posto di nuovo l’anno successivo. Nel 2006 arrivano al quarto posto e si ritirano nel 2007 prima di prendersi una lunga pausa dal 2007-2018, in quanto, secondo l’allora direttore dell’emittente iberica, “promuove stereotipi che non condividiamo”, 

Nel 2019, dopo 12 anni di assenza, l’emittente spagnola annuncia il ritorno alla competizione, conquistando un terzo posto con “Marte” di Melani García.

La Spagna detiene un record impressionante nella competizione finendo tra i primi 5 in tutte le sue partecipazioni.

Spagna allo Junior Eurovision Song Contest:

  • 2003: Sergio (Sergio Jesús García Gil) – “Desde el cielo”, 2° – 125 punti
  • 2004: María Isabel (María Isabel López Rodríguez) – “Antes muerta que sencilla” (I’d rather be dead than understated), 1° – 171 punti
  • 2005: Antonio José (Antonio José Sánchez) – “Te traigo flores”, 2° – 146 punti
  • 2006: Dani Fernández (Daniel Fernández Delgado) – “Te doy mi voz, 4° – 90 punti
  • 2019: Mélani García (Mélani García Gaspar) – “Marte”, 3° – 212 punti
  • 2020: Soleá Fernández – “Palante”