Italia: Vincenzo Cantiello concorrente di All Together Now

Nella prima puntata della quarta edizione di ‘All Together Now’ edizione 2021 di stasera, 31 ottobre 2021,  in onda su Canale5, abbiamo potuto vedere anche Vincenzo Cantiello 21 anni, originario di Napoli. Vincenzo vive a Sant’Arpino – CE, ha raccontato di essere stato vittima di bullismo ma grazie alla musica è diventato più forte, e sceglie di esibirsi sulle note del brano “Un milione di cose da dirti” di Ermal Meta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La sua esibizione è stata valutata dai quattro giurati di questa edizione – J-Ax, Rita Pavone, Francesco Renga e Anna Tatangelo – e dal Muro Umano, composto da 100 personaggi tra cantanti, esperti del mondo della musica e volti noti dello spettacolo. Il Muro dei cento esperti da un voto di 98 punti che arriva a 100 grazie alla giuria dello show condotto da Michelle Hunziker. Francesco Renga toglie 2 punti mentre Anna Tatangelo dona 4 punti. Rita Pavone e J Ax confermano il voto. 

Cantiello, non è poi riuscito a farsi strada nel panorama musicale mainstream e ora ci riprova, che non ha nemmeno menzionato la sua vittoria nel 2014 allo Junior Eurovision Song Contest al debutto dell’Italia, come se fosse stata una cosa da niente e facendosi passare per un esordiente.

Al vincitore di questa edizione il premio finale di 100mila euro e la possibilità di realizzare una cover con la radio partner R101. Uno dei 14 concorrenti, inoltre, si aggiudicherà 15mila euro, valore del premio messo in palio da WINDTRE, sponsor del programma.

Vincenzo Cantiello ha 21 anni, è nato a Napoli il 25 agosto 2000. Suo padre, Raffaele Cantiello, e sua madre, Marianna Russo, l’hanno sempre appoggiato nella sua carriera musicale sin da quando era piccolissimo: pensate che Vincenzo ha i primi passi nella musica cantando nel coro della sua Chiesa. Vincenzo ha una sorella di nome Debora. Nel 2014, a quattordici anni non ancora compiuti, Vincenzo Cantiello ha partecipato a ‘Ti lascio una canzone’, show condotto da Antonella Clerici. Durante la sua permanenza nel programma, Vincenzo ha avuto modo di interpretato alcuni dei brani più belli della musica italiana, come ad esempio “E poi di Giorgia”.

Nello stesso anno, il giovane Vincenzo, allora quattordicenne, è stato scelto per rappresentare l’Italia al debutto allo Junior Eurovision Song Contest 2014, svoltosi a Malta. Cantiello ha vinto la dodicesima edizione del concorso con “Tu primo grande amore” e così, l’anno successivo, ha avuto il compito di annunciare i voti italiani e ha consegnato il premio al vincitore.

Nel 2015 è ospite sul palco dell’Eurovision di Vienna e nel 2016 incide con la One Universe l’album “Never too much”.

Negli anni successivi accede alla finale di Area Sanremo 2017 e incide alcune cover di successi italiani e internazionali.

Nel 2018 partecipa al Tour Music Fest e nel 2019 pubblica l’inedito “Cosa diventerai”.

Nel 2020 pubblica una bellissima cover di “Fai rumore”, la canzone italiana che avrebbe dovuto partecipare al cancellato Eurovision Song Contest 2020.

Dal 2013 ad oggi, Vincenzo Cantiello ha pubblicato un album e vari singoli.

Ecco i titoli:

  • Album: 2016 – Never Too Much
  • Singoli: 2013 – Glitter & Gold, 2014 – Tu primo grande amore, 2015 – All of me, 2015 – Take Me to Church, 2016 – Summer Thrills. 

Su TikTok, Vincenzo è una vera star! Oggi conta oltre 92mila follower. 

Oggi, comunque, Vincenzo Cantiello, oltre ad essere un giovane cantante di talento, è anche uno studente universitario: studia Architettura, Grafica e Comunicazione.  Attualmente è al lavoro per la pubblicazione del suo primo album di inediti che potrebbe vedere la luce proprio grazie alla partecipazione allo show televisivo.

Il giovane ha rilasciato un’interessante intervista alla collega Anna Borriello per la testata XXI Secolo: “Ho sempre seguito All Together Now. Ho cantato una canzone che mi rispecchia molto, anche perché amo Ermal Meta. È stato molto emozionante. È stata un’esibizione del tutto nuova per me perché la Mediaset è un territorio inesplorato. Sono un Vincenzo nuovo, non più bambino, con una consapevolezza da ventenne. Il pubblico ha apprezzato che siano arrivate le mie emozioni. Il mio intento in questo programma sarà mettere in luce i colori della mia voce e non solo. Ho tanto da raccontare. Canterò e vorrò cantare con questa intenzione.”

Vincenzo durante l’intervista ha ricordato l’esperienza sul palco del Malta Shipbuilding di Marsa, nell’Isola a sud del Mediterraneo.

“Dopo aver rispolverato l’inedito che, inizialmente, era cantato da una voce-guida lirica e dopo alcuni consigli per personalizzarlo, ha cominciato a prendere forma anche secondo la mia vocalità. Quando lo abbiamo registrato ricordo che avevo la febbre, ero davvero molto raffreddato. Rimanemmo in studio otto ore aggiungendo sempre nuove idee, come quella di aggiungere una frase in inglese. Il pezzo è l’apoteosi della ballad italiana. Per descrivere l’Italia non c’è canzone migliore. Questo è il messaggio che volevamo trasmettere e ci siamo riusciti. Abbiamo vinto.

Quando siamo arrivati a Malta eravamo molto preoccupati perché l’Italia partecipava al junior per la prima volta. C’era solo un delegato italiano che mi seguiva. Non avevamo coreografia, scenografia. Non avevamo nulla, abbiamo puntato tutto su di me e sulla mia vocalità. Sul palco ero molto divertito, il pubblico era molto caldo. Quando ricevi questo calore dal pubblico ti riscaldi anche tu. Quando ho visto salire il numero dei punti sono diventato bianco. Non mi aspettavo assolutamente di vincere. è stata un’emozione indescrivibile. L’esperienza più bella della mia vita.”