ESC 2022: Due gli scenari possibili per l’Eurovision Song Contest 2022

Nei giorni scorsi, a margine dello Junior Eurovision Song Contest 2021 di Parigi, il Supervisore Esecutivo del concorso musicale europeo, Martin Österdahl ha rilasciato a OGAE Sweden alcune dichiarazioni sull’organizzazione di Torino 2022 e sui possibili scenari della kermesse.

Rispetto alla possibilità di mantenere i quattro scenari studiati per Rotterdam 2021, anche per l’edizione 2022, ha affermato: “Abbiamo più o meno la stessa mentalità di essere ancora nel bel mezzo della pandemia. Dobbiamo prepararci allo stesso modo per l’Eurovision in primavera a Torino. Speriamo di non dover continuare a lavorare con quattro scenari diversi per Torino, come abbiamo fatto per lungo tempo a Rotterdam. Forse due è lo sviluppo realistico per Torino. Speriamo che con l’aumento delle temperature, la pandemia sarà meno complicata.”

Parole che mettono in evidenza il realismo dell’executive producer della kermesse.

Per quanto riguarda la conferma delle esibizioni “live-on-tape”, Österdahl dichiara: “Abbiamo visto come la nuova variante abbia influito sulle istruzioni di viaggio e abbia portato all’applicazione di nuove restrizioni. Non possiamo correre il rischio che ciò accada di nuovo. È una produzione enorme. Ci sono 41 paesi che parteciperanno all’Eurovision Song Contest in primavera. È un investimento enorme da parte della RAI, gli organizzatori del concorso. Dobbiamo assicurarci che ci sia una competizione e il live-on-tape è l’ultima garanzia che avremo una competizione.”

Nel frattempo, oggi sul sito www.comune.torino.it/bandi è stato pubblicato l’avviso per la ricerca di sponsorizzazioni per la fornitura di beni e/o servizi per la realizzazione dell’edizione italiana dell’Eurovision Song Contest 2022, per la settimana eurovisiva che va dall’8 al 15 maggio.

La manifestazione di interesse non ha natura vincolante per l’amministrazione ed è destinata “a verificare la disponibilità da parte di Enti pubblici e privati, imprese e altri soggetti a offrirsi come fornitori tecnici a supporto della Città”.

Tre le fasce di sponsorizzazione previste dal bando, fino a 50 mila euro, da 50 mila a 100 mila e superiore a 100 mila euro, che si rivolge a numerosi settori merceologici, dalla progettazione alla fornitura di piante e di dotazioni tecnologiche, dai service audio/video/luci alle proposte e progetti culturali e di creatività.

Le offerte dovranno essere inviate entro le ore 12 del 19 gennaio e saranno valutate da una Commissione appositamente costituita “sulla base della loro coerenza con l’interesse pubblico perseguito dalla Città di Torino e sottoposte all’approvazione di EBU/RAI”.

L’Eurovision Song Contest 2022 si svolgerà il 10, 12 e 14 maggio prossimi presso il PalaOlimpico di Torino.