ESC 2022 – Italia: Risultato della terza serata di Sanremo 2022

Si è appena conclusa la terza serata dell’edizione numero 72 del Festival di Sanremo, che ha visto esibirsi in 25 in gara quest’anno al Teatro Ariston ed è stata rivelata la seconda Classifica parziale.

Nel corso della serata si sono esibiti tutti e 25 i cantanti in gara: sono stati  votati dalla giuria demoscopica, denominata per l’occasione Demoscopica 1000 (50%), e dal pubblico a casa tramite televoto (50%). Al termine delle votazioni verrà stilata una classifica provvisoria dei 25 artisti in gara durante la terza serata, che andrà poi a sommarsi a quella provvisoria delle prime due serate precedenti daranno vita a una nuova classifica congiunta provvisoria per i 25 Big.

È ovviamente un verdetto molto parziale che può essere ribaltato o comunque mutato con il voto della Giuria Demoscopica denominata Demoscopica 1000; della Giuria della Sala Stampa, Tv, Radio e Web; e del pubblico tramite il sistema di Televoto da telefonia fissa e da telefonia mobile. Quindi ancora tutto da decidere tra i Campioni.

Dalla terza serata (e per le successive due) del Festival di Sanremo iniziano a votare la Giuria demoscopica 1000 e il pubblico da casa tramite il televoto. I telespettatori potranno esprimere il proprio voto tra gli Artisti in gara inviando il codice a 2 cifre – abbinato a ciascun artista e comunicato nel corso della trasmissione – tramite SMS o digitando il medesimo codice a 2 cifre sulla tastiera nel caso di chiamata da Fisso. Numeri di telefono: 894.001 Da fisso. 475.475.1 Da mobile. 

Il regolamento completo e ufficiale del televoto di Sanremo 2022: Il Televoto mediante chiamata telefonica può essere effettuato unicamente dalle utenze fisse site in Italia di Tim, Wind Tre, A2A Smart City, Convergenze, Tiscali, Uno Communications, Brennercom, Irideos e Sky Wifi, mentre non ne è possibile l’effettuazione da telefoni pubblici, da telefoni cellulari, oppure da utenze fisse site all’estero.

Esso si effettua mediante digitazione del numero telefonico 894.001 (otto, nove, quattro, zero, zero, uno), seguendo le istruzioni che vengono date con apposito messaggio telefonico preregistrato (digitare il codice a due cifre di identificazione della canzone-artista scelta).

Per ciascuna chiamata da utenza fissa (indipendentemente dalla distanza, dall’orario e dalla durata della chiamata) con la quale effettivamente si esprima un voto valido, all’utente verrà addebitato l’importo di Euro 0,51 IVA inclusa.

Nessun costo potrà essere addebitato nel caso in cui l’utente effettui un numero eccessivo di chiamate oppure digiti un codice di identificazione della canzone-artista non corretto o fuori tempo massimo, in questi casi l’utente ascolterà un messaggio gratuito di errore e nessun voto sarà di conseguenza conteggiato.

Il Televoto mediante SMS può essere effettuato unicamente da utenze mobili degli operatori telefonici TIM, Vodafone, Wind Tre (con sim/utenze a marchio “3”, “Wind” e “WIND TRE”), Poste Mobile, Coop Italia (con sim/utenze a marchio “CoopVoce”), iliad e ho.mobile inviando un SMS al numero 475.475.1 (quattro, sette, cinque, quattro, sette, cinque, uno) con il codice a due cifre di identificazione della canzone-artista scelto (o alternativamente utilizzando i seguenti “alias”: a titolo esemplificativo per la canzone-artista indicata con “01” anche: 1, uno, codice 1, codice1, codice 01, codice01; oppure per la canzone-artista indicata con “20” anche: venti, codice 20, codice20).

Per ciascun SMS ricevuto a conferma di voto valido, all’utente verrà addebitato dal proprio operatore (sul conto telefonico in caso di abbonamento o scalato dal credito in caso di ricaricabile) l’importo di Euro 0,50 IVA inclusa per SMS inviati da utenze Tim, Poste Mobile, CoopVoce e iliad e di Euro 0,51 IVA inclusa per SMS inviati da utenze Vodafone, ho.mobile e Wind Tre.

Gli SMS di invio saranno gratuiti per tutti i clienti degli operatori che hanno aderito al servizio. Nessun costo potrà essere addebitato nel caso in cui l’utente invii un numero eccessivo di SMS di voto oppure una sintassi di voto non corretta o fuori tempo massimo, in questi casi l’utente riceverà un messaggio gratuito di errore e nessun voto sarà conteggiato.

L’utente paga soltanto i voti validi. Il Servizio di Televoto è riservato ai maggiorenni. Le numerazioni 894.001 e 475.475.1 di titolarità di TIM S.p.A. sono disabilitabili chiamando il proprio operatore telefonico.

Il numero massimo di voti validi effettuabili da ciascuna utenza telefonica è pari a 5 (cinque) voti per ciascuna sessione di voto prevista nella 3^, nella 4^ e nella 5^ SERATA.

Dopo le esibizioni di oggi, la classifica generale vede un podio provvisorio con Mahmood & Blanco in testa, Elisa al secondo posto e Gianni Morandi al terzo. Questa la classifica generale delle 25 canzoni in gara: Mahmood e Blanco – “Brividi”, Elisa – “O forse sei tu”, Elisa e Gianni Morandi – “Apri tutte le porte”, Irama – “Ovunque sarai”, Sangiovanni – “Farfalle”, Emma – “Ogni volta è così”, Massimo Ranieri – “Lettera di là dal mare”, Fabrizio Moro – “Sei tu”, La Rappresentante di Lista – “Ciao ciao”, Dargen D’Amico – “Dove si balla”, Michele Bravi – “Inverno dei fiori”, Ditonellapiaga con Rettore – “Chimica”, Aka 7even – “Perfetta così”, Achille Lauro – “Domenica”, Noemi – “Ti amo non lo so dire”, Rkomi – “Insuperabile”, Matteo Romano – “Virale”, Iva Zanicchi – “Voglio amarti”, Giovanni Truppi – “Tuo padre, mia madre, Lucia”, Highsnob e Hu – “Abbi cura di te”, Giusy Ferreri – “Miele”, Le Vibrazioni – “Tantissimo”, Yuman – “Ora e qui”, Ana Mena – “Duecentomila ore”, Tananai.

La 72esima edizione del Festival di Sanremo sarà trasmessa in diretta su su Rai1 dal Teatro Ariston, dal 1 al 5 febbraio 2022. Il direttore artistico è Amadeus. I conduttori sono Amadedus affiancato nella terza serata di Sanremo, c’è Drusilla Foer. Ironica nobildonna toscana, star del web e della tv, Drusilla nasce come alter ego di Gianluca Gori, versatile 54enne attore fiorentino. Quest’anno la competizione vede concorrere nella categoria Big 25 artisti o gruppi di chiara fama, dopo l’ammissione dei primi tre classificati di Sanremo Giovani nella rosa dei ‘Big’, mentre la categoria Nuove Proposte in questa edizione è stata abolita. Durante la prima serata sono stati eseguite 12 delle 25 dei Big in gara, nella seconda ascolteremo altre 13 canzoni in gara dei Big, nella terza serata sentiremo tutte le 25 canzoni in gara dei Big. La quarta serata ascolteremo tutti i 25 i Big in gara esibirsi con con un pezzo da loro scelto, sia italiano che internazionale, pubblicato tra gli anni sessanta, settanta, ottanta e novanta. La serata della finale riascolteremo le 25 canzoni in competizione dei Big e i primi tre della classifica si scontreranno ancora prima di conoscere il vincitore di questa edizione. Al termine della serata verrà proclamata la canzone/artista Vincitrice del Festival di Sanremo 2022.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ecco il riassunto e le emozioni della terza serata del Festival: Dopo tanta attesa finalmente si è alzato il sipario sull’edizione 2022 del Festival di Sanremo. La strada che dal Festival di Sanremo porta a Torino comincia oggi, martedì 1 febbraio 2022, al Teatro Ariston. 25 artisti, da questa sera fino a sabato, si daranno battaglia per vincere la 72ª edizione del Festival della Canzone Italiana e per avere il diritto di rappresentare l’Italia alla 66ª edizione dell’Eurovision Song Contest 2022 che si terrà il 10, 12 e 14 maggio 2022 presso il PalaOlimpico di Torino, in Italia. Chi conquisterà il biglietto per Torino succederà a Måneskin, in gara lo scorso anno con “Zitti e buoni”, con cui ha raggiunto il 1° posto a Sanremo e il 1º posto a Rotterdam, e porta la manifestazione musicale europea in Italia, sarà la terza edizione della manifestazione a svolgersi in Italia, dopo le edizioni del 1965 e del 1991. Chi sventolerà il tricolore azzurro, dunque, quest’anno? Da stasera lo si comincia a scoprire.

Dopo il grande successo di ascolti della prima e seconda serata, il 72° Festival della Canzone Italiana prosegue questa sera con una scaletta fitta di ospiti prestigiosi e con tredici Artisti in gara. Il terzo dei cinque appuntamenti della 72esima edizione della manifestazione ha visto esibirsi tutti i 25 artisti in gara, dopo che tutti si sono esibiti nella prima e seconda serata, questa volta votati dalla giuria demoscopica (gestita da Noto Sondaggi) e dal televoto. Nell’ordine, Giusy Ferreri, Highsnob & Hu, Fabrizio Moro, Aka 7even, Massimo Ranieri, Dargen D’Amico, Irama, Ditonellapiaga e Rettore, Michele Bravi e Rkomi. Continuano Mahmood & Blanco, Gianni Morandi, Tananai, Elisa, La Rappresentante di Lista, Iva Zanicchi e Achille Lauro. Chiudono Matteo Romano, Ana Mena, sangiovanni, Emma, Yuman, Le Vibrazioni, Giovanni Truppi, Noemi. Sul palco, tra gli ospiti di questa sera, Elisa Balsamo (dalla platea); il Superospite musicale Cesare Cremonini – Nessuno vuole essere Robin, Marmellata #25, Logico #1, La nuova stella di Broadway, Poetica, La ragazza del futuro e 50 Special; Roberto Saviano con un omaggio in ricordo dei 30 anni della strage di Capaci; Anna Valle – presentazione della fiction Lea, un nuovo giorno; Orietta Berti e Fabio Rovazzi (in collegamento dalla Costa Toscana) per presentare Gaia – “Cuore amaro” (in collegamento dalla Costa Toscana),  in sostituzione dei Coma Cose, positivi al Covid; e Martina Pigliapoco carabiniera che ha salvato una donna dal suicidio.

Nel corso della terza serata sentiremo tutte e 25 le canzoni in gara e finalmente verrà il turno del televoto. I brani saranno infatti giudicati equamente dal pubblico a casa tramite televoto (50%) e da una nuovissima Giuria demoscopica composta da ben mille consumatori abituali di musica, denominata per l’occasione Demoscopica 1000 (50%). I voti saranno sommati a quelli delle prime due serate, formando una classifica provvisoria.

Il Festival parte con un sentito omaggio a Sergio Mattarella, rieletto proprio oggi presidente della Repubblica. Oltre agli auguri, Amadeus gli dedica “Grande, grande, grande” di Mina, eseguito dall’orchestra di Sanremo diretta dal maestro Leonardo DeAmicis, “perché – spiega Amadeus – Mattarella ha assistito all’ultimo concerto live della cantante.

La gara ha un ritmo serrato ed entra subito nel vivo con le esibizioni dei 25 Artisti in gara e gli ospiti della terza serata. Si comincia con Giusy Ferreri. A fine serata, la media dei voti ottenuti da ciascun artista nelle prime tre serate, determinerà una nuova classifica generale.

1.Giusy Ferreri – “Miele” (Davide Petrella – Federica Abbate, Alessandro Merli (Takagi) e Fabio Clemente (Ketra)). Nella classifica generale definita con il voto della sala stampa raccolto dopo le prime due serate del Festival, Giusy Ferreri è diciannovesima con la sua canzone “Miele”, ma non si dà certo per vinta. Tailleur nero per lei con pantaloni svasati e sexy aperture sulla giacca.

2.Highsnob e Hu – “Abbi cura di te” (Michele Matera (Highsnob) e Federica Ferracuti (Hu) – Michele Matera (Highsnob) e Federica Ferracuti (Hu), Andrea Moroni, Fazio De Marco).Tornano sul palco partendo dal diciottesimo posto in classifica. La loro “Abbi cura di te” ha un testo per niente scontato e viene eseguita con maniacale precisione vocale, il tutto condito da una bella presenza scenica, grande intimità tra i due cantanti e una base che mescola pop e rap, a sua volta con contaminazioni urban. Una rivelazione di questo Festival.

Al Festival la campionessa Elisa Balsamo. La vetrina del festival di Sanremo ha ospitato questa sera Elisa Balsamo, campionessa del mondo di ciclismo su strada, che ha regalato ad Amadeus la maglia con cui ha vinto il campionato del mondo. Ama scende dal palco e le si avvicina. Lei è in prima fila.

3.Fabrizio Moro – “Sei tu” (Fabrizio Mobrici (Fabrizio Moro) – Fabrizio Mobrici (Fabrizio Moro) e Roberto Cardelli). “Sei tu”, tutto molto intenso e personale, più che una canzone in senso stretto, potremmo definire questo brano un vero e proprio inno alla redenzione. Arriva a questa sera con la decima posizione in classifica generale.

4.AKA 7even – “Perfetta così” (Luca Marzano (AKA 7even), Vincenzo Colella – Luca Marzano (AKA 7even), Max Elias Kleinschmidt, Gianvito Vizzi, Renato Luis Patriarca). “Perfetta così” è un bel brano dalle sonorità pop-rock, portato da una voce sapientemente controllata. Sono i due elementi che contraddistinguono questo brano e lo portano ad essere uno dei più apprezzati del Festival. Una grande esecuzione, sicura e coinvolgente.

Arriva Drusilla. Amadeus la presenta e lei dopo aver percorso la scalinata con l’eleganza di una mannequin d’altri tempi arriva direttamente al microfono e comincia a cantare. Amadeus la interrompe e lì parte il siparietto: “Scusi, lei è? Ma c’è Coletta?”. Si presenta così Drusilla Foer, principesca nel suo abito lungo, dopo aver percorso la scalinata, Drusilla Foer, la “primadonna” della serata arriva direttamente al microfono e comincia a cantare. Il direttore artistico la interrompe… Parte così il siparietto: «Scusi, lei è?». Poi la presentazione di Massimo Ranieri.

5.Massimo Ranieri – “Lettera al di là del mare” (Fabio Ilacqua – Fabio Ilacqua). La sua “Lettera di là dal mare” è una canzone molto “classica” con una base che è solo un pretesto per raccontare una bellissima storia, vera colonna portante di questo brano. La presenza e l’emozione di Massimo Ranieri regala umanità al Festival: è toccante vedere un gigante della musica e dello spettacolo italiano di questa portata, emozionarsi alla vista di un palco così importante. 

6.Dargen D’Amico – “Dove si balla” (Jacopo D’Amico (Dargen D’Amico), Edwyn Roberts e Gianluigi Fazio – Jacopo D’Amico (Dargen D’Amico), Edwyn Roberts e Gianluigi Fazio e Andrea Bonomo). “Dove si balla” è un tentativo di D’Amico (produttore di Fedez) di fare una canzone forse non proprio da Sanremo nel senso classico del termine, ma quello che ne esce è una hit da compilation dell’estate.

7.Irama – “Ovunque tu sarai” (Irama (Filippo Maria Fanti) – Irama (Filippo Maria Fanti), Giuseppe Colonnelli, Giulio Nenna, Pablo Miguel Lombroni Capalbo (Shablo), Vincenzo Luca Faraone). In “Ovunque tu sarai” Irama si propone con una voce perfetta e ben impostata che trasmette brividi. Un brano incentrato sull’esecuzione vocale e sul testo. L’arrangiamento è stato pensato più che altro per far da sottofondo al virtuosismo vocale di Irama.

I 20 anni di Cesare Cremonini. Cesare Cremonini, super ospite della terza serata del Festival di Sanremo 2022. Il popolare cantautore va sul palco e offre una performance (un medley) con i suoi brani più famosi per festeggiare i suoi venti anni di carriera: ‘Nessuno vuole essere Robin’‘Marmellata 25’‘Logico’‘La nuova stella di Broadway’ e ‘Poetica’. Per l’ex frontman dei Lunapop è la prima volta a Sanremo.

Sanremo accessibile. Grazie al lavoro di Rai Pubblica Utilità, anche la 72esima edizione del Festival di Sanremo è all’insegna dell’inclusione e dell’accessibilità. Tutte e cinque le serate in onda su Rai1 vengono interamente sottotitolate in diretta alla pagina 777 di Televideo e audiodescritte sul canale audio dedicato, per restituire al meglio ai sordi e ai ciechi voci, ritmi, immagini, colori, atmosfere che si succedono sul palco dell’Ariston. L’audiodescrizione è presente su RaiPlay anche in streaming e sul contenuto on demand nei giorni successivi. Anche i sottotitoli sono fruibili on demand su RaiPlay, per ciascuna serata a partire dal giorno successivo.

8.Ditonellapiaga con Rettore – “Chimica” (Ditonellapiaga e Donatella Rettore – Ditonellapiaga, Alessandro Casagni, Benjamin Ventura, Edoardo Castroni e Valerio Smordoni). Più che “Chimica”, il brano di Donatella e Ditonellapiaga è una bomba atomica che mette in mostra un’ottima intesa tra due generazioni all’apparenza distanti. Le due cantanti divorano il palco sanremese con carisma da vendere, voce eccellente ed interpretazione ineccepibile. 

9.Michele Bravi – “Inverno dei fiori” (Alex Andrea Vella (Raige), Michele Bravi, Alfredo Rapetti  Mogol (Cheope) – Francesco Catitti (Katoo), Federica Abbate, Michele Bravi). Michele Bravi porta all’Ariston una canzone intima, “Inverno dei fiori”, una vera e propria lettera dal profondo dell’io. Brano orecchiabile, ma è il testo la vera perla, potente ed evocativo. Ha avuto davvero un grande coraggio. 

10.Rkomi – “Insuperabile” (Mirko Manuele Martorana (Rkomi), Alessandro La Cava – Mirko Manuele Martorana (Rkomi), Alessandro La Cava e Francesco Catitti (Katoo)). Rkomi canta “Insuperabile”, una canzone da live, potente e coerente con tutta la produzione che ha portato questo giovane cantante a dominare le classifiche degli ultimi tempi. La canzone è molto valida e potrebbe anche sorprendere tutti ed arrivare in finale, visto che, dall’anno scorso, la “rivoluzione Måneskin” ha dimostrato che il pubblico sanremese non teme il suono di qualche chitarra distorta. 

11.Mahmood e Blanco – “Brividi” (Alessandro Mahmood (Mahmood) e Riccardo Fabbriconi (Blanco) – Alessandro Mahmood (Mahmood), Riccardo Fabbriconi (Blanco) e Dario Fainni (Dardust)). “Brividi” sul palco dell’Ariston. Un duo spettacolare che, nonostante il brano dolce e romantico, fa mille fuochi d’artificio! Questa canzone ha un testo onesto e intenso che racconta senza sconti i drammi dell’amore e del mancarsi, ma attenzione anche all’arrangiamento, per nulla scontato.

Drusilla si traveste da  Zorro. Drusilla Foer torna sul palco della terza serata del Festival di Sanremo vestita da Zorro, e scherza con Amadeus: “L’ho fatto per tranquillizzare tutti quelli che avevano paura, ‘un uomo travestito’, sicché mi sono travestita”. Poi quando si toglie il vestito da Zorro, Amadeus le chiede: “Si deve spogliare completamente?”. E lei replica: “Avresti delle grandi sorprese”.

12.Gianni Morandi – “Apri tutte le porte” (Lorenzo Cherubini (Jovanotti) – Lorenzo Cherubini (Jovanotti) e Riccardo Onori). Gianni Morandi, con “Apri tutte le porte”, brano scritto e (in parte) arrangiato da Jovanotti, sembra avere l’intenzione di voler unire il “vecchio” sé con le nuove esigenze, sanremesi e radiofoniche. Tutto questo senza denaturarsi in alcun modo, ma solo inserendo nuovi e interessanti elementi nella sua produzione musicale. 

Torna Cremonini. Di nuovo sul palco l’ex leader dei Lunapop. Prima con il nuovo brano intitolato “La ragazza del futuro” e poi, a gentile richiesta, con un suo super classico: “Vespa 50 Special“. Tutti in piedi nella platea dell’Ariston per ballare e cantare insieme a lui.

13.Tananai – “Sesso occasionale” (Alberto Cotta Ramusino (Tananai), Davide Simonetta, Paolo Antonacci e Alessandro Raina – Alberto Cotta Ramusino (Tananai), Davide Simonetta, Paolo Antonacci e Alessandro Raina). “Sesso occasionale” per Tananai che si presenta con look e atteggiamenti da outsider. Il brano in gara si potrebbe dire sia conforme a tutti i cliché sanremesi, con un ritornello corale, orecchiabile e semplice. 

14.Elisa – “O forse sei tu” (Elisa Toffoli (Elisa) e Davide Petrella – Elisa Toffoli (Elisa)). La voce di Elisa è quella degli angeli. Un dono prezioso che ben si palesa nella canzone in gara. Tutto è un crescendo, l’intensità musicale e le emozioni salgono di pari passo fin quasi ad esplodere. “O forse tu” porta la cantante a ricoprire la prima posizione provvisoria della classifica generale.

La memoria collettiva con Roberto Saviano. Pubblico in piedi al Teatro Ariston per l’omaggio a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino a 30 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio. Mentre Amadeus ricorda i nomi dei giudici, della moglie di Falcone, Francesca Morvillo e degli agenti di scorta morti nei due attentati il pubblico si alza in piedi per applaudire. Sul palco dell’Ariston, per ricordare i due giudici, è arrivato lo scrittore Roberto Saviano. Un monologo di otto minuti dello scrittore Roberto Saviano, sul palco dell’Ariston, per ricordare i trent’anni dall’attentato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e per condannare la mafia. “Il silenzio della politica, in Italia e in Europa – dice lo scrittore – finisce per favorire le mafie e lasciare solo chi le contrasta. Se ognuno di noi prova a cambiare, forse, ce la faremo”. Dopo il monologo di Roberto Saviano, dedicato al trentennale delle stragi di Capaci e via D’Amelio, Amadeus presenta “Insider”, il programma che verrà condotto dallo scrittore su Rai 3 a partire dal 12 febbraio. La prima puntata, spiega Saviano, includerà l’intervista a una collaboratrice di giustizia moglie di un boss dei Casalesi. “Per la prima volta mi avvicino ha chi ha generato questo disastro”, ha ironizzato lo scrittore, a proposito delle vicende alla base del suo fortunatissimo libro “Gomorra”.

Una rotonda sul mare. Look tondeggiante, a raffigurare un piumino da cipria, per Orietta Berti questa sera, in collegamento con la nave da crociera Costa Toscana ormeggiata al largo del porto di Sanremo. Insieme a Fabio Rovazzi, Orietta Berti presenta Gaia a Sanremo 2022. La cantante torna al Festival, ma non sul palco del Teatro Ariston. Non era prevista la sua presenza in Riviera. Invece c’è: sostituisce i Coma Cose, saltati all’ultimo momento causa Covid. Gaia Gozzi si è esibita con “Cuore amaro”.

15.La Rappresentante di Lista – “Ciao ciao” (Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina – Veronica Lucchesi, Dario Mangiaracina, Roberto Calabrese, Roberto Cammarata, Carmelo Drago, Simone Privitera). “Ciao ciao”. Per questo affascinante duo le aspettative erano e restano altissime. Da segnalare il bel ritornello incalzante che sicuramente risuonerà nella prossima estate. 

16.Iva Zanicchi – “Voglio amarti” (Emilio Di Stefano – Vito Mercurio, Italo Ianne e Celso Valli). “Voglio amarti” è una canzone con una forte e decisa vocalità da parte della Zanicchi. Presenza forte e decisa sul palco dell’Ariston, supportata, anche, da un arrangiamento molto convincente. 

17.Achille Lauro feat. Harlem Gospel Choir – “Domenica” (Lauro De Marinis, Simon Pietro Manzari, Davide Petrella – Matteo Ciceroni (Göw Trïbe), Mattia Cutolo, Gregorio Calculli, Simon Pietro Manzari). “Domenica” è una canzone “facile” da amare, con tutte le carte in regola per essere tra i finalisti. Interessantissima la scelta di accompagnarsi all’Harlem Gospel Choir, il coro gospel più famoso degli Stati Uniti, in attività dal 1986 e che conta tra le sue collaborazioni nomi del calibro di Bono Vox, i Simple Minds e i Gorillaz, oltre a performance ufficiali per ben due papi (Giovanni Paolo II e Benedetto XVI), per due presidenti della Casa Bianca (Carter e Obama), per Nelson Mandela e per tantissimi altri. In questa canzone tutto è studiato per rendere impossibile al telespettatore, ma soprattutto all’ascoltatore di stare fermo.

Anna Valle l’infermiera. Superospite della terza serata del Festival è anche la bellissima Anna Valle. L’attrice e modella, Miss Italia 1995, è salita sul palco dell’Ariston per presentare la nuova fiction in cui è stata impegnata, “Lea è un nuovo giorno”, in cui per la prima volta interpreta un’infermiera.

18.Matteo Romano – “Virale” (Matteo Romano, Alessandro La Cava, Federico Rossi (Fede) – Dario Faini (Dardust), Alessandro La Cava, Federico Rossi (Fede)). “Virale” è un brano che si propone con l’intento di voler unire la classica composizione sanremese alla voglia più giovanile di musica elettronica, molto di moda di questi tempi sui social, proprio dove Matteo Romano porta a casa dei numeri impressionanti. 

19.Ana Mena – “Duecentomila ore” (Rocco Pagliarulo (Rocco Hunt) – Federica Abbate, Rocco Pagliarulo (Rocco Hunt) e Stefano Tognini (Zef)). “Duecentomila ore” è una canzone che non ha esaltato il giudizio della sala stampa. Brano zeppo di effetti sul microfono. Il prodotto (scritto da Rocco Hunt e arrangiato da Federica Abbate) però è molto radiofonico e sicuramente pronto ad entrare prepotentemente nella nostra estate.

Il caffè di Drusilla Foer. Simpatico siparietto che coinvolge anche Amadeus che poi ci mette del suo… Con una tazzina di caffè in mano, portata da Drusilla in vestaglia – “pronta per andare a letto, mi porto avanti”, spiega lei – Amadeus scende nella buca dell’orchestra, ma davanti a una degli orchestrali, la tastierista per l’esattezza, inciampa e la tazzina gli sfugge dalle mani: per fortuna sua, e soprattutto della musicista, nella tazzina della gag il caffè non c’era.

20.Sangiovanni – “Farfalle” (Sangiovanni (Giovanni Pietro Damian), Alessandro La Cava – Alessandro La Cava e Stefano Tognini). “Farfalle” è una bella canzone eseguita in maniera perfetta dal giovanissimo cantante vicentino. Rotto il ghiaccio con il pubblico, come primo a cantare nella prima serata del Festival, Sangiovanni questa serata si è lasciato andare al ritmo del suo brano e ha lascia il segno nell’Ariston con la sua voce tipicamente graffiante.

Al Festival la carabiniera che salvò una donna dal suicidio. A Sanremo 2022 protagonista non solo la bellezza, ma la professionalità e l’acume di molte donne ospiti della kermesse più seguita. Questa sera è toccato alla carabiniera Martina Pigliapoco, Cavaliere della Repubblica per aver salvato una vita. Nell’ottobre 2021 mentre era in servizio alla stazione di San Vito di Cadore, nel Bellunese, dopo una trattativa di tre ore, sospesa a centinaia di metri d’altezza, riuscì a far desistere una donna dal gettarsi nel vuoto da un ponte tibetano, a Perarolo. Per il suo gesto coraggioso è diventata Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

21.Emma – “Ogni volta è così” (Davide Petrella, Emma Marrone – Davide Petrella e Dario Faini (Dardust)). Con “Ogni volta è così” si registra un ritorno grintoso per Emma. Performance convinta e portentosa la sua, caratterizzata dalla sua voce graffiate e sincera. Da sottolineare la conduttrice dell’orchestra per l’esecuzione del brano della Marrone, la giovanissima Francesca Michielin, in gara l’anno scorso con Fedez. 

22.Yuman – “Ora e qui” (Tommaso di Giulio – Francesco Cataldo, Yuri Santos Tavares Carloia (Yuman)). Il vincitore di Sanremo Giovani porta sul palco del teatro Ariston di Sanremo “Ora e Qui”, una canzone con delle strofe retrò che sfociano in un ritornello dal sapore smaccatamente vintage. Un brano tecnicamente complesso che resta, comunque, molto orecchiabile.

23.Le Vibrazioni – “Tantissimo” (Roberto Casalino – Roberto Casalino, Francesco Sarcina, Niccolò Verrienti). “Tantissimo” è un brano che fin dal primo secondo dimostra chiaramente quale sia, l’intento de “Le Vibrazioni”: “Non siamo qui semplicemente per gareggiare, ma per vincere”, sembrano voler dire le loro violente chitarre. La canzone si districa in un bel rock incalzante con un inciso impossibile da dimenticare che, unito alla voce del talentuoso cantante Francesco Sarcina, rende questo brano una vera e propria bomba. Toccante il gesto di tutta la band di aver stampato sulla pelle frontale della grancassa della batteria, una foto stilizzata del compianto batterista dei Pooh, Stefano D’Orazio. 

24.Giovanni Truppi – “Tuo padre, mia madre, Lucia” (Giovanni Truppi, Pacifico (Luigi “Gino” De Crescenzo), Niccolò Contessa e Marco Buccelli – Marco Buccelli, Giovanni Truppi e Giovanni Pallotti). “Tuo padre, mia madre, Lucia”, canzone non facile per Giovanni Truppi, soprattutto per il paragone che viene fatto con la grande scuola del cantautorato italiano e che alza oltremodo le aspettative su di lui.

25.Noemi – “Ti amo non lo so dire” (Alessandro La Cava, Alessandro Mahmood (Mahmood) – Dario Faini (Dardust), Alessandro Mahmood (Mahmood) e Alessandro La Cava). “Ti amo non lo so dire”, lo dice Noemi che porta una canzone con l’intento di essere sia sanremese sia di venire a patto con le nuove tendenze sonore moderne e lo si può chiaramente ascoltare nelle basi e nei ritornelli molto elettronici. L’insieme è coinvolgente e entusiasmante.

L’unicità e l’ascolto di Drusilla Foer. “Forse dovrei parlare di integrazione o diversità, ma è una parola che non mi piace, è qualcosa di comparativo, esprime una distanza che non mi convince”. Per Drusilla Foer “diversità” è una parola che non funziona e “come gli amanti, quando non funzionano, vanno cambiati subito”. “Quindi ho cercato di trovare termini per sostituire una parola non completa e ne ho trovato uno molto convincente: unicità”, ha proseguito la co-conduttrice della terza serata del Festival, “mi piace, è una parola che piace a tutti perché tutti noi siamo capaci di notare l’unicità degli altri e pensiamo di essere unici”.

La terza serata si chiude con una nuova classifica provvisoria sulla base delle indicazioni giunte dalle tre componenti della Giuria della sala stampa, ovvero giuria della carta stampata e TV (un terzo, 33,3%), giuria del web (un terzo, 33,3%) e giuria delle radio (un terzo, 33,3%); del pubblico a casa tramite televoto (50%) e della giuria demoscopica. Le esibizioni sono state votate dal televoto e della giuria demoscopica, denominata per l’occasione Demoscopica 1000 (50%) e al termine della serata è stata mostrata la classifica relativa alle votazioni di questa serata. La nuova classifica tiene conto della prima e della seconda l’esibizione di tutti i 25 cantanti che si sono esibiti nelle serate di martedì 1, mercoledì 2 e giovedì 3 febbraio. 

Eccola:

Classifica generale al termine della terza serata (dopo il voto della stampa le prime due sere e del televoto e demoscopica 1000 stasera) (Prima serata (Media serata-Posizione Classifica Generale) + Seconda serata (Media serata-Posizione Classifica Generale) + Terza serata (Media della serata): 

  1. Mahmood e Blanco – “Brividi”, 1º posto-2º posto + 1º posto (+1)
  2. Elisa – “O forse sei tu”, 1º posto-1º posto + 2º posto (-1)
  3. Gianni Morandi – “Apri tutte le porte”, 4º posto-5º posto + 3º posto (+2)
  4. Irama – “Ovunque sarai”, 4º posto-9º posto + 4º posto (+4)
  5. Sangiovanni – “Farfalle”, 7º posto-13º posto + 5º posto (+9)
  6. Emma – “Ogni volta è così”, 2º posto-6º posto + 6º posto (=)
  7. Massimo Ranieri – “Lettera di là dal mare”, 5º posto-8º posto + 7º posto (-2)
  8. Fabrizio Moro – “Sei tu”, 5º posto-10º posto + 8º posto (-2)
  9. La Rappresentante di Lista – “Ciao ciao”, 2º posto-3º posto + 9º posto (-6)
  10. Dargen D’Amico – “Dove si balla”, 3º posto-4º posto + 10º posto (-6)
  11. Michele Bravi – “Inverno dei fiori”, 7º posto-14º posto + 11º posto (+3)
  12. Ditonellapiaga con Rettore – “Chimica”, 3º posto-7º posto + 12º posto (-5)
  13. AKA 7even – “Perfetta così”, 11º posto-21º posto + 13º posto (+8)
  14. Achille Lauro con Harlem Gospel Choir – “Domenica”, 9º posto-16º posto + 14º posto (+2)
  15. Noemi – “Ti amo non lo so dire”, 6º posto-12º posto + 15º posto (-3)
  16. Rkomi – “Insuperabile”, 8º posto-15º posto + 16º posto (-1)
  17. Matteo Romano – “Virale”, 8º posto-17º posto + 17º posto (=)
  18. Iva Zanicchi – “Voglio amarti”, 10º posto-20º posto + 18º posto (+2)
  19. Giovanni Truppi – “Tuo padre, mia madre, Lucia”, 6º posto-11º posto + 19º posto (-8)
  20. Highsnob e Hu – “Abbi cura di te”, 9º posto-18º posto + 20º posto (-2)
  21. Giusy Ferreri – “Miele”, 10º posto-19º posto + 21º posto (-2)
  22. Le Vibrazioni – “Tantissimo”, 12º posto-22º posto + 22º posto (=)
  23. Yuman – “Ora e qui”, 11º posto-23º posto + 23º posto (=)
  24. Ana Mena – “Duecentomila ore”, 12º posto-25º posto + 24º posto (+1)
  25. Tananai – “Sesso occasionale”, 13º posto-24º posto + 25º posto (-1)

Nella giornata di oggi è stata diffusa la classifica parziale della terza serata, ovvero solo con i voti espressi da televoto e demoscopica, entrambi pesate al 50%. Si vede Mahmood e Blanco che recuperano la testa, Elisa che perde il primo posto determinato dalla stampa con la terza posizione, e un netto recupero di Gianni Morandi, Irama e Sangiovanni che sono risaliti al 3°, 4° e 5° posto della generale, recuperando rispettivamente diverse posizioni: + 2 Gianni Morandi, + 5 Irama e addirittura + 8 Sangiovanni.

RIVEDI LA TERZA SERATA DI SANREMO 2022 >> Appuntamento a domani sera con le ‘cover’!  

Gli ascolti della terza serata del Festival 2022. Prima parte (21.30 – 23.42): 12 milioni 849 mila spettatori, con uno share del 53.2 per cento. Seconda parte (23.46 – 25.46): 5 milioni 455 mila spettatori, con uno share del 56.8 per cento. Ascolto complessivo: (21.30 – 25.46): 9 milioni 360 mila spettatori con uno share del 54.1 per cento.

La diretta streaming della terza serata del Festival di Sanremo 2022 ha generato 1,1 milioni di visualizzazioni (+55% vs 2021).

I contenuti dedicati al Festival nella giornata del 3 febbraio hanno generato 4,1 milioni di visualizzazioni on demand, registrando +15% vs terza giornata del Festival 2021.

Il video più visto finora si conferma quello dell’esibizione dei Måneskin che cantano ‘Coraline’ durante la prima serata, con 805.000 visualizzazioni.

DATI CUMULATI PRIME TRE SERATE: Le dirette streaming delle prime tre serate del FESTIVAL DI SANREMO 2022 registrano complessivamente 3,3 milioni di visualizzazioni (+47% vs pari perimetro 2021).

Il consumo On Demand dei contenuti relativi al Festival ha generato nelle prime tre giornate 9,2 milioni di visualizzazioni (+38% vs pari perimetro 2021)

Sono state 5,3 milioni le interazioni generate nelle 24 ore della terza giornata di Sanremo 2022. In termini di share di tratta del 79% del totale interazioni social generate nella giornata di ieri dalla programmazione televisiva.

Molto positivo su Facebook il confronto con la terza giornata dell’edizione 2021 con un +67% di interazioni; Twitter registra un aumento un +16% e su YouTube con un + 42%.

I social che hanno generato il maggior numero di interazioni sono Instagram con il 46,0% e Twitter con il 40,2%. Segue Facebook con il 13,7% e YouTube con lo 0,1%.

Sanremo 2022 in sole tre giornate ha generato un totale di 17 milioni di interazioni, in crescita del +9% rispetto alle stesse giornate del 2021. In particolare si registra +102% su Facebook, +27% su Twitter e +102% su YouTube. In leggero calo le interazioni su Instagram (-15%).

L’hashtag ufficiale della kermesse #Sanremo2022 su Twitter è stato menzionato 178.500 volte.

Complessivamente, durante tutta la giornata, gli account ufficiali del Festival sulle tre piattaforme hanno generato un engagement pari a 903.300 interazioni, che sommate a quelle generate nella prime due giornate arrivano a circa 2,6 milioni di interazioni (+54% vs prime tre giornate 2021).

Il picco delle Interazioni Twitter è stato registrato alle 22:50 in occasione della gag di Drusilla-Zorro e dell’esibizione di Gianni Morandi (14.000 interazioni nel minuto).

Sfoglia il documento >>